Vai al contenuto

Impariamo a dare calci nel sedere


Desmos
 Condividi

Messaggi raccomandati

Desmos

Da ora in poi, niente più sconti, niente più chinare la testa, niente più bocconi amari buttati giù! Da ora in poi, ogni pallonata la respingerò indietro col doppio della forza!

Ho cercato a lungo di trovare soluzioni di compromesso con la gente basati sull'armonia e sul rispetto reciproco, ma ho capito che il 99% della gente non rispetta chi la rispetta, rispetta solo il PADRONE, come un cane obbediente e servile ma sempre pronto a togliersi il collare e infilarlo a quello stesso padrone. I rapporti umani sono inscindibilmente composti da amore ed odio, e non si può togliere nulla a questo mix, o esplode e rimani fregato!

Quando la gente si coalizza per prenderti per il culo, inizialmente in modo innocente, poi sempre più pesante, capisci che neanche un briciolo di amore è rimasto né da parte tua né da parte loro, e devi iniziare a spingere con l'odio, la guerra, la sfida, mostrare al 101% che sei alpha e non ti pieghi, MAI!

Inizia tutto concedendo una cosa, poi ne arriva un'altra, e ti ritrovi completamente SENZA RISPETTO.

Cazzo, i problemi non finiscono mai. Supero la timidezza, supero l'autocommiserazione, supero la fobia del close, inizio a chiudere con una certa regolarità e arrivano le soddisfazioni, e quando mi sento radioso e in pace con me stesso...inizio a concentrarmi su altro, e vedo che il RISPETTO mi manca da morire. E per quanto ne so, il rispetto, quello vero, va imposto in un primissimo momento con la violenza (non fisica, ci si augura, per gli altri): alle prese per il culo, MAI abbassare la testa, anche la più piccola e ingenua. Siate permalosi e ipersensibili a queste cose, non sono solo le ragazze a shit testarvi e a volervi fare cadere, è tutto il mondo. Assumete un assetto da guerra perché non si finisce mai di combattere.

Quando sei senza rispetto, hai una voglia matta di vedere le persone che più ti mancano di rispetto essere derisi in pubblico, piangenti, senza via di fuga alla vergogna.

Questo è chiaramente uno sfogo. Un urlo per scuotere me e tutti quelli che non si fanno rispettare. Gli estranei, in un momento di superbia, possono tentare di essere arroganti con te; ma quando sono gli AMICI ad esserlo in modo sempre più evidente, bisogna TAGLIARE ogni contatto amichevole, trincerarsi dietro un sorriso finto e 10.000.000.000 risposte e battute pronte di riserva per mantenere eretta la vostra fortezza contro le cannonate altrui, che sanno essere potentissime tanto più queste persone sono vicine a voi. In questo caso mi aiuta molto IS, cambiare comitiva non dovrebbe essere un problema.

Ma il punto fondamentale è questo: così come la gente non uccide perché potrebbe andare in galera, la gente non ti prende per il culo se ha paura della conseguenze. Il rispetto vero, quello fraterno, è secondario, è naturale evoluzione di una forma di rispetto più primitiva: la paura.

Mi viene in mente un "amico": non gli tirerei uno schiaffo, perché temo la sua fisicità. Ed è QUESTO l'effetto che voglio suscitare, il nuovo traguardo da raggiungere. MAI piegarsi, per la più piccola cosa, a costo di divenire ciechi e testardi, perché la base dell'armonia con gli altri è la paura reciproca, o una sana collaborazione nel far male al prossimo (cosa che vorrei evitare).

Questo post non critica la natura umana né è in alcun modo depresso, è un tentativo di raccogliere consigli per adeguarmi alle leggi della giungla, come è giusto che sia :)

In particolare, mi servirebbe una pillola magica (sì, niente astrattismo) per far crollare le persone in pubblico. Ovvero vincere uno scontro verbale con stile e cattiveria pura.

Qualcosa così:

Io alla pallonata che il tizio dà all'inizio avrei reagito pacificamente, con rassegnazione. Ebbene, voglio imparare a far crollare psicologicamente la gente, come fa il tizio in questo video (è un film, è esagerato, ma il concetto è quello). Help me.

PS: Il casino in questo post è tale che vorrei cancellarlo e mettere ordine. Ma si intravede l'impulsività con cui l'ho scritto, penso vada bene.

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

capitansomaro

anni fa beccai un quattro in matematica ... che di per se non sarebbe un evento da raccontare...ma il commento educativo della prof valse più di ore ed ore di ripetizioni: "chi sta nella cacca, puzza di cacca"

il 99% della gente che conosci tu non rispetta la gente che rispetta. io vedo quel che hai scritto agli antipodi dei tuoi intenti automotivanti. pensare che al mondo ci siano così tante persone che si approffittano di chi non si approfitta di loro, ti mette nella cacca, ti depotenzia.

desmos, ci siamo passati tutti....però abbassa quelle percentuali e vedrai tante belle persone intorno a te

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Andreas

Spartaco.......

Fai una cosa: prima, incazzati urla, sfogati, prendi a pugni il cuscino e butta fuori il torto subito.

Poi, in relax, rileggi tutto e se ne sei ancora convinto, scendi in guerra.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

ambigramma

Desmos... io opto per una strategia diversa dalla tua.

1) se ho scelta su chi frequentare, scelgo persone che mi facciano sentire bene e non persone che mi facciano sentire male

2) se non ho scelta (colleghi, vicinanze forzate, parenti che si *deve* frequentare, etc) provo prima ad essere amichevole, *poi* eventualmente a tirar fuori l'ascia di guerra. A volte un po' di simpatia può tirare fuori il lato migliore delle persone.

Insomma, cerco di uccidere gli stronzi con la gentilezza. Se proprio non ci riesco, cerco di finirli con una mazza ferrata[1].

[1] per dire.

In realtà c'è anche la via di mezzo tra gentilezza e guerra aperta: fredda cortesia. E' l'opzione meno snervante... scendere in guerra è stressante almeno quanto sforzarsi di piacere a chi non piaci!

Sei sicuro che il tuo pubblico sia composto da animali della giungla?

Il tuo pubblico ha bisogno di sconti, di vedere il sangue?

Ti riconoscerà migliore dell'altro solo se lo annienti?

Modificato da ambigramma
  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Quinto Cecilio Galbanino

Demoscopia, per carità, trova il divertimento. Divertiti. La guerra lascial in Congo ed in Afghanistan.

Link al commento
Condividi su altri siti

^X^

Carissimo, la tua reazione è quella tipica del passivo-aggressivo. Cerca un po' su wikipedia di cosa si tratta e vedrai che tu stesso capirai perchè va evitata!

Link al commento
Condividi su altri siti

Pitbull

Non sono d'accordo ,conosco un ragazzo che in fatto di seduzione lascia un pò a desiderare anche se è sempre circondato di amiche con le quali non conclude (fà troppo rapport da subito), però è una persona che appena inizi a parlarci sà metterti a tuo agio, rispetta tutti ed è rispettato da tutti... Inizia a rispettare e a trattare gli altri come vorresti che gli altri trattino te e noterai da subito la differenza .... Io prima pensavo di rispettare tutti , ma in realtà più che altro mi limitavo a non offenderle o a trattarle con sufficenza è normale che non riuscivo a fare presa su tante persone ma solo su poche..

Link al commento
Condividi su altri siti

dr.feelgood

Reagisci quando succede qualcosa che ti fà arrabbiare e vedrai che dopo non avrai tanti ripensamenti, la società insegna a stare fermi e buoni ma in realtà la cosa migliore è reagire evitando la violenza se non in casi eccezionali.

Se vuoi rispetto lo puoi ottenere più facilmente trattando le persone come se tu non ne avessi per loro, se vuoi un buon rapporto invece devi fare il contrario.

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Amon

Indubbiamente un po' di sana rabbia agonistica, nella vita di oggi, non può che far bene. Ma i tuoi pensieri, al momento, sono piuttosto confusi. Chi cerca guerra trova guerra. E' questo che vuoi? Combattere per tutta la vita? Hai tante energie, che vanno però convogliate in altre direzioni.

Mi sembra che ti trovi al limite. Riacquisisci la calma e ragionaci su. Comunque, alla tua età sono fasi assolutamente normali. Sappi che presto tutto sarà finito e il quadro della situazione ti sarà sicuramente più chiaro. Inoltre stai vivendo un'età fantastica, piena di contraddizioni, certo, ma la magia dell'adolescenza non torna più indietro. Cerca di portartela dietro (non so quanto questo consiglio possa essere compreso da un'adolescente, ma io te lo do lo stesso).

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Gianluca-20

"Tratta come ti trattano che non è mai sbagliato" e ancora "quello che auguri a me io per due volte lo auguro a te", mi affido solo a queste due "regole".

Non partire con il pressupposto che tutte le persone ti vogliono male o ti vogliono infinocchiare, non serve a nulla, ti fai mille paranoie, non ti godi i rapporti e rischi pure di diventare frustrato.

Se vogliono attaccare te lo dimostreranno abbastanza palesemente, se ti lasciano in incognita lascia perdere sono degli insicuri raramente avranno il coraggio di fare un passo avanti e appena percepiscono che sei di valore superiore ne faranno due indietro, nella terza ipotesi ovvero quella che si presenta nella maggior parte dei casi (almeno a me) le persone anche se può capitare che non lo dimostrano sono ben disposte ad avviare un rapporto. Di questi tre afferra la tua ascia di guerra solo per il primo caso.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...