Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. mistake

    parere consigli

    Tra poco terminerà il mio corso e volevo provarci con la prof., dato che non ho mosso nessun passo con lei e ho cercato di capir qualcosa nulla. Molto riservata, ho cercato di parlarci, ma la vedo sempre tesa, non mi saluta mai "sorride e basta" e non un osrriso a 32 due denti. avevo intenzione di andar domani e lasciargli un messaggio su foglio chiedendole d'uscire. Non avendo nessuna alternativa in quanto volevo esser discreto (causa vecchietti e pettegoli del mio corso) Urge pareri
  3. Barboski

    Me la sono bruciata?

    Ne sono consapevole, ma in fin dei conti è sempre stata una tattica comprovata no, lo spiazzare le hb e non far sapere mai le nostre intenzioni chiaramente? Il problema è che lei non è da meno come atteggiamento, passando da volte in cui metterei la mano e non solo sul fuoco che gli piaccio a volte in cui mi da l impressione opposta, fondamentalmente ho notato che ha un certo atteggiamento verso molti suoi amici, il fatto di abbracciarli parlare un po' con tutti, scherzarci ecc. anche se con me si è sempre spinta di più, forse è anche questo che mi ha frenato dal avere un atteggiamento più deciso con lei, unito al fatto che io molto spesso ci provo sfacciatamente solo quando ormai il loro interesse verso di me è evidente e quindi vado a colpo sicuro, ma con lei non è cosi...
  4. askfra

    La situazione si sta raffreddando?

    Grazie! L'euforia iniziale tende a passarmi abbastanza velocemente, non appena comincio a scorgere segni di incoerenza e poca trasparenza, come ad esempio con la prima ragazza per la quale ho scritto il thread Inoltre, riesco a distinguere bene quelle con le quali potrei rimanerci sotto, e paradossalmente sono quelle che mi viene più facile nextare Non dico che voglio nextarla, anzi, ribadisco che mi piace moltissimo. Ma se le vostre analisi sono corrette, presumo avverrà molto presto Non mi piacciono le lotte di potere
  5. Ophelia87

    La situazione si sta raffreddando?

    @ArmandoBis infatti secondo me ci avete preso entrambi, per la mia esperienza le persone insicure tendono a voler “mettere i piedi in testa” proprio per sentirsi più forti, perché fondamentalmente non sanno gestire un rapporto paritario, spesso proprio “camuffandosi” da povere creaturine indifese. Comunque sia, @askfra lo “leggo” sempre più sveglio e sicuro di sè, non credo si farà “intortare” facilmente!
  6. askfra

    La situazione si sta raffreddando?

    Grazie a tutti ragazzi! I campanelli di allarme li avevo già da prima, sicuramente le vostre tesi non fanno che alimentare i miei dubbi! In ogni caso, come ho detto, me la sto vivendo in modo leggero (per dire, oggi breve scambio di messaggi e lei che sparisce nel nulla) e sarà quel che sarà. Sinceramente non ho nulla da perdere, ma non ho nemmeno intenzione di rimanerci sotto. Come vi ho detto, il freeze mi ha alleggerito decisamente Se le suoi intenzioni sono quelle di comandare, ha completamente sbagliato persona
  7. ArmandoBis

    La situazione si sta raffreddando?

    La lettura di @Chief Seduction Officer è opposta alla mia. E può essere altrettanto, se non più, aderente al vero, visto che la personalità è fatta di moti e aspetti sovente contrastanti. In entrambi i casi, ne vedremo delle belle, visto che la tipa non ne esce benissimo. Insicura, ma anche decisa a comandare*... * come ben esemplificato nell'acuta analisi di Tod che mi precede.
  8. gelsomino

    Quanto è grave la situazione?

    ...mahhh ,guarda io non la farei tanto tragica, non credo sia tu, ma è proprio la modernità, che ci ha portati a questo..la difficoltà di socializzazione... ....fossi in te, giocherei con le regole al contrario, di solito funziona... ed ecco il trick.... andrei a studiare /legger ein biblioteca... dove stanno tacchinelle, che potenzialemte potrebbero starci, ecco, non mi scegliere la biblioteca delel vecchie di centocinquantanni, o dei nerd che mi studiano algoritmi di cryptomonete, no,,,, una biblioteca, dove c'e' l'a possibilità di scambairsi sguardi propedeutici a ficcare cazzo in figa, questo devi fare.
  9. Soulrider

    Tasto dolente: i soldi

    Ah...le donne .... Innamorate dell' amore ...
  10. Today
  11. Stregatta

    Tasto dolente: i soldi

    Caspita che risposta accurata, ti ringrazio. L'estate si avvicina e sono convinta che ci sarà l'occasione di parlarsi ma non so se riuscirò a fare un discorso così completo, al momento la vivo come una cosa imbarazzante. Mi piacerebbe riuscire a giocarmi la carta dell'ironia e per fare questo devo essere in vacanza, ben rilassata all'ombra di un albero frondoso. È che ci tengo, anzi lo amo. Ultimamente comunque mi sembra vada un po' meglio, speriamo dai.
  12. sbrambi95

    Situazione strana: ragazza che chiede di uscire

    Confermo che gliene ha parlato, quando mi ha presentato a lui lo ha fatto come se gli avesse già parlato di me. Non so se è una cosa positiva o negativa. Fidati quando ti dico che c'era gente più adatta di me... Non è una questione di credere in me stesso, anche se effettivamente io ci credo zero. E' che davvero, non abbiamo un senso come coppia vedendoci dall'esterno. Si, nelle prossime settimane vedo di chiederle per un'aperitivo tranquillo e vediamo se accetta anche se dubito fortemente.
  13. gelsomino

    Parenti serpenti....

    La famiglia che ti da contorno è quella che è , e , probabilemte , ha influenzato anche il rapporto che intercorre, o meglio non intercorre , tra voi due, han bruciato tutto , e si sta consumando anche questa bloodline , tra te e LUI. Consigliarti di riappacificarvi ora è arduo, sia per lo scrivente che per colui il quale si trova in emzzo a questa situazione. Una cosa la puoi fare, cercare di ristabilire un rapporto civile, ovvero, il "ciao come va?" se v'incontrate, ma allo stesso tempo, dato che il lupo perde il pelo ma non il vizio e già lo hai preso al culo, lo scrivente consiglia anche di fare ATTENZIONE". Per il momento basta.
  14. Piccolo aggiornamento eravamo rimasti a quel mercoledi dove mi ha dato buca inventandosi una scusa per poi uscire col ragazzo. Le ho commentato una storia su instagram 2-3 giorni dopo, ma ha visualizzato e non ha risposto più. Al chè la mollo, non la seguo e non le scrivo più per 2 settimane. Oggi preso dalla noia rivado sul suo profilo e vedo delle storie, non so perchè ne commento una. Lei mi risponde e parliamo del più e del meno. Mi faccio sotto e le ricordo di quel caffè che non abbiamo più fatto, risposta sua: lei: eri scomparso e hai smesso pure di seguirmi. Ergo pensavo te la fossi presa per qualcosa. Io: Non me la sono presa, in realtà ti avevo commentato una storia e non mi hai più risposto. Ho pensato che non ti interessasse parlare così ti ho lasciato state. C'è stata un'incomprensione. lei: va bene io: come sei messa questa settimana? lei: sta settimana non posso. Venerdì poi parto per un evento di Capoeira e torno domenica sera. io: è un'impresa trovarti libera lei: mi spiace tanto Non mi importanta granchè tanto parto anch'io questo weekend. Dopo questo le chiedo dove se ne va, e lei cosa mi risponde? che va ad Aups... una città francese e il suo ragazzo è francese Cioè ma dico io perchè ti inventi le puttanate che vai a fare un evento di Capoeira? Dimmi che te ne vai col tuo ragazzo, sai che me ne frega... non ci siamo neanche mai incontrati. Secondo voi è un comportamento normale? Che le rispondo?
  15. Cesk

    Aiutatemi!!!!!

    Ciao a tutti. Ho 18 anni. Una settimana fa (2 di notte) mentre studiavo ho visto la storia instagram di una ragazza che studiava anche lei. (È kla sorella di un mio amico e dunque la conoscevo di vista e la chiameremo GIADA) Le ho risposto ed abbiamo incominciato a parlare finché due giorni dopo le ho fatto la sorpresa di venire al compleanno di suo fratello. Ci siamo salutati e diverti e lei mi ha portato fuori da parte appartati ben 3 volte e io non lho mai baciata. (So dell immensità dell errore ma ho grandi difficoltà a capire i momenti giusti). Verso le 3 di notte, finita la festa ci appartiamo con 2 sue amiche e una chiede? Vi siete baciati? GIADA dice no. E allora l amica rivolgendosi a me dice: mi hai deluso cesk. E GIADA dice ridendo : anche a me. Dopo ci alziamo e ci sediamo sotto un gazebo, i genitori di lei vanno via ad accompagnare 3 persone a casa e rimaniamo io lei e le 2 amiche. Ad un certo punto l amica mi dice a bassa voce di baciare GIADA e ci baciamo ben 2 volte anche se all ennesima richiesta dell amica di baciarci GIADA questa volta si rifiuta. Poi scherziamo, mi lascia il numero e continuiamo a parlare finche i genitori suoi non mi riaccompagnano a casa prima di tornare a casa loro. E appena mi accompagna mette una storia instagram con scritto: buonanotte ❤️. Ora è due giorni che parliamo su watsapp (abbiamo parlato un po' del bacio) normalmente e domani parte in gita per 2 giorni. Oggi era un po' più fredda del solito si è fatta sentire meno. Cosa devo fare?? Mi mancano i suoi baci il suo profumo tutto. Non riesco a non poensare a lei, ho le "farfalle allo stomaco".. Cosa posso fare?? La voglio rivedere ma ho paura che lei non voglia non so sto impazzendo aiutatemi.
  16. Ciao ragazzi, 32 anni, ho scoperto da poco questo forum poiché, dopo una storia lunga (troppi) anni, sono di nuovo "a caccia". Ho scaricato e letto le traduzioni dei manuali di Franco, davvero interessanti ed utili per rispolverare concetti e idee note ma ormai assopite per quanto mi riguardava. Non so se sia il posto giusto per postare un domanda del genere, la richiesta di un consiglio, ma ho girato un po' sul forum e mi sembra il 3D più opportuno. Per farla breve, viaggio quotidianamente in treno. E' lo stesso treno che prendevo per andare in università, ora lo prendo per andare al lavoro. Mi capita spessissimo di trovarmi a fianco o di fronte ragazze poco più piccole di me ma, nel corso degli anni, sono sempre di più quelle che salgono con le cuffie nelle orecchie e scendono alla stessa maniera. Diventa difficile approcciare, davvero, a freddo con loro isolate e immerse nella musica e nei loro smartphone. Avete consigli a tal proposito? Che non sia magari scuoterle per attirare la loro attenzione, qualcosa di fattibile. Grazie! Davide
  17. MichelaDevi

    Situazione strana: ragazza che chiede di uscire

    Probabilmente di te ne ha parlato al suo ragazzo. Credi di più in te stesso! Gli altri potrebbe non ritenerli al livello del suo fidanzato Non ne ho idea. Prova una uscita e vedi come si comporta, se si defila, sparisci
  18. Tod

    La situazione si sta raffreddando?

    Mah, partiamo dal presupposto che la quasi totalità delle verbalizzazioni di questo genere le rivolgono a se stesse, più che all'altro. Quello che invece vorrebbero davvero dire all'altro spesso se lo tengono dentro (per paura) salvo poi incolparti che non le hai capite 😂 Ma nel contempo mettono le mani avanti, si aprono già una via di fuga nel caso le loro incoerenze emotive le portino a breve altrove. Prendi questa: ti dice che è disillusa, che è stata male, che ha una voragine, che è più cinica, che è bloccata, che ha paura a lasciarsi andare, che non vuole stare male. Perché dovresti dire delle robe del genere a un secondo appuntamento? Ma siamo seri? Rileggile in fila come te le ho scritte io. Discorsi del genere al 2° incontro personalmente non li tollero. Se hai tutte ste seghe mentali significa che devi ancora lavorare parecchio su te stessa. E se proprio proprio lo dici alle tue amiche, non a me con cui stai uscendo, al secondo appuntamento. Perché dovrebbe dirtelo? Oltre a una tremenda insicurezza, lo vedo come un modo per mettersi nella condizione di fare quel cazzo che vuole e acquisire potere in modo subdolo. In fondo, avvisandoti della sua instabilità/paura, ha già giustificato eventuali sue azioni contraddittorie. Ti vuole a portare a "capirla, perché...", a "non ferirla..." (vedi @PapuPetagna), e nel contempo a giocare "alle sue regole" perché porella con quel-che-ha-passato-dovresti-capirla. Stai attento a non scambiare un discorso del genere come un' "apertura" o un "moto di onestà", come lo presenta lei, perché non ti sta dicendo niente di lei, niente di concreto, nessun fatto salvo spararti turbe addosso. Per me sarebbe un grosso campanello d'allarme. Ora, io ti ho risposto su questo solo perché me lo hai chiesto (per me le verbalizzazioni non contano un cazzo e 3/4 sono shit test o discorsi tra se e sé), ma il punto è che di fronte a donne che ti sparano addosso certe cose così dal principio, le opzioni sono due: o ne percepisci la potenziale pesantezza-insicurezza, non la accetti e te ne vai gambe legate, o devi essere pronto ad ascoltare tutte le sue seghe mentali che ti sputerà addosso nei periodi che dovrebbero essere i più passionali e disinibiti, stando molto ben attento a offrirle comprensione ma nel contempo rimanere imperturbabile, dimostrandole di essere emotivamente molto forte (al contrario di lei) e alla lunga sciogliendo ste stronzate. Il mio consiglio pratico è di non dar troppo peso alle sue parole e di continuare come se non esistessero.
  19. Crescendo63

    Seghe mentali e sospetti basati sul nulla. Come contrastarli?

    No, esempio errato. Forse ti sfugge la differenza, il che sarebbe di nuovo conferma della tua visione limitata. Einstein non era un "asino in cattedra", per almeno due motivi: - Conosceva bene l'ambito di cui parlava. Non si basava solo su "sentito dire", esperienza personale, o conoscenze elementare. Era un fior di fisico. Dire che l'opinione di Einstein vale quanto quella di qualsiasi altro, è come dire che l'opinione della mamma anti-vaccini vale quanto quella di un epidemiologo con 30 anni di esperienza sul campo. Non c'è paragone. Solo un "deficiente" (nel senso etimologico) potrebbe metterli sullo stesso piano. - Non pensava di sapere tutto. Era ben consapevole di avere dei limiti. Dava spazio ai dubbi: "Da giovane pensavo che prima o poi tutti i misteri dell'esistenza sarebbero stati risolti, ed ho lavorato tantissimo; ma ora posso dire che più cose sappiamo, più l'esistenza si rivela misteriosa." (Albert Einstein) Laddove l'ignorante non è consapevole dei suoi limiti, è pieno di certezze, e non dà spazio ai dubbi: "La cosa seccante di questo mondo è che gli imbecilli sono sicuri di sé, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." (Bertrand Russell) La conoscenza non è mai assoluta, ma c'è un abisso tra una conoscenza ristretta (l'ignorante, il principiante) ed una ampia (l'esperto, lo studioso). Tu confondi il non sapere tutto, col sapere poco o nulla. Appunto. CVD! 😄 Sei uno pieno di certezze assolute. Vedi sopra la frase di Russell...
  20. sbrambi95

    Situazione strana: ragazza che chiede di uscire

    Ma davvero sprecare il suo tempo per far ingelosire un ragazzo CON ME? Ma quanto devi essere psicopatica? Fidati, c'erano almeno 10 persone più adatte di me solo nella cerchia sociale che abbiamo in comune... Sono d'accordo che non sia stata né schietta né corretta, anzi. Però non darei molto peso al fatto che abbia portato il ragazzo quella sera. Diciamo che nell'economia della serata ci stava portarlo, darei più peso al fatto che me ne abbia parlato… E anche quel "ti voglio bene", mi ha confuso proprio.
  21. newcome

    Parenti serpenti....

    Ho litigato con mio fratello. Io ho più più di 30 anni, lui poco meno. Qualche anno fa mi ha fatto un torto poco simpatico.... Forse sottovalutando la portata di ciò che stava facendo, ma fatto sta che si tratta di un torto che mi ha fatto perdere il lavoro, svariati mesi di serenità e in più mi ha causato altri problemi collaterali, tra cui in famiglia. Da quel periodo ho tagliato ogni genere di rapporto. Quando ci vediamo è per caso, ma non c'è nemmeno il saluto....ora saranno diversi mesi che non ci incrociamo nemmeno. Nessun messaggio di compleanno o natale che sia, mai un messaggio di scuse da parte sua, e per capirci non so nemmeno che lavoro faccia. Aldilà del litigio in questione, anche prima non è che avessi un qualche rapporto amichevole con lui. Mai confidatogli qualcosa perché non mi sono mai fidato, e non l'ho mai visto come quel tipo di persona.... Nessun amico in comune.... Mai usciti insieme.... Nessun hobby, aspetto caratteriale o abitudini comuni. A volte un fratello può essere un amico, un migliore amico, oppure come nel mio caso la pura e semplice coincidenza di avere gli stessi genitori. Non ho rancore, né rabbia, e nemmeno ho tagliato il rapporto per ripicca. All'inizio si, ero arrabbiato e tutto quanto; però poi mi sono messo a cercare lavoro e a rimediare ai suoi danni. Una volta sistemato tutto, quella faccenda fa parte del passato e si va avanti. Se ci tenessi credo che gli avrei fatto una sfuriata, dato due pugni, poi sarebbe stato tutto perdonato. In realtà nemmeno ho avuto voglia o perso tempo, a stare a chiarire a voce. Ho tagliato. Non mi manca, ci sono settimane in cui mi dimentico anche di avere un fratello. Dal mio punto di vista ho chiuso il rapporto come lo chiuderesti con un vicino di casa con cui hai litigato, o con un collega rompiscatole, o con un conoscente che ti frega dei soldi. Bene. Spero di aver dato un'idea chiara del rapporto. Scrivo questo post, non per sapere se devo riprendere o no il rapporto con mio fratello, mi pare abbastanza chiaro che non lo farò. Scrivo invece per sapere se ciò che ho fatto (il fatto di chiudere dopo un torto grave subito) con una persona, anche se quella persona è un membro della famiglia, sia normale o sono pazzo io. Lo chiedo perché da subito parenti, genitori e la mia ragazza; mi sminano i coglioni dicendo che devo andare avanti e farci pace. Che la famiglia è comunque la famiglia. Che con mio fratello mi toccherà averci a che fare a vita. Che sia necessario (non si sa per quale legge) fare pace tra parenti. Praticamente, pur essendo io ad aver subito il torto, secondo loro devo essere più maturo e saggio, fare finta di niente e fare come se nulla fosse successo. Io non ci sto. Prima di tutto perché sto benissimo così, e non mi interessa proprio di base averci alcun rapporto. In secondo luogo, la gente fa torti a gratis e poi è la persona lesa che passa dalla parte del torto perché chiude il rapporto? In che mondo parallelo è normale sta cosa? Che poi, a parte il rapporto con mio fratello, non siamo mai stati una famiglia unita....io ho zii che non vedo da anni....i miei cugini ormai non so neanche più che faccia abbiano....i nonni sono morti....parenti vari li conosco solo per sentito dire ma non so manco chi diamine siano.... Tutto ciò senza particolari motivi o litigi, sia chiaro. Ognuno si fa semplicemente la sua vita e non ci si frequenta tra parenti. Come mi consigliate di rispondere e di respingere a queste richieste da parte della famiglia? A qualcuno di voi è mai capitato qualcosa di simile?
  22. Sten

    40 minuti di ritardo.

    Non ho ben capito. Tutti fighi super alpha, le italiane medie del cazzo fanno schifo per colpa degli zerbini morti di figa ecc ecc ecc Poi accettereste un ritardo di 1 o 2 ore? Cazzo di problemi avete?
  23. Sten

    Doppia One Itis, come uscirne?

    Nextare (anche se non ti aiuta) Smettere di andare con ragazze random per colmare i tuoi vuoti. Farti crescere una personalità.
  24. Ciao a tutti, Riassumo brevemente la mia vicenda: OTTOBRE 2018 si chiude la mia relazione più lunga in assoluto (4 anni), la mia lei non si sente più coinvolta, io maldigerisco la cosa ma la accetto, di fatto non ne soffro poiché dopo solo una settimana inizio per puro caso la conoscenza di un'altra ragazza. Con lei le cose vanno a gonfie vele per circa 2 mesi e mezzo, con una sorta di miniconvivenza (lei abita da sola) dovuta ad una piena sintonia ed a uno stare bene reciproco. Alla volta di Febbraio però il vento cambia e lei non si sente di proseguire poiché non avverte né si professa in grado di potersi innamorare di me. Dopo freezer di un mese (nel quale io ho avuto la brillante idea di sentirmi con altre senza combinare nulla, ma a lei sono giunte le voci) decido di riprendere le poche cose che avevo da lei e togliere il disturbo (con testuali parole da parte sua "non mi sei mancato in questo mese") Poco dopo rivedo per un paio di volte la mia ex storica (la prima del racconto) che mi fa riemergere i bei momenti insieme, ma che poi mi chiede di allontanarsi in maniera definitiva poiché non intende più soffrire (nel periodo di "transizione" dice di aver sofferto molto l'abbandono seppur deciso da lei). Rivedo la mia ex il sabato prima di Pasqua in un locale e lei bellamente mi ignorava essendo in compagnia di un Tizio che la sbaciucchiava, e da li bloccata ovunque (social e WhatsApp). Aggiungo un altro fatto ovvero che abbia rivisto la mia "fiamma invernale" due volte nel giro di una settimana gli scorsi giorni dopo due mesi di silenzio (le scrissi ad Aprile di volerle dire tutto ciò che non sono riuscito a dirle nel nostro ultimo incontro del 7 Marzo), ed in una di queste due volte le ho chiesto se mi odiasse e sua risposta é stata "purtroppo sono fatta cosi". Dopo due giorni a riflettere le ho scritto un messaggio con scritto semplicemente di aver sbagliato a sentire altre mentre eravamo in freeze (situazione creatasi dalla sua non sicurezza di proseguire con me) e che lei mi manca (visto che mi mancano quei dettagli che si erano creati tra noi). Senza ricevere risposta alcuna Mia sensazione é che abbia un altro. Ora ciò che provo é un senso di vuoto enorme, anche se nel frattempo sono uscito e abbia chiuso con diverse ragazze ma nessuna delle quali mi -attragga come bellezza e sensualità come la mia ex -mi attragga mentalmente come la breve parentesi invernale Da qui la doppia OneItis Come uscirne? Nextare non mi aiuta...
  25. sprint

    40 minuti di ritardo.

    Per me 30 minuti passan come niente. Comunque io aspetterei e ne approffitterei per tagliare la parte dell'incontro dedicata alla conoscenza. E farla sentire un po' in debito
  26. Ophelia87

    La situazione si sta raffreddando?

    Quoto @ArmandoBis. Una persona con un’elevata opinione di se (alias autostima) non si comporta così e sopratutto vive il sesso serenamente e non come una moneta di scambio per avere rassicurazioni. Non ha senso verbalizzare timori che sono normalissimi all’inizio di una frequentazione, nessuna persona adulta (e spesso l’età anagrafica c’entra poco) inizia una conoscenza buttandosi con tutte le scarpe. Tutti, penso, abbiamo timore di essere delusi, di soffrire. Io, personalmente, i miei momenti di “dubbio” me li vivo e risolvo da sola, magari confidandomi con le amiche più strette ma certamente non scaricando le mie paure (benché legittime) sull’altro, sopratutto se questo altro l’ho visto due volte. Verbalizzare per aspettarsi quale risposta? “Ah hai fatto bene a dirmi che non vuoi soffrire, infatti guarda ti sto chiedendo ti uscire proprio perché il mio fine ultimo, dopo il sesso, è infliggerti le più atroci sofferenze, ma adesso che mi hai detto che non vuoi soffrire non farò nulla di tutto ciò, tranquilla”. Credo sia una cosa proprio inutile, nessuno (teoricamente) ti fa soffrire perché se lo era prefissato o volontariamente, sei tu e solo tu che puoi proteggere te stessa e basta, è un compito che non i può delegare all’altro. Se sei sicura di te e hai autostima sai anche come farlo, in caso contrario fai la vittima, quella scottata, quella che ha paura. Suvvia, abbiamo sofferto tutti nella vita! Non possiamo chiedere ad un altro di ledere le ferite pregresse. Quoto @Chief Seduction Officer nella sua lettura. Detto ciò, rimane il fatto che questa persona non la conosco, magari sbaglio, però per quello che ho letto fin ora tutto mi sembra fuorché sicura, e quando si frequenta qualcuno che ci piace tanto ma è tendenzialmente insicuro bisogna tenerlo bene a mente perché spesso è un campanello d’allarme.
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.