Vai al contenuto

Fine LTR e condizionamento da PUA's way of life.


 Condividi

Messaggi raccomandati

mak

Ciao ragazzi,

soffro di one-itis per una ragazza con cui ho una XXLTR (4 anni), avevo già postato qualcosa in merito. Lei è inamoratissima come del resto anche io. La reputo una ragazza molto, ma molto intelligente ed è questo ciò che più mi affascina di lei.

Sono stato ore a parlare di persona con lei, innumerevoli volte. Sono molto giù. Lei è della mia città ma ha deciso di fare la specialistica dall'altra parte dell'Italia per poi inizare a lavorare, in ogni caso, lontano da dove viviamo ora. Io non ho accettato di mollare tutto (casa, lavoro, madre, ...) e di seguirla (voglio essere io a decidere della mia vita così da poter completare gli obbiettivi che già molti anni fa mi sono prefissato).

L'unica soluzione, messa "nero su bianco" questa sera, è stata di smettere di frequentarci.

Quelle rare volte in cui mi è capitato che un rapporto vacillasse, ho sempre fatto di tutto per ri-sistemare la vita di coppia. Questa è la prima volta in cui permetto che una storia vada ad eclissarsi così, senza sforzi enormi per contrastare la tendenza. Certamente ho fatto qualcosa per evitare questa spiacevole situazione, ma con meno vigore di una volta. Questo mi preoccupa.

Se partecipo a questo forum vuol dire che qualche aspetto della mia vita sentimentale non sia esattamente come lo desidero io. La "forza" per far finire il suddetto rapporto l'ho trovata tramite questo genere di risorse sul web, che trovo di un valore inestimabile.

Mi sto chiedendo: fino a che punto sono stato condizionato da ciò che ho letto? Dentro di me sento di non essere convinto di aver fatto la cosa giusta... o comunque di non aver fatto abbastanza.

La domanda che non mi permetterà di dormire questa notte è la seguente:

"È la donna della mia vita o no?"

Per lei io lo sono, me l'ha ribadito con vigore più volte anche in data odierna. Lei vorrebbe condividere il resto della sua vita con me.

To cut a long story short...

La domanda per cui ho fatto questo post e su cui vorrei qualche spunto di riflessione è "fino a che punto sono stato condizionato da ciò che ho letto?"

Se poi avete piacere nel prendere spunto per una discussione anche dal resto mi date una mano a togliere un po' di nebbia dai pensieri che ho in testa.

Grazie

Link al commento
Condividi su altri siti

MnM
Io non ho accettato di mollare tutto (casa, lavoro, madre, ...)  

ROFTL

Soprattutto per la madre.

Senza offesa, non so neanche la tua età, però, cavolo, ogni tanto mollare il nido familiare no ?

M'n'M

Link al commento
Condividi su altri siti

"È la donna della mia vita o no?"

Per lei io lo sono, me l'ha ribadito con vigore più volte anche in data odierna. Lei vorrebbe condividere il resto della sua vita con me.

NON è la donna della tua vita e non vuole condividere il resto delle tua vita con te.

Se ti svegli troverai 1000 Hb migliori, ti diverterai ecc.

Lei ha scelto il suo futuro!

lasciala in pace e liberala,

te ne sarà grata :fclose:

Link al commento
Condividi su altri siti

mak
ROFTL

Soprattutto per la madre.

Senza offesa, non so neanche la tua età, però, cavolo, ogni tanto mollare il nido familiare no ?

M'n'M

Ciao, io ho una casa mia, un lavoro mio, una automobile mia, ... Mia madre non sta molto bene e non ha nessuno con cui stare. Se me ne vado via di casa lei rimarebbe sola e sicuramente non starebbe bene.

Per farti capire, mia madre abita a casa mia, non l'opposto.

Ci tengo a mia madre perchè lei ha fatto molti sacrifici per me ed è giusto che io le stia vicino ora.

Link al commento
Condividi su altri siti

DOH!!!

Sono basito dal fatto che JDF, il nostro portatore sano di luce dove prima era il buio, non si sia ancora fatto sentire in merito..

JD, dove sei??????

Mak.. la cosa bella del nostro cervello è che in una sua parte, che raramente ascoltiamo, lui ha una tendenza incredibile alla semplicità. E se tu domandi a te stesso: HO FATTO UNA CAXXATA?? Lui, il cervello, in un milionesimo di secondo ti da una risposta FERMA E DECISA (che io posso immaginare, ma che riguarda te, e non me) poi però purtroppo interviene la personalità, i valori, le paranoie, l'orgoglio, e un sacco di altra rumenta che dovrebbe fungere da lubrificante per il nostro cerebro, ma che ahinoi a volte fa la stessa funzione del filtro dell'aria nella mia auto (che non vede un meccanico da almeno 40.000km) nato per darle il respiro, finisce per SOFFOCARLA!!!

Quindi, fatti la domanda, e datti la risposta. Poi, semplicemente, agisci di conseguenza. E per una volta vivi la tua vita, e non quella di mamma, amici, parenti... Spesso, se paragoniamo la vita ad un abito da indossare, finiamo per indossare l'abito che, a nostro parere, gli altri ci vedrebbero bene addosso. Ma alla fine non ci prendiamo nemmeno la briga di chiedere a quelli il cui parere ci vincola, qual'è il loro VERO parere. Lasciamo che le nostre idee ci dicano cosa pensano gli altri di noi..

Prendi in mano la tua vita, domandati se ciò che hai fatto è giusto. E se non lo è, correggi l'errore.

Se ho detto cazzate (il mio cervello dice NO! ma la mia personalità tende a dire "mboh, forse rileggendo il messaggio 1500 volte prima di pigiare INVIA troveresti qualche incongruenza" e io quindi non lo rileggo, così, perchè mi va..) fatemelo sapere..

DOH!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

MnM
Ciao, io ho una casa mia, un lavoro mio, una automobile mia, ... Mia madre non sta molto bene e non ha nessuno con cui stare. Se me ne vado via di casa lei rimarebbe sola e sicuramente non starebbe bene.

Per farti capire, mia madre abita a casa mia, non l'opposto.

Ci tengo a mia madre perchè lei ha fatto molti sacrifici per me ed è giusto che io le stia vicino ora.

Ritiro tutto quello che ho detto e ti chiedo scusa, ho parlato "a matola" (ossia inutilmente).

Sorry.

M'n'M

Link al commento
Condividi su altri siti

John Difool

Quoto DOH!!! e aggiungo...

Amen! ;)

JDF

PS: seriamente, è una cosa troppo personale per entrarci. Credo che entrambe le strade siano valide, tornare da lei o lasciare che questa cosa vada alla deriva. Qui la differenza non sta in nero bianco, buono cattivo, ecc. ecc., ma in cosa tu preferisci fare...

Fai così, visto che nel presente la tua risposta non la trovi, proiettati tra dieci anni e immaginati come sarà la tua vita avendo fatto una scelta o l'altra. Immagina ogni aspetto. Quelli belli e quelli brutti, senza barriere. E semplicemente scegli dove vorrai essere tra dieci anni.

E' come se ti trovassi a un bivio: non devi decidere se è più bella la strada di destra o quella di sinistra, o seguire il vento del momento. Devi invece leggere i cartelli e decidere in quale delle due destinazioni preferisci ritrovarti. Perché il cammino è importante, come dicono i saggi, ma prima o poi arriverai a destinazione ed è fondamentale che sia quella che desideri. Immaginando il futuro potrai scegliere la destinazione che è più tua, che ti appartiene. Come se leggessi un cartello stradale.

Poi ce lo dirai tu che strada prendi, e non viceversa.

Un uomo per essere un uomo deve prendere le decisioni fondamentali della sua vita da solo... in questo DOH ha perfettamente ragione. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

DOH!!!
Amen! ;)

JDF ;)

E luce fu... e fu sera e fu mattina...

dheheeihihuhuh

DOH!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

prieras
To cut a long story short...

La domanda per cui ho fatto questo post e su cui vorrei qualche spunto di riflessione è "fino a che punto sono stato condizionato da ciò che ho letto?"

Se poi avete piacere nel prendere spunto per una discussione anche dal resto mi date una mano a togliere un po' di nebbia dai pensieri che ho in testa.

Caro, Mak, credo proprio che tu sia come me un fiero esponente della categoria dei figli unici (o forse sbaglio!?). Come ti ha detto JDF ciò di cui argomenti nel tuo post è a livello troppo personale e credo che non esista una risposta preconfezionata da darti.

Posso solo suggerirti di fare quello che il cuore (attenzione, il cuore non la testa) ti suggerisce. Anche io a causa di una lunga malattia di mia madre ho dovuto fare rinunce a livello affettivo, lavorativo, e sentimentale. Non nascondo che tutto ciò mi è pesato un pò, ma come si dice la mamma è sempre la mamma e di mamma ce ne è una sola. Forse dovresti fare un pò di chiarezza nella tua vita, confrontati con la tua (ex)ragazza e addivenire ad un punto d'incontro che possa soddisfare TUTTI voi.

Per quanto riguarda la risposta di DOH, caro DOH, sei fortunato che oggi non sono in vena perchè un bel vaffanculo, ma di quelli detti di cuore, in un altro frangente te lo saresti preso tutto. Ma cazzo, dico io, c'è una persona che ha un problema serio e tu gli rispondi di mandare a fanculo tutto e farsi i cazzi suoi!? Complimenti, hai la sensibilità di un elefante pure zoppo. Vorrei vedere te a gestire una vita fatta di lavoro, studio, fidanzata, problemi vari cui si aggiunge una madre che non sta molto bene. Cazzo, ma leggete prima di dare risposte o per voi il post è solo un mezzo per aumentare "di grado"!?

Resto senza parole...anche perchè JDF ha dato ragione a DOH.....forse che troppe closate/pisellate insieme l'hanno fatto sbarellare!? Mah.

Per quanto riguarda la tua domanda, MAk, crdo che leggere faccia sempre bene ma aggiungo che non bisogna prendere tutto ciò che si legge per oro colato. Occorre discernere, selezionare, classificare e sfanculare ciò che pare una cazzata palese (e girando per forum, ne trovi a quintalate di cappellate,

fidati).

IS può indicarti una via, una possibile soluzione, ma sta poi a te valutare se faccia al caso tuo o meno.

Ora ti lascio. Un sentito saluto e un grande in bocca al lupo per tutto :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...