Vai al contenuto
soloocchi

Strategie per non abbattersi dopo una delusione e archiviare subito il passato recente

Recommended Posts

soloocchi
Inviato (modificato)

Buonasera!!

ho ricominciato a sargiare! Dopo quasi un anno e mezzo che giocavo solo in chat. Sabato conosco una HB che mi piace molto, la isolo, la conosco e la number chiudo.. ieri ci esco e la kiss-chiudo.

Ad un certo punto dopo che l'ho kiss-chiusa parliamo un pò e lì faccio la cazzata di provare a farle una cold-reading che va a puttane, poi cerco di fare il profondo chiedendole "se crede nel destino" e anche qui me la gioco male.. al punto tale che mi dice che parlo troppo.

A breve concludiamo la serata con lei che mi dice "che ha sonno e che vuole andare a casa". Insomma da 100 a 0 in un attimo, ho letteralmente visto il momento della delusione nei suoi occhi.

Scrivo questo post non tanto per chiedere consigli sugli errori palesi che ho fatto, penso di esserne abbastanza conscio e spero di aver imparato qualcosa da questo game andato a puttane. Vi scrivo per chiedere consiglio su come imparare a gestire una delusione di questo tipo... mi ha letteralmente pervaso in un attimo. Ho lavorato tanto per tornare a essere concentrato sul momento presente e a stare bene, e in un attimo il mio IO è stato come distrutto e mi è sembrato d aver fatto mille passi indietro, non avevo più il controllo della mia mente tanto che stanotte non ho dormito, stamattina ero incazzato nero con me stesso e solo giocando a tennis e il manuale di psicologia che sto leggendo mi hanno aiutato a riprendermi un attimo.

Le ultime settimane ero "vibrante" nell'animo, positivo e determinato. E non è una cosa a cui sto lavorando da poco.. anzi! ci avevo lavorato parecchio.. poi in un attimo.. pufff! come se avessi perso tutto, cosa posso fare per rafforzarmi ancora di più? E soprattutto rimanere concentrato sul momento presente invece di pensare e ripensare a (in questo caso) all'occasione persa? Mi serve un metodo efficace per concentrarmi sull'adesso e non spaziare sul passato. Ho provato la meditazione, ma con me dura poco, purtroppo il pensiero prende il sopravvento. Forse devo semplicemente allenarmici di più.

La domanda è questa: Quali strategie per non abbattersi dopo una delusione e archiviare subito il passato anche recentissimo?

SO

P.S. Aggiungo anche un'altra domanda: Come sviluppare maggiore consapevolezza di se stessi? (consigliatemi anche qualche lettura da fare che vi ha portato giovamento)

 

Modificato da soloocchi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lorenzaccio

Ahah, grande bro!

Confermo, ero con lui sabato e ha aperto e isolato come un vero maestro. Evidentemente si è infinocchiato ieri sera e la tipa se ne è accorta. E giustamente ora ti piscia in testa. Goditi questa pioggia di urina e tirane fuori la tua lezione 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

OldPlayer

Secondo me la soluzione più semplice è passare alla prossima e magari dopo il k-close essere più naturale e lasciare stare le tecniche.

Dovresti inoltre essere meno severo con te stesso, sei passato da 100 a 0 perché hai voluto "strafare" e questo è vero, ma è altrettanto vero che da 0 a 100 ci sei sempre arrivato tu.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

soloocchi
2 ore fa, OldPlayer ha scritto:

Secondo me la soluzione più semplice è passare alla prossima e magari dopo il k-close essere più naturale e lasciare stare le tecniche.

Dovresti inoltre essere meno severo con te stesso, sei passato da 100 a 0 perché hai voluto "strafare" e questo è vero, ma è altrettanto vero che da 0 a 100 ci sei sempre arrivato tu.

La prima lezione da tenere a mente me l'ha detta lei!!

Tu parli troppo...

Ma chissene della tipa.. le domande sono altre. Come rimanere sempre sul momento presente e evitare viaggi mentali sul passato e sul futuro? Io mi ci perdo nella mia testa..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nuovo_utente
14 ore fa, soloocchi ha scritto:

 Tu parli troppo

Qualche giorno fa ho sperimentato e rafforzato una cosa che in realtà già sapevo...una sorta di "seduzione passiva".

Butti l'amo...poi non fai quasi nulla.

 

Arrivo in un posto parecchio isolato...trovo una tipa. Due battute...poi zitto. Solo domande...per farla parlare. Le donne ADORANO parlare ed ESSERE ASCOLTATE. 

Le dico solo come mi chiamo, il giorno dopo mi aggiunge su Facebook...non faccio un cazzo. Il giorno dopo ancora mi scrive. (Per la cronaca, non le ho risposto e probabilmente lascerò morire la cosa  perché vengo da un periodo di bordelli - non sono single - e veramente se rifaccio casini sta volta finisce male 😓🔫).

 

Hanno sempre l'idea di non essere capite. Sono sempre gli altri ad essere sbagliati...mai loro. Il classico locus esterno, come si dice in psicologia se non ricordo male. 

 

La cold reading non è una cosa da prima serata o cmq da fare all'inizio dell'interazione in genere (ovvio che se devi quagliare in serata e ti serve...la fai). 

Però in genere la fai dopo che l'hai fatta parlare parlare parlare e parlare. Praticamente lei ha vuotato il sacco, tu sai tutto! E vai a colpo sicuro! E lì fai un comfort assurdo perché lei si convince che TU LA CAPISCI, che sei forse quello giusto perché "con te sono me stessa", "è come se ci conoscessimo da sempre"...e altre minchiate del genere.

 

 

Sul fatto di mantenere un mindset "positivo" nonostante le cazzete o le cose andate storte...io mi aggrappo al classico e sempre verde "scordati le sconfitte e ricorda le vittorie". Sono di base le esperienze a farti pensare "ma sticazzi...ma ti ricordi quella fregna che hai rimorchiato a Praga?...e quell'altra ungherese...e quella a Ibiza...e quella collega...e le tipe in Grecia..ecc ecc"....chi se ne frega se a questa non sono piaciuto o cmq è repressa e non si è lasciata andare! Avanti un'altra.

 

Insomma...come ogni cosa bisogna imparare a vedere il bicchiere mezzo pieno. Dai poca importanza alla seconda metà serata andata male...cancellala dai tuoi ricordi...e focalizza il tuo pensiero su ciò che di positivo hai fatto nella prima metà di serata...la confidenza, il kino fino ad arrivare al bacio ecc ecc. Archivia quella parte lì e basta nei tuoi ricordi. 

È tutta una cosa mentale...io le cose andate male e le figure di merda le cancello in automatico...lo fa il mio cervello. Archivia solo ricordi positivi. L'autostima la costruisci di base così. Ovvio che devi fare...provare...uscire...chattare ecc ecc...altrimenti vai solo di fantasia e ti costruisci un mondo che non esiste. Cioè diventi un cazzaro e le donne hanno il fiuto per chi millanta ma poi non c'è sostanza!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TADsince1995

Carissimo, se dovessi entrare in depressione per tutte le tipe che mi sono giocato e/o che ho spento per aver fatto qualche minchiata o non aver spinto abbastanza mi sarei già suicidato.

Alcune fanno male, come la splendida HB8 11 anni più giovane di me e pure più alta, più volte k-chiusa e non f-chiusa per un soffio. Ogni tanto ci penso, ma alla fine tu sai che lei è una come tante. E' stata importante in quel momento.

Quando ci penso mi ricordo di tutte quelle che sono venute dopo di lei. E di quanto non pensavo più a lei quando sono venute quelle dopo.

Ricorda, è una delle tante, non è un caso eccezionale o un colpo di culo. Sei tu che l'hai sargiata e k-chiusa. E potrai farlo altre mille volte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Milan85
21 ore fa, soloocchi ha scritto:

La prima lezione da tenere a mente me l'ha detta lei!!

Tu parli troppo...

Ma chissene della tipa.. le domande sono altre. Come rimanere sempre sul momento presente e evitare viaggi mentali sul passato e sul futuro? Io mi ci perdo nella mia testa..

Corretto. Nel dubbio un bel silenzio a cazzo, che ti rende pure misterioso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
soloocchi

Grazie! Stupende risposte come sempre 😉

Tornare qua è davvero fondamentale per me, una sorta di casa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Crescendo63
On 7/23/2018 at 10:55 PM, soloocchi said:

in un attimo il mio IO è stato come distrutto e mi è sembrato d aver fatto mille passi indietro, non avevo più il controllo della mia mente tanto che stanotte non ho dormito, stamattina ero incazzato nero con me stesso

Questo accade quando basi il tuo valore sul comportamento altrui: ricevi applausi, ti senti un figo. Ricevi fischi, ti senti una merda. Eppure tu sei sempre tu :-)

In pratica non hai un Io solido, centrato su te stesso e la consapevolezza del tuo valore, quindi ogni "colpo di vento" esterno ti fa vacillare.

Come ho scritto all'inizio dell'articolo "Perché nessuno mi vuole?", spesso vediamo il rifiuto come segno che non valiamo nulla. Prova a leggerne la prima parte, può aiutarti a capire come ti condiziona quel meccanismo mentale.

 

Per superare questo stato, bisogna rafforzare la propria identità, ed arrivare a decidere il proprio valore in autonomia: "Sono io che decido chi sono e quanto valgo". A quel punto le opinioni altrui diventano secondarie o irrilevanti.

 

Quote

La domanda è questa: Quali strategie per non abbattersi dopo una delusione e archiviare subito il passato anche recentissimo?

Secondo me è fondamentale imparare a smettere di dare peso ai giudizi altrui. Quando diventiamo indipendenti dai giudizi esterni, ci togliamo un gran peso dalle spalle, e gli altri non hanno più potere di ferirci (o molto meno).

 

 

Quote

P.S. Aggiungo anche un'altra domanda: Come sviluppare maggiore consapevolezza di se stessi? (consigliatemi anche qualche lettura da fare che vi ha portato giovamento)

Oltre ai classici del settore (vedi mia biblliografia), un libro che ho trovato decisamente utile negli ultimi anni è "No more Mr. Nice Guy" ("Smetti di fare il bravo ragazzo" - ma non credo ci sia un'edizione italiana). AIuta a vedere molti meccanismi che ci condizionano, che ci rendono meno attraenti, e ci tolgono potere e serenità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sasa4
22 ore fa, Crescendo63 ha scritto:

Questo accade quando basi il tuo valore sul comportamento altrui: ricevi applausi, ti senti un figo. Ricevi fischi, ti senti una merda. Eppure tu sei sempre tu :-)

In pratica non hai un Io solido, centrato su te stesso e la consapevolezza del tuo valore, quindi ogni "colpo di vento" esterno ti fa vacillare.

Come ho scritto all'inizio dell'articolo "Perché nessuno mi vuole?", spesso vediamo il rifiuto come segno che non valiamo nulla. Prova a leggerne la prima parte, può aiutarti a capire come ti condiziona quel meccanismo mentale.

 

Per superare questo stato, bisogna rafforzare la propria identità, ed arrivare a decidere il proprio valore in autonomia: "Sono io che decido chi sono e quanto valgo". A quel punto le opinioni altrui diventano secondarie o irrilevanti.

 

Secondo me è fondamentale imparare a smettere di dare peso ai giudizi altrui. Quando diventiamo indipendenti dai giudizi esterni, ci togliamo un gran peso dalle spalle, e gli altri non hanno più potere di ferirci (o molto meno).

 

 

Oltre ai classici del settore (vedi mia biblliografia), un libro che ho trovato decisamente utile negli ultimi anni è "No more Mr. Nice Guy" ("Smetti di fare il bravo ragazzo" - ma non credo ci sia un'edizione italiana). AIuta a vedere molti meccanismi che ci condizionano, che ci rendono meno attraenti, e ci tolgono potere e serenità.

E aggiungo le "nostre zone erronee" sull argomento: se vieni rifiutato (o giudicato negativamente) non viene rifiutato il tuo IO, ma la tua azione che non denota il tuo valore ma il valore dell azione stessa.

In soldoni non sentirti giudicato, perche ciò che ha giudicato negativamente è l azione che hai compiuto, che non indica il tuo valore che invece è dato da una serie di caratteristiche che riguardano diversi aspetti come il tuo vissuto, l esperienza, l abilita lavorativa, capacità sociali etc etc

Per cui oltre al fatto che 1) lasciamo che gli altri ci approvino o meno al posto nostro 2) non stanno nemmeno giudicando noi, ma ciò che abbiamo fatto in quella circostanza

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!

Iscriviti a ItalianSeduction

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Lo sai già, ma te lo dobbiamo dire comunque...

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.