Vai al contenuto

Contro l’ ansia da approccio. Consigli da riflessioni personali.


Frankso
 Condividi

Messaggi raccomandati

Frankso

A mio avviso una buona fetta di utenti di questo forum vuole sconfiggere la fatidica e temutissima ansia da approccio. Con questo post vorrei esporre qualche mia riflessione basandomi su quello che nella mia esperienza mi è particolarmente servito. Ammetto di non essere arrivato ad un traguardo “definitivo”, spesso se vedo una HB particolarmente avvenente mando a puttane la famosa regola dei tre secondi e mi blocco come uno stoccafisso impalato, ma nel mio personale percorso ho avuto diversi traguardi e ammetto di aver visto anche risultati che fino a tempo fa potevo scordarmeli.

Premetto che considero assolutamente valida la regola dei tre secondi e quanto descritto nei manuali, di non stare tanto a pensarci ma di buttarsi nel più breve tempo possibile, ma questo a mio avviso non è abbastanza.

Bisogna fare una cosa tanto semplice quanto essenziale: abituarsi a parlare con gli sconosciuti. Sembra scontato ma non lo è. Posso essere un asso nel fiondarmi a pesce verso una HB, ma se non sono abituato al dialogo con chi non conosco :

- Sarò impacciato

- Userò solamente routine e opener bloccandomi e passando da un discorso all’ altro magari senza senso

- Sarà palese il fatto di voler conquistare con il rischio di trovarmi di fronte delle piccole/grandi barriere

Ora, mi sembra logico che chi è relativamente introverso o timido (io lo ero per primo), chi non è abituato a parlare tranquillamente incapperà in questi ostacoli risultando tremendamente “forzato”, per cui, la miglior soluzione a mio avviso sta proprio nell’ iniziare a parlare con CHIUNQUE E OVUNQUE come se fosse un allenamento. Prima di tutto, a prescindere dai veri scopi, la qualità della vita a mio avviso migliora, perché avremmo meno tempo di farci seghe inutili su nostri cazzi, e pian piano impareremo ad essere estroversi, a non aver paura di parlare con chi non conosciamo, e soprattutto a essere SPONTANEI.

Dev’ essere un esercizio quotidiano. Sei al supermercato? Scusi ma quale prosciutto mi consiglia? Sei in un negozio di abbigliamento? Secondo te quali jeans mi stanno meglio? Sei alla fermata dell’ autobus vicino ad un vecchietto? Certo che fa un gran freddo…Dite cazzate, ovvietà, luoghi comuni, fate figure di merda con il rischio di sembrare matti… ma fregatevene, parlate parlate e parlate, soprattutto quando siete da soli. Pian piano diventerà un automatismo e con un po’ di perseveranza avrete alcuni benefici quando aprire una HB:

- Sarete spontanei

- L’ intenzione di sedurla traspare ma sarà una cosa talmente sottile che lei non si sentirà “alle strette” e non alzerà le difese

- Sarete capaci di passare da un discorso all’ altro senza dover inventare chissà quali fesseria

Una volta che avete ottenuto un po’ di spontaneità e sicurezza, per continuare l’ interazione potete ricorrere alle vostre routine, a qualche storiella, ma sarà tutto molto più naturale, e qualsiasi discorso vorrete affrontare risulterà più sciolto.

Lo so, sembra tutto così scontato. Ma siamo sicuri? Tempo fa avevo talmente focalizzato le mie energie su combattere l’ ansia da approccio, che una volta passato qualche scoglio, rimanevo comunque impantanato tra i discorsi, e non uscendo tutte le sere, e non incontrando sempre HB che mi interessavano particolarmente, ovvio che il processo di abbattimento di questa barriera si fa molto più lungo. “Allenandomi” nella vita di tutti i giorni, soprattutto con persone da cui non mi aspetto nulla, non ha fatto altro che slegare certi nodi nel mio modo di rapportarmi agli sconosciuti, perché una HB7.5 che voglio conoscere in un pub E’ COMUNQUE UNA SCONOSCIUTA.

La scorsa settimana io e un mio amico avevamo invitato due ragazze a cena. Ok, una delle due è una mia recente “partner”, ma la sua amica era per me una sconosciuta. Ieri la mia HB mi ha chiamato dicendomi che la sua amica si è divertita un casino, dicendo che si meravigliava di quello che mi aveva detto lei, del fatto fossi un ragazzo silenzioso (la conosco da diverso tempo, ma solo da poco + intimamente) , perché non sono stato zitto un attimo. Vi dico questo perché vi assicuro che non mi era mai capitato. Non mi aveva mai detto nessuno che parlo molto. Sono sempre passato per quello introverso. Ma attenzione. Io non dico che questo sia un aspetto così negativo della personalità, ma ahimè, se parliamo di approccio direi che è abbastanza invalidante.

Poi è naturale che chi è particolarmente ostico deve partire da un buon inner game e un briciolo di sicurezza. Essere sciolti verso il prossimo non sempre è un traguardo facile, ma ci si può lavorare.

Non sono un perfetto seduttore, quello che ho riportato fa parte dei miei traguardi personali, ma se queste considerazioni basate sul mio vissuto possono aiutare qualcuno… ben venga.

Per cui tutti fuori a parlare come matti, avremmo più picchiatelli in giro, ma picchiatelli felici perché va a finire che questi qui trombano pure…

Modificato da Frankso
  • Mi piace! 8
Link al commento
Condividi su altri siti

gingi93

Condivido pienamente! Solo iniziando a parlare con degli sconosciuti possiamo scoprire molti dei nostri difetti.. proprio oggi in palestra ho scoperto che tendo a parlare con la voce troppo bassa oppure faccio dei discorsi che non stanno ne in cielo e ne in terra xD

Link al commento
Condividi su altri siti

Cro-Mag

Ragazzi, l'ansia d'approccio è solo un'invenzione dei PUA-autori, perchè nella realtà non esiste.

Si tratta in realtà di ansia sociale/sessuale, e lo capisci dal fatto che se avessi la consapevolezza di poterla sedurre, non avresti nessun timore di andarci a parlare; se si trattasse di una ragazza brutta, stessa cosa.

L'ansia d'approccio non esiste.

Link al commento
Condividi su altri siti

IlPianista

Ragazzi, l'ansia d'approccio è solo un'invenzione dei PUA-autori, perchè nella realtà non esiste.

Si tratta in realtà di ansia sociale/sessuale, e lo capisci dal fatto che se avessi la consapevolezza di poterla sedurre, non avresti nessun timore di andarci a parlare; se si trattasse di una ragazza brutta, stessa cosa.

L'ansia d'approccio non esiste.

A meno che uno non abbia veramente dei problemi socio-relazionali allora concordo con te; io per esempio parlo con tutti e apro anche molto facilmente, ma quando vedo una veramente FIGA, mi faccio un pò troppe pippe mentali e non la apro.

Comunque anche io ci stò lavorando, quando mi trasferirò in città allora avrò a disposizione tutta la settimana per uscire a conoscere gente, qui dove sono ora posso sfruttare solo il fine settimana e questo non mi basta per sbloccarmi... servirebbe potersi allenare tutti i giorni, poco per volta ma costantemente; adesso mi trovo a dover fare tutto in 1 - 2 giorni e se ci mettete anche che ogni tanto potrei essere stanco/nervoso/incazzato/sfavato capirete che alla fine i set che apro al mese sono troppo pochi '-.-

Sono anche del parere che la quantità non aiuti, nel senso che se riuscissi ad aprire una perfetta sconosciuta ( HB sopra all' 8 ) e a f-chiuderla avrei una botta di autostima impressionante;

quindi preferirei meno set aperti ma con una maggiore percentuale di successo.

Modificato da IlPianista
Link al commento
Condividi su altri siti

l_b

quindi preferirei meno set aperti ma con una maggiore percentuale di successo.

Lo preferiremmo tutti, ma a priori non si può sapere come andrà...:)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ragob

si... l'ansia da approccio non esiste, ma esiste appunto la paura di parlare con chi non conosci :D

forse per la paura di far brutta figura o robe simili... e questo si supera soltanto parlando (come gia detto) con chiunque ti capiti a tiro...

dal macellaio, dal barbiere, nei negozi... ogni scusa è buona per dire la tua...

Link al commento
Condividi su altri siti

Cro-Mag

si... l'ansia da approccio non esiste, ma esiste appunto la paura di parlare con chi non conosci :D

forse per la paura di far brutta figura o robe simili... e questo si supera soltanto parlando (come gia detto) con chiunque ti capiti a tiro...

dal macellaio, dal barbiere, nei negozi... ogni scusa è buona per dire la tua...

Beh, se si ha paura persino di fermare una vecchietta per strada per chiedere un'informazione, il problema è serio.

Comunque, non è scritto da nessuna parte che uno debba approcciare sconosciute per migliorare nella seduzione. Si può agire anche attraverso altri canali.

Link al commento
Condividi su altri siti

Frankso

@CRO

Dire che l’ ansia da approccio non esiste mi sembra molto azzardata. A parte le similitudine con l’ ansia sociale in genere, dal momento che vediamo una ragazza interessante, vorremmo conoscerla, vorremmo andare da lei e dirle la prima cagata che ci viene in mente e a questo punto piano piano salgono mille dubbi, mille pensieri e timori. Direi che il nome di “ansia da approccio” calza a pennello. Poi se vogliamo analizzare il termine per trovare mille sfaccettature diverse ok, ma non ci trovo nulla di errato nel chiamarla così. E’ ansia, inutile nasconderlo, ed è “d’approccio” perché nasce da questo.

Puoi avere la consapevolezza di poterla sedurre, come dici, ma potresti benissimo avere tutti i timori nel fare il primo passo.

Non è "per migliorare la seduzione" sanno fare tutti ad andare a parlare con una HB, ma non sarà certo quello a fartela portare a letto. Qui stiamo parlando di Ansia D'Approccio, che esiste, e che come proprio significato ha quello di prendere su ed andare a dire 4/5 cazzate con una tipa che che vedi in giro. dal momento che uno può non essere abituato a fare questo, può essere d'aiuto iniziare ad avere una visione del dialogo molto più ampia che, oltre ad essere costruttiva su altri livelli, ti porta NATURALEZZA anche sul livello di approccio.

@Il pianista

IO non collocherei questo tipo di timori in problemi socio-relazionali, a parte in questo frangente non è detto che a tutti interessi di parlare con gli sconosciuti. Mi viene da dire che alla maggior parte delle persone non interessa affatto. Che sia poi una triste realtà quello è un altro discorso.

In alcuni casi, soprattutto in riferimento a chi ha difficoltà nel parlare con qualsiasi tipo di HB, la quantità aiuta, perché dopo ogni singolo episodio si può pian piano ottenere dei risultati e raggiungere un grado di scioltezza maggiore. Poi chiaramente il target può alzarsi.

Ok, puoi aprire (anche senza f-chiudere) una HB8, ma sono troppe le variabili in un qualsiasi tipo di approccio. In questo caso allenarsi con i più svariati tipi di interazione può solo aiutare. Il fatto che da una HB8 ti arrivi una botta di autostima del genere sicuramente giova, ma a favore anche di altri meccanismi, se poi incontri una HB7 che a livello di dialogo ti da del filo da torcere, potrebbe trovarti un po’ …impreparato.

Il successo nel cercare di bypassare questo scoglio non sta nel chiuderla, ma da capire che a prescindere da come andranno le cose, sei partito facendo due chiacchere con una sconosciuta, che NON MORDE. Il reso è capacità di seduzione e altro.

Ad ogni modo io parlavo proprio per chi come me aveva inizialmente qualche blocco, il fatto di aprirsi in differenti situazioni ha aiutato molto, anche se la mia indole non è cambiata più di tanto.

Modificato da Frankso
Link al commento
Condividi su altri siti

Frankso

Condivido pienamente! Solo iniziando a parlare con degli sconosciuti possiamo scoprire molti dei nostri difetti.. proprio oggi in palestra ho scoperto che tendo a parlare con la voce troppo bassa oppure faccio dei discorsi che non stanno ne in cielo e ne in terra xD

esatto gingi93 bravo. come nel mio caso devi partire da questo. Così quando se ne presenta l' occasione non spiattellerai unicamente frasi fatte, routine, storielle assurde ma avrai acquisito un po' + di naturalezza che ti evita di bloccarti. Poi ovvio, se inconri proprio una bella figa che ti imbarazza è normale, non è una tragedia. Ma secondo me con la pratica arrivi a paroneggiare molto di + la situazione.

Link al commento
Condividi su altri siti

Bamboocha

Io ho superato l'ansia da "approccio" con gli sconosciuti, anzi non me ne fotte niente.. Il problema è quando c'è qualcuna che mi piace che già conosco, lì iniziano le seghe mentali su cosa fare-dire-pensare si può dire che ho l'ansia da "interazione" con la gente che mi piace parecchio.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...