Vai al contenuto

Scelta facoltà


-Styler-
 Condividi

Messaggi raccomandati

-Styler-

Vado al sodo.

Non ci ho mai pensato, ma ora che mancano pochi mesi devo decidere...

Sono abbastanza portato per le lingue, ma vedo che non si lavora a meno che non si frequenti qualche uni privata che visti i prezzi non credo di potermi permettere.

Medicina et simili non mi interessano, anche perchè non mi va di studiare altri 10 anniXD

L'unica alternativa valida la vedo nel campo dell'ingegneria, anche (soprattutto) per il mercaoto del lavoro.

Quindi o Automatica, o Gestionale (mi devo informare) o Informatica.

MA temo di non andare d'accordo con tutta la matematica che c'è.

Oltre questo non riesco a inquadrare alternative....consigli, pareri, qualunque cosa è ben accetto! Grazie!

Link al commento
Condividi su altri siti

Vincent

Io sostengo che le facolta` non scientifiche, sono, al 99% dei casi, facolta` inutili ai fini lavorativi.

Ti preparano a fare dei lavori che non sono sostenibili.

Nel senso che sono lavori che NON PRODUCONO REDDITO.

Ero ----> NON CI SONO POSTI, E QUELLI CHE CI SONO, SONO PAGATI DI CONSEGUENZA.

Link al commento
Condividi su altri siti

patrizio

Vado al sodo.

Non ci ho mai pensato, ma ora che mancano pochi mesi devo decidere...

Sono abbastanza portato per le lingue, ma vedo che non si lavora a meno che non si frequenti qualche uni privata che visti i prezzi non credo di potermi permettere.

Medicina et simili non mi interessano, anche perchè non mi va di studiare altri 10 anniXD

L'unica alternativa valida la vedo nel campo dell'ingegneria, anche (soprattutto) per il mercaoto del lavoro.

Quindi o Automatica, o Gestionale (mi devo informare) o Informatica.

MA temo di non andare d'accordo con tutta la matematica che c'è.

Oltre questo non riesco a inquadrare alternative....consigli, pareri, qualunque cosa è ben accetto! Grazie!

Non voler studiare altri 10 anni e poi scegliere Ingegneria mi pare un controsenso.

In verità se vuoi inserirti bene nel mondo del lavoro e fare carriera,dovrai studiare ed aggiornarti sempre,altrimenti si diventerà l'ennesimo laureato con stipendio pari a quello di un operaio.

Modificato da patrizio
Link al commento
Condividi su altri siti

TheItalianBull

Hai parlato solo di possibilità lavorative e del fatto che tu non voglia studiare per 10 anni, perchè non ti chiedi invece cosa ti piace fare?

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

gast88

Faccio ingegneria gestionale se ti può interessare e mi sento di dirti che se non ti piace la matematica e le materie scientifiche in generale non considerare il ramo ingegneristico perchè lo studio è pesante e comunque ti porterà via la maggior parte del tempo negli anni a venire.Lo studio è diverso da quello del liceo,non basta più uno studio superficiale per rubare un sette,occorre molta forza di volontà e naturalmente passione per le materie tecniche .Se non ti piacciono le formule,i teoremi,le dimostrazioni non mi sento di consigliartela dicendoti che è una passeggiata.

I consigli che ti posso dare sono:

-devi capire le materie che ti piacciono e gli argomenti che studieresti con piacere,lo studio è un attività su cui devi rimanere concentrato e avere la mente libera,quindi non puoi permetterti di studiare qualcosa verso la quale non provi alcuna motivazione

-analizza i piani di studi delle università,i programmi degli esami e tutto quello che ti serve per capire se sei portato per quel ramo

Pensa a quello che ti piace studiare se devi continuare con l'università e dopo quando avrai iniziato e proseguirai con li anni scatterà automaticamente dentro di te la molla per cercare un lavoro e migliorare la tua professionalità,questo perchè fai qualcosa che ti piace

Link al commento
Condividi su altri siti

-Styler-

Grazie Gats, in effetti mi sa che non fa per me...con la matematica insomma, non faccio schifo ma non sono un genio, mi prendo il mio 6 e me lo porto a casa...E, più in generale, sono proprio uno di quelli che ruba i 7 con uno studio abbastanza superficiale.

Diciamo che tra le cose che mi piacciono (in fatto di studi) ci sono le lingue e l'informatica.

Come già detto però vorrei evitare di immettermi in un mercato chiuso (lingue), quindi sto valutando la possibilità di Informatica (ho una conoscenza sopra la media, tra quelli che non hanno fatto scuole specifiche, ma in quanto a programmazione ecc sono a zero. Rimedierò.)

Il problema sta in parte nel fatto che non sono COSI' TANTO motivato: da una parte la voglia c'è, ma dall'altra mi accorgo che dopo 18 anni passati a studiacchiare sarà molto difficile mettere la testa a posto e trovare la costanza giusta. E' questa la mia principale preoccupazione.

Nel caso scegliessi di non continuare gli studi, sarei orientato verso lavori tipo Barman o simili, che però, come leggevo in una discussione di Ste898 (se non ricordo male) più persone hanno consigliato come lavoro secondario o lavoretto mentre si studia. Penso per il guadagno, che come ha scritto l'autore del thrad, sta sui 600€ lavorando un paio di sere a settimana (non so se è "il giusto" o solitamente i barman lavorano di più). In ogni caso scegliendo di non continuare a studiare e volendo raggiungere una certa indipendenza (non immediata, ovviamente, ma comunque entro tempi non lunghissimi, qualche anno insomma), diciamo che necessiterei piu o meno del doppio.

Link al commento
Condividi su altri siti

Vincent

Grazie Gats, in effetti mi sa che non fa per me...con la matematica insomma, non faccio schifo ma non sono un genio, mi prendo il mio 6 e me lo porto a casa...E, più in generale, sono proprio uno di quelli che ruba i 7 con uno studio abbastanza superficiale.

Diciamo che tra le cose che mi piacciono (in fatto di studi) ci sono le lingue e l'informatica.

Come già detto però vorrei evitare di immettermi in un mercato chiuso (lingue), quindi sto valutando la possibilità di Informatica (ho una conoscenza sopra la media, tra quelli che non hanno fatto scuole specifiche, ma in quanto a programmazione ecc sono a zero. Rimedierò.)

Il problema sta in parte nel fatto che non sono COSI' TANTO motivato: da una parte la voglia c'è, ma dall'altra mi accorgo che dopo 18 anni passati a studiacchiare sarà molto difficile mettere la testa a posto e trovare la costanza giusta. E' questa la mia principale preoccupazione.

Nel caso scegliessi di non continuare gli studi, sarei orientato verso lavori tipo Barman o simili, che però, come leggevo in una discussione di Ste898 (se non ricordo male) più persone hanno consigliato come lavoro secondario o lavoretto mentre si studia. Penso per il guadagno, che come ha scritto l'autore del thrad, sta sui 600€ lavorando un paio di sere a settimana (non so se è "il giusto" o solitamente i barman lavorano di più). In ogni caso scegliendo di non continuare a studiare e volendo raggiungere una certa indipendenza (non immediata, ovviamente, ma comunque entro tempi non lunghissimi, qualche anno insomma), diciamo che necessiterei piu o meno del doppio.

Una parte della mia famiglia ha iniziato a lavorare nel mondo degli american bar nel 1950, gente ignorante che veniva dal sud italia..

Si guadagnavano, come fatturato, 1980 = DUE MILIARDI DI LIRE CIRCA.

Chi l`ha detto che un Barman deve essere visto come lavoro secondario?

BASTA CON QUESTA BALLA CHE I LAVORI MANUALI SONO PAGATI POCO.

IL 90% DEI BARTENDER SERI PRENDE 2/3 VOLTE UN INGEGNERE.

Arrivederci.

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

gast88

al liceo un anno ho rischiato di essere bocciato,ora mi sto per laureare in ingegneria gestionale.

Quello che voglio dirti è di vedere cosa ti piace veramente,al liceo si fanno tante cose che reputo inutili ecco perchè ti senti cosi in questo momento ed è normalissimo.Hai detto che l'informatica ti piace,bene documentati su cosa studierai,se ti piacerebbe imparare nuovi linguaggi e cosi via.

Insomma informati ovunque con un pò di pazienza,hai molti mesi ancora,magari prenditi un piccolo quaderno e annota tutto ciò che ti può essere utile.

Come ha detto vincent non credere che i lavori manuali vengano pagati poco:elettricisti,idraulici e cosi via.

Naturalmente sto parlando di intraprendere un percorso professionalizzante e non di lavorare a nero per anni sotto l'elettricista del proprio paese,esistono ottimi corsi di formazione.

E' troppo facile dire non faccio questo o quello perchè mi pagano poco e cosi via,te lo dico come un fratello perchè mi rendo conto che è una scelta difficile.

Link al commento
Condividi su altri siti

gast88

Nel tuo caso ti piacciono le lingue e le impari facilmente,ti piace la figura del barmam,le due cose stanno molto bene insieme.Al giorno d'oggi se si parte da zero bisogna fare molti sacrifici.

Sono consapevole che quando finirò la triennale non posso pretendere cifre da capogiro perchè dovrò ancora darmi da fare:imparare l'inglese in maniera eccellente(magari a Londra),capire il ramo dove vorrei specializzarmi,fare qualche stage di lavoro(magari all'estero).

Hai detto che non vuoi studiare 10 anni,con il mercato dinamico in cui ci troviamo è praticamente impossibile,bisogna aggiornarsi continuamente se si aspira a qualcosa che ci permette di vivere egregiamente.

Ti dico tutto questo per farti riflettere style :)

Link al commento
Condividi su altri siti

Fresh

Bo che tristezza sentire ragazzi della mia età parlare di università in termini di possibilità di lavoro future, ancora più triste se si parla di lavoro senza universtà "perchè ci sono lavori manuali che pagano meglio". Premesso che non vedo nessuna dignità nel lavoro (vi rimando al discorso tipico dello schiavo di Silvano Agosti), ma fai quello che ti piace e chissenefrega, perchè dobbiamo continuare a credere nel falso mito che la realizzazione personale sia proporzionale allo stipendio? Si può avere successo anche guadagnando modestamente. Non si tratta di essere o non essere ambiziosi, si tratta di definire le proprie ambizioni. Personalmente ciò che mi guida è il voler conoscere più che il voler guadagnere, quindi essere più che avere, e infatti ho scelto una facoltà che mi permetterà di approfondire qualcosa che mi interessa (anche se ci sono 3000 cose che mi interessano), e chissenefrega se poi non troverò lavoro in quel campo, il bartender lo posso fare anche da laureato alla sorbona.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...