Vai al contenuto

La paleodieta è una boiata? (in cerca di una dieta)


ξรô†ïcø
 Condividi

Messaggi raccomandati

ξรô†ïcø

Era da un po' che stavo pensando di "buttarmici", anche se ero consapevole che molti degli assunti di base andavano rivisti (un po' come quelli che sostengono che l'uomo non sia fatto per digerire il latte, visto che tutti i mammiferi smettono di berne alla fine dello svezzamento).

Ora ne ho una mezza conferma.

http://www.iflscience.com/paleo-diet-science-has-moved-stone-age

Avrei altro da dire, ma sono solo ipotesi, quindi attendo prima i vostri commenti.

Il mio obiettivo è definire una dieta (o un percorso che mi procuri una dieta), pratica (roba che si trova al supermercato sottocasa, e la cui preparazione non richieda tempo eccessivo) ed efficace, entro fine luglio. Le variabili in gioco sono ancora tante (il livello di attività fisica a cui riuscirò ad adeguarmi su tutte).

Link al commento
Condividi su altri siti

lascia perdere quell'articoletto e compra il libro di wolf.

poi valuta se e quanto ti sembri ragionevole.

la-paleo-dieta-libro-60482.jpg

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

ξรô†ïcø
Inviato (modificato)

Grazie gongolo, ora ho una base su cui ragionare. Anche se continuo ad essere scettico ("lo stile alimentare che ha mantenuto in forma l'uomo per 2 milioni di anni" non si può leggere :D)

Modificato da ξรô†ïcø
Link al commento
Condividi su altri siti

gli slogan sono marketing.

l'importante è che dà risposte pratiche senza perdersi in domande teoriche.

dei milioni di anni sinceramente mi frega poco.

so però che me ne è bastato uno per sentirmi riposato, sazio e forte come non mai.

svanite persino le allergie che in primavera m'ammazzavano.

il libro contiene anche le indicazioni con pasti e ricette per un mese, su base giornaliera.

proprio quanto ti serve per regolarti con spesa e tutto il resto.

prova.

male che vada avrai mangiato carne, pesce, uova, frutta e verdura.

  • Mi piace! 4
Link al commento
Condividi su altri siti

Tao

Se ti interessi un minimo all'argomento nutrizione e inizi ad informarti , ben presto ti renderai conto in che bordello ti sei andato ad infilare:

mille opinioni diverse, scaffali zeppi di libri ognuno con la dieta giusta per l'essere umano che dicono tutto e il contrario di tutto

e paleo e vegan e macrobiotica e crudista e del ph e delle intolleranze e tutte le combinazioni possibili immaginabili

io dopo un annetto mi sono rotto il cazzo di tutta sta' giostra, e la vita è più semplice senza farsi troppe pippe sul cibo comunque...

Qualche spunto di riflessione random che mi viene in mente:

-In primis, tu cosa stai cercando? una dieta pratica dici, si ma a cosa punti? salute? dimagrimento? vitalità? metter su massa?

-la scienza offre risposte, non precise e a volte dubbie (vedi diatriba infinita su latte..senza risposta certa fra l'altro), ma alcune ci sono. sta poi ad ognuno decidere il da farsi. Alcune di esse:

lo zucchero fa male. punto. meglio il miele, meglio dopo l'attività fisica, ma il corpo non ha in genere necessità di zuccheri semplici che riesce a ricavare dai carbo complessi.quindi evitare.

Link al commento
Condividi su altri siti

Tao

Se ti interessi un minimo all'argomento nutrizione e inizi ad informarti , ben presto ti renderai conto in che bordello ti sei andato ad infilare:

mille opinioni diverse, scaffali zeppi di libri ognuno con la dieta giusta per l'essere umano che dicono tutto e il contrario di tutto

e paleo e vegan e macrobiotica e crudista e del ph e delle intolleranze e tutte le combinazioni possibili immaginabili

io dopo un annetto mi sono rotto il cazzo di tutta sta' giostra, e la vita è più semplice senza farsi troppe pippe sul cibo comunque...

Qualche spunto di riflessione random che mi viene in mente:

-In primis, tu cosa stai cercando? una dieta pratica dici, si ma a cosa punti? salute? dimagrimento? vitalità? metter su massa?

-la scienza offre risposte, non precise e a volte dubbie (vedi diatriba infinita su latte..senza risposta certa fra l'altro), ma alcune ci sono. sta poi ad ognuno decidere il da farsi. Alcune di esse semplificando al massimo:

lo zucchero fa male. punto. meglio il miele, meglio dopo l'attività fisica, ma il corpo non ha in genere necessità di zuccheri semplici che riesce a ricavare dai carbo complessi.quindi i dolci sarebbero da limitare. se uno ci riesce...

i cibi processati idem. Biscottini, grissini, merendine, dolci, praticamente se è confezionato, se ha una lista che supera i 5 ingredienti, se c'è roba tipo sciroppo di glucosio o altra roba impronunciabile..la carne processata idem: salsicce, prosciutti, bresaola, wustrel e tutte le altre schifezze, sono no

i cereali integrali sono decisamente superiori alle controparti raffinate. Pasta integrale, pane integrale(quello vero, non quello che si trova in panetteria) e ancora meglio cereali in chicco: avena,riso integrale, farro decorticato, orzo decorticato, grano saraceno etc Attenzione che quasi tutti necessitano di un processo di ammollo

l'uovo è un alimento meraviglioso e bistrattato

e ovviamente minimo 5 porzioni di frutta e verdura al di.Fondamentali

Surgelato non è peggio di fresco. .

i legumi hanno un sacco di pregi salutistici e sono da utilizzare più spesso

Ogni alimento, ma proprio tutti, ha pregi e difetti.

-Uscendo dal lato scientifico: uno dovrebbe anche ascoltarsi, sentire fisicamente cosa "va bene" per il proprio corpo.

Alcuni stanno meglio se tolgono il latte (e magari pensano che è la paleo funziona quando la ragione è ben diversa: potrebbe essere che non possiedono l'enzima x digerirlo, potrebbe essere che sono intolleranti- a proposito, intolleranze..esistono??per ora sono accertate sono quella al latte e quella al glutine- la celiachia...ma ad esempio la cosi detta gluten sensitivity stà acquisendo popolarità)

Il glutine è appunto un altro comune oggetto di discussione .

Se hai voglia e possibilità, dovresti sperimentare su te stesso, eliminando completamente (neanche una briciola) un determinato alimento per 3/4 settimane e vedere se ci sono cambiamenti

-Paleodieta...Mah, a me pare un po una boiata- come dici te. Alcuni principi sono corretti senz'altro, altri vanno proprio contro la scienza ufficiale. Bah puoi provare e valutare.

Da un punto di vista antropologico è stata più volte discreditata ad esempio qui:

o qui http://www.scientificamerican.com/article/why-paleo-diet-half-baked-how-hunter-gatherer-really-eat/

e' probabilmente una dieta inventata, come un sacco di altre, non esiste una dieta "ancestrale" unica, popolazioni diverse hanno avuto diete profondamente differenti

poi oltre ad essere molto costosa, e socialmente limitante, vuoi veramente mangiare tutta quella carne? la carne di oggi non è certo quella di un tempo, e la carne grass fed è cara e difficilmente accessibile in italia. beh in realtà ci sarebbero un sacco di altri punti da toccare su questa dieta ma non vorrei entrare in discussioni infinite con tutti i paleofanatici del forum.

Provala cosi potrai giudicare avendone l'esperienza (differentemente da me:)! )

Sappi però che se trovi giovamento, potrebbe essere per motivi diversi da quelli sostenuti nei libri paleo; (di nuovo qualche intolleranza specifica. o mangiavi troppi carbo e poche proteine/grassi. o qualche squilibrio/deficienza di oligoelemeneti) e non dovresti cosi eliminare alimenti che hanno passato le prove della scienza -almeno per ora- e della storia.

Mangia ciò che funziona per te!

Modificato da Tao
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Tao

Ah e ovviamente un minimo di ripartizione dei nutrienti: per farla semplice più o meno in ogni pasto dovrebbe esserci, anche ad occhio, una porzione di carbo, una di proteine, e una di verdure con condimento sano (evo)

e dopo aver parlato male della paleo ci tengo a precisare che ritengo comunque pesce e carne alimenti importanti in una dieta semplice ed equilibrata

Link al commento
Condividi su altri siti

ξรô†ïcø

Ti ringrazio per i commenti Tao.
Ti rispondo brevemente:

1) attualmente i miei obiettivi ancora non sono delineati, perché sono in una fase di transizione (lavorativa e altro). Dipende molto dal tipo di abitudini che vorrò e potrò adottare, perché un conto è voler mettere su massa e un altro voler perder peso.
Mi piacerebbe idealmente mettere massa, ma la genetica non è dalla mia parte, e attualmente non ho molto tempo da dedicarci. Inoltre di natura tendo a saziarmi facilmente, cosa che mi impedisce di acquisire un apporto proteico sostanziale.

L'idea che mi barcamenava in testa era di conciliare il maggior appetito che conseguirebbe dallo smettere di fumare (cosa che non riuscirò mai a fare finché non mollo il mio attuale lavoro, ho già provato) per mangiare di più e meglio.

L'alternativa, se non dovessi riuscire a inserire il carico di lavoro che mi permetterebbe di crescere come massa, è di cercare semplicemente un dimagrimento. Sono normopeso ma con un bmi di 24 circa, la panzetta mi dà abbastanza fastidio, anche perché essendo poco robusto risalta più di quanto non dovrebbe.

2) non sono né un esperto di nutrizione né di altro. A logica e naso, nonostante le premesse errate su cui si basa la paleodieta, penso sia ragionevole ipotizzare che gli adattamenti genetici e microbiotici che ci hanno permesso come specie di cambiare radicalmente la nostra dieta negli ultimi 10000 anni, non siano ancora del tutto finalizzati, e siano peraltro molto variabili. La digestione del lattosio è un esempio da manuale. Non a caso in asia l'intolleranza al lattosio è diffusissima, mentre nei popoli di origine semitica è molto rara. Penso che una paleodieta possa essere un punto di partenza radicale per poter poi eventualmente integrare, mano a mano, tutti quegli alimenti "non paleo", che tuttavia hanno un alto valore nutrizionale (es: calcio per quanto riguarda il latte), controllando che non mi causino problemi.

3) da un paio d'anni a questa parte soffro di una certa fragilità intestinale, che ho in parte tamponato riducendo drasticamente l'uso del latte. Ritengo improbabile si tratti di una vera intolleranza al lattosio, viste le quantità esagerate che ne ho sempre bevuto (anche se a dirla tutta ho sovente avvertito sensazione di gonfiore); sarebbe interessante poter disporre di analisi metaboliche e del microbioma, per poter stabilire qual è la mia specifica capacità metabolica delle sostanze, capire se è possibile in qualche modo migliorare la qualità della flora batterica (e se potessi tornare a bere latte come facevo un tempo, ne sarei mooolto felice!). Ho letto di recente un articolo che parlava appunto di questo, di un centro a Roma (il primo in italia) specializzato in analisi di questo tipo. Se sarà possibile credo proprio che prenderò la questione a cuore.

4) la praticità e la sostenibilità economica di una qualsiasi dieta sono fattori irrinunciabili, dappoiché la dieta per essere efficace dev'essere duratura. Ad esempio io ho bisogno di una dieta che sia "schiscettabile" (termine tecnico :D ), in modo da potermi portare il lunch box al lavoro. Le cose che posso mangiare in zona sono spesso insalubri: ristoranti cinesi di pessima qualità, bar con panini tristi e piatti precotti, ecc.

5) la frutta e la verdura del supermercato fanno abbastanza schifo. Idealmente son pur sempre meglio che mangiare cibo spazzatura, ma realisticamente non riesci a mangiare insalate insapore e frutti che maturano nei camion per una settimana di fila, senza che poi l'afflizione che ne consegue ti butti a ordinare la più sudicia porzione di kebab e patatine. Credo che una buona dieta debba anche essere una dieta buona, altrimenti dopo una settimana la si boicotta.

Proverò comunque a vedere se riesco a scoprire come procurarmi frutta e verdura buone, lasciando perdere i supermercati. Anche se la praticità va un po' a farsi benedire...

6) l'alternativa a cui stavo pensando era il soylent, di cui avevo parlato tempo fa. Fa abbastanza paura come concetto, però mi ispira. Peccato che sia complicato da fabbricare, e impossibile, ad oggi, da ordinare già pronto in italia.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

leavingmyheart

e ovviamente minimo 5 porzioni di frutta e verdura al di.Fondamentali

ecco, l'unico appunto che ti faccio e' questo...

non e' vero che siano ''fondamentali'' 5 porzioni di verdura/frutta al giorno...

e' assurdo anche il solo pensarlo...

a parte che si puo' restare in perfetta salute anche senza mangiarla la frutta (non c'e' nulla di essenziale che ha la frutta che non si possa trovare nella verdura..)..

non esiste nessuna base scientifica che abbia dimostrato un numero di pasti giornalieri migliore di altri.

occhio a non confondere le dosi ''consigliate'' da quelle ''fondamentali'' :db:

PS:

(la pasta si puo' mangiare benissimo anche NON integrale)

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Tao

Grazie per l'appunto leaving!Sottoscrivo in pieno entrambe le tue precisazioni

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...