Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. Il radical chic/buonista vive in una realtà distorta perché è convinto che tutti i marocchini/senegalesi/iraniani ecc che esistono nel mondo siano come quelli che ha conosciuto in Erasmus/Università oppure quando ha visitato il centro storico di Teheran o Abu Dhabi. Come ho detto in un altro post, oggi si parla di multiculturalismo in maniera ipocrita e senza alcun significato vero di fondo. Un arabo ha usi e costumi suoi che lo rendono una persona culturalmente diversa da un europeo. È accaduto che, complice l'evoluzione della Storia nei secoli, gli europei abbiano influenzato molti altri popoli, asiatici e africani. Il risultato è che adesso esistono asiatici e africani che adottano usi e costumi europei e sono di fatto europeizzati. Ma un indiano che si presenta giacca e cravatta, con vestiti occidentali e modi di fare occidentali, è un vero indiano? È sufficiente essere scuri di capelli e di pelle per essere considerato tale? Il multiculturalismo di cui si parla tanto è nientemeno che questo. Si rifiuta, forse in preda a qualche delirio collettivo, l'idea che esistono usi e costumi totalmente incompatibili con quelli europei e che forzare una congiuntura (aka costringere tutti ad uniformarsi ad una data forma) di persone totalmente diverse tra loro nei modi di pensare e agire provoca soltanto attriti che alla lunga esplodono in risse, guerriglie, atti criminali. In India stuprare le donne è considerato un reato solo sulla carta: nella realtà le donne vengono stuprate ogni giorno in quei posti. Dicasi stessa cosa in molti paesi dell'Africa. Picchiare la donna per loro è cosa normale. Deturparle il volto con l'acido se ti ha tradito o anche solo se pensi che ti abbia tradito è cosa normale. Sono usi e costumi dei luoghi, fanno parte della loro cultura. Chi nega questo, chi insiste che nel mondo siamo tutti uguali e siamo tutti bellissimi, continua a ragionare in modo cieco e ottuso, negando differenze ovvie tra popoli sia cognitive, sia comportamentali, sia di costumi e cultura. È vero, esistono anche marocchini e africani in genere che sono brave persone. Ma brave persone per chi? Per te? Perché seguono le tue norme etiche, ciò che tu ritieni giusto? E cos'è giusto? Esiste un modo per estrapolare, dai comportamenti umani che oggi ci è dato conoscere, nel corso della evoluzione della specie umana e animale in genere, una meta-etica che sia sopra ogni altra e tramite la quale possiamo definire un concetto universale di giusto e sbagliato? Esiste una definizione universale e oggettiva di "bene" e "male"? Le persone di cui parli tu sono tutte persone europeizzate, ossia che hanno adottato usi e costumi culturalmente simili ai tuoi. Non c'è niente di sacro in tutto questo. Se da un lato ciò rafforza la tua tesi (ossia che non bisogna giudicare una persona dal colore della pelle/occhi/capelli o da dove viene) dall'altro lato però mette in evidenza che il re è nudo, che non puoi mischiare mele con pere. Il multiculturalismo ha senso quando ognuno di noi è disposto a fare un passo indietro per avvicinarsi alla cultura dell'altro, pur rimanendo sempre fedeli alla propria storia culturale. Limare ossia tutti quegli attriti esistenti tra costumi sociali differenti. Questa però è una utopia, qualcosa di irrealizzabile per ovvi motivi che già emergono da soli da questo mio post. Per tutto il resto, @Percival dice cose sacrosante. E lo so che fanno a pugni col politicamente corretto, che mandano a puttane ogni bella idea progressista. Si può andare incontro sia all'una che all'altra direzione allora, ma non si può rinnegare la natura umana, le differenze culturali, cognitive e comportamentali. E appunto, uso come ponte questa perla di percival che apre gli occhi anche ai più accecati da questo bombardamento mediatico odierno che ci vuole tutti buoni, mansueti e liberi, per rafforzare il concetto che la natura umana della donna a sua volta non può essere stravolta. I marocchini infatti se ne sbattono il cazzo di seguire il "decadentismo occidentale" di cui tu giustamente parli e continuano, ti piaccia o no, ad essere più vicini di noi a quella parte naturale dell'essere umano secondo la quale la donna non può fare la zoccola come un uomo, non può permettersi di fingersi un maschio con le palle, pena conseguenze disastrose per lei e per la società stessa. Un uomo che conosce le donne non può stimarle. Il titolo del thread dice a chiare lettere che questa deviazione dal proprio ruolo femminile della donna ha solo "esasperato" differenze comportamentali che avrebbero, in loro assenza, permesso di tollerare l'opportunismo femminile. Adesso è intollerabile ed infatti è pieno di 30enni disperate, alla frutta, consapevoli di avere sbagliato tutto nella loro vita. E città-canili (di cui ne ho le palle piene) perché il cane è il surrogato del figlio che non hanno mai avuto. Per la stessa indole del cane che, anche trattandolo di merda, ti rimane incollato e subisce in silenzio. Proprio come, nonostante i 30 anni di vita le dicano il contrario, lei pensa sia giusto dover agire con gli uomini.
  3. Zio, non è la questione di jeans-pantaloni. È come si veste in certe occasioni e come si veste con te. Se quella a capodanno (va da single) ad una festa o alla sua laurea o qualche altra occasione e si veste sempre così è un conto, altrimenti un altro. È l'attenzione alla cura, all'abito(in senso generale), non cosa metta di preciso. Ci sono ragazze stracurate in jeans, magari attilatto o con quei pantaloni(tuta)che mettono comunque in mostra le forme, se giusti, tacco 12, camicietta o maglietta particolare, collana, trucco, orecchini, bracciali, anelli, capelli fatti, quella "ci tiene", non è che perché si è messa i jeans allora... Spero di essermi spiegato, almeno questo è il mio pensiero.
  4. La reaction col cuore non bastava. Grazie Dark Master. Di tutto.
  5. E' praticamente successo l'altro ieri. Sarebbe sorprendente il contrario. Forza!
  6. Kask

    Chat

    Ok, penso che farò così allora. Un altro paio di cose : Se non mi dovesse rispondere, mi consigli di riprovare ed al limite scrivergli su WhatsApp, o lasciare perdere? Mi potresti poi consigliare un paio di battute da fare all'inizio della telefonata per rompere il ghiaccio?
  7. gort

    Perché andate con le escort?

    @giuseppe90 a leggere le tue parole viene una voglia matta di andare a escort. 😁
  8. Salvini è un abilissimo demagogo e ha capacità di comunicazione fuori dalla norma. È un attento lettore dell'elettorato, lo studia nel profondo e parla come l'elettore medio. Per questo avrà sempre successo. È di una furbizia sopraffina, non è intelligentissimo ma ha una furbizia davvero notevole. Detto ciò, Salvini estremizza problemi che in realtà esistono per davvero. A volte li condisce con cazzate, con cose assolutamente fuori dalla realtà. Però i problemi che denuncia hanno tutti una base reale ed è per questo che la gente si sente molto più vicina a lui di quanto possa sentirsi col tizio X che dal palco ti parla di cose astratte come spread, banche, bilanci ecc ecc Ci sono problemi grandi in politica UE, economica etc e negarli, come fanno alcuni esponenti politici italiani, produce un dolore nel popolo, nella massa, che non si vede riconosciuta tale sofferenza. Salvini oggi rappresenta quell'unico canale italiano di sfogo che esiste per la popolazione, di manifestare questo dolore.
  9. Ciao a tutti, dopo lo mie variegate esperienze ho incontrato per puro caso una ragazza molto fuori dal comune almeno per me, io 23 anni lei ne ha 18, di famiglia molto benestante, al primo appuntamento mi salta letteralmente addosso c'è molta affinità tra di noi e abbiamo deciso di continuare ad uscire e frequentarci, inizialmente (in chat) era di una freddezza esagerata tanto da essere quasi insopportabile, è una ragazza molto bella e riceve approcci da ragazzi tutti i giorni sia dal vivo che sui social ma sono certo che ora sia molto presa da me perchè è molto presente e vuole vedermi di continuo. C'è però un problema importante, purtroppo mi ha raccontato della sua vita e oltre ad aver avuto un malattia ormai superata ha subito un trauma molto ma molto pesante qualche anno fa per colpa di un ragazzo (potete immaginare cosa le abbia fatto) diciamo che ci ha messo molto per riprendersi e ha avuto esperienze con altri ragazzi ma non è mai stata innamorata o in una relazione seria. trattandola bene sono riuscito a passare le sue difese però non mi sembra una ragazza stabile mentalmente al 100% nel senso che basta una parola sbagliata e se la prende. Qualcuno di voi ha mai avuto a che fare con ragazze con questi passati e così giovani, a quanto ho capito sono delle bombe a mano e potrebbero fare molto male perchè non ragionano razionalmente
  10. ZakMorris

    Chat

    La chiamata è molto meglio. Il tono della voce ti farà apprezzare ancora di più, sii divertente e basta tutto il resto verrà da sè.
  11. Grazie di cuore Chadwick, La tua testimonianza è oro colato e spero che apra gli occhi a molti utenti che, a mio modesto avviso, hanno convinzioni sbagliatissime. Il post quotato sopra andrebbe fissato in alto nella bacheca del forum e fatto leggere a tutti, uomini e donne. L'Importanza della famiglia è fondamentale perché avere come padre/madre ANCHE un mentore fa di te una persona con qualità immensamente superiori alla media. Tutti noi cerchiamo un mentore nella nostra vita. Infatti tutti noi siamo qui su IS perché cercavamo un mentore della seduzione. Un mentore, un insegnante di vita, è fondamentale e se hai la fortuna di averlo per genitore è come avere vinto alla lotteria. Mi sento di aggiungere comunque due cose: spesso chi proviene da famiglie facoltose è un po' come dice purple pill, il quale a mio avviso dice cose molto sensate ma commette sempre lo stesso errore di vederle tutte da una certa prospettiva ignorando cosa c'è dall'altra parte della barricata. Non è vero che i "figli di papà" sono unicamente persone che provengono da famiglie abbienti. Esistono anche figli di papà provenienti da famiglie i cui genitori fanno mestieri umili e ciò conferma che l'essere arroganti/presuntuosi/boriosi NON DIPENDE dal budget economico familiare ma da COME VIENI CRESCIUTO. Il paradosso è che le famiglie di ceto medio-basso con atteggiamenti boriosi sono molte di più di quanto si crede. In ultima istanza, essere buoni genitori significa essere persone di cultura, con una grande cultura e visione del mondo, con esperienza e intelligenza e capacità comunicative/di comprensione. La cultura e l'intelligenza insieme fanno di una persona un uomo saggio. La cultura senza intellienza fanno di una persona un uomo borioso. L'intelligenza senza la cultura fanno di una persona un uomo insicuro.
  12. Today
  13. giuseppe90

    Perché andate con le escort?

    Ho reagito con la faccina arrabbiata "grr" non perché io non sia d'accordo con te, ma perché dalle tue parti, e in generale nelle regioni del nord Italia (Lombardia su tutte), c'è una quantità e una qualità che qui da noi è assente (se non per brevissimi periodi). @F A B Sul "dare piacere" puoi farlo anche con una escort, anzi magari la rendi felice ché trova un cliente che si discosta dal comportamento dalla maggioranza. Sull'esser desiderato ovviamente lei sta facendo il suo lavoro e questo fa differenza rispetto alla tua ragazza o a una che ti sceglie liberamente. Tuttavia non credere che sia una cosa meccanica, che lei lo faccia con il volto disgustato et similia. Certo, può capitare di beccare quelle "sbagliate" o che non sono in giornata. Ma ci sono anche donne che lo fanno veramente con passione, che hanno scelto quel lavoro e che amano fare ciò che fanno (poi capiterà che si stufino, che abbiano la giornata storta, ecc...). Aggiungici che capita tranquillamente che vengano, che abbiano orgasmi. Può darsi che tu piaccia loro. Infine, non da ultimo, ci sanno fare infinite volte più di una ragazza "normale". Se poi te la scegli bene, cioè russa (ahah), sei a cavallo. Insomma, non immaginarti il tutto come un qualcosa che si pone agli antipodi rispetto al rapporto con la free, ci può essere trasporto e passione anche con una escort; anzi, magari puoi, e devi cercare di, esser bravo tu a indirizzare il rapporto in un certo modo e a trattarla bene, come meriterebbero tutte. Fatti un favore: apri punterforum e leggiti qualche recensione e vedrai che ti si apre un mondo...
  14. Sottone

    Buio pesto

    Comprendo la tua rabbia ma metti bene a fuoco il fatto che la luce serve per illuminare il tuo cammino, anche e sopratutto di notte. Una volta che si ha la luce il massimo che si può fare è illuminare gli altri, non abbagliarli! Cazzo tene!
  15. Ovviamente questa è la tua esperienza di vita diretta per cui ti credo e ti ringrazio per averla condivisa. Tuttavia voglio sperare che ci siano donne con un livello di mentecattaggine inferiore a quello di Silvia. E devo dire che fortunatamente per le poche esperienze che ho avuto io ci sono. In più poi dipende pure dal "tipo" di donna, non tutte hanno, per mille motivi, capacità di variare l'abbigliamento, ci sono pure quelle "monotematiche". Ho incontrato ragazze che non sapevano manco cosa fosse una gonna, ma non perché non la indossassero con me ma perché o non ne avevano mai indossate se non da piccole o era capitato pochissime volte. Ad esempio, mia esperienza diretta, in certi ambienti sinistroidi/centrosocialini ci sono ragazze che rarissimamente ho visto, a prescindere dal posto in cui le trovavo, dal partner, ecc, con il tacco e che hanno l'abitudine, soprattutto in estate, di mettere (immagino che ora inorridirai) vestitini sì, anche molto "provocanti", attillati, corti, con spacchi, ma con scarpe basse o con poco tacco oppure (addirittura!!) coi sandali ai piedi. Ebbene, lo confesso, a me piacciono (anche) così. Mo non mi bannate però eh
  16. gort

    Perché andate con le escort?

    Si alludeva che in quanto vergine dovrei essere uno sfigato con la paura del giudizio delle donne. Ho precisato non perché mi preoccupi che qui qualcuno lo pensi, ma per "aiutarvi ad aiutarmi". Il problema per cui non vado a escort al momento non è quello che qualcuno ipotizzava. Mi sento disilluso perché anni fa avevo davvero desiderio di costruire qualcosa con una donna, ora non è che non lo abbia più, ma sono cresciuto di valore e ho aumentato l'autostima così che difficilmente mi interessano le donne normali. Proprio perché non credo di poter sopportare le lunghe, eventualmente inconcludenti, interazioni con le free, stavo pensando alle pay. Negli ultimi anni ho imparato una cosa in cui mi credevo negato e che anni prima non avrei neanche pensato di provare a migliorare. E ora, non sarò un asso, ma la so fare meglio del 99% delle persone. Se guardo indietro e penso a come la facevo, sì, potrei dire che ero proprio scarso a confronto. Capisci perché non mi spaventa la possibilità di non essere in grado di scopare bene, tralasciando il fatto che tante persone riescono a fare, anche discretamente, una che non hanno mai provato con successo? È normale non essere bravi in qualcosa in cui non ci si applica. In quel caso mi farebbe inca**are il fatto di aver buttato soldi. La cilecca è probabile senza coinvolgimento, ma non è che posso pretenderlo da una pay.
  17. Mi inserisco perchè io questa cosa la sento esattamente cosi come detta da te e fino a poco tempo fa mi sentivo veramente sbagliato a pensarla così, non so bene per quale motivo ma mi odiavo a ritrovarmi a pensare le volte che è successo di essere fuori con una strafiga che però ok si era conciata come una tipo sacco intesta. In realtà non ci ho ancora fatto pace con sta cosa ma ormai non mi chiedo più il motivo sono fatto così e basta. Stessa cosa per il fatto che odio i dolci, mangerei solo pesce e frutta vivo meglio all'aria aperta sono tirato verso il pluralismo femminile ecc... Sono così e basta (anche se la cosa dei vestiti della lei di turno mi resta più ostica da accettare e non so bene il motivo, nel senso vorrei che non me ne fottesse un cazzo).
  18. Se rimani nell'area semantica "importanza dell'abbigliamento" e "quel che pensa la gente", non te lo so spiegare. Perché la gente pensa a caso, ma il problema è quel che sente, anche se non capisce cosa ha sentito e pensa altro. E' un problema perché è vero. A volte vedi due tizi in tuta e maglietta del cazzo con delle tipe vestite superfemmimili e belle. Questo in pancia alle persone arriva come "io pago e comando" A volte vedi due tizi vestiti con rispetto per il luogo e chi li ha invitati, accompagnati a tizie femminili - superfemmimili. Questo in pancia alle persone arriva come - sono in una relazione sentimentale, non basata sulla bamba, e sono in ogni caso più o meno importante nella gerarchia tra maschi (femminili - superfemmimili) A volte vedi due tizi vestiti in modo wanna be rich gangsta, accompagnati a tizie che portano i pantaloni e/o i sandali bassi. Questo in pancia alle persone arriva come - sono lo zerbino dei maschi, mi devo scrivere Armani sul petto per non sentirmi insicuro su quel che pensa la gente e a casa mia pago e non comando nemmeno la TV. E sai qual è il problema? Tutto questo arriva in pancia perché è vero. E se scavi un po', e ci fai due chiacchiere, con questa che era indecisa tra vestitino e felpetta comoda e pantaloni, e ha scelto i pantaloni, vedrai che ce l'ha a morte col suo ex, la tradiva, aveva una relazione parallela, sta con una meglio, e lei non potendo umiliare lui e sentendosi umiliata finisce per non fermarsi quando può umiliare te. Dico non fermarsi perché non è una scelta attiva. È un sentire che le parte e mescolandosi in testa con le voci di certa propaganda politica fa vincere il jeans da vaccaro. In altri casi quel sentire nasce da un senso di tradimento delle aspettative che ha nei tuoi confronti. Ad esempio quando ti ha conosciuto tu hai spiegato che hai una tua piccola impresa e un paio di dipendenti. E lei magari è convinta che vi sia questa regola, che le hanno messo in testa, secondo cui dipendente uguale morto di fame e imprenditore uguale benessere. Magari non lo sa che in Italia se devi pagare due dipendenti e lo stato e il comune e il rusco e la siae e... Quando fai i conti a fine anno se sei riuscito a percepire 600 euro al mese c'è da stringerti la mano. E così invece che albergo al mare proponi campeggio. O alberghetto terza linea. E lei la prima volta esce con la gonna, la seconda anche. Poi inizia a mettere i pantaloni. E il tipo (discussione reale cui ho assistito) le dice... Silvia, sei sempre in giro con la gonna, ci metti un'ora per vestirti per andare a fare la spesa o per andare in piscina, ora usciamo insieme, andiamo dai miei amici, e ti vesti come un vecchio manovale? (addirittura i pantaloni di velluto grigi). - Quando vado in giro se faccio la figa ho capito che ho vantaggi, mi fanno sconti, son tutti carini, gentili, dai tuoi amici non mi servono vantaggi, tu non ne hai e a te ti ho già, sai che mi frega. - Frega a me, mi sento importante se sei con me e sei come quando esci di pomeriggio per gli altri, sia perché mi piaci di più e mi sento fortunato, sia perché gli altri trattano diverso pure me e si rivolgono in modo diverso, con più rispetto. - Ma che rispetto vuoi avere con quel cesso di macchina, son diec'anni che lavori dodic'ore al giorno per un cazzo, io ho già capito che aveva ragione mio padre, di trovarmi uno coi soldi, ha fatto bene i conti mia madre. - Tua madre ha il doppio dei tuoi anni, non ha le tue gambe e non l'ho mai vista girare coi pantaloni vicino a tuo padre, anzi a volte è pure troppo fighetta per i miei gusti - Ecco appunto, guarda che anche mio padre non aveva un cazzo prima, poi con le sue mani ha fatto tutto da solo, lei non ha mai lavorato, ci mancherebbe che gli mette i pantaloni a sfregio come me. - Ah! Allora è a sfregio - Senti io mi sono anche rotta, se volevi uscire eravamo già usciti, se non avevi voglia bastava che lo dicessi senza fare tutta questa manfrina sull'abbigliamento, dici sempre che non te ne frega un cazzo di quel che pensa la gente, vai vestito da lavoro pure al (nome bar), e adesso vuoi discutere, fai così, vacci tu se vuoi, io sto a casa, oppure statti a casa che vado a mangiare dai miei. - Ma che cazzo dici che non voglio uscire, ti vesti figa con tutti a parte me, non ha senso lo capisci? - Sì che ce l'ha, senso, lo capisci? Ecc.
  19. Kask

    Chat

    Penso anche io di aver fatto bene, infatti mi ha detto subito che potevamo organizzare poi, e mi ha dato il suo numero dopo solo qualche messaggio in chat. Sul fatto di chiamarla, non ha mai chiamato una ragazza conosciuta su queste app per incontri prima di averla vista. Ho sempre pensato che si sarebbe spaventata, visto che sono quasi un estraneo per lei, e la chiamata è una cosa più diretta dei messaggi. Non pensi sia così? Quindi non devo chiederle di uscire? Ci dovrei solo parlare del più e del meno per telefono?
  20. Drive

    Uomini con la barba

    Finità l'estate farò l'elettrocoagulazione per togliere completamente la barba. Mi piaccio senza barba con la pelle liscia contropelo. Per una questione pelo/pelle non posso radermi tutti i giorni, neanche con la rasatura tradizionale.
  21. Urban_Fender

    Uomini con la barba

    Io non ho mai, e dico mai,portato alcun tipo di barba/pizzetto,etc. Sempre preferito essere liscio e pulito,lindo. Soprattutto perchè oltre al mento, nel resto del viso ho sempre avuto solo peluria, diradatissima. Qualche tempo fa, però, vidi una strana macchia sul mento. Alopecia (da stress?Infezione?). Fatto sta, che corsi subito ai ripari tramite visita dermatologica,ed il primo input ricevuto fu quello di evitare la rasatura per non correre il rsichio di interferire con le applicazioni locali. L'alopecia comunque ha fatto il suo corso, estendosi fino alle labbra, ma nel contempo, aggiustando una volta il pizzetto e una volta la forma della barba sotto le guance, ho iniziato a vedere che con un po' di "colore", il mio volto acquisiva un look diverso che non passava inosservato. Per 3-4 mesi buoni ho insistito con le applicazioni dermatologiche, e non solo l'alopecia ha regredito fino a scomparire, ma addirittura è cresciuta la barba nelle zone diradate,sottolineate sopra. In aggiunta a questo, ho iniziato a piacermi di più, e tutte le persone (soprattutto le donne) hanno iniziato a dirmi che con la barba sono più interessante,sto meglio,affascinante,etc. Addirittura mia moglie, quando riguarda le foto di me senza barba, sobbalza.🤣
  22. Ciao @purple pill complimenti per questo post e anche per il precedente, sono perfettamente d'accordo con tutto ciò che dici. Vorrei a tal proposito dire anche io la mia opinione per poter suggerire qualche spunto in più su cui riflettere. Dunque da quello che ho potuto capire, tu quando scrivi queste cose ti riferisci di sicuro a tutti quelli che vengono chiamati "figli di papà" ovvero gente che nella vita non ha mai fatto un cazzo e ha sempre avuto tutto facile senza il minimo sforzo, solitamente persone che vengono da famiglie di imprenditori, medici, avvocati, dentisti ecc. e che vanno in giro a fare i fighetti arroganti e spavaldi sbocciando "Belvedere" in discoteca ...... gli stessi che si permettono di fare gli sbruffoni con tutti per poi cagarsi addosso quando beccano "quello sbagliato". Io non vado molto spesso in discoteca ma devo dire che quando ci vado ogni tanto mi è capitato di vedere certe dinamiche e va sempre a finire come hai elencato prima. Mi permetto però di aggiungere una cosa fondamentale: io sento la tua rabbia e indignazione quando vedi questi imbecilli ed è la stessa che fa venire il voltastomaco anche a me, ma converrai con me che questa gente si comporta così perchè GLI E' STATO PERMESSO DI COMPORTARSI IN QUESTO MODO da sempre e le conseguenze si vedono riflesse in questi episodi .... dove a volte nel peggiore dei casi può scapparci il morto, come da recenti casi di cronaca nera. E qua torniamo al discorso famiglia, che è la base della vita di una persona. Ora ti faccio un esempio lampante dove sottolineerò nettamente le differenze negli atteggiamenti di una persona a seconda degli esempi che vengono trasmessi in famiglia. 1) Ti porto l'esempio della mia vita e della mia famiglia (non pensare che voglia farmi vedere o mettere in mostra, voglio solo portare esempi concreti e reali). Dunque la mia famiglia non è mai stata ricca, ma mio padre ha sempre lavorato duramente e ci ha sempre permesso di vivere in modo decoroso permettendoci anche di viaggiare e di fare vacanze (quando lui e mia madre erano ancora insieme), inoltre mio padre ha sempre avuto belle macchine sotto il culo, una bella casa con giardino ed io e mio fratello abbiamo avuto tutte le possibilità di fare tutto ciò che volevamo in fatto di attività extra scolastiche. In sostanza non è mai mancato nulla. Anzi ci aggiungo che mi è stato anche comprato lo scooter nuovo di zecca ai 14 anni e la mia prima macchina (CITROEN C1) ai 18 dopo la patente. Sempre mio padre, uomo dai solidi principi e valori e mio principale punto di riferimento nella vita, mi ha sempre insegnato fin da piccolo una cosa fondamentale e che tanti non hanno, cioè l'umiltà. Nonostante io abbia sempre avuto discrete condizioni economiche e nonostante mio padre abbia una piccola agenzia di consulenza nel mondo del vino, ho sempre lavorato fin da quando ho 17 anni per fare esperienze e poter acquisire un bagaglio di vita. L' estate dei 17 e dei 18 ho fatto per due anni attività di volantinaggio insieme proprio a rumeni, magrebini e marocchini sotto il sole cocente per 30 euro al giorno pur di non stare fermo ed avere una mia piccola indipendenza economica, a 19 anni ho fatto la stagione come lavabicchieri e cameriere in un bar sulla spiaggia e finita la scuola sono andato a fare il cameriere in UK per un anno dove mi sono sempre arrangiato in tutto e per tutto senza chiedere nulla a nessuno. Tornato dal UK ho continuato a lavorare come cameriere e ho fatto anche il corriere espresso per un breve periodo fino a quando mio padre mi ha chiesto di andare a lavorare con lui vista la mia conoscenza delle lingue straniere. L'ho fatto da un anno e mezzo e devo dire che ho fatto la scelta migliore della mia vita, tant'è che a 26 anni mi posso permettere di fare un mutuo per una casa in cui entrerò per i primi di luglio (ci tengo a precisare un appartamentino di 53 metri quadri con soggiorno, cucina, bagno e camera .... nulla di che ma è la MIA casa e sono felice così). E qua puntualizzo: la nostra è un'agenzia di 4 persone che lavora per conto di due aziende vinicole italiane cercando clienti all'estero ..... non fatturiamo milioni ma comunque non ce la passiamo male. Il mio stipendio però è una normalissima paga di 1.300 euro mensili ed è guadagnato ogni giorno centesimo per centesimo mettendo in campo tutte le mie abilità e conoscenze linguistiche e non mi è mai stato regalato nulla. In più per tirarmi su due soldi a nero che mi torneranno utili ora che andrò a vivere da solo, faccio lezioni di inglese 3 o 4 volte a settimana a ragazzi di scuole medie e superiori per aiutarli a tirare su i brutti voti, la voce si è sparsa e ora non so nemmeno più dove metterli. Ovviamente mio padre è orgoglioso di me e io di lui per avermi dato questa opportunità di realizzarmi e mi ha sempre detto una cosa fondamentale: e cioè che io in azienda devo entrare dalla porta sul retro e non da quella principale altrimenti non capirò mai il valore di ciò che ho tra le mani. Detto questo posso aggiungere che l'umiltà che mi ha trasmesso fin da piccolo e i suoi insegnamenti da "uomo che ha letteralmente tre quarti del mondo" mi hanno fatto diventare una persona che sa apprezzare ogni singola cosa che ha, sono grato per tutto e lo sono sempre stato, di conseguenza ho imparato fin da piccolo a portare rispetto a tutti incondizionatamente, dal bambino di 5 anni al signore anziano di 70, dall'imprenditore che gira in Lamborghini al profugo ghanese sbarcato a Lampedusa, non mi sono mai vantato di meriti che non sono miei, mi metto sempre in discussione su ogni errore che faccio per poi correggerlo e diventare una persona migliore in tutto, sono sempre stato stimato e apprezzato da amici e conoscenti e ad oggi devo ammettere che non ho mai avuto una discussione con nessuno o una lite particolare in discoteca ecc. semplicemente perchè mi è sempre stato insegnato a stare al mio posto nella vita e nel mondo, ad aiutare chi è in difficoltà, cosa che ho sempre preso alla lettera. In sostanza credo non ci sia una singola persona in paese che possa parlare male di me o della mia famiglia. Passiamo all'altro esempio. 2) Nel paese accanto a quello in cui vivo io conosco questo ragazzo di due anni più di me, circa 28, che viene da una famiglia estremamente facoltosa dal momento che il padre ha un'azienda di distribuzione di bevande a livello regionale che fattura milioni. Questo ragazzo l'ho conosciuto circa 5 anni fa ma non ci sono mai uscito insieme, ho sempre e solo avuto un buon rapporto di conoscenza che non andava oltre il "ciao come va?" Si da il caso che questo tizio sia il cugino di primo grado di una delle mie migliori amiche, la quale mi ha raccontato di tutto (la quale lo odia apertamente). Il tizio è sempre stato fin da piccolo quello che si vantava della nuova maglietta di Dolce e Gabbana e della cintura di Gucci permettendosi di guardare con disprezzo ed aria di superiorità tutti quelli che non potevano permettersi certe cose. Ha sempre avuto tutto senza muovere un dito e ha passato l'adolescenza combinandone di tutti i colori, mettendosi pure con gruppi di gente poco raccomandata a spacciare ketamina e ecstasy per poi andare a piangere dall'avvocato di papà quando lui e gli amichetti che facevano i duri e i finti gangster erano stati inculati. Passati tutti sti casini, mentre ancora finiva di studiare, si è messo insieme a una figa atomica che vuole solo i suoi soldi, con cui si è sposato e con cui ha vissuto per due anni a spese del papi in un appartamento in centro città. Dopo pochi anni il padre l'ha fatto entrare in azienda come "vice capo" o responsabile, non ricordo bene scusami, a niente meno che 2.500 - 3.000 euro netti al mese. Inutile dire che ha iniziato a trattare tutti con ancora più sufficienza credendosi il padre eterno e dopo poco tempo stava sul cazzo a ogni singolo dipendente in azienda, e da quello che ho capito anche in paese non lo sopporta nessuno. Ora non so dove sia, ma mi hanno detto che finalmente si è dato una calmata. Tutto questo per dire e per ribadire il concetto di prima che purtroppo a queste persone VIENE PERMESSO DI COMPORTARSI IN QUESTO MODO e atteggiarsi facendo finta di avere meriti che non hanno. Quando questi le prendono in discoteca da marocchini e zingari perchè hanno fatto gli sbruffoni con le persone sbagliate io non posso fare a meno di ridere a crepapelle e anzi .... mi permetto di darti un consiglio: inizia a ridere anche tu di queste cose invece che farti il sangue marcio e il fegato grosso e a pensare che certe sottospecie di uomini sono persone che non valgono un unghia del tuo piede che appena avranno un minimo problema nella loro vita li ritroverai con un cappio intorno al collo e con le lacrime che gli solcano il viso dopo essere andati in totale crisi esistenziale ....... e sai perchè? Per il semplice motivo si renderanno conto di aver sempre giocato nella vita senza costruire nulla perchè "tanto ci pensa papà" e quando sbattono la testa in quell'unica occasione si cominciano a contare i morti. Concorderà con me anche @Human immagino visto che ne parlava nei post precedenti a quanto ho letto. Tornando al caso mio, ammetto che onestamente sarebbe terribile se mio padre dall'oggi al domani dovesse mancare in azienda perchè vittima di un incidente aereo o per cause di salute, e la cosa sarebbe pesante da digerire visto che ancora non ho le capacità di gestire un'agenzia da solo dopo un anno e mezzo di lavoro, ma resto sempre fiducioso nelle mie capacità e nella mia persona che nel momento della difficoltà sarei comunque in grado di andare avanti da solo perchè mi sono stati dati gli strumenti giusti e primo fra tutti l'umiltà e lo stare sempre con i piedi per terra. Spero di aver portato dei buoni esempi ai tuoi post precedenti e che ci sia occasione di potersi confrontare di nuovo. Buona giornata ragazzi
  23. wpc692

    La situazione si sta raffreddando?

    Credo non sia un discorso di copiare l'approccio ma più di entrare in una mentalità ben precisa; io ad esempio ho un grosso problema nell'approccio, che sia tramite social/app sia (in particolare) live, una vota conosciuta una ragazza mi lancio senza problemi, ma per qualche motivo strano non riesco a sbloccarmi se qualcuno non mi presenta qualcun'altro. Dopo l'ultima batosta della settimana scorsa, analizzando in modo critico per migliorare ho capito che sono stato, per utilizzare una terminologia da forum, troppo beta e troppo poco alfa nei miei atteggiamenti, tralasciando il fatto che questa ragazza avesse troppa troppa merda nel cervello. Mi sono deciso a impegnarmi a migliorare perchè ho le potenzialità (non sono obiettivamente un brutto ragazzo e ho delle social skill decisamente presenti), e quindi non accetto più di non riuscire ad ottenere determinati risultati.
  24. Trovo molto apprezzabili i tuoi interventi e spesso fornisci chiavi di lettura interessanti. In questo caso tuttavia non vorrei che si "psicologizassero" troppo fenomeni storici che, certo, hanno alla base anche fattori psicologici e biologici, come tutta la storia dell'umanità d'altro canto, ma che risulterebbero forse molto meglio spiegati in termini politici, sociologici, economici, sociali, ecc, partendo ovviamente sempre dalla consapevolezza della base materiale, che dunque ha a che fare anche (ma non solo) con la biologia.
  25. Laura Rossi

    Scopamici da 2 anni?!?

    assolutamente nessuna.
  26. Laura Rossi

    Come cambia la seduzione con una quarantenne?

    sorry, non credo di aver capito 😅
  27. wpc692

    Ciao a tutti!

    Ciao e benvenuto!
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.