Jump to content

Inner game e filosofia orientale


JayGatsby
 Share

Recommended Posts

JayGatsby

Dice Chogyam Trungpa:

"L'ideale della via del guerriero consiste nell'essere triste e tenero e di conseguenza si può essere anche molto coraggiosi. Senza questa sincera tristezza il coraggio è fragile come una tazza di porcellana cinese. Se lo lasci andare si romperà o si scheggerà. Ma il coraggio del guerriero è come una tazza di legno ricoperta da uno strato di lacca. Se la tazza cade, più che rompersi rimbalzerà. E' morbida e dura allo stesso tempo."

Spesso "superare le paure" significa in realtà "negare le paure", o almeno questo mi sembra l'atteggiamento di chi suggerisce una "ri-programmazione" dei nostri stati mentali (un'idea che circola in lungo e in largo sul forum): l'equivalente PNListico del fragile coraggio di porcellana. Qualcuno si riconosce invece nella citazione che ho riportato?

Link to comment
Share on other sites

Direct

la citazione è un bellissimo esempio del sapersi adattare ad ogni situazione, ad essere pronti ad ogni evenienza e all'adattarsi psicologicamente in ogni occasione della vita.

Superare le paure è sicuramente un passo importante per la vita di ognuno ma sei solo TU che stabilisci se ti basta superare una paura NEGANDOLA o AFFRONTANDOLA.

Se neghi, il piacere di sentirsi liberi c'è, ma sono convinto che durerà ben poco quando ti rendi conto che in realtà stai solo fuggendo da ciò che temi e non lo vuoi affrontare per paura di perdere.

La riprogrammazione degli stati mentali non porta a NEGARE una paura. porta invece ad AFFRONTARLA. Non a caso, per quanto si può scrivere su questo argomento, come ben tutti sanno, affrontare qualcosa significa mettere allo scoperto una nostra fragilità e di conseguenza inspessire questa nostra fragilità sino a farla diventare un punto corazzato della nostra persona. Capisco che è scritto male e contorto, ma la verità è che tra negare e riprogrammare mentalmente di strada ne va.

Anche io qui sul forum dico spesso di considerare inesistente una paura. Ma non è che voglio dire che NEGANDO la sua esistenza automaticamente riesci a superarla.

Il negare è ciò che ti permette di "individuare COSA è quella paura per te". Ti accorgi, attraverso questo procedimento, di quello che provi, e sei quindi in grado di trasformare/affrontare quel sentimento di paura in qualcosa di positivo e non piu dannoso per la tua vita.

SARGE ON

Direct

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.