Vai al contenuto

Per ridere...ma prendetelo come ispirazione ;)


Old Norse Wolf

Messaggi raccomandati

Old Norse Wolf

Questo è un pezzo di qualche anno fa. Non è materiale serio, ma penso che possa dare un'idea del rapporto uomo donna in questo periodo disastrato. Se non è questo il luogo mi scuso da subito e vi prego di cancellarlo subito. Grazie :)

Ci fu un tempo. Voi non lo ricorderete, era un'età quasi mitologica in cui l'aria era pulita e il sesso sporco.

All'epoca il genere umano aveva appena inventato le parole. Ne avevamo giusto una ventina, fra cui "tasse", "morte" ed "emorroidi", quindi nessuno le usava molto. Anche fra uomini e donne, la comunicazione era molto ridotta.

E' l'era che oggi indichiamo come Eden. Non un posto, ma un periodo storico.

Poichè le parole erano poche, uomini e donne comunicavano limitandosi a poche frasi. Di solito "dove scopiamo stasera?" e "chi porta le manette?". I matrimoni si reggevano su queste due, e i divorzi erano rarissimi.

Se andava male tua moglie ti faceva le corna col postino, ma nessuno aveva le parole per esprimerlo, quindi nessuno te lo faceva sapere e tu crescevi felice il mulatto superdotato, pensando che avesse ripreso dal nonno, e ti domandavi, ma senza preoccupartene troppo, come mai ricevevi tanta posta.

Come vi dicevo, era il paradiso.

Poi accadde qualcosa che scatenò il potere della nostra immaginazione (cit. Pink Floyd) - cominciammo a parlare. Ma a parlare davvero. Le nostre donne ci aspettavano a casa per discutere dei loro sentimenti, di quello che "non andava nel rapporto", di quelle adorabili tendine viola.

E capimmo finalmente il contenuto delle lettere.

Alcuni uomini presero a parlare con le donne. A consolarle nei momenti di difficoltà. Questi uomini, i progenitori di una lunga stirpe la cui riproduzione desta stupore nei darwinisti, visto che non trombano, presero il nome tribale di Aulin. Venivano usati alla stregua del medicinale - utili in caso di mal di testa, dolori mestruali e simili, e tenuti nel cassetto per il resto del tempo.

Altri uomini, più fortunati, non svilupparono mai la corteccia frontale in quantità sufficiente per capire le donne, tanto meno le loro parole. Continuarono con "chi porta le manette?" e "me tromba", o "me trombone", nel caso dei più progressisti.

Questi uomini, anche detti Uomini Cono Bigusto, si rapportano marxisticamente alle donne nel senso di una necessità storica dell'emergere della classe operaia. Vengono chiamati quando la capitalista ha voglia di un cono, fottono e vengono fottuti dal padronato, ma riescono generalmente a spuntarla in ambito contrattuale, e in effetti nessun darwinista dubita della loro esistenza. Il "Bigusto" si riferisce al fatto che ognuno di questi uomini soddisfa due o più donne.

E' risaputo che nessuna donna andrà infatti da un gelataio senza clienti. La quantità è una garanzia di qualità.

Ci fu poi una terza stirpe maschile a uscire da paradiso. Superbamente impervi ai dubbi della mente femminile, splendidamente solitari e massicci nella loro incazzatura verso il mondo, impararono a esternare i propri rutti e le proprie voglie tramite la nuova arte della parola, della scrittura e della masturbazione letteraria

Questi uomini, pur arrivando ai tristi sfaceli e agli eccessi tipici della letteratura italiana colta, furono tuttavia gli unici a imparare la grande lezione di coloro che dal paradiso vengono scacciati, e infatti la scrissero in tanti di quei libri, in tante di quelle frasi, in tante di quelle forme, che è ormai impossibile isolarla, e la loro illuminazione resta quale quella del Buddha - ineffabile.

Ma mentre quello restava zitto e non rompeva i coglioni, servono le atomiche per far andare in letargo i nostri letterati.

Poco da stupirsi che fra aulin, coni e libri, molte donne oggi scelgano di leccar tappeti.

Per quelle che invece volessero rivedere un pezzetto di paradiso, sono disponibile dopo le diciotto nei giorni feriali e con orario continuato nei festivi. Porto io le manette.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×
×
  • Crea Nuovo...