Vai al contenuto

Femminismo e necessità di attivarsi


zerozero
 Condividi

Messaggi raccomandati

zerozero

Da un po' di tempo seguo pagine "femministe" su facebook e mi sto appassionando un po' al dibattito.

Da quel che ho potuto vedere le femministe sono generalmente un gruppo di misandriche che covano odio verso il genere maschile.

Queste misandriche vengono alimentate da una certa propaganda dei media basata su menzogne ciclopiche.

Un esempio su tutti: "La prima causa di morte per le donne è la mano dell'uomo".

Ritengo che nella nostra società attualmente si sia raggiunto un buon livello di uguaglianza. Ma la situazione sembra stia peggiorando rapidamente a svantaggio di noi uomini purtroppo.

Le prime leggi sessiste iniziano a saltare fuori:

-quote rosa

-affidamento di beni e figli in caso di separazione. (non è una legge, ma per prassi vengono assegnati alla donna)

-leggi e proposte di legge sul femminicidio (cambio di pena a seconda del sesso di vittima e carnefice)

Se poi consideriamo che gli uomini per gli stessi reati subiscono pene il 40% superiori a quelle delle donne (in America) capiamo che qui c'è qualcosa che non quadra.

Nonostante non sia nella nostra indole essere vittimisti forse è il caso di iniziare a farlo... La sofferenza degli uomini vittima di separazioni è una sofferenza reale (vedi anche suicidio di Robin Williams)

Forse è ora di iniziare ad organizzarsi e cercare di fermare questa deriva.

Il rischio è quello di fare la fine della Svezia... provate ad informarvi, fa venire i brividi. Pensate che stanno prendendo in considerazione l'idea di mettere una tassa su ogni figlio nato maschio, tanto per dirne una.

Tra l'altro è nato anche un gruppo che si chiama "Women against feminism", Inequivocabile segno che le donne intelligenti si stanno accorgendo di quello che sta succedendo. Forse sarebbe il caso che anche noi uomini ci attivassimo per contrastare questa pericolosa deriva.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

finché ci saranno sessi opposti, ci sarà qualcuno pronto a cavalcar l'onda dell'odio.... e visto che l'odio tira più dell'amore, vedrai sempre masse pronte a seguire..

per me, o s'impara a cavalcar le ondate per andar verso i propri obiettivi o ci si crea quel giusto strato d'indifferenza che di fronte alle solite cazzate ti fa schiacciare il tasto "nascondi notifiche" e bona.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

SamO

Premetto che io non sono femminista.

Se proprio vogliam dirla tutta, io non sono neanche per l'uguaglianza dei sessi, ma per l'equilibrio. Banalmente, io, con i miei 54kg, non riuscirei a fare un lavoro pesante come, ad esempio, il muratore, e, viceversa, pochissimi uomini hanno il "senso di maternità" necessario per accudire dei bambini piccoli. Sono esempi stupidi, ma rendono l'idea.

A mio parere, questo movimento non è poi così preoccupante.

Il maschilismo rimane fortemente radicato in moltissimi ambiti (a.e. chirurgia).

Le leggi che sembrerebbero tendere al femminismo, a mio parere, andrebbero interpretate come leggi a favore dei bimbi.

Infatti, generalmente, è la mamma la principale responsabile del loro benessere. Nella famiglia media, la mamma lavora part time o non lavora, mentre il padre lavora 8 ore al giorno. È quindi la mamma che vede i bambini per la maggior parte della giornata, è la mamma che "è sempre la mamma".

I padri hanno un ruolo fondamentale nella crescita di un figlio, ma agisce su altri punti, a livello di educazione soprattutto.

Mio fratello ha 10 anni meno di me. Quando è nato, io sapevo esattamente come tenerlo in braccio, mentre mio papà le prime volte lo teneva come un sacco di patate. Le prime notti, quando si svegliava, mi svegliavo io assieme a lui e a mia madre, mentre mio padre dormiva.

Le femmine hanno insito, antropologicamente, come si fa la mamma. Non hanno bisogno di impararlo, è naturale.

Pertanto, io Stato, che voglio agire nell'interesse dei piccoli, agirò nell'interesse della madre, perché è la principale garante del loro benessere.

Non sono stata molto chiara e chiedo scusa, non riesco a esprimermi meglio di così. Ovviamente, sono disponibile a chiarimenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Anonimo.92

Il problema è molto profondo.

E riguarda sia il maschilismo che il femminismo.

Nel momento in cui esistono questi due gruppi separati, è perché l'uno vuole prevalere sull'altro, mai per raggiungere la reale uguaglianza.

La cosa diventa molto grave, nel momento in cui queste correnti hanno delle influenze pratiche nella legislazione, che dovrebbe essere uguale per tutti.

Purtroppo le nostre leggi non vengono fatte spesso in nome del buon senso, ma della propaganda. Altro esempio è quello del ministro "Kyenge". Una persona totalmente inetta ed incompetente verso il ruolo che le è stato dato. ma quel ruolo infatti le è stato dato per una precisa scelta politica: "fare il primo ministro nero, e se uno dice che è incompetente, lo accusiamo sul lato razzismo che oggi è (giustamente) molto criticato".

E' la stessa logica di quello che va di moda chiamare "femminicidio".

Prima lo rendi esecrabile ed avulso da un "normale?" omicidio, come avesse una valenza peggiore, grazie alle tv e ai giornali, dopo di che fai una legge apposita per contrastarlo e riscuotere successo.

Ovviamente ci sono anche tante altre cause, la maggior parte io non le so.

Mi ricordo che la mia professoressa di matematica un giorno fece un discorso alla classe dicendo più o meno alle ragazze di tirare fuori le palle, non farsi sottomettere, e che non hanno bisogno degli uomini.

Questa mia professoressa chiaramente aveva avuto un matrimonio fallimentare e provava un odio profondo verso il genere maschile.

Mia zia quando veniva a cena a casa, di tanto in tanto faceva delle sparate secondo cui ci sarebbero presunti studi che dimostrano la superiorità della intelligenza del genere femminile sopra quello maschile.

Insomma tutte queste piccole cose ci bombardano la testa da quando siamo piccoli, e la cosa gravissima, è che siamo ormai abituati e non le vediamo più.

Andrea.

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

intanto, il principio di uguaglianza tutela proprio le differenze.

altra cosa: non considero maschilismo e femminismo assimilabili.

uno è culturale, l'altro ideologico: mia nonna era più maschilista di mio nonno.

la situazione degli affidi è figlia anzitutto di una giurisprudenza obsoleta e servizi sociali deleteri.

lo stato non agisce perchè vuole, ma perchè deve. male perlopiù.

i discorsi da tavola fanno parte del normale folklore.

personalmente, non vedo nessuna necessità di attivarsi: le donne sanno essere le peggior nemiche di se stesse.

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

zerozero

Come dice Anonimo esistono maschi misogni e femmine misandriche.

Ma mentre i primi vengono (giustamente) perculati e non presi sul serio le seconde stanno iniziando ad influire sulla giurisprudenza.

La tv e l'informazione continua a strizzar loro l'occhio e ad alimentarle con dati falsi, propaganda ecc alimentandone l'odio.

Secondo me bisogna fare qualcosa. Non si può finire come la Svezia.

Guardate questi folli

Link al commento
Condividi su altri siti

Non si può finire come la Svezia.

tassare i maschi, dici? perchè no.

in fondo, siamo beni di lusso.

ah, pensare che le quote rosa siano a favore delle donne è profondamente sbagliato.

parere mio.

Link al commento
Condividi su altri siti

Secondo me bisogna fare qualcosa.

se hai intenzione di andar i piazza a spiegare con un ragionamento logico come e perché apportare cambiamenti, voglio esserci :)

e porterò un'auto veloce con vetri antiproiettile e gomme antitaglio...... servirà.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

zerozero

Le leggi che sembrerebbero tendere al femminismo, a mio parere, andrebbero interpretate come leggi a favore dei bimbi.
Infatti, generalmente, è la mamma la principale responsabile del loro benessere. Nella famiglia media, la mamma lavora part time o non lavora, mentre il padre lavora 8 ore al giorno. È quindi la mamma che vede i bambini per la maggior parte della giornata, è la mamma che "è sempre la mamma".
I padri hanno un ruolo fondamentale nella crescita di un figlio, ma agisce su altri punti, a livello di educazione soprattutto.

Mio fratello ha 10 anni meno di me. Quando è nato, io sapevo esattamente come tenerlo in braccio, mentre mio papà le prime volte lo teneva come un sacco di patate. Le prime notti, quando si svegliava, mi svegliavo io assieme a lui e a mia madre, mentre mio padre dormiva.
Le femmine hanno insito, antropologicamente, come si fa la mamma. Non hanno bisogno di impararlo, è naturale.
Pertanto, io Stato, che voglio agire nell'interesse dei piccoli, agirò nell'interesse della madre, perché è la principale garante del loro benessere.

Ok ti sei concentrata su un solo punto di tutto il discorso, quello dell'affido dei figli. Rimango in attesa anche di sapere la tua idea su quote rosa, leggi sul femminicidio ecc

Per quanto riguarda l'affido concordo con te, le leggi hanno come obiettivo principale quello di tutelare i bambini. Le donne sono sicuramente più portate e quindi ci si può aspettare che vengano affidati loro più spesso, ma lo squilibrio è comunque troppo.

In ogni caso il problema principale è che il coniuge deve garantire lo stesso status di prima alla moglie, quindi pagare alimenti ben sopra il necessario per crescere i figli. Inoltre deve anche cedere la casa, in pratica viene cacciato fuori.

Questo getta sul lastrico parecchi uomini

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

zerozero

tassare i maschi, dici? perchè no.

in fondo, siamo beni di lusso.

ah, pensare che le quote rosa siano a favore delle donne è profondamente sbagliato.

parere mio.

Certamente non sono a favore dei maschi capaci che vengono sorpassati da donne solo perchè hanno un pene in mezzo alle gambe.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...