Vai al contenuto
The President

Il vadecum del viaggio in solitaria: il NEXT LEVEL

Recommended Posts


stenford

...quando si è in tanti si finisce per mandare tutto in caciara, e soprattutto essere condizionati da un abbassamento di frame degli amici.

sagge verità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

all-in

cavolo frequento da poco ma sei già un idolo :D

mi sto rendendo conto di molte cose già successemi ma razionalizzo solo ora.

durante molti viaggi all'inizio quando eravamo 10-15 si chiudeva poco, poi io ero tra quelli che si intrattenevano più a lungo e rimasti 2-3 le cose miglioravano di molto.

ho fatto solo 2 viaggi in solitaria ma entrambi in italia (napoli e firenze). devo assolutamente provare all'estero da solo anche se per comodità sono sempre andato in gruppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


qore

Mi hai dato ottimi spunti..se dio vuole a fine maggio me ne vado 4 giorni alle canarie da solo, non che fossi spaventato ma un po' non sapevo come "l'avrei vissuta".. Quindi grazie, andrà sicuramente meglio che con gli amici AFC :) e sarà più una avventura!

Mi domando solo, le ragazze che incontri in giro per il mondo, solitamente come la prendono quando dici che sei in viaggio da solo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
The President

Mi hai dato ottimi spunti..se dio vuole a fine maggio me ne vado 4 giorni alle canarie da solo, non che fossi spaventato ma un po' non sapevo come "l'avrei vissuta".. Quindi grazie, andrà sicuramente meglio che con gli amici AFC :) e sarà più una avventura!

Mi domando solo, le ragazze che incontri in giro per il mondo, solitamente come la prendono quando dici che sei in viaggio da solo?

Visto che vai in Spagna e viaggerai da solo, il mio recente personale insight è di evitare di indossare magliette o simboli inneggianti all'indipendenza basca/catalana/galiziana in aeroporto, per non avere problemini con la guardia civil :D :D

Spesso dipende dal tipo di mentalità e cultura, se vengono dai Paesi del Sud Europa come per esempio la Spagna, tendono ad essere scettiche sulla cosa. Questa gente qui quando viaggia lo fa sempre in grupponi, un po' come i caroselli di italiani nelle capitali europee.

Ragazze dei Paesi meno conservativi (es. est e nord Europa) non sono affatto stupite da questo modo di fare, visto che da loro è consuetudine viaggiare da soli, o partire in gioventù a fare degli anni all'estero e poi rientrare nel proprio Paese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jumpy

Si continua, questo post è dedicato soprattutto ai giovani nella fascia d'età 17-24, che forse viaggiando ed esplorando l'Europa possono portare a casa un bagaglio di esperienze, e cambiare nelle fondamenta la mentalità del Paese.

Ma anche no ;) io di viaggetti così ne sto facendo anche alla mia veneranda età.

Due anni fa, feci, come te, toccata e fuga a Monaco di Baviera: partenza la notte tra giovedì e venerdì, rientro la notte tra domenica e lunedì :)

Similmente lo scorso anno, Praga, dato che avevo più tempo feci una settimana: partenza il sabato notte, rientro il sabato notte successivo.

I voli in orari comunemente "scomodi" son poi, di solito, quelli ai prezzi più contenuti :)

A Monaco ho trovato prezzi all'incirca in linea con le città italiane, lo stesso per Praga nelle zone turistiche.

La particolarità di Praga però è che basta spostarsi anche di un solo quartiere (nel mio caso da Praga 1-2 a Praga 7, dove dormivo) per trovare prezzi ridotti anche ad un terzo :)

Nel resto d'Europa poi noto che non si ha la tendenza italiana (ed un po' anche spagnola) di uscir sempre tardissimo di sera, ma è facile trovare gente in giro per pub e locali già dal tardo pomeriggio.

Sui soliti suggerimenti di distinguersi dall'itaGliota medio (vestito firmato da capo a piedi o con le maglie della squadra di calcio, con gli occhiali da sole "a fanale" anche di notte, attaccabrighe, maleducato ed ultrà e che non capisce un cazzo di inglese) condivido punto per punto: non solo fa scappare le HB-straniere come lepri ma in alcuni contesti può esser addirittura pericoloso... l'itaGliano medio infatti, dallo straniero è visto solitamente come danaroso e stupidotto -> facile vittima di furtarelli e truffe (sopratutto in città come Praga).

Analogamente, evitare di girare come gli itaGlioti fan di solito dall'estero, ossia in grupponi di soli maschi allupati a cantar cori da stadio... è il modo migliore per rientrare a becco asciutto, se va bene, o finir in rissa con qualche altro gruppo di idioti (solitamente italiani anche loro), se va male.

Modificato da Jumpy

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pep

concordo con voi nel dire che il viaggiare da soli è molto più diffuso e normale all'estero che in ItaGlia.
Mi è capitato di pernottare in B&B italiani in grandi città italiane per lavoro, da solo, e di incontrare ragazze, anche di giovane età, che viaggiavano da sole e che per forza o per cultura erano aperte a conoscere gente (e qui l'importanza di parlare un buon inglese!!).
Difatti quando si è soli è normale giocoforza aprirsi di più col mondo esterno, quando si viaggia in branco, o in coppia, si tende a chiudersi a riccio su se stessi.

Anche per me per sargiare meglio andare in poche persone, max 2-3!


P.S. Magari si potrebbero pianificare viaggi e weekend organizzati insieme ad utenti del forum! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Double up

Concordo in pieno. In particolare se vogliamo immergerci nel modo di vivere del posto che visitiamo essere soli e' spesso un vantaggio mentre partire con un gruppo di amici compatrioti potrebbe essere un ostacolo. Ultimamente ho iniziato a farmi qualche week end lungo in alcune citta' europee in solitaria e mi sono sempre divertito . Alloggiando in ostello si conoscono molto facilmente ragazze che viaggiano da altri paesi. A Barcellona ho passato due giorni e due notti a girare la citta con una ragazza americana conosciuta in ostello la prima sera ( e mi ha approcciato lei..)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dickinson1

A Barcellona ho passato due giorni e due notti a girare la citta con una ragazza americana conosciuta in ostello la prima sera ( e mi ha approcciato lei..)

Fossero cosi' tutti i viaggi!

Il problema e' probabilmente la timidezza,il fatto di arrivare soli e sentirsi spaesati.

Magari ci si sente giudicati da chissa' chi quando in realta' alla gente interessa i fatti suoi invece che uno straniero.

Adesso non so piu' che altro quando vai in un albergo se ti trovano facilmente una camera singola.

Passi poi diversi posti e gli albergatori ti dicono subito di essere pieni,poi ti dicono di riuscire a trovare un buco e ti sparano una cifra un po' folle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!

Iscriviti a ItalianSeduction

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Lo sai già, ma te lo dobbiamo dire comunque...

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.