Vai al contenuto
Gipsy&moonlight

Se Lui chiede di venire sul viso

Recommended Posts

^'V'^

Vado un attimo off topic... Aivia, visto che si parlava di preservativi e del loro uso o meglio del non tuo uso, t'e' mai capitata qualcuna che ha cercato di affibbiarti una presunta paternita' e se si' come hai reagito ?

Sì, una che voleva convincere ME della cazzata della fecondazione mediante liquido preeiaculatorio.

Avevo 20 anni.

Era già al terzo mese, e si accorse di essere incinta.

Odio quando un essere inferiore mi guarda negli occhi raccontandomi qualche cazzata senza nemmeno l'accortezza di guardare per terra.

Posso perdonare le bugie in risposta ad una domanda scomoda. Ma le cazzate dette occhi negli occhi con tono accusatorio e senza aver fatto domande...

Mi disse che avrebbe abortito last minute perché ero povero, e mi rinfacciò di non essere stato attento.

Usò un tono che... non so come spiegare ciò che provo, è come se un cane maltese avesse il dono della parola e mi desse degli ordini. Guardandomi anche in faccia e rinfacciandomi cose.

Penso che esporrei il suo cadavere massacrato fuori dalla porta come monito per tutti i cani.

Piuttosto offendimi la madre che dirmi delle cazzate con arroganza, guardandomi pure in faccia. Mi stava praticamente subcomunicando:

- che una figa di 20 anni mi può parlare e guardare negli occhi come se fossi un suo pari o un amico del suo gruppo di scemi

- che secondo lei mi può mentire e sono un coglione al punto da crederle

- che non è una candid camera

- che non so quello che faccio

- che il suo posto nella catena alimentare le permette di alzare la voce al mio indirizzo e di accusarmi.

Perché quando un predatore lo fa è perché non è certo del suo posto nella catena alimentare e allora sfida e morde, ma poi il momento in cui lo capisce, il suo posto nella catena alimentare, può essere davvero traumatico.

Ma quando lo fa una preda...

Le spiegai che avrei organizzato tutto con degli albanesi e che tra esami, prediche del consultorio e tempi della sanità italiana sarebbe andata fuori tempi di legge, che non doveva preoccuparsi di pagarmi per lo sbattimento perché avanzavo un favore dagli albanesi, ed erano abituati a farne sulle connazionali che facevano i clienti senza guanto. E soprattutto che se non mi diceva la verità, non sarebbe uscita in verticale dall'intervento in officina meccanica.

Mi rinfacciò di non essere sensibile e le spiegai che se fossi stato più sensibile me la sarei presa ed avrei risolto tutto a calci in pancia e con l'antenna di una macchina. Andò avanti con le pratiche normali, ma scoprirono che era pregna da troppo per fare in tempo nei termini di legge, andò in paranoia come un cane.

Mi chiese aiuto.

Le dissi che doveva dirmi la verità perché non accetto che mi si dica una cazzata con quel tono accusatorio e dopo ore di cazzate bugie, confessò che si era fatta scopare da uno in vacanza, che ci aveva avuto anche una relazione, che poi però aveva scoperto che questo si faceva anche sua cugina e che quindi lo odiava e che il figlio era suo.

Ma dai? Ma guarda un po'. Che novità.

E nella sua testolina aveva elaborato il piano di farmi del male dicendomi che ero povero per avere un figlio e che per punirmi di questo voleva abortire mio figlio e che...

Le spiegai cosa fare.

Le dissi di tornarsene a Reggio Calabria, di andare dal suo bell'imbusto coi fogli degli ospedali del nord che attestavano il suo stato di pregna e di far trovare al bell'imbusto un amico smanettone di grafica che avrebbe modificato la data sul foglio e di far tutto lì al sud, che non si sarebbero accorti di nulla per mancanza di interconnessione tra dati ospedalieri.

Così fece.

Ma cercando lei il grafico e non dicendo nulla al tipo del figlio, per timore che la ostacolasse e la volesse sposare, visto che pure lui faceva un lavoro di merda.

Poi è successo tre o quattro volte che me lo dicessero fingendo come test per vedere come reagivo, ho sempre reagito facendo le feste, decidendo il nome del nascituro e poi cambiando faccia improvvisamente e dicendo: nella vita, ci sono i topi da laboratorio e quelli che mangiano i topi da laboratorio, e che se qualche sua amica deficiente e topo come lei le aveva consigliato dalla sua posizione di roditore di fare test su di me, che sono quello che mangia i topi come loro, questo era il momento di farmi scopare la sua amica e di stare a guardare, o di prendere la porta ed andarsene per sempre accendendo un cero alla madonna dei topi perché poteva farlo camminando.

In un'occasione invece ci cascai perché detto per messaggio. Mi disse che aveva abortito spontaneamente al cesso mio figlio e che non mi aveva detto nulla pur sapendo di essere pregna, perché tanto avrebbe comunque abortito e che ciò era dovuto al fatto che il mio ex socio mi aveva incasinato di debiti a vita. Me lo disse con disprezzo. Per farmi notare che ero senza macchina. Ero troppo innamorato e pieno di problemi da risolvere in fretta per ragionare a mente fredda, e dovevo lavorare. Ed ero fuori città. Mi feci qualche drink per non stare troppo male, ma finii solo per farmi la più brutta ragazza di quel locale.

Poi mi svegliai da questa, mi resi conto dello schifo che avevo fatto, scappai, e ossigenando il cervello per la corsa verso la stazione capii che qualunque cosa avesse abortito, non era figlio mio.

Così... usando la dolcezza e la persuasione che ho affinato in anni di lavoro a contatto con feccia che cerca di accoltellarmi, le sciolsi la lingua e venne fuori che era pregna di un tizio che mi detestava per motivi solo suoi, che le aveva dato 250 euro per scoparla in faccia a me, e che mi teneva nascosta la gravidanza ed avrebbe abortito di nascosto ma l'aveva perso al cesso e si era un po' sconvolta e così il suo cervello, in modo totalmente non autorizzato da me, le aveva detto di sfogare quell'emozione ferendomi e cercando di umiliarmi e farmi sentire una merda.

Mi diede molto fastidio, come quando una mosca ti si appoggia di continuo addosso e quasi vorrebbe farti credere di essere una merda, ma poi la schiacci e le passa la fantasia.

Ma la cosa che mi diede più fastidio fu rendermi conto che per lo stato di fragilità in cui ero quando mi aveva scritto, mi ero ridotto al punto da credere alle cazzate di una tipa per alcune ore.

Il cellulare ha reso molto più facili i giochetti delle donne, che possono raccontare ogni tipo di cazzata nascoste dietro uno schermo senza feedback immediato.

Quell'esperienza, unita a molte altre, fa sì che ogni volta che una mi parla di cose per messaggio le dico di incontrarci e parlare di persona.

Questo ha aperto la porta ad un nuovo bug: siccome sanno che non mi va di parlare al cell, capita che mi rompano le palle per messaggio sapendo che così mi farò vedere.

Insomma come sistema per avere mie attenzioni gratis.

Ho fixato questo bug ignorando semplicemente ogni cosa che non mi viene detta in faccia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Red Eyes
Il 3/10/2015 alle 09:20 , ^'V'^ ha scritto:

Io voglio risvegliare il senso di possibilità e di meraviglia, voglio tenere in vita l'ultima briciola di Fantàsia, voglio che non avvelenino l'ultimo petalo di dolcezza che vi resta.

Grazie per il brivido sulla schiena! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Rock2013

Io ho sempre preferito venire fuori che dentro. Mi piace proprio guardare i danni. Tra laltro nel sesso a pagamento è una fortuna perchè venire in bocca ha sempre un sovraprezzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!

Iscriviti a ItalianSeduction

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Lo sai già, ma te lo dobbiamo dire comunque...

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.