Vai al contenuto

Perche' One-Itis?????


 Condividi

Messaggi raccomandati

Turbulence

Ciao sono appena uscito da una oneitis devastante che mi ha cambiato totalmente (dimagrito di tanti kg, rinforzato il carattere, acquistato la sicurezza che mi mancava ecc. ecc.), ora mi chiedo ma come c***o e' possibile che si finisce in oneitis?

Nonostante ci sono passato nell'ultimo anno e ne sono uscito, non so spiegarmi il perche' mi facevo tante seghe mentali cioe' non lo so !!!

Mi sono fatto questa domanda la settimana scorsa quando l'ho rivista dopo 5 mesi in occasione del suo compleanno e abbiamo parlato e scherzato io e lei per 3 ore senza nessun riferimento a noi.

L'effetto e' stato piacevole, direi una cagata se dicessi che non mi ha fatto nessun effetto, ma non lo so sto talmente bene che addirittura abbiamo deciso di sentirci e vederci in altre occasioni.

Da qui mi sono posto la domanda, ma perche' mi facevo tante seghe mentali per lei tanto da finire in oneitis?

Quindi

Perche' si finisce in oneitis???

Link al commento
Condividi su altri siti

Io penso perché si è insicuri di se stessi. Poi ci sono diversi casi che si possono studiare, ad esempio se si cade in oneitis prima di instaurare una relazione, durante la relazione o dopo la relazione.

In ogni caso credo che l'elemento comune sia la NON padronanza delle proprie capacità. Bisogna essere aperti, liberi ed elastici mentalmente.

La paura di rimanere soli, o di non essere accettati da nessun altra (etc. etc.) accompagna questa situazione.

Ma tutto questo non è assolutamente vero. Nel mondo esistono quasi 7mld di persone di cui una buona metà donne. Tolte quelle non accessibili per limiti di età (o troppo vecchie o troppo giovani), tolte quelle magari di altre religioni che non possono proprio culturalmente impegnarsi con noi occidentali, tolte anche le donne di chiesa (vedi suore), tolte le donne che magari purtroppo hanno problemi di salute anche gravi [e anche qui] etc etc etc etc...

Vi assicuro che rimangono ancora svariate migliaia, se non milioni di donne che non aspettano altro che noi!!! ^_^

Perciò ragazzi, non cadiamo nella trappola.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 settimane dopo...
Tankard

quoto franic, lo strumento per superare lo oneitis è appunto la mentalità dell'abbondanza, fuori una avanti la prossima!

Link al commento
Condividi su altri siti

lo strumento per superare lo oneitis è appunto la mentalità dell'abbondanza, fuori una avanti la prossima!

Si ma cmq la tecnica dell' abbondanza quando sei in one-ITis non funziona sempre, talovlta sei talmente rincoglionito che anche sei ci provi con una pensi sempre all' altra a meno che questa non ti faccia vivere delle emozioni più forti, io sono uscito da un one-ITis grazie ad una ragazza (dopo averne apreto almeno una decina) che mi ha fatto provare delle emozioni 2 o 3 volte più forti della precedente, mentre altre hb anche se ci provavo non dandomi dei grossi stimoli non riuscivano a farmela passare dalla mente, anzi mi facevano sentire ancora più frustrato perchè inconsciamente facevo sempre il paragone.... Insomma la one-ITis secondo me è una malattia brutta dalla quale è difficile guarire nel immediato.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Kaizen

secondo me può anche essere dovuto al fatto che ci son ragazze particolari con cui ti ci trovi molto bene, che ti son affini spiritualmente e a pelle e ti danno quelle emozioni che tantissime altre non ti danno, direi nell'ordine 1 su 100 che conosci

Modificato da Kaizen
Link al commento
Condividi su altri siti

pezz8

A parer mio questa"malattia" nasce dal fatto che la nostra felicità non dipende da noi, in fin dei conti se saremmò soddisfatti prima di tutto di noi stessi e della nostra vita, una relazione sarebbe un completamento, mentre quando diamo più importanza alla relazione che alla nostra realtà, è come se perdessimo la vita stessa... per questo l'inner game è cosi importante, per non basare qualsiasi tipo di relazione umana sul bisogno, ma sul condividere la felicità che noi creiamo, nostra, che nessuno potrà distruggere se viene da noi...

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

4daemon

Ciao:

A mio avviso la ONE ITIS o "ossessione" si manifesta per un effetto tossicodipendenza.

Lo stato di grazia in cui ci si sente con una certa persona, è come una dose per un tossico ( o come una sigaretta per chi fuma).

Quando questa persona viene a mancare per sua decisione, ci viene imposta l'astinenza da quella che appunto possiamo considerare la nostra droga; sensazione di solitudine, soffocamento, mancanza, desiderio di ritrovare quella sensazione di benessere, di stabilità, di pace, sono la risposta del nostro cervello ad una situazione positiva in cui non ci troviamo più: perché anche solo l'odore, la vista, la voce o un contatto fortuito con questa persona, scatena una sensazione positiva quando ne siamo "in possesso"? per le risposte chimiche che il nostro cervello ci dà; invece una volta lasciati ( o rifiutati) da questa persona, gli stessi stimoli che prima erano positivi, ci ossessionano, li vogliamo a tutti i costi, ed esattamente come un tossico, siamo disposti a fare qualsiasi cosa per avere la nostra "dose" di quella persona, cose tra cui: zerbinarci, pagare cene, disco, cinema ecc, fare favori, regali ed altro... i più sottomessi, gli portano pure a spasso il cane, ( con ovvia raccolta di escrementi vari ).

Chi nasce alpha, ha di base una resistenza (in quanto indipendente per sua natura) a questa forma di dipendenza... ma anche un alpha puro, prima o poi subisce (probabilmente da una sola persona) questa sorte: è la cosiddetta nemesi.... quell'unica persona che nella vita di una persona, lascia un marchio indelebile, a tal punto, da non riuscire a dimenticarla o vedendola, a non sussultare...

per ogni uno, ce n'è una. ( per i più beta anche di più)

  • Mi piace! 5
Link al commento
Condividi su altri siti

Amon

Quoto l'intervento di sopra. Siamo tutti a rischio one-itis e quando arriva puoi farci poco, perché non decidi tu quanto essere coinvolto. Ma in realtà, quando arriva, non VUOI rimanerne fuori. La one-itis è un'ottima cosa, di solito ci si innamora, si fa ottimo sesso, ci si fonde con un'altra persona (che si considera speciale e da cui si è considerati speciali), etc... cosa c'è di meglio?!

Il problema è quando finisce (e di sicuro, prima o poi, purtroppo, finisce). E' vero, poi, che chiodo scaccia chiodo. Solo, non è sempre facile trovare in breve tempo un "chiodo" all'altezza del precedente.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Chi nasce alpha, ha di base una resistenza (in quanto indipendente per sua natura) a questa forma di dipendenza... ma anche un alpha puro, prima o poi subisce (probabilmente da una sola persona) questa sorte: è la cosiddetta nemesi....

Secondo me (io parlo di PUA non di ALpha)..... Il PUA non cadrà MAI totalmente succube di un HB, ha sempre tante alternative, tante amiche che non lo abbondoneranno MAI lo dico perchè io ho conosciuto un PUA e credetemi era estremamente controllato nel suo rapporto continuava a sedurre la sua HB anche dopo che si erano fidanzati probabilmente perchè essendo un natural gli veniva difficile non farlo, e lui in diretta davanti a me al telefono ha lasciato la sua one-itis senza farsi troppi problemi senza alterarsi o fare scenate, gli ha spiegato il motivo per cui la lasciava e ha chiuso il telefono, il giorno dopo su facebook c'erano già una sacco di "amiche" che si congratulavano, che gli scrivevano frasi di conforto ecc.... Perciò a mio Parere noi apprendisti PUA dobbiamo innanzitutto imparare a non cadere nella trappola della one-Itis ejectando le situazioni che vanno troppo per le lunghe. O SI o NO. Perchè poi alla fine sono proprio le storie che si protraggono nel tempo quelle nelle quali vi è il pericolo di incorrere in one-Itis , infatti se le f-chiudiamo prima la one-Itis è difficile che scatta perchè abbiamo raggiunto il nostro obbiettivo.... Perciò io credo che la one-Itis scatta quando il gioco si fà più complicato rispetto al dovuto.

Link al commento
Condividi su altri siti

4daemon

Quoto: PUA; quindi alpha... Fatto sta che la situazione in definitiva resta la stessa... Ok, magari il tipo ha lasciato la sua hb in un lampo e il giorno dopo si facebook aveva la fila di principesse disposte a "coccolarlo"... Ma tu pitbull, non tieni comunque conto di quelle che sono le convinzioni personali e soprattutto, lo stato interiore di una persona... La mancanza non sempre si ma manifesta immediatamente, e soprattutto, non sai come una persona può reagire anche dopo un determinato periodo alla mancanza della sua "dose"...

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...