Vai al contenuto

su LTG e LTR remix


dandywarhole
 Condividi

Messaggi raccomandati

dandywarhole

Dear all,

alcune considerazioni mixate a richieste di consigli.

Come su altri lidi già ampiamente esposto, esco da LTR (credo che dire one-itis sia scorretto, quest'ultima mi assomiglia più ad una "fissazione" che ad una relazione).

Premetto che la fine di questo rapporto mi ha scosso abbastanza da non voler permettere che questa situazione diventi un'ossessione per questa ragazza, dal momento che l'esito finale è incerto (anche se sbilanciato verso un fallimento). Di qui la mia frequentazione in questo forum e il desiderio di "espandere" le mie potenzialità in tutti i sensi.

Come già detto, la fine della LTR immagino sia dovuta ad una mia finale condizione di betaness (all'inizio della cosa mi ero presentato con frame opposto), con conseguente perdita del desiderio della Lei, che chiese periodo di aspettativa a cui risposi con chiusura definitiva.

Il punto è questo.

Ho desiderio di migliorarmi, per due motivi sbagliati e uno giusto.

Per stare bene con me stesso, ritrovare fiducia nei miei mezzi e goderne dei risultati.

Per tentare un remix con la LTR, dimostrandomi diverso da come era abituata a vedermi alla fine.

Per non "perdere tempo" nel caso il remix non andasse a buon fine, garantirmi una rete di salvataggio e - perchè no - magari nel frattempo conoscere qualcuna con cui funzioni ancora meglio.

Vi chiedo:

credete che i due motivi sbagliati di cui sopra siano, oltre che sbagliati, pericolosi? Ho sempre pensato che - nel momento in cui ci si rendesse conto che ne vale la pena - è necessario tentare anche un LTG con una ex-LTR, che per quanto doloroso, possa avere qualche possibilità di successo. Mi rendo conto che questo deve essere un processo reale, non un modo di manipolare la persona. Se non cambio davvero, alla fine quello che ho fatto finta di non essere più riemergerebbe, e back to square one.

Il problema "dell'effetto cesso", come coniato da sexyPit, è che mi sono reso conto che il cattivo odore emanava da qualcosa che IO (appunto) avevo fatto, non dalla situazione particolare in cui mi trovavo (non è il cesso a puzzare, è la mia cagatio - e scusate se uso termini aulici).

Sono piuttosto confuso, perchè nel centro di convergenza di diverse emozioni. L'aspettativa di riconquistare la ex-LTR. Il timore di fare cappelle e calibrare male il game. Il desiderio di sperimentare me stesso sul campo, e intendo su campi nuovi. E soprattutto la solita dannata fretta che tutto fa sballare. Il tutto andrebbe shackerato con una mia visione della relazione uomo-donna (che, malatamente, esclude il concetto di "gioco"), che non racconto qui altrimenti si fa troppo lungo.

Avrei bisogno di un po' di prospettiva...

grazie

d

Link al commento
Condividi su altri siti

superjhonny

Allora... prospettiva...

Sono piuttosto confuso, perchè nel centro di convergenza di diverse emozioni. L'aspettativa di riconquistare la ex-LTR. Il timore di fare cappelle e calibrare male il game. Il desiderio di sperimentare me stesso sul campo, e intendo su campi nuovi. E soprattutto la solita dannata fretta che tutto fa sballare.  

il timore di sbagliare spesso induce all'errore, oppure all'inedia... Ma dato che non far nulla sarebbe comunque un'errore diciamo che aver paura è una cosa comprensibile che però può avere solo risvolti negativi.

Con una ex-LTR tutti i cambiamenti che puoi fare sono inutili nel momento stesso in cui lei non è disponibile a vederli, e tutti i game possibili hanno la stessa probabilità di risultato. Lei ti conosce e sa come metterti in crisi, se lo vuole.

In linea di massima ti direi GTFTOW... però se vuoi puoi sperimentare qualche tecnica con lei, anche se eticamente mi sembra lontano dai tuoi standard... Giocare non è necessariamente manipolare, prendilo come tentativo estremo di recuperare una situazione fortemente compromessa... e soprattutto divertiti!!!

GOOOOOOO!!!!!!!!!!!!

SJ

Link al commento
Condividi su altri siti

sexyPit
Il problema "dell'effetto cesso", come coniato da sexyPit, è che mi sono reso conto che il cattivo odore emanava da qualcosa che IO (appunto) avevo fatto, non dalla situazione particolare in cui mi trovavo (non è il cesso a puzzare, è la mia cagatio - e scusate se uso termini aulici).
Potente la teoria dell'effetto cesso eh ;)!? Ti ritrovi in una situazione di m.. e chi ti ci ha messo sei proprio tu :D.. ..anche se a te è sembrata la cosa più naturale di sempre =).

L'effetto cesso ci insegna ogni tanto ad uscire da noi stessi per considerare se siamo assuefatti dalle situazioni oppure no..

garantirmi una rete di salvataggio
..per la serie "mettiamo una rete sotto questo trapezio :D..
Premetto che la fine di questo rapporto mi ha scosso abbastanza da non voler permettere che questa situazione diventi un'ossessione per questa ragazza
..lascia che ti dica una cosa, io sono ossessionato da ognuna delle ragazze avute ;)

Personalmente quando il "giochetto" si è rotto, si è rotto i ritornini(remix) mi sono sempre stati addosso :o;

Quindi quoto SJ GTFOTW :metal:

Link al commento
Condividi su altri siti

dandywarhole

uhm a riguardo del GTFTOW (che immagino significhi go to :fclose: ten other women), si intreccia il punto che avevo omesso.

Non so se sia per mia indole personale, o se è una cosa che altri ritrovano, ma la "potenza" dell'f-close è per me alta ma non fondamentale.

In contrapposizione con una teoria del "gioco" con le ragazze, nella mia scala di ciò che mi interessa c'è una questione che chiamerei "affetto sessuale". Mi spiego. E' palese che con una ragazza mi interessi arrivare all'f-close, ma non è necessariamente il mio obiettivo principe. La cosa che mi darebbe più soddisfazione sarebbe il sapere che la ragazza pensa a me, e non come amico, e che le sto lasciando un segno nelle sue giornate. Non ho idea se questo atteggiamento sia figlio diretto di AFCtudine, timore di inadeguatezza sull'f-close (tasto molto delicato sui maschietti), o cos'altro. Però è così.

Mi rendo contemporaneamente conto che questo rappresenta un problema, e un freno. In linea teorica penso che il rapporto uomo-donna (cioè IO-donne) dovrebbe basarsi su una scissione a priori tra aspetto sessuale ed aspetto affettivo. Sul primo si innesta l'aspetto del gioco (quale primo gradino del processo e che può essere assolutamente fine a se stesso - nel senso che non è necessario che il gioco abbia un close, ma è divertente in quanto tale), e sul secondo l'aspetto della relazione. Eventualmente, in seconda fase, i due aspetti si possono ricongiungere e arrivare al "rapporto amoroso" (sic) come comprensione degli aspetti di gioco, affetto, e sessualità. Non ho detto che ci sono 3 aspetti perchè credo che la mentalità del gioco (che può avere un'accezione più larga del "game" come qui viene definito) sia strettamente affine a quella del close, ne sia propedeutica e spesso necessaria.

Il mio problema è non riuscire ad identificare questi due aspetti. Ma anche nel momento in cui mi pongo con atteggiamento "giocoso", mi trovo contaminato da ricerche di affetto che creano una zona "sfumata" di difficilissima gestione. E le ragazze credo abbiano un detector per questo tipo di atteggiamento, che ovviamente non è per niente appetibile in fase di approccio (perchè somiglia parecchio ad atteggiamento needy.. o forse lo è?).

'zomma spero di non essermi incasinato troppo con il discorso.

d

Link al commento
Condividi su altri siti

John Difool

Io ti direi, in questo momento qualsiasi cosa ti motivi usala come leva per cambiare. Se è il filmino di te e lei che tornate insieme, benissimo. Se è sognare di giocare in nazionale, benissimo. Quando riprendi quota vedrai che smetti di pensarci. Nel momento in cui uscirai dal frame beta tutto acquisterà una nuova luce, inutile che ti preoccupi di quale luce sarà. In questo momento devi solo pensare di arrivare all'interruttore del tuo frame e accenderlo, solo allora deciderai che farci (e sarà la cosa giusta, tranquillo).

JDF

Link al commento
Condividi su altri siti

^X^

Ciao Dandy,

in quello che dici ritrovo molto di me stesso, quindi almeno sappi di essere in una situazione abbastanza normale e tipica.

Oltre alle relazioni corte, io a 33 anni ho alle spalle ben due LTR (8 anni la prima, 4 anni di convivenza la seconda), che comunque hanno avuto un'evoluzione ben diversa; sicuramente ad oggi vado molto d'accordo con tutte le mie ex.

In entrambi i casi la mia iniziale spinta al miglioramento è stata il desiderio di riconquistarle... poi mi sono accorto che i miglioramenti che ottenevo (e quindi quoto positivamente sia JDF che Jhonny) non erano visibili a loro ma producevano effetti collaterali molto interessanti.

Una LTR ti da moltissimo materiale sul quale ragionare in retrospettiva mentre studi tutto ciò che c'è da sapere sulla seduzione e sui rapporti uomo-donna, e questo ti rende le cose più facili (ogni teoria ti farà venire in mente momenti di vissuto che te la possono confermare o smentire...).

Io ho tentato più volte i remix, con risultati alterni.

Con LTR8anni non ci sono mai riuscito, eppure ogni tanto capita addirittura di passare w.e. insieme, e di dormire nello stesso letto (!!!).

Invece con LTR4anni il remix ha funzionato, ma solo perchè sono stato capace di invertire i ruoli. Ovvero, dopo un trascorso di compagno di lungo corso gentile e affidabile (il maledetto Nice Guy), mi sono presentato come l'amante focoso con il quale tradire l'attuale compagno (:devil: chi la fa, l'aspetti!). Dubito quindi fortemente che questo remix si potesse consolidare in una riconquista (che peraltro ora non mi interessa più).

A presto

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...