Jump to content
shinobi

Sondaggio: Quanti F-Close hai ottenuto?

Numero F-Close  

303 members have voted

  1. 1. Quanti F-Close hai ottenuto nella tua vita seducendo le donne?

    • Da 0 a 10 F-Close
      201
    • Da 10 a 25 F-Close
      57
    • Da 25 a 50 F-Close
      20
    • Da 50 a 100 F-Close
      15
    • + di 100 F-Close
      6
    • + di 250 F-Close
      4


Recommended Posts

IoSonoildono
19 minuti fa, .screen ha scritto:

"Dovrebbe" no. Però capita che conosci una che poi capisci che non frequenterai mai. Però magari è isolata, siete da soli, tu hai voglia... di fatto ti fai una sega con la sua figa. Non è che ti sbatti per scopartela, il più delle volte succede. Solo che in quelle occasioni finora non mi è tirato una volta che avevo la piena consapevolezza che non l'avrei più voluta rivedere.

Se a uno non gli è mai successo... è perché non ha mai neanche provato. 

Diciamo che non è un grande problema a mio avviso.

Più che altro la figura di merda nel dire "cazzo, non mi si rizza"

Perchè se non ti piace avoglia ad aspettare che accada

(capisco cosa intendi quando dici "camminarci insieme" o una cosa simile che ho letto pagine fa)

Comunque se è un grande problema io sono per buttare giù 5mg di cialis e passa la paura. Non vale la pena, a mio avviso, sprecare energie per forzarsi a fare qualcosa di questo tipo (perchè te mi sembri uno che rimugina troppo sui perchè sbagliati  )

 

Edited by IoSonoildono

Share this post


Link to post
Share on other sites

FMJ
1 ora fa, .screen ha scritto:

Hai sbagliato esempio. Se mi generalizzi "gli ingegneri sono dei deficienti", il mio animo informatico (sotto matematica, non ingengeria) alza il pugnetto entusiasta confermando la loro stupidità.

Scherzi a parte, dovessi trovare uno psicologo molto bravo e in gamba, ci andrei molto volentieri. Uno lo conoscevo anche ma purtroppo si è trasferito poco dopo averlo conosciuto (tra l'altro se ne era scopate più di 50, ne sapeva a pacchi veramente. Mi ha dato molto un aiuto parlare con lui).

Anche io ti ritengo una persona intelligente, figuriamoci. Ma se ti ricordi la nostro altra discussione in tema di storie aperte... come potrei mai andare in cura da te quando viviamo delle realtà così tanto diverse? Non hai i mezzi per comprendere ciò che vivo, perché tu in prima persona non lo faresti mai.

Per quanto non condivida alcune delle idee di AiViA, con una persona come lui mi trovo meglio a parlare perché effettivamente certe problematiche le ha dovute vivere.

Mi viene sempre da pensare a Mr. Robot che va in cura da una psicologa che sta messa peggio di lui e la guarda come si guarda un senzatetto che non riesce a provvedere per se stesso. Magari l'immagine del film è abbastanza impietosa e, ripeto, ci saranno un sacco di persone prese meglio... ma per il miglioramento che cerco io, mi servirebbe una persona che ne ha viste parecchie, forse troppe.

Ok. Ora sei molto più ragionevole dai...

... beh, una sessantina me le sono ingroppate pure io, eh!

FMJ

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jumpy
18 hours ago, .screen said:

L'unica differenza è che le religioni hanno come obiettivo il farti entrare nel loro sistema di valori. Il mio sistema di valori è eliminare ogni valore. Ad alcuni piace, ad altri no.

No, al contrario. Svuoto delle credenze eliminandole. Non è la solita storia di installare nuove credenze. Molti mantra sono volutamente opposti. Tipo "voglio essere monogamo e fedele" e poi "voglio sposarmi più donne". L'obbiettivo è basare a zero qualsiasi credenza.

[...]

A parte che dei principi etici mi frega gran poco.. "people over tools". Puoi avere il martello più valido al mondo ma se lo usa un coglione, farà danni.

Non credo negli psicologi. Poi la psicoterapia in se magari è fenomenale, non ne ho idea. È chi la usa che mi preoccupa.

Vedi, il mio problema è che non li voglio proprio i principi etici. Meno che meno qualcuno che mi induca a rispettarli. Sarebbe un'inutile gran frustrazione.

In guerra e in amore (e nel business) i principi etici sono la prima cosa che va a puttane. Preferisco stare senza.

In questo ambito etica non è nel senso che viene comunemente dato, socialmente.

E' intesa nella sua essenza più pura e semplice: la ricerca del benessere personale e dei proprio simili.

Cosa di cui è capace, naturalmente, anche un'ameba. Figuriamoci un bipede dal pollice opponibile che capisce la regola del fuorigioco e le equazioni differenziali (semicit.)

Praticamente tutti i problemi nascono dal fatto che questo meccanismo naturale viene "incrostato" da preconcetti morali/religiosi/pippe mentali/credenze limitanti.

17 hours ago, .screen said:

Non è che la uccido ovviamente. Anche se di fatto potrei.

Perché l'istinto di porta a rispettare il principio etico, appunto ;)

12 hours ago, .screen said:

Poi magari mi scopo un uomo, mi si apre un mondo e addio figa. Ma non credo. E' anche il motivo per cui finora non ho provato... semplicemente non ne vedo il motivo e non ne ho il minimo interesse. Se tu hai voluto farlo, buon per te. Lo farei in futuro giusto per fare un po' di scena durante un MMF, ma morta lì.

Mah... io ho fatto un MMF, la presenza dell'altro non mi ha influenzato più di tanto, forse perchè è un amico di infanzia.

Come esperienza la ricordo più come la versione adulta di quando, alle medie, trovavi un giornalino porno per strada e ci si rintanava da qualche parte per una smanettata di gruppo.

Con la differenza che invece del giornalino, hai una tipa vera :P

3 hours ago, .screen said:

Ho conosciuto una psicologa ad un corso di public speaking che diceva che non voleva neanche provare a fare gli esercizi con noi di parlare in pubblico perché si sarebbe giudicata troppo nel farlo. "Forse perché sono la prima a giudicare tantissimo chi esce"

Psicologa forse appena laureata, difficile sentire una roba del genere da uno psicoterapeuta (la specializzazione in psicoterapia non è esattamente una passeggiata: per impegno e difficoltà è quasi un'altra laurea).

In quanto l'atteggiamento "non giudicante" è la prima cosa insegnata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kain
29 minuti fa, Jumpy ha scritto:

In quanto l'atteggiamento "non giudicante" è la prima cosa insegnata.

 

16 minuti fa, .screen ha scritto:

Il "non giudicare", per quanto mi riguarda, non è un qualcosa che si può insegnare.

E' un pensiero puramente personale, ma penso che l'atteggiamento "non giudicante" o il "non giudicare" siano un po' presi nel senso sbagliato.

Un primo grado di giudizio esce automatico. Che lo vogliamo o no.

Se qualcuno "fa o dice qualcosa", immediatamente viene catalogato come giusto o sbagliato per noi.

Riflette tutta una scala di valori acquisiti e sviluppati. 

... e va bene cosi.

Da li entra in gioco la parte razionale e l' unica, secondo me, allenabile.

Quella che ti fa capire che i tuoi parametri non sono universali e, pertanto, il giudizio tuo puo' essere diverso da giudizio altrui. 

E magari ugualmente valido o sbagliato.

Ma non puoi sottrarti al tuo giudizio individuale. 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jumpy
37 minutes ago, .screen said:

Il "non giudicare", per quanto mi riguarda, non è un qualcosa che si può insegnare.

 

15 minutes ago, Kain said:

Un primo grado di giudizio esce automatico. Che lo vogliamo o no.

Ci sono delle strategie per tenere a bada il giudicare e l'autogiudicarsi... al corso di teatro sopratutto ora, verso la fine del primo anno, ci stiam lavorando tantissimo.

Da come ho capito sopratutto gli attori ci lavorano tantissimo per imparare a entrare nei ruoli senza condizionamenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Kain
14 minuti fa, Jumpy ha scritto:

 

Ci sono delle strategie per tenere a bada il giudicare e l'autogiudicarsi... al corso di teatro sopratutto ora, verso la fine del primo anno, ci stiam lavorando tantissimo.

Da come ho capito sopratutto gli attori ci lavorano tantissimo per imparare a entrare nei ruoli senza condizionamenti.

Probabilmente ci sono molti gradi di giudizio.

E' un esempio estremo, ma se vedo una persona che ne sta ammazzando un'altra, preferisco avere comunque un riconoscimento immediato e non limitato di cio' che è giusto e cio' che non lo è per , eventualmente, intervenire.

Edited by Kain

Share this post


Link to post
Share on other sites
Jackal69
4 ore fa, .screen ha scritto:

Il mio è (era?) un problema di abbandono. Se so già che la abbandonerò mi piglia male e non mi tira. Ma ci sto lavorando.

E prendersi il cialis non è una gran idea perché:

  • ci vuole del tempo prima che agisca. Nel mentre che fai, briscola? O lo prendi prima o sennò è un po' ridicola la situazione.
  • ripeto, succede. Molte volte non era calcolato. Sei a una festa, becchi una che fisicamente ti piace, ti rendi conto che ha 20mila problemi.. ma ti invita a casa sua. E' figa. Non ci vai?
  • il cialis costa. Non so quanto il cialis di preciso, ma 10€ per una scopata mediocre non li spendo.

ridurla al fatto di potersi fare una sega con la figa della ragazza che non ti piace, è riduttivo a dire poco. Dico qualche concetto in modo schematico non ho tempo per dilungarmi, chi ha un q.i appena sufficiente sicuro mi capira'.

Partendo dal presupposto, che la tensione sessuale tra uomo e donna è automatica, è una cosa insita in natura che non si puo eliminare, tra qualunque uomo e qualunque donna(anche un cesso con le ruote, anche tra madre e figlio) anche senza fare un cazzo , ci sara' sempre tensione sessuale. Decidiamo noi se accendere l'interuttore o meno.

Freud diceva  che i destini pulsionali dipendono dall’organizzazione narcisistica dell’Io e portano con sé un’impronta di questa fase, che coincide con i meccanismi di difesa tipici delle fasi di sviluppo più avanzate.

Le pulsioni nascono da una necessita' non soddisfatta, tralasciando la connessione tra sessualita'e nevrosi, voglio accennare al legame tra odio-aggressivita' e pulsioni sessuali.

La genesi dell’odio è più antica di quella dell’amore, esso infatti, nasce , durante la fase del narcisismo primario. In questo senso, l’odio si può considerare sempre in rapporto alle pulsioni di autoconservazione.

L'aggressività non è solo un'emozione o un comportamento, bensì è la manifestazione di una pulsione che vive e si muove nell'inconscio condizionando le nostre scelte e i nostri comportamenti a causa della tensione generata dalla fonte somatica di questa eccitazione.

Tutto questo per dire, che lo sborrare non è un processo fisico, ma psico-fisico e la sessualita' è legata a sentimenti, di aggressivita', di dominanza di frustrazione. 

Sulle ossessioni voglio esplicare un semplice concetto...

Nascono da una sorta di fantasia, quasi un’ipotesi su ciò che vorremmo o non vorremmo fare ,quando esse non sono consone con la nostra morale ci spaventano, diventano tabù con la convinzione che questo pensiero potremmo metterlo davvero in pratica e ci sforziamo affinchè esso non si presenti più ma è proprio questo timore che lo mantiene in vita dal momento in cui la paura verso qualcosa fa si che esso sia sempre presente e quindi l’oggetto principale della nostra attenzione.Per concentrarsi a non pensare a qualcosa si è costretti a pensare proprio a questo qualcosa. 

O.T questo meccanismo potrebbe essere utilizzato, per generare dipendenza emotivo, suggestionare con immaginare mentali o giochi di ruolo la preda, non tanto per renderla ossessionata da noi, ma per vederla nella sua vera natura, senza difese in balia dell'istinto e delle pulsioni, anche quelle piu' nere. Potrebbe rivelarsi pericoloso ma noi non abbiamo coscienza.

Concludo dicendo che non voglio generalizzare, ma la maggior parte degli impulsi, nasce da sentimenti come frustrazione, dominanza, aggressivita',(autoconservazione) sono impressi a fuoco nel nostro patrimonio genetico, condizionati moltissimo dalle nostre esperienze, e da i nostri modelli.

In parole povere è inutile dire a uno che non sente l'istinto di dominare, di possedere di dilaniare una donna in quanto tale, di scoparsi ogni cosa, o farlo in un determinato modo.

 

Edited by Jackal69

Share this post


Link to post
Share on other sites
senza nome
22 ore fa, ^'V'^ ha scritto:

Questa è una. 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15811504

In Ita ho un testo con gli atti di un convegno su identità e orientamento di genere (da non confondersi) in cui ne erano citate ben di più, ma ora non saprei ritrovarle. 

Grazie.

@Jumpy hai del.materiale o siti/libri/corsi/ecc. da cui posso attingere per imparare a "giudicare di meno"/" non giudicare"?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Deconstructed Reality

Come fai a smettere di giudicare senza giudicare il giudicare negativo a priori? Comunque devi continuare a giudicare e quindi non puoi smettere di giudicare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lilian
21 ore fa, ^'V'^ ha scritto:

Se io sono il Vocabolario, questo indica soltanto che Tu sei il vocabolario. 

Anche se la palindromica V ha una twilight... 

Perché in fondo lo sai che non parlavo di me, come un pacchetto di fazzoletti nel dire rettangolo non parla di sé ma parla di sé. 

Che c'è ben di meglio come doppio volto di V che porta la Luce. 

A livello archetipico. 

Ma poi saltano fuori le torce e i forconi. Diciamo Venus.. 

 

Beh, Branduardi ha cantato una cosa bella sulle parti implicate. 

 

Tutto l'Ordine di sua discendenza è autorizzato a camminare nell'Outword, a ricevere cibo, il miglior vino, le migliori stoffe e riparo.

Come se fubunritsu, il fiume sotterraneo... 

Avesse una sola fonte e mirasse a tornare UNO. 

 

Lo so che si scrive Outworld... 

 

Ma c'è sempre questa twilight... 

 

Vedi in questo video l'ombra superiore e l'ombra inferiore, il recinto delle genti che gioca agli specchi e si spaventa di sè? 

Senti quelle parole... 

 

"Da loro per sempre avrai cibo e mai più nella vita avrai fame"

 

Li avremmo protetti, guidati nella caccia, guidati nel sesso

 

Se solo ci avessero lasciato gli avanzi della cucina invece che le torce e i forconi... 

 

Una goccia d'amore, invece che litri di paura ed ignoranza.

 

Quella goccia d'amore, quel petalo, è il vocabolario unificato. 

 

E poi...ladro e assassino non è vero.

 

Loro, lo sono. E in fondo lo sanno. 

 

E sono le due cose di cui cercano di privarsi per vivere dentro le mura insieme, per cui le vedono nell'Outworld. 

 

Ma si può essere ladri di fuoco. 

 

Assassini di dei. 

 

Vivendo nell'ombra per servire la luce. 

Se Io è il vocabolario, devo lasciarMi scrivere il mio linguaggio, ma è proprio Là, che la mia penna si ferma.

Ma almeno abbiamo là seconda nota..

Anche se tra il Mi e il La, c'è il , e il Sol.

Ho suonato il Fa di recente, in questo modo ho toccato il Sol

Ma la melodia mi rapisce completamente, e rischio di rimanere incastrato al Fa(r)-Sol.

Per questo la mia penna si ferma, perché sono rapito dalle note di mezzo, in realtà da ogni nota, ma non riesco a suonare l'Accordo con cui suonarle tutte assieme.

Forse anche adesso sono Là, in questo momento, mentre ti scrivo,

Ma ci capiamo io e te, forse.

...


Protetti, guidati nella caccia, guidati nel sesso...

depositphotos_12836929-stock-photo-beaut

Il mio petalo ha il copyright di qualcun altro :)

Era l'accesso autorizzato alla fonte prima di cui domandavo,

Anche se probabilmente quell'accesso autorizzato posso darmelo solo Io stesso, aggiungendo altre due note :


Do

La via del Re.

Ed in questo modo non posso che trovarmi d'Accordo :)

...
...

La cosa irritante, è trovarsi ad entrare ed uscire dallo State autorizzato, continuamente.

Avrai capito che ho trovato la V che guida i marinai dell'oceano, grazie :

"Sognare non è vivere e desiderare non è sognare. Spingere invece il desiderio fino a sentire il bisogno assoluto di una determinata cosa, spingerlo al punto da sentire di non poter vivere senza di essa: ecco la Chiave che ci apre le porte più massicce, la Forza che demolisce gli ostacoli più insuperabili."

Anche se ai miei occhi restava una domanda, non una risposta.

Perseverando, la V che guida i pirati delle acque, mi ha portato qui :

"Per intraprendere bisogna Sapere; per compiere occorre Volere; per Volere veramente si deve Osare; per Raccogliere in pace i frutti della propria audacia bisogna tacere"


Il che mi riporta al percettivo...

Al :




...

C'è stato altro in mezzo, 

Ma allungherei troppo,

Mi auguro con te che le torce siano guida per tutti, ed i forconi, vengano usati per creare nutrimento. 

Se non torno, tanto mi annoiavo <3

P.s.  :

petalo-di-rosa-san-valentino_19-119092.j

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.