Vai al contenuto

Gli amici di lei: quando non c'è quella particolare sintonia...


Ygor
 Condividi

Messaggi raccomandati

Ygor

Salve ragazzi, vi scrivo perchè mi sento un po' giù.

Con la mia attuale ragazza sto avendo diversi problemi, per lo più sono seghe mentali da parte mia.

Purtroppo ho un carattere abbastanza chiuso, non riesco ad esprimere facilmente quello che penso e vivo all'interno di un mondo tutto mio.

L'altra sera siamo usciti con dei nostri amici. Fra le coppie presenti (sono suoi amici, quindi non li conosco bene) c'è un ragazzo che è molto estroverso:

ha sempre qualcosa da raccontare, la sua vita sembra sempre piena di eventi, qualunque sia l'argomento trattato, interviene sempre. E' molto simpatico, però questo suo modo di essere lo mette giustamente al centro dell'attenzione.

Per il carattere che ho non riesco ovviamente a competere con lui. Parlo tranquillamente durante la serata, faccio domande, mi interesso, rido, ma ho la sensazione che nessuno si interessi realmente di me, che mi chieda cosa sto facendo in questo periodo o qualcosa sulla mia vita.

Dopo un po' questo stare ad ascoltare sempre gli altri e soprattutto i continui racconti di questo ragazzo, mi stufano, mi annoiano. Non sento quella sintonia particolare nel voler desiderare di stare in compagnia di questa persona.

Ed ecco che a fine serata mi zittisco, mi si abbassa totalmente il frame. La mia ragazza continua ancora ad ascoltare, ride (la conoscono meglio di me – sono amici suoi – quindi spesso si rivolgono a lei). Io invece vengo assalito da cattivi pensieri:

  • non ho nulla da raccontare
  • mi sento inferiore rispetto alla vita che conducono gli altri, soprattutto quella di questo ragazzo
  • la mia ragazza mi potrebbe reputare meno interessante se confronta il mio carattere con quello degli altri

Lei già sa che sono un tipo introverso (lei è una via di mezzo, come lo sono tuttavia anche io), ma ho paura che se ne stufi, che trovi di meglio.

Quando l'ho riaccompagnata sotto casa mi sentivo davvero triste, lo camuffavo, ma lei se ne accorgeva e mi chiedeva il perchè.

Io ovviamente non le ho detto nulla, non potevo stare lì a dirle “Sai, ho complessi di inferiorità, non so cosa dire, etc.”. Ma il mio frame era molto basso, privo di qualunque energia.

Questo non mi accade in presenza di amici miei dove ho particolare sintonia. Sono più energico, mi trovo meglio.

Ho paura che alla lunga questa situazione possa diventare un problema.

È vero, potrei cercare di migliorare il mio modo di rapportarmi con loro, ma se ci fosse alla base un differente stile di vita, un differente modo di pensare? Non possiamo essere amici di tutti, inevitabile che ci siano delle differenze (un uomo ricco non esce in un circolo di gente che fa la fame; oppure uno che non ne capisce di calcio difficilmente si troverà a suo agio in una serata fra amici dove tutti si riuniscono per guardare una partita e tifare)

Ripeto: sono di natura introverso, se per 26 anni sono andato avanti in questa maniera non posso cambiare dall'oggi al domani. Fra l'altro vivo in un contesto che favorisce questa mia situazione e che mi ha fatto diventare quello che sono adesso:

  • in famiglia si parla pochissimo (vivo ancora con i miei e ho rapporto quasi zero con loro – nel senso che non ci raccontiamo nulla);
  • ho pochissimi amici, per vari motivi: il mio carattere chiuso; il tipo di studi che faccio (e il conseguente lavoro che farò) che non mi consente di intrecciare relazioni sociali (insomma un lavoro da solitario); il poco tempo a disposizione per dedicarmi a nuove conoscenze; il fatto che quelli che si sono fidanzati si sono allontanati; quelli single non escono più con me (perchè sono fidanzato); etc.

Insomma sono stufo di tutto questo. Ho imparato a relazionarmi meglio con le donne grazie a questo forum, ma come già prevedevo, entrando in LTR (e non è la prima volta), mi sarei dovuto scontrare col mio vero carattere (un conto è “giocare” con una ragazza per attrarla e conquistarla, un altro conto è invece entrarci in una relazione seria, mostrando inevitabilmente il proprio modo di essere).

Non so esattamente che consigli mi possiate dare.

Sono partito da quell'amico dell'altra sera che grazie al suo modo di fare riesce ad avere una vita intensa, per arrivare a dire che ho problemi di fondo in fatto di relazioni sociali.

Sono così tanti i miei problemi che non so nemmeno da dove incominciare, sono tutti intrecciati tra loro....a volte mi vengono in mente anche pensieri di morte, anche troppo spesso...

Link al commento
Condividi su altri siti

BillyTheCowboy

Mah senti, la prima cosa che voglio dirti è questa: sarà pure che quel tuo amico è abile a raccontare le numerose espereienze che ha vissuto, sarà anche che la sua è una vita piena di avveniment interessanti, ma per esperienza personale posso dirti che alla fin fine, tutti quelli che hanno cosi tanto da raccontare, non sono cosi "fenomeni" come possono sembrare, e tutti quelli che li ascoltano pendendo dalle loro labbra, spesso hanno vite talmente piatte e vuote che devono aggrapparsi a quelle degli altri per evadere dalla monotonia delle proprie esistenze.

Poi c'è un'ultima minoranza, che sono quelli che si fanno comunque coinvolgere da queste persone,ridendo e scherzando, ma sono consapevoli che di sicuro non è tutto oro quel che luccica, e che il loro valore, è pari, se non superiore a quello degli altri.

Trovati qualche nuovo hobby, frequenta posti nuovi, chiama i tuoi amici single e comincia a uscire con loro e non curarti del fatto che siccome sei findanzato, devi sempre e solo uscire con lei.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ygor

Mah senti, la prima cosa che voglio dirti è questa: sarà pure che quel tuo amico è abile a raccontare le numerose espereienze che ha vissuto, sarà anche che la sua è una vita piena di avveniment interessanti, ma per esperienza personale posso dirti che alla fin fine, tutti quelli che hanno cosi tanto da raccontare, non sono cosi "fenomeni" come possono sembrare, e tutti quelli che li ascoltano pendendo dalle loro labbra, spesso hanno vite talmente piatte e vuote che devono aggrapparsi a quelle degli altri per evadere dalla monotonia delle proprie esistenze.

Poi c'è un'ultima minoranza, che sono quelli che si fanno comunque coinvolgere da queste persone,ridendo e scherzando, ma sono consapevoli che di sicuro non è tutto oro quel che luccica, e che il loro valore, è pari, se non superiore a quello degli altri.

ma non so se effettivamente è così, magari è solo un luogo comune, però sta di fatto che chi tende ad essere leader di un gruppo di solito attrae anche chi vi sta attorno. E poi quello che dice questa persona secondo me rispecchia effettivamente la sua vera personalità e il suo modo di vivere la giornata: piena di eventi, di cose sempre nuove. Fa un lavoro, fortunatamente per lui, che gli permette di stare a contatto con persone ogni giorno diverse, rispetto a quello che studio io, dove devo stare dalla mattina alla sera da solo, chiuso nella mia stanza, seduto davanti la scrivania, con i libri.

Ditemi: come si fa a pensare positivo in questa circostanza? Come si fa a vedere la propria ragazza la sera e raccontarle quello che è successo durante la giornata, quando sono accadute le stesse identiche cose che vi sono state ieri e l'altro ieri, solo per il fatto che la maggior parte del tempo lo passi da solo nella tua stanza?

E' normale che dopo un pò ti assalgono le paranoie, che vorresti mandare tutto a quel paese ma non puoi, perchè ci rimetteresti soltanto: devi completare gli studi e basta. Il resto è solo perdita di tempo.

tutti quelli che li ascoltano pendendo dalle loro labbra, spesso hanno vite talmente piatte e vuote che devono aggrapparsi a quelle degli altri per evadere dalla monotonia delle proprie esistenze.

ma non penso che sia tanto vero. io reputo la mia vita piatta e vuota, non vivo la vita che vorrei, e di certo non sto a pendere dalle labbra di chi ha tanto da raccontare. Di sicuro una persona così attrae, ma non perchè è logorroica, ma perchè trasmette la sensazione che la sua vita è ricca di esperienze. E uno che inventa balle viene subito scoperto..

Trovati qualche nuovo hobby, frequenta posti nuovi, chiama i tuoi amici single e comincia a uscire con loro e non curarti del fatto che siccome sei findanzato, devi sempre e solo uscire con lei.

il problema è che se io dovessi fare di queste uscite con gli amici single, anche lei di conseguenza lo farà con le sue amiche (abbiamo stabilito un rapporto paritario). E chi ci perde? Io che esco con i 4 amici single sfigati (classico giro in centro, commenti sulle ragazze e alla fine nulla di nulla), oppure lei, che essendo abbastanza carina (ho le prove dai numerosi maschi che l'approcciano), automaticamente attira uomini una volta che esce da sola con le sue amiche?

Potrei anche inventarle una balla del tipo <<sai, stasera sto a casa >>, e poi, chiuso il telefono, esco con un paio di amici miei. Ma oggi ci sta Facebook, e anche se non sei iscritto, c'è sempre il pericolo che qualcuno posti foto dove compari tu nel loro profilo...non c'è più nessun livello di privacy: di conseguenza, mettendo il caso in cui i miei amici non fossero così tanto sfigati, conosceremmo sempre ragazze nuove...allora a questo punto lo farà pure lei...insomma si viene a creare un circolo vizioso che diventerebbe troppo rischioso per me.

Sembrano stupidaggini ma in fondo non è così.

Da ciò che ho appena descritto può sembrare che la mia relazione mi stia un pò stretta. Se devo essere sincero non lo è, io ci sto bene con la mia ragazza, è una ragazza seria. Però alle volte ho bisogno di uscire dalla routine, provo quella forte spinta a conoscere nuove ragazze, nuove persone, ma non so come...

Modificato da Ygor
Link al commento
Condividi su altri siti

BillyTheCowboy

Si forse qualcuno sarà più abile a catalizzare l'attenzione su di se, ma non sempre è oro tutto quel che luccica.

rispetto a quello che studio io, dove devo stare dalla mattina alla sera da solo, chiuso nella mia stanza, seduto davanti la scrivania, con i libri.

Non è che ti ci costringono, è una tua scelta, lo studio è una delle tue priorità. Studia due ore meno e vatti a svagare, fallo almeno per la tua salute.

il problema è che se io dovessi fare di queste uscite con gli amici single, anche lei di conseguenza lo farà con le sue amiche (abbiamo stabilito un rapporto paritario). E chi ci perde? Io che esco con i 4 amici single sfigati (classico giro in centro, commenti sulle ragazze e alla fine nulla di nulla), oppure lei, che essendo abbastanza carina (ho le prove dai numerosi maschi che l'approcciano), automaticamente attira uomini una volta che esce da sola con le sue amiche?

Se tu sai tenerla con te, (dandole quello che cerca, dandole emozioni, dandole gran sesso), gli altri maschi che l'approcciano saranno l'ultimo dei tuoi problemi.

Se poi uscire con gli amici single è un problema, allora comincia a fare qualche sport, qualche attività ricreativa, magari fallo con la tua ragazza per dare una nuova spinta al vostro rapporto.

La vita è tua, la devi prendere in mano tu, mica noialtri. Al massimo ti possiamo dare qualche consiglio.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...