Vai al contenuto
The President

Visto che in Italia nel giro di qualche anno sarà difficile sopravvivere, dove emigrare?

Recommended Posts

The President

Riallacciandomi al post di Clock

In Italia alcuni miti e leggende sono ben solide, una di queste è sulla Polonia, E' l'unico paese in Europa e forse al mondo che può vantare una crescita di PIL e ricchezza da un ventennio, dicasi 20 !

Lo stile di vita, gli stipendi sono più bassi di quelli italiani, ma la disocupazione e le prospettive future sono migliori. In tv se non ricordo male avevo visto un servizio sulle scuole informatiche "degli hacker", non avevo ben capito se erano dei centri di formazione, associazioni o normali scuole/università. Come hai detto ai tuoi le scuole Polacche costano meno delle inglesi :D Visto che non hai ben in mente su cosa fare nella vita, e ci sei, facci un pensierino...

E' vero che la Polonia è uno dei pochi Paesi UE in controtendenza ma devi considerare il fattore principale che la sta tirando su, non ha l'euro. Per l'Italia e gli altri Paesi aderenti a parte la Germania, l'Euro è una condanna a morte, una zavorra che ci sta portando sempre più alla deriva. Fin tanto avremo questa moneta, scordiamoci di uscire dalla crisi.

In realtà c'è un altro Paese, l'unico nell'UE e zona Euro che se avessi un lavoro come quello di denipr (che mi permetta di lavorare dovunqua voglia senza essere dipendente) che sceglierei: questo è Malta.

Vi elenco i punti a favore.

Tassazione per le società e per le persone fisiche tra le più basse d'Europa.

Costo della vita risibile, prezzi talvolta la metà di quelli italiani.

Estate, spiagge e mare sei mesi all'anno, e inverno con medie di 14-15 gradi. Clima ultra-favorevole.

Turiste/i da tutt'Europa da aprile a novembre, scuole di inglese e struttura della nightlife che attirano in gran parte giovani.

Lingua ufficiale: inglese (facile da imparare e che credo conoscano già tutti).

Crisi mutui subprime non giunta, arrivata soltanto nel 2012 con PIL negativo, ma le previsioni dicono ripresa (+1% nel 2013)

Tasso di disoccupazione: 7% (in Italia si sfiora il 13% ormai)

Figa, figa, figa. Turiste vogliose di essere sargiate.

Vicinanza all'italia e collegamenti ryan-air low cost, per chi voglia tornare anche solo un we a casa (costa più un Torino-Bologna frecciarossa, che un RyanAir Torino-Malta)

Cibo ottimo, come in Italia.

Mezzi pubblici funzionanti, direi al livello del Nord Italia (nè buoni nè cattivi).

Punti sfavorevoli

Scarsa cura di ordine pubblico e pulizia (ma alla fine ci son problemi ben più gravi), sensazione di stare in Africa se ci si sposta troppo dai centri abitati.

Spopolazione nei pochi mesi invernali, dove l'isola è davvero vuota.

Fregna locale mediamente un po' bruttina, addirittura sotto il livello già basso italiano.

E voi che mete proporreste? Io ho in mente anche altre opportunità, per il mio futuro che giocoforza dopo la laurea sarà da dipendente almeno per qualche anno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vincent

Ovunque sia utile alla tua crescita personale e professionale.

Altrimenti facciamo tutti quelli che andiamo a Londra a farci le foto da Starbucks, pero` poi laviamo i piatti, o, ancora peggio, ci facciamo mandare 2000 pound al mese dal papa`.

L'unico posto dove tentero` di andare, sara` l`Australia, ma non so ancora quando.

Appena avro` un minimo di esperienza tecnica in piu`, magari in un annetto o giu` di li.

Per il resto, direi di non porsi ne` limiti, ne` barriere (anche se dipende cosa si cerca).

P.S: L`emigrazione non e` la soluzione, solitamente, a QUASI nulla.

P.S(2): Chi ha la possibilita` di lavorare ovunque, grazie ad Home-Office o ad un'attivita`, non e` compreso nel mio discorso, che magari potro` continuare dopo, seguendo l`onda o qualche spunto interessante.

Buona Fortuna.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Clock

Riallacciandomi al post di Clock

E' vero che la Polonia è uno dei pochi Paesi UE in controtendenza ma devi considerare il fattore principale che la sta tirando su, non ha l'euro. Per l'Italia e gli altri Paesi aderenti a parte la Germania, l'Euro è una condanna a morte, una zavorra che ci sta portando sempre più alla deriva. Fin tanto avremo questa moneta, scordiamoci di uscire dalla crisi.

In realtà c'è un altro Paese, l'unico nell'UE e zona Euro che se avessi un lavoro come quello di denipr (che mi permetta di lavorare dovunqua voglia senza essere dipendente) che sceglierei: questo è Malta.

Sul discorso economico dissento completamente specie sulla Polonia, è un discorso lungo e complicato.. La moneta e la sua constituzione sono state ottime. I due errorri fondamentali sono stato 2 a livello centrale e uno a livello dei paesi singolo : la Deroga sul superamento dei vincoli sul debito e una vigilanza centrale sulla economia e sugli intermediari finanziari fu un grande errore ... Il beneficio singolo per ogni paese questo è dipeso dalla politiche economiche fatte dai singoli Stati Sovrani, senza l'Euro si poteva celebrare il funerale della Grecia, Irlanda,Portogallo, Cipro già dal 2009.. L'euro è stato ottimamente usato da Germania, Olanda e Finalandia vanno ammirate e stimate per il loro sostegno passato, presente e futuro. Per loro sarebbe molto facile prendere e dire signori è stata una bella espierenza ma noi ce ne andiamo.

Molto semplicimente l'Euro è strumento/mezzo se chi lo dirige lo fa in funzione dell'apprezzamento altrui nel brevo periodo non è certo colpa sua, l'UE BCE FMI BM hanno fatto i loro errori, ma gli stati sovrani hanno fatto dei veri e propri orrori finanziari...

Sono d'accordo con te su Malta e stile di vita, livello sociale è una società fondata sulle Caste, le sensibili agevolazioni finanziarie, bancarie ecc. non so per quanto e come restisteranno...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

^X^

Sull'euro concordo con clock fermamente, ma non voglio parlarne qui.

Questo thread mi riempe di gioia perchè vedo che si diffonde un'idea che reputo vincente: quella di analizzare il bilancio costi/benefici per decidere dove ci convenga vivere e lavorare.

L'unica arma che abbiamo è la mobilità, per sottrarci al pagamento di debiti che non sono stati fatti dalla nostra generazione ne tantomeno a beneficio di essa.

Come regola generale io consiglio sempre di valutare posti relativamente piccoli, nei quali la popolazione locale non sia troppo anziana o troppo ricca (altrimenti vi occorre uno stipendio altissimo per competere con i nativi ad armi pari).

Sostanzialmente bisogna avere un po' fiuto e un po' culo di stabilirsi in un posto prima che inizi il suo boom... qualcuno ha info serie su Latvia e Estonia?

Modificato da ^X^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LorenzoVonMatterhorn

Io, terminata l'università, vorrei provare a trasferirmi all'estero, non in pianta stabile, diciamo come esperienza di vita e miglioramento delle mie capacità lavorative. Non andrei per guadagnare o stabilirmi definitivamente, poi chi vivrà vedrà

Pensavo di trasferirmi in Russia, ovvero un luogo totalmente diverso rispetto all'Italia, cercando lavoro nel settore turistico (nel quale vanto ottime capacità/esperienza), sennò la Germania.

Qualcuno conosce persone che han fatto quest'esperienza?

Modificato da LorenzoVonMatterhorn

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
The President

Questo thread mi riempe di gioia perchè vedo che si diffonde un'idea che reputo vincente: quella di analizzare il bilancio costi/benefici per decidere dove ci convenga vivere e lavorare.

L'unica arma che abbiamo è la mobilità, per sottrarci al pagamento di debiti che non sono stati fatti dalla nostra generazione ne tantomeno a beneficio di essa.

Come regola generale io consiglio sempre di valutare posti relativamente piccoli, nei quali la popolazione locale non sia troppo anziana o troppo ricca (altrimenti vi occorre uno stipendio altissimo per competere con i nativi ad armi pari).

Sostanzialmente bisogna avere un po' fiuto e un po' culo di stabilirsi in un posto prima che inizi il suo boom... qualcuno ha info serie su Latvia e Estonia?

Su un famoso sito di expat e viaggiatori un po' particolari (se vuoi te lo linko in PM) c'è un'enciclopedia su Riga e simili.

Latvia ed Estonia: mega boom economico anni 2000, nelle capitali tanta ricchezza ma squilibrio fra ricchi e poveri, quasi in stile città brasiliane. Crisi che li ha stangati a botte di PIL -15%, dalla quale si stanno riprendendo, vantaggio a non avere l'euro.

Clima pessimo, ma vi sono le ragazze più belle d'Europa. Ho conosciuto una lettone qui in francia, e mi ha dato l'impressione di essere decisamente più preparata, matura e propositiva sotto tutti i punti di vista...delle nostre italiote.

Collegamenti facili con l'Italia coi low cost.

Tutti parlano inglese, però per integrarti sul serio nel territorio a mio avviso serve conoscere la lingua locale, che per noi italiani è molto difficile da apprendere (ecco perchè io non andrei mai a vivere definitivamente in un Paese come la Germania).

A livello lavorativo credo la burocrazia sia snella, anche se essendo vicini alla Russia e comunque nell'ex zona sovietica, la corruzione presumo sia molto elevata.

Non è tra i miei obiettivi, almeno a breve.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
^X^

Sugli squilibri tra ricchi e poveri bisogna considerare però se è uno squilibrio sui flussi (redditi) o sullo stock (le attività finanziarie e reali). Io preferisco di gran lunga la prima situazione, perchè permette mobilità sociale... mentre la seconda ingessa tutto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
patrizio

Tutti parlano inglese, però per integrarti sul serio nel territorio a mio avviso serve conoscere la lingua locale, che per noi italiani è molto difficile da apprendere (ecco perchè io non andrei mai a vivere definitivamente in un Paese come la Germania).

E' così impossibile imparare il tedesco anche passando 6mesi-1 anno sul luogo ed impegnandosi davvero?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
^X^

E' così impossibile imparare il tedesco anche passando 6mesi-1 anno sul luogo ed impegnandosi davvero?

Dipende moltissimo dall'attitudine personale. Ci sono due difficoltà principali con il tedesco:

1) la grammatica con i casi e la costruzione delle frasi completamente diversa dalle lingue latine (verbi che si spezzano, posizione delle parole a seconda del tipo di frase ecc)

2) il vocabolario completamente diverso dal nostro, al quale aggiungere la difficoltà che non esiste una regola per il genere o il plurale: occorre memorizzare per ogni parola il suo genere e il suo plurale

Ci sono persone come me che trovano facilissimo il punto 1, ma molto ostico il punto 2, per altri è vero il viceversa.

Comunque direi che con 1 anno sul luogo, usando SOLO il tedesco, si puo' arrivare ad un risultato decente.

Il mio consiglio è quello di prevedere con molto anticipo lo studio di tale lingua, e iniziarne le basi molti anni prima: cosi' facendo di sedimentano alcuni concetti che peraltro poi si ritrovano in molte altre lingue (svedese, danese, olandese ecc).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LorenzoVonMatterhorn

Se hai fatto un pò di latino o greco al liceo non dovrebbe essere impossibile, io tedesco l'ho imparato da ragazzino ma il russo mi è stato facilitato dallo studio delle lingue morte...

comunque inizia a studiare prima, magari guarda qualcosa in lingua tedesca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!

Iscriviti a ItalianSeduction

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Lo sai già, ma te lo dobbiamo dire comunque...

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.