Vai al contenuto

(Prolisso) la potenza delle 24enni verso dei poveri studentelli di ingegneria


XAX
 Condividi

Messaggi raccomandati

XAX

L'altro giorno mi ha chiamato una mia "amica" che conosco da circa 12 anni e mi sono venute in mente alcune considerazioni che potrebbero essere interessanti.

Nel lontanto 1994 io mi innamorari di quest'elemento di sesso femminile mio coetaneo, sicuramente perchè mi piace (tutt'ora) e poi perchè lei mi diede certe confidenze che mi fecero "ben sperare".

Ovviamente mi disse che m'ero inventato tutto e mi disse che le sarei anche andato bene ('fanculo :D ) però ero immaturo, non mi ero ancora realizzato come persona, ecc.

Ovviamente questo scatenò una mia reazione a catena che oscillava tra il qualificarmi in senso assoluto e il sentirmi inadeguato e che confermò la mia (reale) immaturità alla tizia.

A distanza di 12 anni la signorina non ha ancora un vero titolo di studio, non ha una vera professione, non ha un lavoro, sembra che non abbia una relazione stabile pur volendola (le solite cazzate: mi innamoro degli uomini sbagliati).

Riascoltandola al telefono che mi invitava ad uscire in quanto era tanto che non le concedevo un pò di tempo e guardandomi mentre le dicevo che ero impegnato con la mia LTR e che sicuramente ci saremmo rivisti presto (maddechè, con la scusa che è senza lavoro m'ha scroccato la consumazione l'ultima volta e penso che ripeterebbe la manfrina), mi è tornato in mente quel periodo e di quanto fosse pesantemente negativo il giudizio che davo a me stesso in quella situazione.

Perchè è interessante? Perchè dopo 12 anni la situazione sociale si è completamente ribaltata ma, se fossi rimasto lo stesso, mi sarei lasciato ancora condizionare da giudizi simili.

Viceversa, se allora fossi stato più sicuro di chi ero e di cosa facevo avrei sicuramente messo in atto una strategia di reframing verso l'idea della tipa di cosa vuol dire "uomo realizzato".

E' un post che può essere utile a chi comincia a confrontarsi con il mondo della seduzione e con le aspettative dell'HB di turno.

Può sembrare scontato che si abbia la stessa visione del mondo, soprattutto quando si frequentano HB del proprio circolo sociale (scuola, università, bar, ecc.).

Diversamente vanno le cose come, nel mio caso, l'HB ha una vita completamente diversa e, soprattutto, delle idee diverse sul mondo.

In questi casi, se non si adottano strategie ben precise, si finisce nel soccombere alle sue richieste di qualificazione.

Per questo è necessario che ognuno di noi crei una immagine solida di se stesso e di quello che sta facendo.

Io allora ero un semplice studente di ingegneria senza una lira.

Piuttosto che vedermi come uno sfigatello, avrei dovuto consolidare la mia idea di carriera universitaria, di conquista di una posizione sociale e di impegno nel reggiungere degli obiettivi economici e di vita.

Solo così ci si può contrapporre ad una stupida ragazzina (LOL me la tromberei adesso stesso se me la desse :D :D :D ... se avessi una strategia vincente per trombarmela) abituata ai 30enni.

Con il senno del poi, mi sono rivenuti in mente i due uomini "realizzati" con cui è stata in quel periodo. Sono state due LTR: una stava terminando quando io ci ho provato (da vero AFC) ed una iniziata in quel periodo.

Dopo di loro ha avuto storie con "artisti" e fancazzisti vari.

Sono sicuro che, socialmente, adesso io ho più valore ma allora mi sembravano inarrivabili.

La finisco qui :)

Spero che sia stato utile a qualcuno.

Link al commento
Condividi su altri siti

LeoVince

Chissa chi si credeva di essere all'epoca lei.no?Bravo hai avuto la tua rivincita

Link al commento
Condividi su altri siti

Che bel post ;) tuttaltro che prolisso :)

ti ringrazio d'aver condiviso la tua esperienza ed aver posto l'attenzione sugli elementi in gioco e l'evoluzione degli eventi ;)

sono sicuro che questo post sarà utile a molti :) lo sento molto "vicino" al Bilancio di DoMiNo ..anche se tu parti da un caso specifico mi pare ci sia una certa affinità ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

prieras

Ma guarda un pò alle volte la telepatia che combina......Era qualche giorno che stavo pensando a quanto la vita spesso sia imprevedibile e soprattutto a quanto le cose non siano mai come sembrano....e poi arrivi tu con questo tuo post a darmi il la.

Prima di partire per una breve trasferta di lavoro sono passato a salutare la mia attuale ltr e la fbbancaria. Proprio con la prima ci siamo soffermati a parlare di quanto le cose siano cambiante nel tempo e di come eravamo circa 7 anni fa.

Beh lei mi ha chiesto perchè all'epoca non ci provai seriamente con lei e soprattutto di come abbia fatto ad aspettare così tanto tempo prima di farla mia.....Beh, diciamo che era in vena di shit test e io in vena di qualifying gratuito così le ho risposto che all'epoca lei mi sembrava la classica ragazza da relazione ultra seria/stabile e che non mi andava ancora di impegnarmi in una relazione strizzapalle (leggi fidanzamento in casa). Vero è poi che con la sua amica c'è scappata una ltr di quasi 7 anni.....per l'appunto, i casi della vita!

Non che adesso lo sia; ma ora però so che ho raggiunto quella tranquillità morale, intelluttuale e personale che mi rende maggiormente pronto a fronteggiare una ltr con i fiocchi con una persona che è sempre stata il mio bull's eye (per la serie "prima o poi tanto te purgo bella!").

Discorrendo discorrendo mi sento dire che ora come ora sono totalmente diverso da come ero 7 anni fa (onestamente è più di una persona che nota questo e la cosa non può che farmi contento) e che se con lei ci avessi "provato" seriamente quando avevo un pò più di capelli in testa probabilmente non avrei avuto nessuna speranza. Perchè!?

Semplice, il mio pseudoamico/antagonista/parà all'epoca già lavorava, poteva permettersi di offrire cene a destra e a manca e la somma di queste cose in una ragazza che all'epoca aveva 22 anni dava come risultato il "tirare" più per certi personaggi che non per altri che all'epoca apparivano leggermente più "sfigati" per il semplice fatto che non spiccavano nella massa o non avevano ancora un lavoro "eccitante"....insomma, la solita storia del ragazzo comune e della ragazzina più piccola di lui che cerca l'uomo vero (dove vero, in questo caso, sta per soggetto che produce reddito ed è eventualmente disposto a prendere un mutuo per mantenerla).

Il tempo però sappiamo che è galantuomo e rende sempre ragione ai giusti e così la favola del parà e dell'hb innamoratissimi piano piano si è incrinata fino a rompersi del tutto. La cosa più strana sta proprio nel fatto che il punto di forza del parà (il suo lavoro) che gli aveva permesso di far colpo sulla sua ex a lungo andare gli si è ritorto contro dato che lui sta sempre in missione all'estero.

Altra esperienza di vita vissuta.

Qualche giorno fa mentre stavo in un locale del centro con fbbancaria per un aperitivo mi sento chiamare......Mi giro.......e chi ti becco!? Una strafiga ex compagna di corso (direi hb 9) laureatasi a pieni voti e in tempo. Insomma la classica tipa non solo bella ma anche intelligente.

Le chiedo cosa stesse facendo là e lei mi risponde che stava lavorando come cameriera :look:

Inizialmente credevo stesse prendendomi in giro ma invece era tutto vero. Poichè il locale era vuoto la invito a farci compagnia......in fondo è sempre un'amica che non vedevo e sentivo da mooolti anni poichè le strade della vita ci avevano portato agli antipodi, o almeno così credevo fino a quel momento.

Ovviamente parte la modalità "rimpatriata tra vecchi amici" e la cameriera inizia a fare amicizia con la mia fb (se non sapessi che è etero al 100% giurerei che mi volesse soffiare la bancaria!). In poco tempo mi mettono in mezzo allegramente e io sto al gioco. La compagna di corso inizia a raccontare di come io NON ci ho mai provato con lei, dei tornei a briscola e tresette durante le lezioni del fu Catello Cosenza, del mio amore per la ex del parà, delle strippate durante gli esami e altre amenità cui fa seguito la richiesta da parte della mia fb di parlare un pò della sua vita attuale.

Beh, a momenti mi metto a piangere.....Una ragazza brillante come lei dopo la laurea non sembra averne imbroccata nemmeno una: ha sperimentato due convivenze; una di queste ha prodotto un matrimonio risoltosi con una separazione; dal punto di vista lavorativo è andata ache peggio se vogliamo poichè la tipa dopo aver vinto un concorso alla Farnesina ha passato la busta (ed è stata licenziata in tronco quindi) perchè si è rifiutata di andare a lavorare nelle sede diplomatica italiana a Cuba (motivazione!? non posso stare lontano dai miei genitori :look: )

Ovviamente poichè licenziata con demerito ora non riesce più a trovare un lavoro degno (senza nulla togliere alla categoria dei camerieri) sia nel settore pubblico che nel settore privato.

Che dire!? Spesso le persone si rivelano l'opposto di quello che sembrano ma soprattutto persone che in passato per mie pippe mentali consideravo innarrivabili ora sembrano prive di ogni scudo, di ogni difesa e in più si rivelano essere soggetti normalissimi con problemi normalissimi.

Rileggendo questo mio post mi vien da pensare a quante occasioni ho sprecato in passato per mancanza di coraggio o intraprendenza (e non mi riferisco solo alla seduzione ovviamente), a quanto abbia vissuto per un lungo periodo con i paraocchi e a quanto spesso mi sia creato paure da solo quando in realtà non c'era alcun motivo per temere.

Probabilmente la colpa di ciò risiede nel fatto che sono sempre stato un gran timidone che si faceva mille fisime anche solo a chiedere ad un vigile dove si trova piazza la bomba e via e che si preoccupava eccessivamente del giudizio della gente.

Non che ora sia del tutto guarito da questa mia timidezza, ma sicuramente ho modificato molti lati della mia personalità (pensate solo a quello che ho fatto 2 sabati fa con sexypit.......fino a qualche anno fa fermare una ragazza del tutto sconosciuta e dirle "mi dai un pezzetto di liquirizia che non ho ancora cenato" sarebbe stata un'esperienza fonte di infarti o altri gravi traumi) e la cosa non può che lasciarmi soddifatto anche se so che ci sarà ancora tanto da fare e disfare.

Nulla di più da aggiungere.

Link al commento
Condividi su altri siti

sexyPit
Rileggendo questo mio post mi vien da pensare a quante occasioni ho sprecato in passato per mancanza di coraggio o intraprendenza (e non mi riferisco solo alla seduzione ovviamente), a quanto abbia vissuto per un lungo periodo con i paraocchi e a quanto spesso mi sia creato paure da solo quando in realtà non c'era alcun motivo per temere.
E' un certo periodo che rifletto sui cambiamenti e sulle evoluzioni sociali che ci vedono protagonisti.

Il punto è che spesso l'ambiente che ci circonda, in qualche modo ci lega a sè. Potrei fare una divisione grossolana dei circoli sociali della nostra crescita(dove ovviamente ogni stato comprende infiniti sottolivelli):

- scuola(elementare - media)

- scuola(superiore)

- università

- lavoro

Il funzionamento sociale e l'autonomia personale, sono elementi che prendono quasi subito una determinata piega. Uscire poi da situazioni ormai assodate, non è mai un processo semplice.

La cosa positiva è che ogni contesto ci insegna cosa non dobbiamo o dobbiamo fare. Io vedo quindi la crescita, direttamente collegata al cambiamento.

Più contesti attraversiamo, migliore sarà il nostro punto di vista sulla sfera dell'interazione sociale che ci appartiene.

sexyPit.

edito: priè l'avatar è s t r a o r d i n a r i o :D..

Link al commento
Condividi su altri siti

Spartacus
...

La compagna di corso inizia a raccontare di come io NON ci ho mai provato con lei, dei tornei a briscola e tresette durante le lezioni del fu Catello Cosenza...

Che tempi.. sembrano passati dieci anni.

...

Oops..

SONO PASSATI DIECI ANNI! :metal:

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...