Vai al contenuto

Amon

Partecipante
  • Numero contenuti

    1471
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Amon

  • Livello
    Oratore

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Visite recenti

2669 visite nel profilo
  1. Arrivederci IS

    Credo approfitterò della latitanza generale di questo periodo per staccarmi un po' dal forum. Ultimamente vivo secondo modalità del tutto differenti e mi sento ormai abbastanza distante da questo mondo. Non sono arrivato del tutto agli scopi prefissati, ma certo non sono nemmeno fermo al punto di partenza. Diciamo che sto a metà. Esistono molteplici vie per migliorare se stessi. Esistono diverse strade per raggiungere i medesimi risultati. Forse nella vita c'è un tempo per una strada, un tempo per un'altra e così via. Comunque IS mi hai dato tanto (spero di averti dato qualcosa anch'io), tanti di voi mi hanno offerto grandiosi spunti di riflessione e mi siete stati vicino in momenti non esaltanti della mia vita sentimentale. Per questi motivi il mio è un arrivederci e non un addio. In bocca al lupo a tutti e buon proseguimento!
  2. La maggior parte delle borderline non ammette di avere un problema.. molte di loro se anche leggessero, al massimo penserebbero: "povere, queste stanno messe peggio di me". Credo che le stime ufficiali diano per border il 3% della popolazione italiana, ma proprio in funzione di quanto ho scritto sopra, la realtà e presumibilmente molto lontana dalle stime.
  3. Guarda, nel mio caso lei non appariva troppo a posto nemmeno agli occhi della società. Come ha scritto anche Purple, il disturbo è riscontrabile solo nel momento in cui invalida la qualità di vita della persona (non solo nel contesto sentimentale, ma in quasi tutti gli ambiti). Certo, quando era ospite a casa mia si mostrava come la persona più equilibrata del mondo.. ma i suoi erano miseri tentativi.. e i miei genitori fiutavano alla grande che c'era qualcosa che non andava in quella strana ragazza. Comunque ho letto nella "guida" molti tratti che la mia ex (psycho da manuale) non aveva; è difficile buttare giù linee precise! (io non ci ho nemmeno mai provato proprio per quello). si può al massimo rimandare al disturbo borderline di personalità.. che forse rimane la miglior direttiva. Molto sinteticamente, di base, la cosa che forse può davvero accomunarle tutte risiede nel fatto che nessuna di loro è capace di amare se stessa... e quindi nessuna può amare davvero un'altra persona.. può al massimo sentire il bisogno di possedere (ovviamente la mancanza di rispetto per il partner è la naturale conseguenza). Avere uno scambio di vedute (dal vivo, non sul forum) con chi mastica di psicologia, può far molto bene a chi si ritrova invischiato in questo tipo di storie. Ci ho messo 5 mesi a riprendermi quasi del tutto da una storia di un anno con una signorina di sto tipo... danger zone!
  4. La notte perfetta.

    Perduta adolescenza...
  5. La testa repellente

    Il punto è che certe donne intelligenti (poche per quella che è la mia esperienza), si fossilizzano così tanto sul piano mentale e teorico delle cose che proprio non ti danno la possibilità di costruire una connessione mentale e fisica decente. Un cervello funzionante, in una donna, a me eccita parecchio. Io per "cervello funzionante" però intendo anche senso dell'humor, creatività, generosità, larghezza di vedute. La fredda intelligenza è noiosa. Il problema non sta di certo nella tua intelligenza, fidati. Più verosimilmente, se hai problemi con la sfera maschile, ci sono aspetti, nel tuo modo di relazionarti agli uomini, che escludono troppo nettamente dalla loro immaginazione l'elemento sessuale. L'ironia, comunque, fa molto.
  6. Domanda stupida...

    Il sesso... e anche tutto il processo di innamoramento (o comunque di 'affezzionamento'), che ti fotte, e che ti porta presto a comportarti in maniera non-virile, non-naturale, non-maschile... e potrei andare avanti per ore. Perché parlandoci molto chiaramente, dopo pochissimo tempo di relazione esclusiva con la stessa, cominciano quasi sempre le famose rotture di coglioni. Che in ogni storia assumono sfaccettature diverse, ma sempre quelle sono. Scusate l'OT. Ma è per dire che: se prima le piacevi e dopo non le piaci più, il motivo principale molto probabilmente è il tuo inzerbinamento, la tua femminilizzazione. E in ultimo direi che il modo migliore per piacere a quelle a cui di solito non piaci, è essere fin da subito diverso da come sei di solito (in genere più naturale, meno bavoso-bisognoso). Ultimamente sto abbandonando la mia solita 'maniera tecnica' di relazionarmi alle ragazze, abbracciando quindi la spontaneità (senza dimenticarsi però i principi cardine della seduzione, l'ABC, che però sono da me ormai abbondantemente assorbiti): risultati triplicati.
  7. mi sento un ragazzino a fare sti k-close ahah!

    1. Ghøst

      Ghøst

      E' quello il bello :)

  8. Se per te è importante che lui capisca che non lo stai prendendo per il culo, glielo devi dire chiaramente e magari spiegargli un po' i motivi della tua ritrosia. Comunque nella parte quotata è racchiuso il problema... e non è per nulla un'inezia. Sono sempre più convinto che un po' di psicoterapia non possa che far bene (se non risolvere alla radice tutti i principali problemi) alla maggioranza degli utenti (maschi o femmine) iscritti qui.
  9. Ragazzi, questo film. Guardate questo film.

    E' un film maturo. Chi non ha fatto determinate esperienze, vissuto certi stati d'animo o non ha mai riflettuto seriamente su alcune possibili conseguenze della seduzione, non può ovviamente comprenderlo. Non immenso, ma è comunque una pellicola di ottimo livello.
  10. Ego vs Autostima

    Essere gratificati dai complimenti è umano e naturale, ma se fai dipendere il tuo livello di felicità solo da quello, ovviamente non va bene. Detto questo, se vogliamo tagliare con l'accetta le situazioni da te descritte, nel primo caso mi sembra ci sia ego da riempire, nel secondo una buona autostima. Te che dici?
  11. Relazione con una narcisista

    Per poter utilizzare i messaggi privati devi arrivare a 30 post. Se ritieni la tua storia troppo personale ma vuoi comunque parlarne, scrivimi pure in privato, leggerò volentieri.. la mia la trovi in firma. Sono d'accordo sul fatto che ne esci rafforzato... io direi che, principalmente, ne esci con una consapevolezza del tutto nuova e che, volente o nolente, userai in futuro per operare scelte più utili al tuo benessere.
  12. Relazione con una narcisista

    Ho messo like a questo tuo ottimo intervento perché rende benissimo l'idea di cosa vuol dire invischiarsi in una relazione disfunzionale. Ma personalmente continuo a sostenere che puoi mettere in allerta quanto vuoi; se uno è fatto in un certo modo, attirerà un certo tipo di persone. Non dico che hai il destino segnato. Ma la prima volta ti servirà per capire. Devi passarci sopra, altrimenti capirlo leggendo dei semplici post è IMPOSSIBILE. La differenza tra una relazione 'psycho' e una sana è abissale, ma non puoi mai mettere realmente in guardia (io ne avevo letto allo sfinimento, eppure ci sono cascato ugualmente). E' come pretendere di insegnare a guidare con delle spiegazioni teoriche a uno che non ha mai guidato. Detto questo, grazie per il tuo intervento e aspetto anch'io la guida (che servirà fino a un certo punto... stai pur certo che, purtroppo, non salverai nessuno dal dolore delle prossime psycho).
  13. Mindset sputtanato da tre anni.

    E' ottimo il tuo livello di auto-osservazione e pregevole il fatto che con le tue sole forze stai tentando di venire fuori da una situazione non bella. Meno positivo (per il tuo benessere) è il disinteresse per tutto quel che è estraneo a te e, credimi, assieme alla tua incapacità di stare in gruppo, denota una grave assenza di skills sociali (purtroppo fondamentali per vivere serenamente). Non che non si possano (ri) acquisire, ma ci devi lavorare.. eventualmente con psicologo/a. Poi sullo sfondo intravedo una negatività piuttosto accesa, sepolta alla meno peggio sotto una coltre di finta positività. Se davvero sei qui per migliorarti, fai in modo che quella positività diventi reale. A mio avviso, così a naso, hai molto da lavorare... però sembri esserne cosciente ed è già qualcosa. Aivia ti ha scritto semplicemente 'ti ascolto' e forse è semplicemente di questo che hai bisogno, di essere ascoltato. Trova qualcuno anche nella vita vera, mi raccomando.
  14. mi manca BANE..

    1. Motivator

      Motivator

      perche' , dov'e' finito?

    2. BANE

      BANE

      Esatto,dov'è finito quel simpatico culattone?

    3. Amon

      Amon

      Allora ci sei, maledetto rovina-sfinteri...

  15. Cosa è una "phsyco"?

    Per quella che è la mia esperienza posso dire che è proprio così che cominciano questi rapporti, con una dolcezza infinita. C'è romanticismo, ma non troppo. Lei rispetta i tuoi spazi. E c'è dell'ottimo sesso. Poi, come hai scritto, si comincia a sapere dei problemi familiari che si porta dietro e lei inizia a dare di matto sempre più spesso, chiede attenzioni in maniera sempre più pressante (e spesso in modi assurdi). Ti porta prima in cielo e poi sottoterra. Ma non lo fa apposta, è proprio il suo modo di vedere il rapporto con te e col mondo in generale. Ma a questo punto si è già troppo coinvolti e si tende a proseguire nonostante tutto. Ci rimani assieme sopportando comportamenti normalmente-intollerabili. Poi accade qualcosa di "grosso", tipo il test che ti ha fatto dicendoti che era incinta. Nel mio caso aveva provato a mollarmi senza nessun motivo... 2 ore dopo era in lacrime e chiedeva perdono, affermando che non l'avrebbe fatto mai più! Qui prendi piena consapevolezza dei suoi disturbi. Ma di solito vai ancora avanti, nonostante tutto. Perché non è la sua instabilità che ti fa decidere, infine, di troncare. Trovi il coraggio di mandarla definitivamente affanculo solo il giorno in cui ti manca di rispetto in una maniera plateale, che non ti saresti mai immaginato. Quel giorno penso che sia arrivato per tutti quelli che hanno frequentato una psycho (o forse per voi è stato più graduale.. non so..). Nel mio caso, all'improvviso, ho perso proprio la stima che avevo di lei.. e a quel punto ho sentito, da un momento all'altro, rompersi qualcosa che non si sarebbe mai più aggiustato. Era finito l'amore, era finito tutto. Nonostante questo, continuerò sempre a ribadire che se attiriamo una ragazza del genere, in noi non va tutto benissimo... ... e in questi casi, secondo me, passarci almeno una volta nella vita può essere un bene, se non altro per capire meglio se stessi, le dinamiche che ci governano (e ovviamente fare tesoro dell'esperienza vissuta per il futuro).
×