Jump to content
Urban_Fender

"Chi sono io?La tua trombamica!"

Recommended Posts

Edo
47 minuti fa, Urban_Fender ha scritto:

L'uomo vero pratica il poliamore, @Edo? Questa è l'unica via per chi incappa in una FB et simili?

Tranne te (che ringrazio per la continua presentazione) non ne ho mai sentito parlare, e ovviamente non ho mai avuto lo stimolo ad informarmi a riguardo.


 

L'uomo vero non fa le cose di nascosto e cerca di agire con il consenso del partner, l'uomo vero non si nasconde.

Beh lo stimolo potresti averlo adesso per esempio, non è mai troppo tardi per fare le cose alla luce del sole.

Ti piacerebbe se a portare avanti una trombamicizia come la tua fosse tua moglie? Immaginatela a fare le cose a letto che fai tu con la tua trombamica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Urban_Fender
3 minuti fa, Edo ha scritto:

L'uomo vero non fa le cose di nascosto e cerca di agire con il consenso del partner, l'uomo vero non si nasconde.

Beh lo stimolo potresti averlo adesso per esempio, non è mai troppo tardi per fare le cose alla luce del sole.

Ti piacerebbe se a portare avanti una trombamicizia come la tua fosse tua moglie? Immaginatela a fare le cose a letto che fai tu con la tua trombamica

No che non mi piacerebbe, ovvio @Edo.
Ma cosa avrei dovuto fare già 5 anni fa? Rientrare a casa e dirle che la tizia mi è saltata addosso e io l'ho baciata ma non l'ho trombata perchè preso dai sensi di colpa?
Per rovinare l'esistenza di mia moglie con quel mezzo pomeriggio? Vero che il tutto  poi mi ha spinto a fare un percorso di ristrutturazione personale che ha dato molti frutti, ma non lo considero un nascondersi questo.

Non penso che il vero uomo a ogni occasione che gli si presenta davanti la mette in evidenza alla mgolie/compagna per avere il consenso.


"Sai amore oggi al centro commerciale una voleva farmi un pompino. Però non ho accettato eh." oppure "Amore c'è una con un bel culetto che proprio mi ha fatto cedere...ti chiedo il consenso per andare a darle due sculacciate".

 

Sicuramente non è valido nemmeno il mio comportamento, però prima di far saltare un matrimonio e la serenità mentale del partner, preferisco scoppiare io e cercare risposte ovunque.

Mi vado a leggere qualcosa sul poliamore, ma quello di cui ho bisogno ora (che lei è in culo al mondo, non alla mia portata) è capire come andare avanti in questa FB/non-FB e schiarirmi le idee, anche a suon di sberle virtuali come quelle che sto ricevendo e che ringrazio perchè mi stanno aiutando pian piano dissolvere il nuvoloso. 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

senza nome

 

Comunque molto prima del rapporto con lei o con tua moglie, dovresti chiederti quale è il tuo rapporto con te stesso e con la tua vita, se ancora vai a scrivere a 40 anni e passa cosa farebbe un vero uomo (e su quale morale dovresti seguire).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edo
17 minuti fa, Urban_Fender ha scritto:

Ma cosa avrei dovuto fare già 5 anni fa? Rientrare a casa e dirle che la tizia mi è saltata addosso e io l'ho baciata ma non l'ho trombata perchè preso dai sensi di colpa?
Per rovinare l'esistenza di mia moglie con quel mezzo pomeriggio? Vero che il tutto  poi mi ha spinto a fare un percorso di ristrutturazione personale che ha dato molti frutti, ma non lo considero un nascondersi questo.

Non penso che il vero uomo a ogni occasione che gli si presenta davanti la mette in evidenza alla mgolie/compagna per avere il consenso.

È proprio così che fa il vero uomo, invece. 

Sì, avresti dovuto parlare con tua moglie del fatto che ti sei invaghito di un'altra. Ho sottolineato una cosa che dai per scontato tu e cioè che avresti rovinato il pomeriggio a tua moglie. Intanto non sai se lei ti avrebbe apprezzato se ti fossi aperto con lei sui tuoi sentimenti ma dai per scontato che non ti avrebbe capito. Inoltre ad oggi la situazione è questa: tu che scopi con una, tua moglie che non sa niente e tu che continui a tenerle nascosta la seconda relazione. Non pensi che meriterebbe di sapere? Stai facendo delle cose che normalmente rientrano nel menage di una coppia, con un'altra persona senza che la prima persona ne sia al corrente. Per come la penso io, tua moglie, che condivide con te la quotidianità e non solo il letto qualche volta, dovrebbe essere edotta del comportamento del marito perché così stai agendo nel segreto senza darle modo di fare una libera scelta. O hai paura che lei ti molli? Hai quindi paura delle tue azioni? Non mi sembra un comportamento da vero uomo. 

Tu hai detto che non ti piacerebbe ricevere lo stesso trattamento. Perché allora ti comporti così? Davvero non capisco perché riservi un simile trattamento a una persona che condivide con te la sia vita e con la quale, a suo tempo, hai deciso in coscienza di sposarti (nessuno ti ha obbligato). Ho provato a cercare nelle tue parole delle giustificazioni al tuo comportamento ma non ce ne sono affatto. 

È un concetto così difficile da capire quello di non fare agli altri (che poi non si tratta di altri in generale ma di tua moglie) ciò che non vorresti fosse fatto a te? Io non ti sto dicendo che non devi assolutamente avere impulsi di scoparti altre donne oltre a tua moglie, ti sto dicendo soltanto che esiste il modo per essere soddisfatto te e non fare le cose di nascosto nei confronti di tua moglie. O è il brivido del fare le cose di nascosto che ti piace? Tipo quando un bambino pensa di averla fatta franca e fa cose che sua madre non gli permette? 

In tutta sincerità, dato che hai più volte esortato la mia opinione, ti dico che mi auguro vivamente che nella mia vita non capiti mai un uomo come te, uno che non ha le palle di difendere le proprie azioni e di farle conoscere non dico al mondo (mai sostenuto questo) ma a sua moglie. Un uomo che basa il suo matrimonio su un'enorme bugia, un uomo che pensa che quello che fa sia giusto per sua moglie, senza nemmeno chiedere l'opinione di lei o provare a trovare una soluzione che vada bene ad entrambi e non solo a un elemento della coppia. Se volevi fare le cose per conto tuo non ti sposavi. 

Zema e Aivia, qui del forum, hanno tutti i difetti del mondo, saranno pure brutti e cattivi, insensibili e tutto quello che vuoi, ma una cosa mi hanno insegnato: a essere sincera sempre e comunque, senza eccezioni, ed è quello che fanno. La ex LTR di Zema sapeva e accettava che lui si scopasse altre in discoteca o agli appuntamenti, Aivia lo dice sempre alle tipe che si scopa che lui non è uno da monogamia. Non mi sembrano alieni. E sono entrambi più giovani di te: Aivia ha qualche anno meno di te e Zema ha la mia età, non hanno nemmeno chissà che laurea o master, non sono pertanto persone con chissà quali conoscenze accademiche ma da donna sai che se hai a che fare con loro non ti dicono A per poi fare B, nell'ambito sesso. Possibile che tutto ciò non sia il pilastro principale su cui si basa un matrimonio? La sincerità dico. 

Su cosa si basa il tuo matrimonio se non sulla sincerità? Sul fare le cose di nascosto? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Urban_Fender
Posted (edited)
23 minuti fa, Edo ha scritto:

È proprio così che fa il vero uomo, invece. 

Sì, avresti dovuto parlare con tua moglie del fatto che ti sei invaghito di un'altra. Ho sottolineato una cosa che dai per scontato tu e cioè che avresti rovinato il pomeriggio a tua moglie. Intanto non sai se lei ti avrebbe apprezzato se ti fossi aperto con lei sui tuoi sentimenti ma dai per scontato che non ti avrebbe capito. Inoltre ad oggi la situazione è questa: tu che scopi con una, tua moglie che non sa niente e tu che continui a tenerle nascosta la seconda relazione. Non pensi che meriterebbe di sapere? Stai facendo delle cose che normalmente rientrano nel menage di una coppia, con un'altra persona senza che la prima persona ne sia al corrente. Per come la penso io, tua moglie, che condivide con te la quotidianità e non solo il letto qualche volta, dovrebbe essere edotta del comportamento del marito perché così stai agendo nel segreto senza darle modo di fare una libera scelta. O hai paura che lei ti molli? Hai quindi paura delle tue azioni? Non mi sembra un comportamento da vero uomo. 

Tu hai detto che non ti piacerebbe ricevere lo stesso trattamento. Perché allora ti comporti così? Davvero non capisco perché riservi un simile trattamento a una persona che condivide con te la sia vita e con la quale, a suo tempo, hai deciso in coscienza di sposarti (nessuno ti ha obbligato). Ho provato a cercare nelle tue parole delle giustificazioni al tuo comportamento ma non ce ne sono affatto. 

È un concetto così difficile da capire quello di non fare agli altri (che poi non si tratta di altri in generale ma di tua moglie) ciò che non vorresti fosse fatto a te? Io non ti sto dicendo che non devi assolutamente avere impulsi di scoparti altre donne oltre a tua moglie, ti sto dicendo soltanto che esiste il modo per essere soddisfatto te e non fare le cose di nascosto nei confronti di tua moglie. O è il brivido del fare le cose di nascosto che ti piace? Tipo quando un bambino pensa di averla fatta franca e fa cose che sua madre non gli permette? 

In tutta sincerità, dato che hai più volte esortato la mia opinione, ti dico che mi auguro vivamente che nella mia vita non capiti mai un uomo come te, uno che non ha le palle di difendere le proprie azioni e di farle conoscere non dico al mondo (mai sostenuto questo) ma a sua moglie. Un uomo che basa il suo matrimonio su un'enorme bugia, un uomo che pensa che quello che fa sia giusto per sua moglie, senza nemmeno chiedere l'opinione di lei o provare a trovare una soluzione che vada bene ad entrambi e non solo a un elemento della coppia. Se volevi fare le cose per conto tuo non ti sposavi. 

Zema e Aivia, qui del forum, hanno tutti i difetti del mondo, saranno pure brutti e cattivi, insensibili e tutto quello che vuoi, ma una cosa mi hanno insegnato: a essere sincera sempre e comunque, senza eccezioni, ed è quello che fanno. La ex LTR di Zema sapeva e accettava che lui si scopasse altre in discoteca o agli appuntamenti, Aivia lo dice sempre alle tipe che si scopa che lui non è uno da monogamia. Non mi sembrano alieni. E sono entrambi più giovani di te: Aivia ha qualche anno meno di te e Zema ha la mia età, non hanno nemmeno chissà che laurea o master, non sono pertanto persone con chissà quali conoscenze accademiche ma da donna sai che se hai a che fare con loro non ti dicono A per poi fare B, nell'ambito sesso. Possibile che tutto ciò non sia il pilastro principale su cui si basa un matrimonio? La sincerità dico. 

Su cosa si basa il tuo matrimonio se non sulla sincerità? Sul fare le cose di nascosto? 

@Edo.
Ho chiesto la tua opinione, si. 🙂
E da una donna non me ne aspettavo una di un altro tenore o di una acredine inferiore a quella del post citato.

Non essendo sposata, per te è assai facile parlare di un uomo che per difendere le proprie azioni deve farle conoscere alla moglie.
E' assurdo secondo me che una moglie meriti o debba sapere della sbandata per il marito, soprattutto dopo tanti anni di matrimonio.

Chiarisco, e lo sottolineo, che il mio matrimonio non è basato su una bugia...non mi sembra di aver mai detto (o fatto) che sono quindici anni che sono sposato e che da quindici anni ho una relazione di sesso con una amica o tradisco mia moglie.
Dal giorno del si all'inizio di questo periodo sono stato impeccabile,credimi. Impeccabile.
E nonostante tutto, in alcuni momenti a mia moglie (in quanto essere umana) l'essere impeccabile non l'ha di certo salvata dall'interesse naturale per altre persone.

Perchè siamo umani, Edo. Non è che con la fede al dito si smette di esserlo.

Per questo mese in cui (sbagliando) sono finito a letto con una amica devo riconsiderare tutto il tempo in cui mia moglie è stata messa (ed è ancora) al primo piano?
Devo ritenermi una merda che deve marcire all'inferno perchè ora ho una FB che probabilmente tra 15gg si estingue? O perchè in passato ci ho preso la sbandata o One Itis?

Senza Nome ha ragione, magari devo considerare cosa voglio dalla mia vita, questo si.
Anche a 42 anni si può imparare e sbagliare.

Edited by Urban_Fender

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sagittair
1 ora fa, Urban_Fender ha scritto:

Si, le si cuce addosso bene il vestito di mantide religiosa.
Psicologicamente è stata devastante per me, ma ora non è un'ossessione al pari di quanto non lo fosse fino 2-3 anni fa. Te lo garantisco.
L'obiettivo era quello di scoparla per bene, per ore, prendersi il massimo del godimento a letto, ed è quello che raggiunto, vorrei fosse l'apice della relazione.

Quindi ora che hai di fatto ottenuto ciò che volevi non hai più nulla da chiedere a questa relazione. 

1 ora fa, Urban_Fender ha scritto:

Ok. Trombamica pura non fa questo.
Ma qui ci sono quasi 20 anni di amicizia, nei quali in ogni occasione in cui si trova prende e scrive (ma non solo a me, e non solo adesso). Rende tutti partecipi della propria vita, che si tratti di un viaggio di lavoro o una mostra di arte/cinema/etc.
Su questo non ho l'esclusiva, assolutamente.

E' in un altro gruppo WA e puntualmente lì ha sempre pubblicato e scritto tutto ciò di simile a quello che fa ora.

Ti chiedo lumi su quanto sottolineato, per capirne i contorni e accettarne l'impegno a meditare. 😉

Ora come ora non è più tua amica, e penso tu sbagli a considerarla ancora come tale. 

Ti ha trasformato da amico in "vittima" prediletta.

Quello che volevo dirti con il sottolineato è che probabilmente questa donna gode inconsapevolmente nel rubare gli uomini delle altre insinuandosi nelle crepe di rapporti logori e mai rinnovati, per godersi la linfa vitale che solo un uomo con uno status di sposato può garantirle. E' il brivido, la sfida e tutto quello che ne consegue che la eccita ... 

Va da se che una volta che la preda rimane avvinghiata nella sua tela, ci gioca un po e poi se ne stufa. 

Parafrasando ... se anche tu dovessi divorziare e metterti con lei ufficializzando il tutto, penso che lei non ci metterebbe molto a stancarsi e rimettersi in caccia di una nuova preda.

1 ora fa, Urban_Fender ha scritto:

Ci sono punti sui quali mi permetto di non essere d'accordo con quanto scrivi.

- non mi giustico coi colpi di fulmine (avuti un paio da sposato ma MAI andati a fine, nemmeno con un caffè)
- amico/convivente di mia moglie in base a cosa? Io e mia moglie continuiamo la nostra vita come sempre, con serate insieme sul divano, passeggiate in moto, viaggi in tutto il mondo...e senza più, da parte mia, il pensiero di questa FB

- "Tanto che lei stessa ha cercato altrove per prima per soddisfare i bisogni che tu non riuscivi più a soddisfare"    Lei non mi ha né tradito né lasciato per nessuno, finora. Non so se questo è stato fatto intendere dai miei messaggi, ma non è accaduto, ne sono più che certo. Per cui nessun pan per focaccia, non saremmo arrivati mai a questo.

Rispetto reciproco sì, sono io quello che non lo sta portando ora, e infatti non sto per niente bene, a maggior ragione che chiedo consigli in questa sezione accettandone di parlare con chi vive queste situazioni (o peggiori).

Perdonami ma da quanto scritto sembrava tu fossi stato tradito. Va da se che il mio discorso del pan per focaccia non abbia senso.

Tuttavia, non riesco davvero a comprendere come per te possa comunque filare tutto liscio... questo davvero non me lo spiego. 

Tua moglie ti confessa di aver provato interesse  per il peggio elemento non confacente (ma forse si?) al trend del suo stato di relazione: tossico, volgare, violento, maleducato, sposato con figlio  più piccolo di lei. e tu non ne rimani scioccato? 

E' un grido disperato, represso sull'altare del bon ton domestico, ma nasconde un esigenza latente palesemente non soddisfatta.  

E questa esigenza latente, si chiamano emozioni. Quelle vere, autentiche. Questo non significa stare insieme sul divano, farsi i viaggi le passeggiate in moto, etc.. tutte stronzate, questi sono solo i gesti della fede, ma se la fede non c'e più anche i gesti perdono di significato. Avere fede in questo caso, significa avere il coraggio e l'onestà intellettuale di parlare chiaro e senza alcun timore con la persona che abbiamo accanto di tutti gli aspetti della nostra vita, non certo per far un piacere a lei, ma per costruire ogni giorno un noi.  

Questo è ciò che ci si aspetta da un uomo.  

Stai rischiando davvero grosso, perchè ora sei qui a preoccuparti come gestire la "trombamica" al ritorno dalla sua vacanza a 8000 km di distanza, quando invece hai una bomba ad orologeria in casa di cui pensi di avere pieno controllo.... 

Mi spiace ma ora come ora tu e tua moglie non siete un noi ma siete un io ed un lei. Due figure unite sotto lo stesso tetto ma divise nell'anima. 

E' questo che in realtà a te più duole, l'averlo dovuto scoprire a tue spese mediante un ... ma si che sarà mai, mi tolgo lo sfizio di farmi una che è sempre stata il mio pallino. E poi tutto come prima. Tanto non sono in one-itis per la trombamica....  

Eh no, niente è come prima. 

2 ore fa, Urban_Fender ha scritto:

Come esser chiari?
Con me, lei, l'altra...?

Soprattutto, un uomo come dovrebbe gestire la cosa?

Concludendo ...  in realtà ora ti senti a disagio non per aver tradito la moglie, ma per aver tradito te stesso. 

Quando dicevo che non ti stai comportando da uomo intendevo proprio questo, perché di fatto ti stai nascondendo dietro ad un dito senza assumerti alcuna responsabilità di tutto quanto ti sta accadendo. Le cose non capitano da sole, capitano a chi è ricettivo ...

Non sei chiaro e coerente con te stesso, ecco perché ora tutto ti sembra un gran casino. 

Ti focalizzi su dettagli e perdi di vista il quadro generale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Urban_Fender
21 minuti fa, Sagittair ha scritto:

Quindi ora che hai di fatto ottenuto ciò che volevi non hai più nulla da chiedere a questa relazione. 

Ora come ora non è più tua amica, e penso tu sbagli a considerarla ancora come tale. 

Ti ha trasformato da amico in "vittima" prediletta.

Quello che volevo dirti con il sottolineato è che probabilmente questa donna gode inconsapevolmente nel rubare gli uomini delle altre insinuandosi nelle crepe di rapporti logori e mai rinnovati, per godersi la linfa vitale che solo un uomo con uno status di sposato può garantirle. E' il brivido, la sfida e tutto quello che ne consegue che la eccita ... 

Va da se che una volta che la preda rimane avvinghiata nella sua tela, ci gioca un po e poi se ne stufa. 

Parafrasando ... se anche tu dovessi divorziare e metterti con lei ufficializzando il tutto, penso che lei non ci metterebbe molto a stancarsi e rimettersi in caccia di una nuova preda.

Perdonami ma da quanto scritto sembrava tu fossi stato tradito. Va da se che il mio discorso del pan per focaccia non abbia senso.

Tuttavia, non riesco davvero a comprendere come per te possa comunque filare tutto liscio... questo davvero non me lo spiego. 

Tua moglie ti confessa di aver provato interesse  per il peggio elemento non confacente (ma forse si?) al trend del suo stato di relazione: tossico, volgare, violento, maleducato, sposato con figlio  più piccolo di lei. e tu non ne rimani scioccato? 

E' un grido disperato, represso sull'altare del bon ton domestico, ma nasconde un esigenza latente palesemente non soddisfatta.  

E questa esigenza latente, si chiamano emozioni. Quelle vere, autentiche. Questo non significa stare insieme sul divano, farsi i viaggi le passeggiate in moto, etc.. tutte stronzate, questi sono solo i gesti della fede, ma se la fede non c'e più anche i gesti perdono di significato. Avere fede in questo caso, significa avere il coraggio e l'onestà intellettuale di parlare chiaro e senza alcun timore con la persona che abbiamo accanto di tutti gli aspetti della nostra vita, non certo per far un piacere a lei, ma per costruire ogni giorno un noi.  

Questo è ciò che ci si aspetta da un uomo.  

Stai rischiando davvero grosso, perchè ora sei qui a preoccuparti come gestire la "trombamica" al ritorno dalla sua vacanza a 8000 km di distanza, quando invece hai una bomba ad orologeria in casa di cui pensi di avere pieno controllo.... 

Mi spiace ma ora come ora tu e tua moglie non siete un noi ma siete un io ed un lei. Due figure unite sotto lo stesso tetto ma divise nell'anima. 

E' questo che in realtà a te più duole, l'averlo dovuto scoprire a tue spese mediante un ... ma si che sarà mai, mi tolgo lo sfizio di farmi una che è sempre stata il mio pallino. E poi tutto come prima. Tanto non sono in one-itis per la trombamica....  

Eh no, niente è come prima. 

Concludendo ...  in realtà ora ti senti a disagio non per aver tradito la moglie, ma per aver tradito te stesso. 

Quando dicevo che non ti stai comportando da uomo intendevo proprio questo, perché di fatto ti stai nascondendo dietro ad un dito senza assumerti alcuna responsabilità di tutto quanto ti sta accadendo. Le cose non capitano da sole, capitano a chi è ricettivo ...

Non sei chiaro e coerente con te stesso, ecco perché ora tutto ti sembra un gran casino. 

Ti focalizzi su dettagli e perdi di vista il quadro generale. 

@Sagittair credo che tu abbia centrato il punto, e usato le parole chiave esatte.

Sì, lei è una che ti avvinghia, gioca e si stufa. E qualora fossi in procinto di divorziare, sono sicuro che lei non sarebbe mai quella della nuova relazione, perchè in cerca di provider o di qualcuno che le dia sempre novità.

Mi rendo conto che ho scritto in maniera tale da far confondere chi legge; mia moglie non mi ha tradito.
Però colgo l'occasione per rispondere di nuovo a @Edo con quanto hai scritto in merito alla manifestazione di mia moglie sull'interesse per il collega (avvenuta prima del periodo mio di FB).

Rimanere scioccato perchè? Perchè dopo 15 anni di matrimonio esce fuori che ha provato interesse per un altro?
Ci sono rimasto male, chiaro, ma avrei dovuto fare un casino, sbroccare e buttarla fuori di casa?
Ne abbiamo parlato, mi ha garantito che è stato un periodo di confusione che non è sfociato in altro e che non ha mai messo in discussione per un solo momento il nostro matrimonio. Quindi, punto. Punto.
Punto perchè quando sei sposato e stabile, e sai di avere al tuo fianco una donna che non ti ha mai mancato di rispetto, non ti metti a fare il bambino capriccioso dotato di testosterone e orgoglio che fa il maschio alpha e manda a cagare più di 20 anni di rapporto. Accusi, ne parli, ti confronti, riparti dalle cose più piccole.

Davvero date per certo la fine di un matrimonio per eventi di vita che tutte le coppie potrebbero vivere, come questo?
E il concetto di "buona/cattiva sorte" allora?
Che si fa quando si vive la cattiva sorte, si manda tutto all'aria o si cercano soluzioni?
Dopo 15 anni di matrimonio per-fet-ti, davvero non mettete in conto che ci sono periodi in cui marito e moglie possono allentare il "noi" e vivere appannamenti in cui si ha la sensazione di condividere solo lo stesso tetto?

Che dire, sarò curioso di sapere quando vi sposate come vi comportate alla prima difficoltà (e sono queste le principali difficoltà).

 

Comunque, ribadisco @Sagittair, tu hai davvero fatto centro con il messaggio sopra.

Sia perchè dici che non devo aspettarmi nulla da lei (FB), sia sul perchè io sia a disagio per esser stato tradito da me stesso.
Pensavo di continuare ad essere impeccabile e ligio alle regole sociali/di relazione (come nei 15 anni di matrimonio) e invece mi sento una merda perchè esco a comprare dei preservativi per scoparmi una che rappresenta uno sfizio.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Edo
32 minuti fa, Urban_Fender ha scritto:

Ne abbiamo parlato, mi ha garantito che è stato un periodo di confusione che non è sfociato in altro e che non ha mai messo in discussione per un solo momento il nostro matrimonio. Quindi, punto. Punto

È questo il punto: perché quando lei si è presa una sbandata ne avete parlato come giustamente fanno gli adulti e non avete parlato quando la sbandata te la sei presa tu e sei andato oltre la mera sbandata?

33 minuti fa, Urban_Fender ha scritto:

Punto perchè quando sei sposato e stabile, e sai di avere al tuo fianco una donna che non ti ha mai mancato di rispetto, non ti metti a fare il bambino capriccioso dotato di testosterone e orgoglio che fa il maschio alpha e manda a cagare più di 20 anni di rapporto. Accusi, ne parli, ti confronti, riparti dalle cose più piccole.

Ecco questo è uno dei principi del poliamore. Ma perché non ti sei comportato così quando è successo a te?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Edo

P.s. "vorrei vedere voi quando vi sposate ecc ecc": intanto sposarsi non è un passo obbligatorio una relazione, e in seconda battuta non è un male necessario che prima o poi tutti dobbiamo subire. È una scelta che si fa in età adulta, una scelta ponderata. 

Grazie a questo forum ho imparato che l'essere umano (il maschio perlopiù ma pure la femmina soprattutto se è in un certo modo, e in questo io personalmente mi sento più simile a certi maschi) ha necessità intrinseca di abbondanza e varietà. Ne ho parlato con il mio fidanzato, l'unico di cui mi sia mai innamorata, fin dai primissimi appuntamenti proprio per non uscirmene con il coniglio dal cilindro tra molti anni, di botto. Con noi per es funziona la regola del bonus: se scopi un'altra persona me lo dici, non mi incazzo ma ho un bonus e cioè posso scoparmi anch'io un'altra persona, ovviamente dicendotelo, per andare a patta, e via così. Per ora ci bastiamo (cosa assai rara per entrambi dato che abbiamo il limite di tolleranza e sopportazione di 3-4 mesi e poi abbiamo bisogno di variare), ma per il futuro non escludiamo che possa accadere che uno dei due si possa invaghire di un'altra persona e andarci a letto. 

Questo per dire che non è che tutte le relazioni a lungo termine devono fondarsi sugli stessi principi delle altre

Share this post


Link to post
Share on other sites
Urban_Fender
5 minuti fa, Edo ha scritto:

1)È questo il punto: perché quando lei si è presa una sbandata ne avete parlato come giustamente fanno gli adulti e non avete parlato quando la sbandata te la sei presa tu e sei andato oltre la mera sbandata?

2)Ecco questo è uno dei principi del poliamore. Ma perché non ti sei comportato così quando è successo a te?

Edo, la sua sbandata è stata verbalizzata dopo 3 anni. Perché così accade spesso nelle coppie, per andare avanti e capire. Ci si interroga personalmente, in primis, se sia una sbandata o altro per cui realmente mettere l'altro a conoscenza e fargli vivere la croce addosso.

Io della mia sbandata non gliene sto parlando perché la fb è una figura della nostra comitiva, del nostro gruppo. Prima di far scoppiare una bomba sarà bene inquadrare e definire/chiudere questo periodo senza troppi traumi no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.