Vai al contenuto

L’omologazione e la saturazione


Montparnasse

Messaggi raccomandati

Montparnasse

Il titolo di questo post può sembrare un po’ strano, ma affronta un argomento a mio avviso abbastanza importante: la ricerca di motivazioni sempre nuove nella seduzione. Lo scrivo sulla scorta di alcune riflessioni scaturite in questi giorni e di un momento di grande incertezza del mio percorso “puistico”. È una specie di ragionamento in forma scritta, una pseudo confessione che magari non si confà al tono generale del forum, quindi mi scuso con chi non è interessato a questi concetti e magari vorrebbe solo leggere le tecniche giuste per rimorchiare di più.

Il fatto è che mi rendo conto che si arriva a un punto in cui lo stile di vita del sarging comincia a scontare una certa stanchezza. Poi ci può essere chi va avanti come un treno tutta la vita e non si ferma mai, ma c’è anche chi, come me, ogni tanto si ferma a pensare e si chiede che diavolo succede. E che comincia a provare un po’ di disagio, o noia, per tutto questo.

Devo confessarvi che sono arrivato al punto di non richiamare nemmeno la metà delle ragazze che #chiudo. Negli ultimi due mesi, per esempio, ne avrò #chiuse una dozzina e ne ho richiamate 4 o 5. Perché? Perché l’interesse è scemato subito, sono bastati pochi giorni e, paradossalmente, sono io che “sono uscito dallo stato”. Strano, vero? Qualche tempo fa una mia cara amica è rimasta molto sorpresa quando ha saputo che non avevo chiamato una HB7,5 nostra comune conoscenza, dicendomi “Ma si vede che le piaci tantissimo; cosa aspetti a chiamarla?”. Nei mesi scorsi ho avuto per 3 o 4 volte la possibilità di far partire una LTR, ma ho sempre lasciato perdere. E all’inizio di giugno ho lasciato la mia FB primaverile (una storiella di poco più di un paio di mesi), perché non riusciva più a trasmettermi niente e perché volevo iniziare l’estate da single vero e cercare emozioni diverse, che peraltro non sto riuscendo a trovare.

Ho fatto indubbiamente dei passi avanti, perché il Mont di qualche anno fa sarebbe già impelagato da mesi con la prima delle LTR (conosciuta a ottobre) e avrebbe la rubrica del cellulare tristemente vuota.

Tuttavia si arriva a un momento in cui il processo meccanico di apertura/fluff-talk/rapport+attraction/#close/day2/ecc. diventa, appunto, troppo meccanico e smette di generare quella tensione che secondo me imprescindibile. È uno schema che si ripete ad infinitum, un circuito che troppe volte si autogenera e si autodistrugge prima di poterne assaporare gli aspetti più positivi. Già le donne sono di per sé più simili tra loro di quanto siano diverse, ma nella fattispecie le HB che sargiamo, così come le interazioni che instauriamo con loro, finiscono per assomigliarsi tutte (“le donne sono come i barboncini, sono tutte uguali” diceva Picasso, ed è sicuramente un’affermazione esagerata, ma rende l’idea), si scivola in quella che nel titolo ho chiamato “omologazione” e viene a mancare, in pratica, quel qualcosa in più che ci spinge a cercare di sedurle.

Io, come ho già scritto, non mi vedo come i playboy all’americana (tipo Mystery credo, ma potrei sbagliarmi perché non conosco bene le sue teorie) che impostano la seduzione secondo rigide regole schematiche, che hanno una soluzione per tutto, che seguono il tracciato scritto come fosse una formula, una regola scolpita nella pietra. Per me la seduzione (anche prima che cominciassi a chiamarla così) non è mai stata questo, ma un percorso pieno di dubbi, incertezze e perplessità. Un cammino da percorrere, ma nel quale non sempre si riesce ad andare avanti, e spesso si è costretti a tornare sui propri passi.

Ricordo ancora le palpitazioni, il tremore alle gambe, la salivazione azzerata e il sudore freddo con i quali anni fa tentavo i primi approcci con le ragazze. Ogni volta avevo dentro di me una carica emotiva e una tensione incredibili, che poi chiaramente erano gli elementi che rovinavano del tutto l’approccio, portandolo al fallimento. Ora, dopo molto studio e pratica, sono in grado di attaccare discorso con una HB10 come se lo facessi con il mio miglior amico, e questo è certamente positivo, ma spesso questa scelta non mi dà assolutamente niente e provo nostalgia per le emozioni che mi davano quei primi, titubanti approcci. E ormai se non vado ad approcciare una ragazza non è certo per timidezza, ma casomai per noia o perché proprio non mi viene voglia. Tanto, penso, che avrà questa di diverso dalle altre? Certi giorni ci vogliono proprio situazioni particolari per spingermi all’azione (ultimamente l’ho fatto per aiutare qualche amico un po’ meno intraprendente di me), altrimenti me ne sto tranquillo senza particolari rimpianti.

È ciò che nel titolo ho chiamato “saturazione”, e come se ne esce? Non lo so. Probabilmente sforzandosi di trovare ogni volta qualcosa di diverso e intrigante, spostando in avanti il livello della sfida con noi stessi; nella seduzione, come in tutto il resto, la difficoltà è proprio quella di cercare sempre nuovi stimoli per andare avanti. Probabilmente i neofiti non condivideranno nulla di quello che ho scritto, ma forse qualcuno dei più “esperti” si sarà già trovato in una situazione simile, e qualche consiglio potrebbe darmelo, anzi sarei felice se qualcuno mi desse la sua opinione.

In ogni caso, credo che le imminenti ferie potranno aiutarmi a staccare un po’ la spina da tutto questo, e qualche settimana di vacanza farmi vedere le cose in una prospettiva diversa. Tra qualche giorno smetterò quindi di collegarmi (per un mesetto circa) a un forum che negli ultimi tre mesi ho seguito quasi quotidianamente, che ritengo uno dei migliori in Rete e dal quale ho comunque imparato molto, a cui partecipano persone che ho imparato ad apprezzare, anche se solo virtualmente. Ringrazio tutti voi per aver letto fin qui e auguro fin d’ora buone vacanze a chi ci va e buona estate a chi resta.

E chissà che dalle ferie non torni un Mont nuovo, con stimoli maggiori, e con tante HB che aspettano solo di essere remixate!

Link al commento
Condividi su altri siti

trinciatop

sarà per questo che molti cantanti (che per via del social proof) a forza di avere fchiusure con qualsiasi hb,veline,modelle alla fine per cercare nuovi scopi diventano...diventano...ehm ehm...gay. Stai attento tu :bteeth: .

Scherzo... :)

Secondo me dovresti lasciar perdere l'idea di aprire 50 ragazze al giorno.

Scegline una che ti piace (quella che ti piace di più) e seducila.

Ragazzi secondo me qui molti sbagliano. Ma proprio tanti. Vedono il puing come uno sport. Secondo me invece serve a trovarsi una bella ragazza che ti faccia stare bene. Parliamo chiaro tra una FB e una LTR...mbè la ltr da molte più soddisfazioni..anche sessuali intendiamoci.

Vuoi paragonare l'intimità anale di una fidanzata in un albergo durante un viaggietto di un weekend romantico con una fredda chiusura fatta col preservativo su un sedile di una macchina con una sconosciuta? D

Per non parlare del lato affettivo. Ragazzi io ho fatto il "pua" senza ltr per quattro mesi...ma nonostante tutto mi sentivo solo come un cane quando vedevo i miei amici afc con la loro ragazza e sentivo il bisogno di una ltr.

Poi vabbè ero innamorato della mia oneitis e mi sono ributtato su di lei e per abilità e forse un pizzico di fortuna me la sono ripresa. Ma sennò avrei comunque cominciato a guardarmi intorno per trovare una brava ragazza simpatica e carina con cui stare insieme.

Ci sono tanti modi di viverla una ltr senza diventare zerbini o senza essere afc. Ma senza dubbio da alpha o da beta ognuno di noi ne sente il bisogno (o almeno io ne sono geneticamente predisposto :) )

Insomma la "bella vita" tutto sesso e FB è molto divertente...ma secondo me è come vivere in un albergo come una rockstar. All'inizio è divertente se ci pensi ma dopo poco tempo ti mancano tutte le comodità di una casa vera che sia tutta tua.

Un pua (pick up artist) è solo uno che diventa capace a rimorchiare bene e senza paure varie , ma non vuol dire che è uno che rimorchia qualsiasi cosa respiri a tempo perso. (in quel caso sarebbe uno che non sa in che direzione andare.)

E poi nella mia carriera di rimorchio sfrenato mi sono accorto che più di due game aperti contemporanemente non sono gestibili. Insomma già se hai 3 ragazze in corso d'opera alla fine una delle 3 risulterà irrimediabilmente "trascurata" (a meno che voi non abbiate un cavolo da fare dalla mattina alla sera io per esempio studio e ogni tanto lavoro)

A proposito dello studio. Durante i miei mesi "sfrenati" non ho dato esami e il mio profitto universitario si è bloccato. Insomma puing toglie enormi risorse mentali e dispendio di tempo (e a volte ti regala pure belle incazzature che ti tolgono concentrazione...esattamente come te la toglie il valutare strategie e decisioni da prendere ogni volta).

E poi sapere che c'è qualcuno che per il compleanno ti regala una mutandina firmata fa sempre piacere. Insomma...io il puing penso sia più utile come strumento per scegliere una ltr tra tante ragazze per non fermarsi alla prima che si trova (tipo il discorso delle bancarelle :D ) ma penso che rimorchiare solo e soltanto dalla mattina alla sera senza mai solidificare niente sia una cosa, a mio avviso, per i miei gusti..poco invidiabile.

rigorosamente imto: in my trinciest opinion :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Montparnasse

Ciao Trincia,

ti ringrazio per la lunga risposta, ma sono in disaccordo con quasi tutto quello che hai scritto, e provo a spiegarti il perché.

Secondo me dovresti lasciar perdere l'idea di aprire 50 ragazze al giorno.

Scegline una che ti piace (quella che ti piace di più) e seducila.

Ragazzi secondo me qui molti sbagliano. Ma proprio tanti. Vedono il puing come uno sport. Secondo me invece serve a trovarsi una bella ragazza che ti faccia stare bene. Parliamo chiaro tra una FB e una LTR...mbè la ltr da molte più soddisfazioni..anche sessuali intendiamoci.

A volte è difficile fare delle scelte come queste. Conosci due o tre ragazze, ti piacciono tutte per motivi diversi, come fai a preferire l'una o l'altra? E poi il risultato non è garantito, e allora perché non portare avanti più game insieme?

Il puing non è uno sport, ma non necessariamente serve a trovarsi una bella ragazza (una sola) che ti faccia stare bene. Può valere per te e per altri, ma certamente non per tutti. Ognuno ha esigenze diverse.

E ci sono FB che danno più soddisfazioni (anche sessuali, anzi soprattutto sessuali) delle LTR, fidati.

Vuoi paragonare l'intimità anale di una fidanzata in un albergo durante un viaggietto di un weekend romantico con una fredda chiusura fatta col preservativo su un sedile di una macchina con una sconosciuta?

Qui stai generalizzando, non tutte le avventure finiscono così...

Per non parlare del lato affettivo. Ragazzi io ho fatto il "pua" senza ltr per quattro  mesi...ma nonostante tutto mi sentivo solo come un cane quando vedevo i miei amici afc con la loro ragazza e sentivo il bisogno di una ltr.

Poi vabbè ero innamorato della mia oneitis e mi sono ributtato su di lei e per abilità e forse un pizzico di fortuna me la sono ripresa. Ma sennò avrei  comunque cominciato a guardarmi intorno per trovare una brava ragazza simpatica e carina con cui stare insieme.

Ci sono tanti modi di viverla una ltr senza diventare zerbini o senza essere afc. Ma senza dubbio da alpha o da beta ognuno di noi ne sente il bisogno (o almeno io ne sono geneticamente predisposto  :)  )

Su questo sono proprio in totale disaccordo. Un vero PUA non si sente solo come un cane quando vede le altre coppie, in primo luogo perché ha imparato a stare da solo, e poi perché sa che quella situazione è il risultato di una sua scelta precisa. Quella che emerge dalle tue parole, scusa se te lo dico papale papale, è una mentalità più da AFC che da PUA.

Un pua (pick up artist) è solo uno che diventa capace a rimorchiare bene e senza paure varie , ma non vuol dire che è uno che rimorchia qualsiasi cosa respiri a tempo perso. (in quel caso sarebbe uno che non sa in che direzione andare.)

I miei "rimorchi" sono sempre stati il frutto di scelte deliberate, in vita mia non mi sono mai buttato una sola volta a sargiare qualcuna che non mi piaceva per il solo fatto che "respirasse".

E poi nella mia carriera di rimorchio sfrenato mi sono accorto che più di due game aperti contemporanemente non sono gestibili. Insomma già se hai 3 ragazze in corso d'opera alla fine una delle 3 risulterà irrimediabilmente "trascurata" (a meno che voi non abbiate un cavolo da fare dalla mattina alla sera io per esempio studio e ogni tanto lavoro)

Non è sempre vero... dipende dal tipo di rapporto che hai con le ragazze, da quanto spesos le vedi, dipende da troppi fattori e non è possibile stabilire regole precise.

A proposito dello studio. Durante i miei mesi "sfrenati" non ho dato esami e il mio profitto universitario si è bloccato. Insomma puing toglie enormi risorse mentali e dispendio di tempo (e a volte ti regala pure belle incazzature che ti tolgono concentrazione...esattamente come te la toglie il valutare strategie e decisioni da prendere ogni volta).

Mi sembra un po' esagerato. Io riesco a conciliare tutto abbastanza bene, non ho mai perso troppo tempo e anzi spesso diventa un efficace diversivo alle angustie della vita. Col tempo impari a gestirti e a capire quando è il caso di rallentare, non è mica necessario avere sempre lo stesso ritmo o frequenza.

E poi sapere che c'è qualcuno che per il compleanno ti regala una mutandina firmata fa sempre piacere. Insomma...io il puing penso sia più utile come strumento per scegliere una ltr tra tante ragazze per non fermarsi alla prima che si trova (tipo il discorso delle bancarelle :D ) ma penso che rimorchiare solo e soltanto dalla mattina alla sera senza mai solidificare niente sia una cosa, a mio avviso, per i miei gusti..poco invidiabile.

Evidentemente tu sei fatto per le LTR, altri no, proprio come alcuni sono fatti per il matrimonio e altri no.

Io credo invece che il puing sia soprattutto una ricerca interiore che ti conduce a scoprire qual è il meglio per te: che poi sia una LTR, dieci FB contemporaneamente o altro dipende da persona a persona. Il bello del puing è anche la sua varietà.

Link al commento
Condividi su altri siti

zuzza

Scusate se mi intrometto in questa vostra discussione, ma voglio cercare di dire la mia, anche se forse sono il meno qualificato, dal momento che ancora non ho quasi iniziato a sargiare, tranne qualche scaramuccia, quindi potrei essere il meno qualificato a dire la mia, per lo meno di fronte a due come voi che mi sembra abbbiano invece avuto una certa esperienza nel pu.

Da iniziato (cioè da colui che inizia il nuovo percorso) credo che il pu sia semplicemente uno stile di vita, un atteggiamento nei confronti della vita e delle sue difficoltà.

Mi sembra, e credo che in alcuni post ci siano conferme di quello che dico, che molti dei concetti del pu (alfaness, p&p) si possano applicare anche in altri ambiti della vita.

tuttavia, noi in questo forum cerchiamo di utilizzarli per avere maggiore successo nei rapporti con una categoria di persone che evidentemente ci interessano tantissimo.

Penso (e spero di riuscire ad attuare questo mio pensiero) che per interiorizzzare questi concetti e questi atteggiamenti vincenti proprio della figura del pua, occorra all'inizio sargiare come diavoli scatenati, e cercare di farsi quante più ragazze possibili (i sacrifici bisogna farli per ottenere qualche risultato :D ) anche attraverso le tecniche e gli stratagemmi vari che circolano su is (ai quali io ancora non posso accedere :mad: )

Dopo che ci si è avvicinati alla figura del pua, ogniuno deciderà se vuole trombare ogni sera con una ragazza diversa e sconosciuta, se si vuole fare 3 o 4 fb o una ltr. Questo dipende da ogniuno di noi (che riesce a superare la prima fase :rolleyez: ) o meglio, è una cosa assolutamente individuale, dal momento che credo che nessuno dia all'acronimo p.u.a. lo stesso significato.

Si, il pua conosce l'arte del pick up,ma poi il modo di utilizzarla varia da persona a persona.

Un'ultima cosa per Montparnasse:spero tanto di raggiungere presto anch'io la saturazione, così magari posso darti qualche consiglio concreto ed utile con cognizione di causa, e non vaniloqui campati in aria come quello di cui sopra..

Link al commento
Condividi su altri siti

trinciatop
A volte è difficile fare delle scelte come queste. Conosci due o tre ragazze, ti piacciono tutte per motivi diversi, come fai a preferire l'una o l'altra?  

mbè io sono una persona molto sensibile e le mie emozioni con le persone con cui provo del sentimento riesco a sentirle molto forti. Se devo esser sincero una che preferisci rispetto alle altre esiste sempre. Una certa scala di priorità ci sarà sempre. :D

Ma infatti giustamente come dici tu ci sono le persone che sono portate per il matrimonio e quelle che non lo sono. Io appartengo alla prima categoria e come tale ho interpretato il pickuping come un'arma per sedurre la ragazza giusta al momento giusto. Anche se ovviamente la voglia di avere delle avventure mi viene quando sono single. Ma sinceramente l'immagine che ho nella mia testa del trinciatop quarantenne è un uomo che (sperando) abbia un lavoro una casa, una bella e focosa signora di quarantanni come moglie e una bella bambina. A quella età, non mi immagino certo di andare in giro a fermare le ragazzine davanti ai licei :D Certo ovviamente trovandomi esattamente a metà tra i 20 e i 30 anni è chiaro che se domani mi lascio in vado a trovarmi subito una altra ragazza e sfrutterò le tecniche di puing :D ma lo trovo solo un mezzo che giustifica un fine.

E dicendo questa cosa forse si può capire il mio personalissimo modo di interpretare il pickup e infatti il fatto che tu sia in disaccordo con me, mi pare una cosa naturale.. :) .

L'unica cosa e che mi dispiace che ancora non trovi il tuo equilibrio personale però. Ma forse con la vacanza ti si rinfrescherà la mente e forse tornerà per le strade il vecchio Mont distruttore di tope :)

Link al commento
Condividi su altri siti

Montparnasse
Un'ultima cosa per Montparnasse:spero tanto di raggiungere presto anch'io la saturazione, così magari posso darti qualche consiglio concreto ed utile con cognizione di causa, e non vaniloqui campati in aria come quello di cui sopra..

Tutto quello che hai scritto è giustissimo, non posso che condividerlo. Non è per nulla un vaniloquio campato per aria.

Riguardo alla saturazione, sinceramente non ti auguro di raggiungerla, perché non è affatto una bella situazione in cui trovarsi. Saturazione significa che non riesci più a trovare le motivazioni per fare qualcosa (nella fattispecie il sarging, ma può anche essere altro) e quindi smetti di provare piacere nel farla, perché ogni cosa si livella e non distingui più tra questo e quest'altro.

Vuoi davvero raggiungere una situazione simile? Dubito.

Comunque una crescita ha anche momenti di stasi; spero appunto sia solo un momento.

Link al commento
Condividi su altri siti

Montparnasse
mbè io sono una persona molto sensibile e le mie emozioni con le persone con cui provo del sentimento riesco a sentirle molto forti. Se devo esser sincero una che preferisci rispetto alle altre esiste sempre. Una certa scala di priorità ci sarà sempre. :D

Questa cosa è molto bella. A volte però non è così semplice, purtroppo.

Ti piacciono aspetti diversi di persone diverse. E non sai decidere.

Ma sinceramente l'immagine che ho nella mia testa del trinciatop quarantenne è un uomo che (sperando) abbia un lavoro una casa, una bella e focosa signora di quarantanni come moglie e una bella bambina. A quella età, non mi immagino certo di andare in giro a fermare le ragazzine davanti ai licei :D

Bah, guarda, io ho smesso di figurarmi come potrò essere tra 5, 10 o 20 anni. Vivo il presente alla giornata, ed è già difficile così.

Al momento, io non ce lo vedo un futuro così per me.

Le LTR andate male lasciano segni pesantissimi, te lo assicuro.

Ma chissà... in fondo forse sono anch'io alla ricerca della mia "Lana".

L'unica cosa e che mi dispiace che ancora non trovi il tuo equilibrio personale però. Ma forse con la vacanza ti si rinfrescherà la mente e forse tornerà per le strade il vecchio Mont distruttore di tope :)

Grazie per la comprensione. In effetti quando manca l'equilibrio interiore manca tutto, ma ci sto lavorando.

Link al commento
Condividi su altri siti

-eFFe-
...

Il fatto è che mi rendo conto che si arriva a un punto in cui lo stile di vita del sarging comincia a scontare una certa stanchezza. Poi ci può essere chi va avanti come un treno tutta la vita e non si ferma mai, ma c’è anche chi, come me, ogni tanto si ferma a pensare e si chiede che diavolo succede. E che comincia a provare un po’ di disagio, o noia, per tutto questo.

Devo confessarvi che sono arrivato al punto di non richiamare nemmeno la metà delle ragazze che #chiudo.

Caro Mont (anzi, quasi quasi ti chiamo -Mont-...posso?:D)

ti pare che io non possa intervenire in una discussione così introspettiva? ;)

La risposta è sì: capita anche a me, e per giunta ciclicamente. La stanchezza e mancanza di stimoli si fa sentire ogni tanto senza motivi apparenti...spesso quando proprio si ha il maggior numero di occasioni :rolleyez:

E non a caso metto l'accento sulla quantità, perché ritengo che uno dei punti chiave per uscire dall'empasse sia proprio il privilegiare la qualità alla quantità.

Beninteso, non credo che tu non sia selettivo (anzi, il fatto che non richiami molte HB è selezione pura), solo che probabilmente si è innalzata la tua soglia di coinvolgimento, e ciò che ti bastava prima, ora non basta più.

C'è anche una questione di obiettivi: se mancano o non sono poi così definiti, si finisce in questa situazione incerta.

Ci ho pensato più e più volte, ma alla fine "l'assassino è sempre il maggiordomo": cioè quando ci si sente dubbiosi e demotivati (NB: in presenza di buoni risultati) è proprio per una mancanza di obiettivi adeguatamente motivanti.

All'inizio (in fase AFC), di solito ci si sente demotivati per la mancanza di risultati...ma gli obiettivi ci sono, eccome!

Ora accade il contrario.

Nei mesi scorsi ho avuto per 3 o 4 volte la possibilità di far partire una LTR, ma ho sempre lasciato perdere. E all’inizio di giugno ho lasciato la mia FB primaverile (una storiella di poco più di un paio di mesi), perché non riusciva più a trasmettermi niente e perché volevo iniziare l’estate da single vero e cercare emozioni diverse, che peraltro non sto riuscendo a trovare.

Ho fatto indubbiamente dei passi avanti, perché il Mont di qualche anno fa sarebbe già impelagato da mesi con la prima delle LTR (conosciuta a ottobre) e avrebbe la rubrica del cellulare tristemente vuota.

Nulla da ridire: hai fatto delle scelte "scomode" ma coerenti, e giustamente ti sei posto nella condizione di massima libertà per cogliere quell'occasione che al momento non è ancora arrivata.

Anche questo assomiglia molto ai miei episodi recenti...

Già le donne sono di per sé più simili tra loro di quanto siano diverse, ma nella fattispecie le HB che sargiamo, così come le interazioni che instauriamo con loro, finiscono per assomigliarsi tutte (“le donne sono come i barboncini, sono tutte uguali” diceva Picasso, ed è sicuramente un’affermazione esagerata, ma rende l’idea), si scivola in quella che nel titolo ho chiamato “omologazione” e viene a mancare, in pratica, quel qualcosa in più che ci spinge a cercare di sedurle.

"No caro amico/

non sono d'accordo/

parli da uomo ferito..." (per dirla alla Ferradini:D)

Dissento su questa omologazione, anche se capisco il tuo pensiero e in certa misura l'ho anche sperimentato.

Sei tu a vederle tutte simili, perché demotivato, e/o perché non ti rivolgi ai target adeguati alle tue aspettative.

Ma stanne certo, ci sono tante e tante HB in giro che hanno "quel qualcosa in più" che le distingue, che ti colpisce e fa venire voglia di conquistarle :cool:

Forse devi solo cambiare giro, ambiente, compagnia...

Ricordo ancora le palpitazioni, il tremore alle gambe, la salivazione azzerata e il sudore freddo con i quali anni fa tentavo i primi approcci con le ragazze. Ogni volta avevo dentro di me una carica emotiva e una tensione incredibili, che poi chiaramente erano gli elementi che rovinavano del tutto l’approccio, portandolo al fallimento.

Lo ricordo bene, il tremore...e non lo rimpiango!

Sono ben felice di riuscire a tenerlo più controllato ora.

Ora, dopo molto studio e pratica, sono in grado di attaccare discorso con una HB10 come se lo facessi con il mio miglior amico,  e questo è certamente positivo, ma spesso questa scelta non mi dà assolutamente niente e provo nostalgia per le emozioni che mi davano quei primi, titubanti approcci.

Facile cadere in questo genere di "nostalgie", è come aver perso l'innocenza vero?...ma ancora una volta mi guardo indietro e vedo l'AFC che ero.

Da ciò, finiscono immediatamente i rimpianti e vedo che tutto sommato ho perso qualcosa ma ho guadagnato molto di più.

Pensaci, non è così anche per te? Quanto hai perso e quanto hai trovato?

È ciò che nel titolo ho chiamato “saturazione”, e come se ne esce? Non lo so. Probabilmente sforzandosi di trovare ogni volta qualcosa di diverso e intrigante, spostando in avanti il livello della sfida con noi stessi; nella seduzione, come in tutto il resto, la difficoltà è proprio quella di cercare sempre nuovi stimoli per andare avanti.

No, sforzarti è l'ultima cosa che devi fare...:look:

Semmai dovresti recuperare un naturale gusto ed entusiasmo per ciò che fai, e questo lo recuperi solo se smetti per un po'.

Stop: fermate il mondo voglio scendere un attimo.

[buddhismo in spiccioli]

Respiri, controlli la mente e visualizzi tutti i pensieri negativi che ti nascono automaticamente...li osservi e vedrai che non faranno più male...si dissolveranno come nuvole nel cielo.

Poi ti metti calmo ad osservare la realtà, prendi le distanze dalla tua mente...il mondo interiore non è realtà; ritorna a vivere calato nella realtà.

Nella realtà non c'è dubbio, sofferenza...solo oggettività ed armonia.

Tutto muta e si evolve, ma è interdipendente e legato dall'Amore Universale.

[fine Buddhismo in spiccioli]

In ogni caso, credo che le imminenti ferie potranno aiutarmi a staccare un po’ la spina da tutto questo, e qualche settimana di vacanza farmi vedere le cose in una prospettiva diversa. Tra qualche giorno smetterò quindi di collegarmi

Esatto :clap:

Stacca la spina e rilassati per un po'.

Medita ma non farti prendere dai pensieri negativi...osservali solo nascere e morire spontaneamente...

Agisci solo se motivato.

Quando (dopo un po') ti ritroverai a pensare "vorrei, ma non posso..." oppure semplicemente ti chiederai come fare per ottenere qualcosa... bé complimenti:

sarai tornato un po' AFC:D

E ti servirà un po' di energia per buttarti verso l'opener...ma sai dopo che soddisfazione?;)

Buone vacanze! :cool: :bleah:

Link al commento
Condividi su altri siti

-eFFe-
Secondo me dovresti lasciar perdere l'idea di aprire 50 ragazze al giorno.

Scegline una che ti piace (quella che ti piace di più) e seducila.

Buona idea Trincia, ma presuppone almeno un paio di cose:

1) che Mont incontri una HB che lo motivi profondamente

2) che Mont sia già alla fine del percorso di PUing, stadio in cui ha tutte le carte per sedurre chi vuole, come vuole e quando vuole: potrebbe essere così esperto oppure no...:look:

Cmq farebbe bene a provarci;)

Ragazzi secondo me qui molti sbagliano. Ma proprio tanti. Vedono il puing come uno sport. Secondo me invece serve a trovarsi una bella ragazza che ti faccia stare bene.

E allora perché tutto 'sto sbattimento?

Tanto vale restare AFC, che si fa meno fatica...:zott:

Ma la dura verità è questa: il PUing non sarà uno sport, ma se non ti alleni...col cavolo che poi ottieni risultati!

Vallo a dire agli artisti...se le loro opere sono frutto solo di "genio e sregolatezza", oppure anche di anni e anni di studio e faticosa pratica...:zott:

Aprire 50 HB al giorno (per un certo periodo) serve.

Parliamo chiaro tra una FB e una LTR...mbè la ltr da molte più soddisfazioni..anche sessuali intendiamoci.

Dipende dalla FB e dalla LTR....o da tutte e due insieme:rotfl:

Vuoi paragonare l'intimità anale di una fidanzata in un albergo durante un viaggietto di un weekend romantico con una fredda chiusura fatta col preservativo su un sedile di una macchina con una sconosciuta?

perché, la FB è una sconosciuta? :look:

Ma vuoi paragonare la noiosa routine di una LTR che vuol fare solo le solite cose, all'eccitante novità di una notte di sesso con una "pantera da materasso"?:D

(il controesempio è volutamente provocatorio)

Per non parlare del lato affettivo.

Io voglio bene a tutte le mie ex (LTR e FB).:smack:

Ragazzi io ho fatto il "pua" senza ltr per quattro  mesi...ma nonostante tutto mi sentivo solo come un cane quando vedevo i miei amici afc con la loro ragazza e sentivo il bisogno di una ltr.

Succede.

Ma succede anche di trovarsi fidanzato e insoddisfatto, oppure di avere un'opportunità incredibile con una splendida HB, e di dover rinunciare per fedeltà :look:

Questione di scelte: una volta fatte se ne accettano le conseguenze...

Poi vabbè ero innamorato della mia oneitis e mi sono ributtato su di lei e per abilità e forse un pizzico di fortuna me la sono ripresa.

Hai fatto la scelta giusta e sono lieto che ti sia andata bene:)

Un pua (pick up artist) è solo uno che diventa capace a rimorchiare bene e senza paure varie , ma non vuol dire che è uno che rimorchia qualsiasi cosa respiri a tempo perso. (in quel caso sarebbe uno che non sa in che direzione andare.)

Per superare le proprie paure bisogna esplorare i propri limiti e situazioni inedite.

Solo allora potrai dire "io arrivo fin lì e oltre non vado".

IMFO (In My -F- Opinion :))

Link al commento
Condividi su altri siti

JokerB

Ti risponderò con una chicca dei miei archivi segreti leggilo attentamente ed esplodi i concetti

:)

Ciao Guys,  

vorrei condividere con il NG delle mie riflessioni che forse possono  

esservi d'aiuto. Fatemi sapere cosa ne pensate.  

-- L'ATTACCO DEI ROBOT SOCIALI --  

Così tante persone (troppe) sottostanno *inconsciamente* a regole e  

modelli sociali, spesso senza rendersi conto che esiste un _altra strada_.  

Così tante persone sono ROBOT SOCIALI.  

Manifestazioni di questo tipo di programmazione sociale avvengono in  

modo evidente nelle discoteche o locali notturni, punti di raduno dove  

si possono notare interessanti pattern comportamentali delle "mandrie"  

di uomini che, come dice un mio amico, sembrano usciti dallo stesso  

*stampino*:  

tutte le settimane ripetono le stesse serate, ripetono gli stessi  

discorsi e ottengono gli stessi risultati (negativi) con le solite donne  

senza chiedersi i perchè e i percome.  

Da non molto vedo la realtà da questo punto di vista, devo ammettere che  

anch'io ero un ROBOT SOCIALE, ma fortunatamente ho scoperto questo mondo  

e ho avuto il mio _moment of clarity_.  

Televisione, radio, e altri mass-media insieme a tradizioni e culture  

spesso ci portano a diventare ROBOT SOCIALI, ci portano a pensare che  

"fotomodello" è bello, mentre "tutto-il-resto" è brutto o che se NON hai  

i soldi di Bill Gates ti puoi solo sognare la modella o che ci dobbiamo  

_accontentare_ della tipa che ci sceglie e altre cazzate del genere.  

Cos'è un PUA?  

Un PUA è una persona che si muove contro corrente, è al disopra delle  

regole e dei modelli che intrappolano così tanta gente.  

Un PUA può scegliere di sedurre o può scegliere di amare. Può segliere  

la fotomodella o la vicina, l'attrice o la cassiera.  

Un PUA ha il potere della SCELTA!  

Un PUA NON è ROBOT SOCIALE.  

-- LA STRADA DEL PUA --  

La strada per diventare PUA NON è facile. È una strada in salita e  

difficile da seguire.  

Per come la vedo io l'arte del Pick-Up è molto simile al bodybuilding.  

Molti bodybuilder sono partiti da un "punto di rottura", magari  

guardandosi allo specchio un giorno e stufi del loro aspetto si sono  

fatti la promessa di cambiare per sempre e da quel giorno hanno deciso  

di seguire religiosamente una strada, che pur essendo in salita li ha  

portati ad ottenere risultati sempre migliori, li ha trasformati  

radicalmente ed ha cambiato completamente il loro corpo e la loro  

prospettiva di vita.  

Anche un PUA parte da un "punto di rottura", un momento nella sua vita  

in cui la voglia e il desiderio di cambiare è talmente forte da riuscire  

ad abbattere tutti gli attriti che lo hanno sempre tenuto inchiodato  

nella sua _comfort zone_ nel battaglione di ROBOT SOCIALI.  

Da quel giorno il PUA comincia a percorrere la strada studiando  

tecniche/teorie e accumulando insuccessi su insuccessi.  

Non è facile cambiare radicalmente da un giorno con l'altro, ma come  

insegna Thomas Edison: un insuccesso non è nient'altro che un passo in  

più in direzione del successo.  

Poi, come un fulmine a ciel sereno, arriva il primo successo, la prima  

vittoria personale. Le cose cominciano a cambiare, la strada diventa più  

divertente da percorrere, la motivazione cresce e la fiducia in se sale  

alle stelle.  

La metamorfosi ha inizio e giorno dopo giorno le esperienze si  

accumulano ed una nuova persona nasce dalle ceneri di quello che prima  

era nient'altro che un ROBOT SOCIALE.  

-- COME DIVENTARE UN PUA --  

Penso che idealmente non ci sia un punto d'arrivo. Mi piace pensare che  

durante la mia vita non smetterò mai di imparare, in tutti gli ambiti e  

soprattutto nell'arte del Pick-Up.  

NON credo esista "la strada" più breve (o corretta) per raggiungere lo  

status di PUA. Di strade ce ne sono innumerevoli, basta guardare il mare  

di metodi esistenti nella comunità PU d'oltreoceano. Penso che il metodo  

più adatto ad una persona dipenda dalla sua personalità, dal suo  

contesto sociale e dalle sue esperienze.  

Quello su cui sono certo invece è che una persona NON può cambiare  

stando seduta su una sedia _fantasticando_ di diventare un PUA o  

cercando in qualche modo la scorciatoia più veloce. Ognuno di noi è  

unico e con un bagaglio di esperienze differenti e quindi ognuno di noi  

parte da un punto diverso sulla strada per diventare un PUA, chi più  

avanti e chi più indietro.  

Tornando al paragone con il bodybuilding, la metodologia di PU che un  

PUA sceglie dei seguire è un po' come lo stile di allenamento di un  

bodybuilder. Chi pratica saprà che ci sono migliaia di filosofie e  

tecniche di allenamento/nutrizione a volte anche in contraddizione tra  

di loro, ma questo non vuol dire che una sia corretta piuttosto che un  

altra, vuol solo dire che persone diverse rispondono a stimoli diversi.  

Il consiglio più valido che mi sento di darvi è: "Siate studenti e non  

seguaci". Lo studente studia oggettivamente più fonti e poi ne trae le  

SUE conclusioni, il seguace non è nient'altro che un ROBOT SOCIALE che  

non è in grado di processare autonomamente gli input.  

Un "in bocca al lupo" a tutti gli aspiranti PUA e un "non smettete mai  

di imparare" a tutti i PUA.  

Sarge ON!  

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×
×
  • Crea Nuovo...