Jump to content

Seminario con Byron Katie: Amare ciò che è - The Work of Byron Katie - Rimini - Giugno 2012


TAuRus
 Share

Recommended Posts

TAuRus

BYRON KATIE in Italia con

"AMARE CIÒ CHE È"

4 domande che possono cambiare la tua vita

seminario-amare-cio-che-e-the-work-of-byron-katie_46303.jpg?1331807166

Byron Katie ha un unico compito: insegnare alle persone come porre fine alle proprie sofferenze. Grazie al semplice, eppure molto potente, metodo d'indagine, chiamato The Work (Il Lavoro), la gente scopre che anche i pensieri e le convinzioni più negative e stressanti - riguardanti la vita, il lavoro, gli altri o perfino se stessi - non determinano le loro vite.

Unisciti a Katie in questo straordinario viaggio di auto-scoperta.

Con l'humor e la chiarezza incisiva che la contraddistinguono, Katie ci mostrerà come identificare eanalizzare i pensieri negativi che causano sofferenza e violenza nel mondo, al fine di sradircarli definitivamente dalle nostre vite e ritrovare la libertà.

Nel corso del seminario i partecipanti avranno l'opportunità di porre delle domande e di praticare il Lavoro con Katie.

Byron Katie pone quattro domande che, applicate ad un problema specifico, consentono di vederlo sotto una luce completamente diversa e ci offre un efficace processo di indagine chiamato Il Lavoro (The Work) impiegato da persone di ogni età e formazione, grazie al quale si può scoprire come anche le convinzioni più stressanti riguardo la vita, gli altri o se stessi possono mutare radicalmente, mentre l' esistenza si trasforma positivamente in modo irreversibile.

Questo processo rivoluzionario non solo ci mostra che tutti i problemi hanno origine nei nostri pensieri, ma ci offre anche lo strumento per aprire la nostra mente e ritrovare la libertà!

Eckhart Tolle, autore de Il Potere di Adesso, afferma: "Il Lavoro funziona come una spada affilata a rasoio, che taglia attraverso le illusioni e ti permette di conoscere in modo diretto l'essenza eterna del tuo essere".

Che cosa è Il Lavoro:

Il Lavoro (The Work) è un metodo d'indagine semplice ma allo stesso tempo efficace che t'insegna a individuare e analizzare i pensieri che causano sofferenza nel mondo.

È una tecnica volta a comprendere cosa ti fa stare male, e di conseguenza ad affrontare e gestire i tuoi problemi con chiarezza.

Cosa Imparerai:

Praticando Il Lavoro in maniera costante, si otterranno risultati notevoli, quali:

freccia-verde-con-riquadro.jpgAlleggerire la depressione: ritrovare determinazione e persino felicità in situazioni che una volta erano debilitanti

freccia-verde-con-riquadro.jpgMigliorare le relazioni: fare esperienza di un nuovo senso di connessione e intimità con il tuo compagno, con i tuoi genitori, con i tuoi figli e con te stesso

freccia-verde-con-riquadro.jpgRidurre la rabbia: capire cosa ti fa arrabbiare e risentire, e diventare meno reattivi, arrabbiarsi più raramente e in modo meno intenso

freccia-verde-con-riquadro.jpgIncrementare la chiarezza mentale: vivere e lavorare in modo più intelligente ed efficace, con integrità

freccia-verde-con-riquadro.jpgPiù energia: sperimentare una nuova sensazione continua di vigore e benessere

freccia-verde-con-riquadro.jpgPiù pace: scoprire come diventare un amante di ciò che è

Struttura del Corso

Il Seminario che ha come relatore Byron Katie si svolgerà Giovedì 21 Giugno 2012 dalle 15.00 alle 20.00 presso il Palazzo dei Congressi di Bellaria (Rimini).

Come è nato Il Lavoro

Verso i trent'anni Byron Katie cadde in profonda depressione. Per quasi dieci anni si ritrovò in una spirale discendente di rabbia, disprezzo di se stessa e pensieri suicidi costanti; negli ultimi due anni le era spesso impossibile anche solo uscire dalla sua stanza da letto.

Poi, una mattina di febbraio del 1986, fece esperienza di una consapevolezza che rivoluzionò la sua vita. Ci sono vari nomi per un'esperienza come la sua. Katie la definisce come un "risveglio alla realtà".

In quell'istante fuori dal tempo, lei dice:

Scoprii che quando credevo ai miei pensieri soffrivo, e quando non ci credevo non soffrivo, e che questo è vero per ogni essere umano. La libertà è proprio così semplice. Ho scoperto che la sofferenza è facoltativa. Ho trovato in me stessa una gioia che non mi ha più abbandonato, neppure per un secondo. Quella gioia è in ognuno di noi, sempre.

Katie si rese conto che la causa della sua depressione non era stata il mondo intorno a sé, ma le convinzioni che lei aveva riguardo al mondo. Invece di tentare disperatamente di cambiare la realtà per adeguarla alla sue credenze di come avrebbe dovuto essere, ora poteva indagare queste credenze e, accogliendo la realtà per com'era, fare esperienza di una gioia e di una libertà inimmaginabili. Il risultato fu che una donna confinata a letto e ossessionata dall'idea del suicidio, si scoprì improvvisamente piena d'amore per tutto ciò che offre la vita.

Il processo di autoindagine di Katie, chiamato Il Lavoro, non si è sviluppato da questa esperienza; lei dice che si è risvegliato insieme a lei, Il Lavoro era lei, quella mattina di febbraio del 1986. Le prime persone che sperimentarono Il Lavoro dichiararono che aveva trasformato le loro vite, e presto Katie cominciò a ricevere richieste per insegnare il processo in pubblico.

Dal 1986, Katie ha donato Il Lavoro a centinaia di migliaia di persone in ogni parte del mondo: in eventi pubblici gratuiti, in carceri, ospedali, chiese, ditte, università, scuole, in corsi di fine settimana, e alla sua straordinaria School for The Work (Scuola per Il Lavoro) che dura nove giorni.

I “Detti” di Katie

Quando sei in conflitto con la realtà perdi, ma solo il 100% delle volte.

Le personalità non amano: vogliono qualcosa.

Se avessi una preghiera, sarebbe questa: “Dio, risparmiami il desiderio di amore, approvazione e apprezzamento. Amen”.

Non avere la pretesa di essere più evoluto di quello che sei

Una mente non indagata è la sola sofferenza.

O credi in ciò che pensi o lo indaghi. Non ci sono altre scelte.

Nessuno può farmi del male: questo è compito mio.

La cosa peggiore che sia mai accaduta è un pensiero non indagato.

La sanità mentale non soffre, mai.

Se penso che tu sei il mio problema, sono pazza.

Non sono io a lasciare andare i miei pensieri. Io li indago. Poi loro lasciano andare me.

Ti allontani completamente dalla realtà quando credi che ci sia una giusta ragione per soffrire.

La realtà è sempre più gentile delle storie che ci raccontiamo.

Sono certa che tutto il mondo mi ama. Semplicemente non mi aspetto che l’abbiano già realizzato.

Non ci sono problemi fisici, solo mentali.

La realtà è Dio, perché è al comando.

Quando sono perfettamente lucida, ciò che è è ciò che voglio.

Opporsi alla realtà è come cercare di insegnare a un gatto ad abbaiare: non c’è speranza.

Come faccio a sapere che non ho bisogno di ciò che voglio? Non ce l’ho.

Perdonare è comprendere che quel che pensavi fosse accaduto, non è accaduto.

Tutto accade per me, non a me.

Gratitudine è ciò che siamo senza una storia.

Dicono di Byron Katie

"Un'innovatrice spirituale per il nuovo millennio"

Time magazine

"L'amore rigoroso di Katie, preciso come un laser

brucia via tutte le illusioni"

The Times

"Byron Katie è una delle insegnanti veramente

grandi e ispiratrici del nostro tempo.

Mi ha aiutato moltissimo personalmente.

Amo questa donna così saggia"

Dr. Wayne W. Dyer, autore di La voce dell'ispirazione

“Immagina di poter trovare un modo semplice

per accogliere tutta la tua vita con gioia,

per porre fine al conflitto con la realtà,

e per raggiungere la serenità in mezzo al caos.

Questo è quanto offre Amare ciò che è.

Niente di meno che un modo rivoluzionario di vivere la tua vita.

La domanda è: siamo abbastanza coraggiosi da accettarlo?”

Erica Jong, autrice di Paura di volare

logo-seminario.jpg

  • Mi piace! 2
Link to comment
Share on other sites

Evento senza dubbio interessante, ma parlare di "ritrovare la libertà"...

Insomma, la Libertà, come la intendo io, non è una condizione mentale che fai tua con un corso.

Link to comment
Share on other sites

TAuRus

Evento senza dubbio interessante, ma parlare di "ritrovare la libertà"...

Insomma, la Libertà, come la intendo io, non è una condizione mentale che fai tua con un corso.

ciao shak, io non so qual'è il tuo concetto di Libertà, ma so per certo che non è questo il topic giusto per discuterne. Se ci vuoi parlare del tuo concetto di Libertà puoi usare la sezione Inner Game.

Questo topic è dedicato a coloro che percepiscono l'importanza dell'evento e vogliono unirsi alla nostra squadra per scoprire qualcosa di interessante e fare relazioni ad un grande evento con centinaia di partecipanti...

Link to comment
Share on other sites

XXchaking

Questo topic è dedicato a coloro che percepiscono l'importanza dell'evento e vogliono unirsi alla nostra squadra per scoprire qualcosa di interessante e fare relazioni ad un grande evento con centinaia di partecipanti...

Mi raccomando ragazzi e' un corso serio e per coloro che veramente vogliono crescere a 360°. Ricordo inoltre a tutti che se volessero dire la propria di non usare questo post (che ha fini organizzativi) e di parlarne solo per esperienze dirette (che sono le uniche attendibili in ogni situazione)

Comunque io ci sono! Dopo il corso di Ananda Giri (e sopratutto degli eventi che stanno succedendo dopo il corso!) questo e' da fare assolutamente!!!

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.