Vai al contenuto

Tutte le attività

Auto-aggiornamento attivo     

  1. Nell'ultima ora
  2. gort

    Mi cerca e poi sparisce consigli!

    Ti basta una semplice amicizia, ma ti strugge il fatto che lei stia con il suo ragazzo. Ti sei contraddetto nello stesso post. Secondo me questa situazione ti danneggia perché ti vuoi mantenere almeno l'amicizia sperando in un'improvvisa escalation. Ecco perché è meglio bloccare per dimenticare, ma soprattutto cambiare aria, conoscere nuove ragazze e individuarne qualcuna che abbia le carte in regola per cominciare a fare nuovi progetti. Noi siamo qui a piangere sul latte versato che mai potrà ritornare in bottiglia. La termodinamica prevede la possibilità che il latte evapori, tutto il suo vapore rientri spontaneamente nella bottiglia e per giunta condensi, ma è un evento talmente improbabile da sancirne la sua impossibilità.
  3. Dilcus

    Mi lascia , lei non mi ama piú.

    Storia molto simile alla mia, sia come tempistiche che come dinamiche, impressionante anche la coincidenza della malattia del padre e dell'allontanamento della madre. Sono stato lasciato anche io, ma con la coscienza pulita, con la consapevolezza di averla aiutata a rialzarsi lungo un anno particolarmente duro per lei senza voler nulla in cambio, per puro e semplice affetto. Più velocemente ti eleggono a loro salvatore, più violentemente ti sputano. Non eri il mito che lei ti faceva credere di essere, non sei lo schifo che ti fa sentire adesso rifiutandoti. Io ho accettato il verdetto con discrezione, l'ho tolta dei social mentre su whatsapp ha cancellato lei il mio numero (non ero mai stato assillante, anzi). Ora ho quella sensazione perenne di compressione allo stomaco, cerco di concentrarmi sulla tesi ma è davvero dura, mi sono abbonato al campionato di calcio in tv per trovare un po' di distrazione. Rinasceremo, non aspettarti più nulla da lei, ti abbraccio.
  4. Today
  5. Federico97

    Mi lascia , lei non mi ama piú.

    Leggiti la sezione one itis, da come hai descritto la situazione mi sembri una brava persona, e proprio per questo la relazione è finita. Rincomincia balli caraibici, hai sbagliato e di grosso a lasciare per dedicarti alla coppia. Sei stato troppo accondiscendente e '' riappacificatore'', tutto qui. Avrai bisogno del tuo tempo per metabolizzare il tutto, ma non buttarti in una nuova LTR sperando di colmare il vuoto, prenditi del tempo per te stesso. Quando la supererai, i desideri di vendetta spariranno.
  6. Brillantina87

    Perseveranza, ripaga?

    Lmf70, non pensare io cerchi l'anello al dito o ltr, forse da come ho presentato la questione può sembrare così. Che anche me che andasse bene una relazione di solo sesso non è una cosa che abbia mai negato. Possiamo togliere il (sporadicamente) dalla frase, ho cercato sempre di farmi sentire, ma ogni tanto, nel senso che ho sempre cercato di non essere pressante, né appiccicosa. Si il problema è che capire con cosa mi possa aver ripagato la mia perseveranza, ma personalmente credo non mi abbia ripagato per niente. Nemmeno con un altra scopata, visto che quel giorno ero a lavoro 😂
  7. Giraluna

    SPIN OFF - SINCERITA'

    In questa settimana mi sono accaduti due fatti singolari. Presi entrambi con lo stesso spirito: indipendenza dal risultato. A prescindere che perda o meno queste persone, faccio le cose a modo mio e se non vanno bene, pazienza. Sensazione di Libertà immensa. La prima volta fu destabilizzante poiché è veramente potente questa cosa. Ti garantisce praticamente di prestare attenzione al mittente e nel frattempo di sorridere tranquillamente senza sotterfugi di mezzo. Se scrivo questo poi pensa ... Se aspetto troppo poi potrebbe ... Cacca. Tutta cacca. Un esempio banale per argomentare la cosa potrebbero essere i like qui dentro. Non ne metto più, tranne nei casi in cui mi si cita e la risposta mi aggrada. La Potenza del like qui dentro per certi versi la reputo come una risposta o non risposta da uno/a che ti piace la fuori: ti fanno sentire bene solo quando te lo mettono/ti rispondono. Arrivare a poter modificare la frase in "Che mi rispandono/mi piacciano o meno sorrido comunque perché il risultato non cambia" è una grande conquista. Non cambia che io sia io e che a prescindere faccia cosi anziche cola non sono uguale a chi ho di fronte e posso solo essergli simile. Quanto lo sono, in cosa e se questa cosa sia sinergica da potersi succhiare la linfa a vicenda non cambia che siamo sette miliardi e ci sarà sempre qualcuno che lo sarà di più/meno di quest ultimo e farsene un cruccio è disfunzionale. A me che cambia se lo è Pinco o Palla? Nulla perché infine è su di me che non ho alcun dubbio. Sul fatto che Pinca o Pallo ci siano o meno io domani, esattamente come ho fatto oggi, agiro comunque. Questo porta, almeno me, a mantenere l attrazione e l importanza della situazione/persona accesa pur restando ad una distanza che prima avrei considerato inficiante/invalidante. Sono cambiate un mucchio di cose da quando all inizio avevo più fifa di agire e non agivo. Nell ordine: - la percezione del tempo: ora capisco quando molti maschi mi dicevano questo: "Pure se non ci scriviamo per me non cambia nulla dato che continuo a stare bene con te"; - la qualità del tempo che impiego coi maschi: nettamente cambiata e più equilibrata; - il senso di appartenenza nelle cose che faccio/con le persone con cui interagisco: ci sono in ogni cosa/conversazione che faccio e non la faccio per abitudine; se ho tre strade da fare le farò tutte e tre a rotazione; se debbo lavarmi i denti o marciscono, allora lo farò una volta girando per casa, un'altra ballando; l altra ancora stando in equilibrio sul bidet (li ci ho fatto un mini video e ho impressionato il mittente che non aveva ancora visto una persona starci sopra) e così via; se converso con Gesualda/o do risposte ponderate e non gettate là, neanche a chiacchiere spicce - infatti il numero di messaggi/tempo di chiacchiere è più scremato; - una sorta di pacatezza mi pervade costantemente e qui cito un passaggio fondamentale di una conversazione realmente avvenuta: Io: non riesco più a fare l astiosa o a prendermela con la gente. È come se vedessi le loro paure e non loro. Nella maggior parte dei casi sto scrivendo/avendo a che fare con le loro paure/frustazini della giornata. Dunque di loro rimane poco e sicuramente in quel momento non è appunto il tutto. Dietro c è molto altro, c è anche qualcun altro. Attendo senza problemi finché non sceglie di mostrarsi. Il giorno in cui lo farà che io ci sia o meno non cambia: può tornare e lo accolgo a braccia aperte. ***: È importante il fatto che tu abbia capito che sono le loro paure a parlare. Per questo mi è cambiata la risposta alla cosa più importante: il rifiuto. Se qualcuno mi rifiuta - si possono rifiutare le persone in diversi modi: non concordando con loro e per questo non accettare incontri; non rispondere; rispondere scortese ecc - , sorrido perché non penso più di essere la scema del villaggio, ma che ha tutto il diritto di farlo. Scrivo di più: inizierei a preoccuparmi se mi lodassero in troppi. Provo molta più soddisfazione a parlare con una persona che palesemente non la pensa ugualmente a me, ma siamo in accordo per le cose ritenute reciprocamente importanti e dunque c è lo spazio per avere a che fare l una con l altra, che avere a che fare con l ostilità a priori perché so che, in quest ultimo caso, la persona non è presente a se stessa, ma ha dato le veci alle sue paure e dunque non posso interargirci molto. Se a parlare per lei ha mandato avanti qualcun altro come posso io che sono presente a me stessa conversarci in un win e win? Non è affidabile. Perciò ora capisco chi lo è indipendentemente dal sesso, professione, orientamento sessuale o altro e chi invece no per un semplice motivo: le parti di me che mi osteggiavano ora le ho affianco e le coccolo. Ogni vola che scrivo qui nel forum o parlo a qualcuno la fuori mi tengono per mano. Quindi lo vedo meglio di prima se qualcuno non ha ancora fatto pace con almeno una o due parti di sé. Sto provando questa sensazione d Esserci e la so riconoscere. Se non sapessi che cos è, procederei a presunzione o illusione. Infine: ho smesso di lamentarmi. In quanto detentrice di un comportamento teso all indipendenza dal risultato lamentarsene sarebbe quanto meno da scompisciarsi. Chiarisco: non sono ancora a conoscenza di chiunque mi abiti dentro. Per ora ho individuato due parti di me con cui ho fatto pace e si tratta di entità che vanno a ricoprire la sfera professionale/sociale; a livello sessuale sicuramente non le ho individuate ancora tutte e sarò solo parzialmente presente, avendo bisogno magari di qualcuno che mi guidi. Malgrado ciò sono più presente a me stessa di quanto non lo sia mai stata sino ad oggi e mi percorre un brivido di piacere sapere che ogni problema che sorgerà sarà gestibile. Individuare le varie sovrastrutture e farci pace nell ottica di un palazzo gestibile in caso di urti o lamentele è qualcosa che auspico per chiunque dato che la vita vola e domani potrei non esserci. Dunque perché non cogliere l occasione di esserci con me? All altra persona l onere di scegliere. Non cambia il fatto che domani a prescindere dalla sua scelta saro presente a me stessa comunque. Non gli/le ho tolto nulla perché nulla le si può togliere senza il suo consenso. Non mi ha tolto nulla perché nulla mi si può togliere per lo stesso motivo. Se cedo la guida ad un uomo lo faccio io (non lui che mi guida) perché sono abbastanza intelligente da aver intuito che non sono totalmente indipendente e lui può aiutarmi. Se sono più indipendente rispetto alla donna del primo caso, la guida sarà diversa, ad esempio mi affido ad uno piuttosto che ad un altro per avere lo scambio di informazioni/emozioni che mi servono; se una invece è molto indipendente ci sarà un altro tipo di guida ancora. Io sto nel secondo caso attualmente. Se un giorno arriverò all ultimo, potrò parlarne. Nel frattempo mi godo questa sensazione catartica che anche oggi mi fa sorridere del post appena scritto perché continuerò ad averla anche se si faranno avanti degli antagonisti. Anzi: soprattutto con loro perché li capisco.
  8. Teddypanda

    Abbigliamento e il sentirsi a proprio agio

    Quanto è importante sentirsi a proprio agio con l'abbigliamento che si indossa? Esempio, io anche se sto bene con le camice non mi ci sento a mio agio e finisco sempre per indossare magliette a maniche corte, magari non quelle che metto durante il giorno ma comunque magliette a maniche corte. È più importante quindi sentirsi a proprio agio o sembrare meglio? Conviene sforzarsi di mettere indumenti che non ti fanno sentire a tuo agio più spesso in modo da ridurre questa sensazione?
  9. ^'V'^

    SPIN OFF - SINCERITA'

    Sono sia quello che si è lamentato e ha cercato scuse che quello che in questo istante sta benissimo dopo il palo di una che lo prendeva in pancia. Semplicemente noto che se ho giocato le mie carte sono sereno nella mancata consumazione, se ho tenuto delle carte per timore cerco motivi che siano condivisibili da altri per cui non è colpa mia ma di questo o quel fattore. Fattori CHE ESISTONO e CHE INCIDONO. Mai negato. Noto semplicemente che SU DI ME, se ho provato, se sono salito su quel dannato ring, vincere o perdere è qualcosa che dipende da più dell'unica persona di cui rispondo, per cui non mi fa un effetto di dolore psicologico. Se non sono salito su quel ring, ecco che mi trovo a cercare il conforto di altri che si lascino convincere delle cause di forza maggiore per cui ho perso e li voglio convincere affinché convincano anche me. Questo NON significa che se fossi salito sul ring avrei vinto. Significa che il senso di sconfitta ce l'ho quando non ci salgo, non quando le prendo. Parlando PER ME, per le sensazioni mie. Per altri può essere diverso. A volte mi chiedo, quando gli altri si lamentano, se abbiano perso alla dodicesima ripresa o se a tavolino perché l'avversario pesava tre kg in più. Perchè SU DI ME la lamentela parte solo nel secondo caso. Che ovviamente mi è successo e probabilmente succederà in futuro. A volte non sono salito sul ring. A volte sono salito e ho sputato il paradenti al primo colpo secco alla milza, per far pena all'arbitro, a volte di sicuro succederà ancora in futuro perché non è successo nessun miracolo nel frattempo, semplicemente ne ho coscienza (di quello che passo se non salgo) e cerco di rendere più numerose le volte che salgo che quelle che mi cago sotto, perché non è che non mi caghi sotto. Solo che mi fa più male e paura stare un mese a sentirmi male con me stesso che starci una sera. Non è mica per coraggio, che uno sceglie di sentire male di colpo piuttosto che per un mese. È fifa, non coraggio. Fifa che ti rende capace di agire.
  10. OuterSpace

    Occasione persa o si può fare?

    Nulla di nuovo. Sapevi già di piacerle e ti sta pullando. Però sei troppo dubbioso, e questa insicurezza si annusa a chilometri di distanza. Le paranoie lasciale a lei. Vai e prenditela, fallo a modo tuo, magari non sarà quello perfetto, ma vedrai che funzionerà. In ogni caso avrai delle risposte.
  11. davidee

    Giochi per creare contatto fisico

    Confesso che anch'io non sono molto forte nell'escalation fisica, forse è il mio punto più debole. I gesti basic che utilizzo comunque sono dei classici: - bacio sulle guance/abbraccio per salutare - dó una spintarella o pugnetto amichevole se fanno una battuta su di me - prendo la mano per commentare orologio o bracciale - apprezzamento sui capelli mentre li accarezzo Penso che questa sia la base per poi aumentare il contatto fisico, ma oltre questo step non riesco a salire. Seguo quindi per eventuali suggeriementi.
  12. 2 mesi di relazione? Non era innamorata..non ancora..era solo invaghita e ora gli è passato..non si è innamorata..hai detto tu stesso che voleva certezze e tu gliele hai date tutto e subito (sbagliato). Lei deve avere sempre la percezione che non sei suo completamente..che può perderti da un momento all'altro..deve investire nella relazione..tu non hai creato questa condizione..lascia persere per ora.
  13. gelsomino

    opener per street game

    Do una chicca da livello advanced, la teoria del club esclusivo, le persone e gli oggetti, l'acquisto delle cose, molte volte segue il desiderio, l'impulso, di voler far parte di qualcosa, di voler essere riconosciuti, validati come facenti parte di qualcosa. Quante volte siamo andati ad un concerto ,non per il gusto di sentire i brani, ma e sopratutto, ci siamo andati perchè faceva figo esserci. Vogliono tutti far parte di qualcosa, un associazione, un fanclub, una setta, qualcosa che gli dia la sensazione di non essere avulsi da qualche cazzo di parvenza di socializzazione. Vogliono che voi state a sentire le loro storie, vogliono la scusa per raccontavi la loro cazzo di vita, non gliene frega niente di indicarvi il reparto del centro commerciale dove hanno comprato la t-shirt rosa bucherellata a 9 euro e novanta, vogliono dirvi che loro sono minimalisti, che quella t-shirt e stata colorata con inchiostri del flusso mestruale riciclato dagli assorbenti con la fibra di cotone che elimina anche il CO2, STO FACENDO UN ESEMPIO EHHHHHHHHH!!! Detto abbastanza ...saluti ps.. stasera mi sento particolarmente generoso, stavo pensando che se qualche studio di marketing, riuscisse ad ideare per davvero, una campagna pubblicitaria ,in cui si dicesse che quell'assorbente, purifica anche l'aria, ecco, soldi a gogo. Del tipo, una ventata d'aria fresca, respira e fai respirare il mondo intorno a lei !!! Ci spari gaia tutta verde e blu e via!!!
  14. the Chairman

    SPIN OFF - SINCERITA'

    Ho sentito esattamente la stessa cosa. Pure io recentemente. Mi è capitato con due ragazze ad avere 2 approcci diversi. Con la prima stavo molto sul vago. Nascondevo le mie intenzioni. Finivo per infrociarmi con seghe mentali tipo: "cosa scrivere", "ma le piacerò? ". Stronzate che tutti ben conosciamo. Con la seconda sono andato direttamente a prendermi quello che volevo. Mostrando le mie intenzioni, senza giri di parole. Risultato: entrambi falliti. Con la sostanziale differenza che con la seconda non mi sono sentito inadeguato, brutto, sporco ecc. (aggiungeteci quello che volete) nemmeno per un istante. Ripeto. Nemmeno per un istante. A dirla tutta non lo ricordavo nemmeno il secondo episodio fino a quando non ho letto V (anche se questa probabilmente è una cosa mia). A livello di sensazioni si è più centrati e consapevoli di quello che si vuole.
  15. gelsomino

    Suicidio

    Non credo sia proprio cosi', se tu fossi morto, si nutrirebbero della sofferenza che proverebbero coloro i quali avevano una relazione affettiva con te. Vogliamo essere tutti protagonisti, anche a costo di essere il morto, ma come si suol dire, da morti si serve a poco, cibo per i vermi, cibo per i vermi.....
  16. No, non si stava scherzando, e la mia risposta particolare ad una domanda particolare, non mi sembrava la risposta ad un expat da gruppo di expat. Mi sembrava una richiesta di aiuto, come avrebbe detto la mia professoressa di lettere , pochi maledetti e subito. E qui mi tocca per tutti gli appassionati, mi sembra di essere uno di quei dj radiofonici fan di qualcosa ;), per tutti gli appassionati di crescita personale aggiungere una chicca succosa. Facciamo che tutti hanno il diritto di desiderare la vita che piu' gli piace, fosse anche fare il pastore sui monti appalachi..... facciamo anche che tutti hanno il dovere di non giudicare queste scelte! Esistono anche persone semplici, che non vogliono diventare CEO di qualche multinazionale, ma gli basta un lavoro che dia dignità, un tetto e farsi qualche scopata ed una birra e sono a posto cosi'. Ad oggi la pagina dei call center italiani in Albania conta circa 2800 mi piace, no pizza e fichi! https://www.facebook.com/ItaliancallcenterinAlbania/ saluti
  17. Ieri
  18. El_Pardon

    Quando l'HB ricambia il tuo freeze

    L'hai freezata per disinibirla, però non pensavi di ritrovarti con l'uccello in mano. Sempre sorprendente la vita. eh? Comunque, se te la vuoi scopare, scrivile. Non vedo perché dovresti aspettare ancora.
  19. ^'V'^

    SPIN OFF - SINCERITA'

    Per i "comunisti" empatici buonisti del forum: Il senso del mio precedente messaggio non è che con qualsiasi età, automobile, look e social circle avrò gli stessi effetti sulle donne. O che pelato o meno piaccio uguale (pelato piacevo il doppio a chi già mi conosce ma non piaceva a me rimanerci). Il senso è che ho notato che quando ho voglia di lagnarmi è solo e soltanto quando voglio allontanare le attenzioni altrui dalle mie mancanze e dalla verità. Cercando nella loro comprensione e nel loro supporto nel dare la colpa a qualcosa insieme a me, degli alleati nel togliere le colpe da me. Attenzione bene. Non le colpe di aver fallito. Chi non fallisce almeno 8-9 volte su dieci si vede che tira davvero basso. La sensazione di non aver davvero provato. Il senso di colpa per non aver fatto ogni cosa fosse necessaria e possibile. Come quando sei volgare nel provarci con una per far ridere gli amici, così se ti sfancula non ha sfanculato te, tutto te, ma i tuoi scherzi volutamente esagerati. Il senso è che nella sconfitta sto benissimo se ho giocato tutte le carte e le fish, senza alcuna spinta a lamentarmi o cercare conforto o qualcuno che mi dia ragione e dica in coro con me che non è colpa mia ma è colpa del neo nelle palle. Ripeto: questo non significa affatto che il neo nelle palle me lo voglio tenere e che non voglia migliorare. Significa solo che anche nella sconfitta sto bene e se invece sto male e mi lamento del neo si vede che non sto bene perché in fondo lo so benissimo che non ho aperto, che non ho spinto, che non ho messo me stesso sul piatto. Ho scelto di perdere a tavolino pur di salvare la mia immagine narcisistica che sarebbe stata ferita da una sconfitta reale sul campo. E più sul campo diamo tutto, più ad essere sconfitto è proprio noi. Il che, o ti ingoi le stronzate narcisistiche ed egoiche o è terrificante, al punto che i più preferiranno sempre perdere a tavolino e dire che non li hanno fatti giocare. Li capisco. Ma non ho tempo per queste frociate. La vita vola via.
  20. pazientex

    Giochi per creare contatto fisico

    Nessuno è ?
  21. Capisco che tu possa esserci "sotto" ma leggo molta incoerenza da parte sua. Che vantaggi avresti nel tornare insieme ad una persona così? Al momento l'unica cosa che puoi fare per te stesso è sopportare il fastidio dell'essere stato scaricato e cercare di goderti un Po di belle giornate. Non cercarla, in questo momento occupati di chi ti vuole bene davvero... occupati di te
  22. lmf70

    Perseveranza, ripaga?

    Vuole solo sesso se ti dice bene. Perché potresti semplicemente essere la sua "settantasettesima" scelta per una ltr in un momento in cui se la passa particolarmente male nelle relazioni con l'altro sesso e si è ricordato di "quella che dopo una scopata continuava timidamente a contattarmi. Quasi quasi la ricontatto, hai visto mai ne esce fuori qualcosa...." Aggiungo quindi che, nel tuo caso, la perseveranza (nel contattarlo sporadicamente) ti ha già ripagata. Il problema è capire con cosa....
  23. Giraluna

    Sono stato lasciato, come riaverla

    Non ti preoccupare. Ci mancherebbe 😁 Ci clicchi sopra, in alto a sinistra con l indice (sei dal cell?). Ti appare una sorta di crocetta, poi clicchi su cancella dalla tastiera del cell 😄
  24. Dan761

    Sono stato lasciato, come riaverla

    Ho sbagliato scusami non so come togliere la citazione
  25. Dan761

    Sono stato lasciato, come riaverla

    Io non ho un indole violenta, altrimenti gli avrei spezzato le ossa ed era quello che meritava.. Lei pensa che è una santarellina e visto che ho avuto tante ragazze sono uno poco serio.. Ma le mie relazioni sono state minimo 5 anni e quindi non erano avventure.. Mi rinfacciava che a 41 anni ero senza sposato, (anzi si doveva ritenere fortunata che non avevo nemmeno figli) che avevo una casa che faceva schifo, che non riuscivo a mantenermi da solo.. Ma erano tutte fesserie.. Perché abito in un attico grazioso e ben sistemato.Dal punto di vista lavorativo non sono mai stato con le mani in mano.. Anche se ho avuto periodi di alti e bassi e comunque non sottovaluti così il tuo uomo... Di una discussione faceva una tragedia e se la portava all'infinito.. E te la rinfacciava al momento opportuno..
  26. Giraluna

    Sono stato lasciato, come riaverla

    Ehm ... @Dan761 mi hai citata ma non vedo scritto alcunché sotto. Volevi scrivermi qualcosa o ti è partita per sbaglio? 😄
  27. JackBlack9

    Quando l'HB ricambia il tuo freeze

    Ciao ragazzi! Un anno fa ho conosciuto un hb 7.5 e ci sono uscito una volta. Passeggiata tranquilla di giorno poi ci siamo persi un po' di vista, sentendoci saltuariamente. Qualche settimana fa, dopo aver intensificato i contatti, le ho proposto di vederci di sera. Sono sicuro che lei straveda per me difatti ha proposto di raggiungermi (è ad un'ora e mezza di auto) per passare del tempo insieme. Serata andata molto bene ma nonostante il mio kino molto spinto lei non si è lasciata andare oltre ad uno sfrenatissimo kclose (c'è da dire che il posto era parecchio affollato). Abbiamo continuato a sentirci tranquillamente e ci siamo accordati per rivederci. Questa volta però ha insistito perchè ci vedessimo a metà strada. Serata anche questa volta andata molto bene, posto isolato, questa volta si è lasciata andare ma non sono riuscito in nessun modo a fchiudere. Dopo diverse ore passate insieme (praticamente tutta la notte) ci siamo separati. Le ho scritto arrivato a casa per sapere se era arrivata a destinazione anche lei e dopo due battutine sono andato a letto. Dati anche i suoi shit-test durante la serata ("mi fai incazzare che non rispondi per ore".."ti vedo online ma non visualizzi"..) avevo pensato di freezarla per un po' in modo da coinvolgerla emotivamente e disinibirla. Infatti dopo quella sera, circa una settimana fa, sono scomparso nel nulla. Quello che non mi aspettavo assolutamente è che sarebbe scomparsa anche lei! Che si fa in questi casi? E' il caso di interrompere il freeze e di scriverle, magari per proporle un'uscita nei prossimi giorni, o sarebbe meglio continuare ad attendere?
  28. Dan761

    Sono stato lasciato, come riaverla

    Io non ho un indole violenta, altrimenti gli avrei spezzato le ossa ed era quello che meritava.. Lei pensa che è una santarellina e visto che ho avuto tante ragazze sono uno poco serio.. Ma le mie relazioni sono state minimo 5 anni e quindi non erano avventure.. La sua storia è durata 10 anni per cui non dovrebbe parlare.. Mi rinfacciava che a 41 anni ero senza sposato, (anzi si doveva ritenere fortunata che non avevo nemmeno figli) che avevo una casa che faceva schifo, che non riuscivo a mantenermi da solo.. Ma erano tutte fesserie.. Perché abito in un attico grazioso e ben sistemato.Dal punto di vista lavorativo non sono mai stato con le mani in mano.. Anche se ho avuto periodi di alti e bassi e comunque non sottovaluti così il tuo uomo... Di una discussione faceva una tragedia e se la portava all'infinito.. E te la rinfacciava al momento opportuno.. Le uniche cose che è riuscita a dire è che non siamo compatibili.. anche se ha chiesto scusa per come mi ha trattato.. Però lei mai e poi mai avrà raccontato alle sue amiche le cose come stavano che mi offendeva e sottovalutava continuamente, sicuramente le sue amiche gli avrebbero detto che sono stato bravo a sopportarla.. E comunque a parte tutto questo casino.. Ho tentato di recuperare il rapporto dopo che mi ha lasciato.. Per fargli capire che sarei cambiato nei miei errori.. Ma lei mi ha trattato uno sfigato e zerbino è siccome sono grande x lei sono anche vecchio oramai. Però prima a letto con me ci andava(la sua amica che è depressa sul serio che prende psicofarmaci ha un convivente che sembra suo padre)
  1. Carica attività successive
×

Lo sai già, ma te lo dobbiamo dire comunque...

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.