Jump to content
stenford

Focus

Recommended Posts

stenford

Premetto che:

-ho provato a cercare tale tecnica in questa sezione, ma non ho trovato niente..

-non ho letto libri di PNL ma è una cosa che ho provato e ho visto che per me funziona.

Bando alle premesse.. ciò che vi voglio illustrare è quello che io definisco FOCUS.

Riprendendo una delle celebri frasi di Marco Aurelio (presente nella mia firma) :

"La nostra vita è conseguenza dei nostri pensieri"

Quindi il mio modesto parere è che non esistano persone timide o persone estroverse, ma esistono persone che pensano di essere timide e che pensano di essere estroverse..

Insomma se si agisce sui propri pensieri si modifica la propria personalità!

Come fare ciò?

Tramite immagini mentali!

E' molto più semplice associare un'immagine mentale alla caratteristica che si vuole assumere rispetto a definire un pensiero positivo(per esempio: "io sono figo")..in fondo il nostro cervello lavora per immagini..

Vi faccio un esempio pratico:

1)Innanzitutto immaginate una zona in cui dirigere queste immagini mentali.

La dovete fare voi e sarà il vostro "Banco Memoria". Nel mio caso un foglio bianco.

2)Definite la caratteristica che volete assumere. In questo caso voglio assumere l'atteggiamento estroverso.

3)Definite un'immagine mentale univoca.(Definisco due modi di creare le immagini con esempio):

-Se si tratta di un atteggiamento adoperato da un vostro conoscente allora la vostra immagine sarà quella persona mentre svolge quel comportamento preciso. Nel mio caso(atteggiamento estroverso) immagino un mio noto amico che urla e che distende il palmo della mano in avanti(immagine che mi ricollega per associazione a tale atteggiamento).

-Se volete usare un'immagine mentale allora dovete lavorare per associazioni di immagini. L'esempio è relativo a tale concetto: "Se si è sicuri di se stessi e delle proprie abilità si crea un area magnetica che attira le hb"

Ottimo la mia immagine mentale sarà una calamita.

4) Piazzate tali immagini nel vostro "Banco Memoria"

Fatto ciò l'effetto dovrebbe essere una modifica del vostro atteggiamento e modo di porvi nel verso desiderato.

Con questa tecnica riesco facilmente a ricondurmi a "status" desiderati in tempo relativamente breve .. in particolare utile nell'ottica della seduzione..

Infatti per esempio in base all'occasione e all'evenienza riesco a tenere comportamenti diversi ,dalla graniticità suggerita da

60s

tiahuanaco10.jpg

(immagine mentale presa da un post di witcher) ad altro ancora... insomma serve

solo fantasia

:)

Edited by stenford

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pac

Ciao Stendford. Vin di carlo nel suo libro parla appunto di quanto sia importante il focus e di come cambiare il mindset possa essere determinante nelle relazioni sociali

Ora,siamo d'accordo su questo.La scelta di focalizzare l'attenzione su una cosa piuttosto che su un altra cambia le regole del gioco.

Ad esempio, Come mai spesso non si ci ricorda il nome delle persone appena presentate? questo perche' il nostro mindset e' centrato sull trovare approvazione. Se riuscissimo ad impostare il mindset su "cosa puo' portare di buono questa persona sulla nostra vita",ad analizzare lei piuttosto che noi,dando scontato che noi siamo "ok" riusciamo a cambiare modo di porci,e l'interazione non puo che trarne benefici

Ma,io mi chiedo,e' davvero possibile ,per una persona (come me,sottolineo) poco loquace , timida (sono d'accordo con te,questo e' perche io penso di essere timido,credo sia l'atteggiamento piu' facile da cambiare) diventare instantaneamente estroversa??

Non credo di avere il dono della parlantina :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

stenford

attenzione!

non scambiare essere estroversi con la parlantina facile!

Da definizione: letteralmente, il tendere al di fuori di sé, il dirigere l'attenzione all'esterno.

Chi ha la parlantina facile(parla tanto e certe volte anche troppo) è all'opposto del timido ma non è in una situazione sana. Infatti tende a essere bisognoso dell'attenzione altrui.. (atteggiamento pessimo).

Ma,io mi chiedo,e' davvero possibile ,per una persona (come me,sottolineo) poco loquace , timida (sono d'accordo con te,questo e' perche io penso di essere timido,credo sia l'atteggiamento piu' facile da cambiare) diventare instantaneamente estroversa??

Non credo di avere il dono della parlantina

Leggiti "Le vostre zone erronee" di Dyer Wayne W. .. spiega perchè questo tuo atteggiamento sia sbagliato in toto...(non smetterò mai di ripetere di leggere questo libro)

In generale questo metodo ha come presupposto che tu abbia assimilito il concetto che tu non sei una persona timida,estroversa blablabla.. ma sei una persona che pensa di essere timida,estroversa blablabla...

Se non hai questo concetto chiaro nella mente allora questa tecnica è un inutile spreco di tempo ..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pac

Leggiti "Le vostre zone erronee" di Dyer Wayne W. .. spiega perchè questo tuo atteggiamento sia sbagliato in toto...(non smetterò mai di ripetere di leggere questo libro)

Dove posso trovarlo?nella sezione riassunti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dream06

Leggiti "Le vostre zone erronee" di Dyer Wayne W. .. spiega perchè questo tuo atteggiamento sia sbagliato in toto...(non smetterò mai di ripetere di leggere questo libro)

Quoto. Tutti dovrebbero leggere quel libro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stylez

E' interessante quello che scrivete, anche io ho letto le vostre zone erronee e personalmente penso che sia un libro azzeccato.

L'altro giorno abbozzavo l'idea che esistessero tre grossolane categorie di comportamento: una quella del consumatore, l'ibrido e l'ultima quella del produttore, disposte a gradiente (dall'estremo all'estremo come un metro)

Ossia senza entrare eccessivamente nello specifico:

  • lo spettatore che vorrebbe partecipare ma si limita a osservare, ascoltare provare il...
  • Partecipante, che interagisce insieme agli altri con il...
  • Presentatore, che produce i discorsi e le associazioni

Arrivando al punto, interagire con il gruppo richiede il dispendio di una certa quantità di energia, il presentatore (PUA o no) è abituato a fare associazioni, produrre dialoghi e guidare il gruppo spendendo poca energia, ha le esperienze per farlo. E' insensibile in parte al giudizio degli altri (altrimenti diventerebbe presto un Partecipante) e ha maturato buone ancore per cavarsela quando cercano di "Ingabbiarlo".

Il partecipante è quanto di più comune si trovi, si può dire di lui che se la cava..

lo spettatore (l'estremo opposto) valuta probabilmente di non agire perchè ha a che fare con le sue paure, le opinioni dei partecipanti che si sono fatti da secoli un'idea di lui (ambiente sociale) e l'enorme quantità di energia che serve per renderlo presentatore (andare contromano nella strada delle sue abitudini / ancore / comportamenti) quindi decide di lasciare perdere ma in realtà rafforza la sua idea di rimanere spettatore, in un circolo vizioso.

Quindi stenford per me ha lanciato un metodo efficace che dovrebbe costituire lo strumento base per passare da spettatore a Presentatore, passivo ad attivo, da timido a loquace, ossia l'uso degli ancoraggi. Secondo mè potrebbe essere ancora più potente se si facessero anche soluzioni ibride per poter creare un alfabeto di ancore ossia:

Immaginiamo di sentire l'amico che ci dice tale frase (che è sua abitudine dire) e colleghiamola alla frase che ci diremo subito dopo mentalmente, ad esempio: Ma chi è questo ? come l'ho conosciuto ?

Porsi la domanda è l'innesco di un'altra ancora per far uscire l'amico dal mindset e capitanare la discussione, nel reale, quando si innesca la prima ancora (l'amico ci dice tale frase...), ci poniamo la domanda ancorata e dovrebbero riaffiorare le memorie di momenti passati assieme all'amico:

lui: "E' sbagliato, non doveva farlo, sono deluso" (ancora -> BOOOOM)

tu: "Cacchio ma ti ricordi quando siamo andati a quella festa... e c'erano quelle tipe pazze che... e noi... ?"

*Tuo mindset*

lui: "Si forte ! ( accetta il mindset o è trasportato da voi )... e poi...."

lui / Alternativa (cerca di farvi rientrare nella sua geografia): "eh ma poi la tipa ..... che delusione" (ancora -> BOOOM)

tu: "Figus, ricordi quando eravamo a scuola e il tipo ha buttato il secchio pieno d'acqua sulla testa del preside dal bagno del secondo piano ???"

*Rientra nel tuo territorio*

etc...

A meno che non sia morto dentro, l'amico si può riaccendere, comunque saremo già il negativo di lui se impostiamo la sveglia con gli ancoraggi, un po come vedere una ugly con una hb9+ effetto contrasto.

Potenziamo questa tecnica insieme !

Edited by Stylez

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.