Vai al contenuto

Inner game, autostima?


Adversus

Messaggi raccomandati

Adversus

Ok, è arrivato il momento, perché adesso mi sono rotto i marroni angry.gif. Sono iscritto al forum (interessantissimo!!!),dal 26 marzo 2011.Sino ad ora mi sono limitato a lurkare per studiare meglio gli argomenti generali del forum, ma adesso ho bisogno di intervenire direttamente ed, anzi, spero di farlo con sempre maggiore frequenza.

Vengo subito al dunque: sapete qual' è la cosa più insensata ? Ogni tanto, nonostante i miei discreti successi da" PUA", anche io mi sento insofferente, annoiato,solo. Poi una ragazza viene a letto con me e le piaccio e, bum! Sono al settimo cielo.

Si, "sento" già le prime Vostre obiezioni, ma vi rispondo subito. Non sono un ragazzino, sono intorno ai 40 anni, anche se ottimamente trascinati (insomma un misto tra Brad Pitt e Johnny Depp) ;-)

A questo punto, dovrei essere già abbastanza adulto, da riuscire quasi alla perfezione a non correlare la mia autostima (evidentemente sotto i piedi) col numero di HB che riesco a portare a letto! Combatto, lotto con tenacia, perché la mia vita è sempre stata tesa alle nuove esperienze. Viaggiare, apprendere nuove capacità, conoscere gente. Ma niente: vivere per fare esperienze significa anche desiderare in maniera spasmodica la novità e l'avventura di uscire con donne differenti . E di tutto questo non ne sono necessariamente lieto. Odio essere respinto!

A voi i commenti e, se necessario, siate anche "cattivi": Una sana sberla morale a volte può farti crescere grandemente!

Grazie a tutti.

Adversus.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mario.Law

non credo si tratti di autostima ma di sicurezza e realizzazione della vita, l'autostima e' quando credi in te stesso, cioe' se ti reputi uno sfigato per i tuoi comportamenti ed hai un livello alto di insicurezza, beh, quella e' mancanza di autostima e se hai successo con le donne, allora non si tratta affatto di autostima... hai qualche hobby? se la risposta e' no, inizia a trovarlo (esempio la palestra, il tennis o qualsiasi cosa che ti faccia scaricare e che ti piaccia)...

poi trovati una cerchia di amicizia, che nei momenti di solitudine sai su chi contare... ho fatto questo azzardo, siccome la maggior parte della gente alla tua eta' si e' sposata, quindi immagino che serate da organizzare in compagnia siano rari...

come ti senti , succede quando vedi le persone che ti circondano, che hanno una vita diversa dalla tua ed inizi a pensare che ci sia qualcosa che non va in te... per esempio... se tutti hanno la macchina, una ragazza ed uno sport, mentre tu non hai niente di queste 3 cose, anche se non sono risorse vitali, pero' incosciamente realizzi che gli altri si sono gia' realizzati, che hanno piu' di te e ti senti demoralizzato...

un po' come i bambini... sai quando un'amico ha un gioco nuovo di ultima generazione, tutti giocano con lui siccome e' in uno stato superiore rispetto agli altri, per il semplice motivo che ha piu' degli altri. ma nel momento in cui esce un'altro gioco ancora piu' bello, un'altro suo amichetto se lo compra... tutta quella sicurezza che aveva per il suo super gioco, svanisce... siccome sa che e' stato superato, che non e' piu' lui, quello piu' in alto rispetto agli altri.

noi, siamo identici ai comportamenti dei bambini, solo che ci nascondiamo dietro di noi e certe cose non le vediamo.

un'altro esempio e' come se dovessi uscire con un amico ricco sfondato... tu sai che ha qualcosa in piu' a diferenza di te ed in quel momento ti senti inferiore e disperato..

quindi cerca di capire, cosa ti farebbe sentire superiore rispetto alle persone che conosci.

Link al commento
Condividi su altri siti

and75rea19

Viviamo in una società "usa e getta" mi sembra dunque normale quello che provi. Tu ne sei vittima in quanto hai intrapreso la carriera del consumatore anche a livello affettivo, "consumi" una notte poi trascorsa quella notte ti torna il vuoto e il desiderio di consumare ancora. Una specie di bulimia della vita alla quale ormai siamo quasi tutti succubi. Fosse ora di stabilirsi in una relazione a lungo termine? Almeno per provare, per sentire qualcosa di diverso, per fermarsi, staccare la spina. Forse quello che fai adesso semplicemente non ti piace più.

Lo Psicologo di IS :lookaround:

Modificato da and75rea19
Link al commento
Condividi su altri siti

Adversus

Grazie infinite a Mario ed Andrea per il loro interesse ed i loro consigli motivanti.clapping.gif

Per quanto concerne la risposta di Mario, devo ammettere di ritrovarmi d'accordo con lui, quando sottolinea che, il mio "problema" non è la mancanza di autostima, ma la mancanza di realizzazione nella vita! Devo riconoscere che, nonostante io sia un professionista, non abbia problemi economici, ho una bella casa, una bella auto, molto spesso non mi sento "realizzato". Insomma, su questo aspetto credo di dovermi impegnare e lavorarci sudrinks.gif

Per Andrea: grazie anche a te, ma devo sottolinearti che, il sottoscritto, è già stato sposato e, adesso, separato da alcuni anni. Non è che abbia paura di impegnarmi, è che ho paura di finire a litigare noiosamente per banalità con la mia compagna, ho paura di perdere il desiderio di far sesso con la donna che dorme accanto a me ogni sera, di passare al secondo posto nel suo cuore perché al primo ci sono i bambini (cosa che accade praticamente sempre). Ho paura di provare risentimento ed un senso di frustrazione per chi limita la mia libertà di essere egoista e di fare quel che mi pare wink1.gif

Adversus

Link al commento
Condividi su altri siti

Mario.Law

Grazie infinite a Mario ed Andrea per il loro interesse ed i loro consigli motivanti.clapping.gif

Per quanto concerne la risposta di Mario, devo ammettere di ritrovarmi d'accordo con lui, quando sottolinea che, il mio "problema" non è la mancanza di autostima, ma la mancanza di realizzazione nella vita! Devo riconoscere che, nonostante io sia un professionista, non abbia problemi economici, ho una bella casa, una bella auto, molto spesso non mi sento "realizzato". Insomma, su questo aspetto credo di dovermi impegnare e lavorarci sudrinks.gif

Per Andrea: grazie anche a te, ma devo sottolinearti che, il sottoscritto, è già stato sposato e, adesso, separato da alcuni anni. Non è che abbia paura di impegnarmi, è che ho paura di finire a litigare noiosamente per banalità con la mia compagna, ho paura di perdere il desiderio di far sesso con la donna che dorme accanto a me ogni sera, di passare al secondo posto nel suo cuore perché al primo ci sono i bambini (cosa che accade praticamente sempre). Ho paura di provare risentimento ed un senso di frustrazione per chi limita la mia libertà di essere egoista e di fare quel che mi pare wink1.gif

Adversus

hai provato a ritornare con tua moglie? quella paura che hai di non provare piu' attrazione fisica verso la donna che ti dormira' a fianco, dovrai abbatterla essendo piu' ottimista... non pensare a cosa potra' succedere di negativo, ma pensa a cosa potra' succedere di positivo.

come nella frase: non chiederti perche? ma piuttosto chiediti, perche' no? .... usa la stessa frase come ideale della tua vita...

ti consiglio di frequentare qualche corso di coaching, dove ti aiutera' moltissimo.

in bocca al lupo :)

ti invio un mp, con il link dei corsi.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

shantaram
Vengo subito al dunque: sapete qual' è la cosa più insensata ? Ogni tanto, nonostante i miei discreti successi da" PUA", anche io mi sento insofferente, annoiato,solo. Poi una ragazza viene a letto con me e le piaccio e, bum! Sono al settimo cielo.

succede a tutti ;)

quella scarica di endorfine serve a premiare il nostro comportamento positivo

utile al fine della sopravvivenza della specie

è una sorta di auto premio

piuttosto, usa quello stato alterato di coscienza a tuo favore

dopo essere andato a letto con una donna

fatti una sargiata!

le altre donne si accorgeranno immediatamente della tua 'aura post sesso' ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

capitansomaro

Ok, è arrivato il momento, perché adesso mi sono rotto i marroni angry.gif. Sono iscritto al forum (interessantissimo!!!),dal 26 marzo 2011.Sino ad ora mi sono limitato a lurkare per studiare meglio gli argomenti generali del forum, ma adesso ho bisogno di intervenire direttamente ed, anzi, spero di farlo con sempre maggiore frequenza.

Vengo subito al dunque: sapete qual' è la cosa più insensata ? Ogni tanto, nonostante i miei discreti successi da" PUA", anche io mi sento insofferente, annoiato,solo. Poi una ragazza viene a letto con me e le piaccio e, bum! Sono al settimo cielo.

Si, "sento" già le prime Vostre obiezioni, ma vi rispondo subito. Non sono un ragazzino, sono intorno ai 40 anni, anche se ottimamente trascinati (insomma un misto tra Brad Pitt e Johnny Depp) ;-)

A questo punto, dovrei essere già abbastanza adulto, da riuscire quasi alla perfezione a non correlare la mia autostima (evidentemente sotto i piedi) col numero di HB che riesco a portare a letto! Combatto, lotto con tenacia, perché la mia vita è sempre stata tesa alle nuove esperienze. Viaggiare, apprendere nuove capacità, conoscere gente. Ma niente: vivere per fare esperienze significa anche desiderare in maniera spasmodica la novità e l'avventura di uscire con donne differenti . E di tutto questo non ne sono necessariamente lieto. Odio essere respinto!

A voi i commenti e, se necessario, siate anche "cattivi": Una sana sberla morale a volte può farti crescere grandemente!

Grazie a tutti.

Adversus.

capisco.

credo che ognuno di noi abbia interiormente un mondo che si sostiene in base ad una gravitazione con parametri diversi. parlando solo per estremi, c'è chi in ltr è completamente realizzato e chi, invece, solo se passa da una donna all'altra. estendendo il discorso in generale, la persona appagata, soddisfatta, non è un essere umano.

dietro alla tua necessità di conquista riconosco forse alcune mie debolezze. sapersi procacciare avventure, sentire spesso forti emozioni, ottenere facilmente dove gli altri stentano, non rende affatto più soddisfatti, ma più consumatori di energia vitale.

torno al discorso dei parametri. ognuno ha i suoi. faccio una vita che probabilemnte ammazzerebbe pure un porco. se rallentassi la metà, sarei comunque pieno di vita ed esuberante, MAMIMANCHEREBBEROil50%DELLE EMOZIONI e magari, quel 50% brucerebbe il cervello a chi non è abituato a trovarsi su un piano mentale di alto consumo.

....

forse sei così. oltre alle tue storture e debolezze, devi considerare che hai necessità di "bruciare" molto.

poi...boh...certe volte mi succede che pure un caffè ciofeca mi fa girare a mille...altre volte ...ecco..mi sta prendendo male ci

Link al commento
Condividi su altri siti

GiorgioCatania

Grazie infinite a Mario ed Andrea per il loro interesse ed i loro consigli motivanti.clapping.gif

Per quanto concerne la risposta di Mario, devo ammettere di ritrovarmi d'accordo con lui, quando sottolinea che, il mio "problema" non è la mancanza di autostima, ma la mancanza di realizzazione nella vita! Devo riconoscere che, nonostante io sia un professionista, non abbia problemi economici, ho una bella casa, una bella auto, molto spesso non mi sento "realizzato". Insomma, su questo aspetto credo di dovermi impegnare e lavorarci sudrinks.gif

Per Andrea: grazie anche a te, ma devo sottolinearti che, il sottoscritto, è già stato sposato e, adesso, separato da alcuni anni. Non è che abbia paura di impegnarmi, è che ho paura di finire a litigare noiosamente per banalità con la mia compagna, ho paura di perdere il desiderio di far sesso con la donna che dorme accanto a me ogni sera, di passare al secondo posto nel suo cuore perché al primo ci sono i bambini (cosa che accade praticamente sempre). Ho paura di provare risentimento ed un senso di frustrazione per chi limita la mia libertà di essere egoista e di fare quel che mi pare wink1.gif

Adversus

Mi sorge un dubbio. Hai già dei figli?

Link al commento
Condividi su altri siti

Adversus

Ancora una volta, grazie a tutti voi per le "dritte" che avete cercato di indicarmi. Apprezzo, quantomeno, lo sforzo sincero e l'interesse, per una persona non più giovanissima, che ha un po perso (o forse ritrovato biggrin.gif) il ben dell'intelletto...In questa occasione apprezzo molto il consiglio di "shantaram", quando scrive: "usa quello stato alterato di coscienza a tuo favore, dopo essere andato a letto con una donna, fatti una sargiata! Le altre donne si accorgeranno immediatamente della tua 'aura post sesso' ;)" Ma trovo anche molto vero ciò che indica nel suo post "capitansomaro", quando dice: " sapersi procacciare avventure, sentire spesso forti emozioni, ottenere facilmente dove gli altri stentano, non rende affatto più soddisfatti, ma più consumatori di energia vitale". Infine due cose per Giorgio Catania: no Giorgio, non ho dei figli. Possiamo quindi uscire a sargiare insieme serenamente, visto che come te sono siciliano (zona del messinese).

Ancora grazie di cuore a tutti.

Adversus.

Link al commento
Condividi su altri siti

capitansomaro

adversus, sei sparito? ... mi sa di sì.

caso mai tornassi, metto per te un messaggio dentro una bottiglia che poi la lancio nell'oceano informatico, dove tutto naviga senza una meta. chissà che un giorno, dalla spiaggia della tua capoccia, vedi oscillare in mezzo al mare una bottiglia che ti vien voglia di prendere per poi scoprire che era per te.

hai scritto nella sezione "inner-game". immagino quindi che collochi negli spazi mentali la discussione che hai sollevato con noi tutti. parli di autostima, cioè del valore che in base alle regole personali ci attribuiamo.

per capirci qualcosa, ti suggerirei un esercizio ( e lo suggerisco a chiunque volesse farlo) di scrittura. metti nero su bianco come senti di essere quando ti senti sicuro di te stesso. So che è scemo e fa sorridere, ma puntualizzare e riflettere su quegli stati d'animo, chiarisce un minimo cosa intendiamo e cosa vogliamo. inizio io, per esempio (senza censura).

cammino lentamente e sorrido.

sento il piacere fisico nel muovermi all'interno dello spazio e mentre mi rendo conto della luminosità del cielo, mi piace ascoltarmi parlare con la voce più bassa e più calma che riesco a tirar fuori, che mi accarezza il petto e i timpani. via via che cammino, provo una sensazione di pienezza d'animo che mi fa mettere al primo posto gli aspetti positivi delle idee che mi pensano. mi sento sicuro di me stesso e a mio agio nei vestiti, che mi dànno belle sensazioni sulla pelle e sono consapevole delle persone nel mio orizzonte visivo. dalle loro smorfie, dai loro gesti e dalla voce, percepisco i loro stati d'animo e mi sono piacevolemnte immerso nella vita. sono pronto a cogliere un dettaglio giocoso per fare umorismo e posso parlare in maniera appassionata.

ecco!.... una cosa così... mi ci vedo proprio, cioè...succede proprio. mi autostimo quando lo faccio.

(se qualcuno volesse scrivere le proprie sensazioni, sai quante bottiglie in mare per adversus!)

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×
×
  • Crea Nuovo...