Vai al contenuto

Reazione a risposte aggressive e/o sgarbate


Massimo12
 Condividi

Messaggi raccomandati

Massimo12

Mi rendo sempre più conto di un aspetto che mi fa riflettere in fase di approccio: quando ricevo risposte sgarbate e/o aggressive dalla ragazza di turno magari condite con insulti o torpiloquio, faccio fatica a lasciar passare il tutto come se niente fosse.

Mi monta una rabbia che se dovessi seguire la mia prima reazione le mollerei un ceffone e la farei tornare a casa sua a calci in culo. Poi fortunatamente faccio un respiro profondo, saluto e me ne vado.

Ovviamente, la risposta più scontata in queste situazioni è sorriso e passa oltre: perchè dovresti perdere tempo con una che non ti vuole e ti tratta a pesci in faccia?

Punto 1. Perchè è figa e questo per un maschio è condizione necessaria e sufficiente per volerla vedere a 90.

Punto 2. Perchè mi infastidisce il suo tipo di reazione strafottente e voglio vederla a 90 anche psicologicamente.

Qualcuno è già passato da questa situazione? Quali sono state le strategie di reazione più efficaci che avete adottato?

Link al commento
Condividi su altri siti

No Name

A me non succede perchè in automatico penso che se una persona ti insulta senza che tu abbia detto poco o nulla, che valore può avere?

Link al commento
Condividi su altri siti

Anonimo.92

Il problema sta a monte caro Massimo12.

La reazione di tirarle uno schiaffo è più che normale e lecita.

Bugiardo chi ti dice che il vero uomo deve passare oltre bla bla... sono cazzate perbeniste.

Purtroppo nella nostra società, ricca di femminismo imperante, dove l'uomo è la causa di tutti i mali e la donna la povera vittima, ci troviamo ora nella condizione in cui praticamente dobbiamo sottostare a tutto ciò che dicono le donne.

Dobbiamo rispettare ma non possiamo pretendere alcun rispetto.

Dobbiamo subire ma non possiamo farci valere.

La figura del maschio è continuamente svilita.

Ditemi non è forse così?

Io sinceramente sono esasperato.

C'è da dire che, ed anche su questo non ho dubbi, quando una donna attacca a priori, vuol dire che c'è qualcosa che non va IN LEI.

Cosa ci può essere di male in te che sei andato lì con le migliori intenzioni?

Per cui ti direi di non preoccuparti troppo. Se gli insulti sono davvero pesanti reagisci verbalmente alla pari, altrimenti, come si suol dire... guarda e passa.

In caso di violenza fisica (ceffoni, pugni)... sarò contro corrente, ma io uno schiaffone da girarle la testa glie lo tiro.

Mi ricordo che qualche tempo fa in discoteca, stavo serenamente ballando sul cubo, dove c'era anche una ragazza, che ad un tratto, dal nulla, mi dice "ma sei gay?".

Io lì per lì mi sono sentito offeso, anche perchè come si permette?, e le ho detto di andarsene affanculo.

Mi ha spinto giù dal cubo col rischio di spezzarmi un osso della testa. E alle mie proteste verbali sono addirittura venuti una decina di ragazzi che misteriosamente senza sapere nemmeno cosa fosse successo, volevano picchiare me! Per fortuna ero in compagnia di un energumeno alto due metri :)))

Ti sembra possibile?

Andrea.

  • Mi piace! 5
Link al commento
Condividi su altri siti

Fossifigo

Mi hai incuriosito. Ci puoi fare qualche esempio che ti è successo?

Link al commento
Condividi su altri siti

Massimo12

Mi hai incuriosito. Ci puoi fare qualche esempio che ti è successo?

Ti faccio due esempi: uno di approccio "diretto" e uno "indiretto".

Il primo. Stazione. Aspetto il treno e approccio una ragazza carina mentre sta fumando una sigaretta: "Ciao! Ti ho vista da lontano e mi sarei preso a sberle se non fossi venuto a conoscerti". Lei: "E tu chi cazzo sei?" e se ne va.

Il secondo. Davanti a una vetrina di abbigliamento. Set da 2. Apro la più carina con una cosa del tipo: "Ciao! Devo fare un regalo a una mia amica e mi piace un sacco la tua sciarpa: l'hai presa qui?". Lei: "Non sono cazzi tuoi!" e se ne vanno entrambe.

WTF????

Link al commento
Condividi su altri siti

Massimo12

Il problema sta a monte caro Massimo12.

La reazione di tirarle uno schiaffo è più che normale e lecita.

Bugiardo chi ti dice che il vero uomo deve passare oltre bla bla... sono cazzate perbeniste.

Purtroppo nella nostra società, ricca di femminismo imperante, dove l'uomo è la causa di tutti i mali e la donna la povera vittima, ci troviamo ora nella condizione in cui praticamente dobbiamo sottostare a tutto ciò che dicono le donne.

Dobbiamo rispettare ma non possiamo pretendere alcun rispetto.

Dobbiamo subire ma non possiamo farci valere.

La figura del maschio è continuamente svilita.

Ditemi non è forse così?

Io sinceramente sono esasperato.

C'è da dire che, ed anche su questo non ho dubbi, quando una donna attacca a priori, vuol dire che c'è qualcosa che non va IN LEI.

Cosa ci può essere di male in te che sei andato lì con le migliori intenzioni?

Per cui ti direi di non preoccuparti troppo. Se gli insulti sono davvero pesanti reagisci verbalmente alla pari, altrimenti, come si suol dire... guarda e passa.

In caso di violenza fisica (ceffoni, pugni)... sarò contro corrente, ma io uno schiaffone da girarle la testa glie lo tiro.

Mi ricordo che qualche tempo fa in discoteca, stavo serenamente ballando sul cubo, dove c'era anche una ragazza, che ad un tratto, dal nulla, mi dice "ma sei gay?".

Io lì per lì mi sono sentito offeso, anche perchè come si permette?, e le ho detto di andarsene affanculo.

Mi ha spinto giù dal cubo col rischio di spezzarmi un osso della testa. E alle mie proteste verbali sono addirittura venuti una decina di ragazzi che misteriosamente senza sapere nemmeno cosa fosse successo, volevano picchiare me! Per fortuna ero in compagnia di un energumeno alto due metri :)))

Ti sembra possibile?

Andrea.

Caro Andrea, la tua analisi è condivisibilissima. Soprattutto nell'Italia del 2014, non potrei essere più d'accordo.

Però se è questo il posto in cui vivo, devo trovare un modo di adattarmi e visto che non posso cambiare l'ambiente e nemmeno le italiane, l'unica cosa su cui posso intervenire è me stesso. I miei pensieri, i miei atteggiamenti, le mie azioni-reazioni. Il che ovviamente non significa giustificare quello che fanno queste tizie.

Vuol dire cercare un modo per poter vivere meglio io, pur continuando ad approcciare fighe. Al momento purtroppo l'unico atteggiamento che ho trovato utile è stato girare i tacchi e andarmene incazzato, ma magari qualcuno qui sul forum ci è già passato e ha trovato una soluzione migliore. Per questo motivo ho condiviso la mia riflessione, così magari qualcuno può condividere la sua soluzione: io posso imparare qualcosa e altri utenti pure :)

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Fossifigo

Ti faccio due esempi: uno di approccio "diretto" e uno "indiretto".

Il primo. Stazione. Aspetto il treno e approccio una ragazza carina mentre sta fumando una sigaretta: "Ciao! Ti ho vista da lontano e mi sarei preso a sberle se non fossi venuto a conoscerti". Lei: "E tu chi cazzo sei?" e se ne va.

Il secondo. Davanti a una vetrina di abbigliamento. Set da 2. Apro la più carina con una cosa del tipo: "Ciao! Devo fare un regalo a una mia amica e mi piace un sacco la tua sciarpa: l'hai presa qui?". Lei: "Non sono cazzi tuoi!" e se ne vanno entrambe.

WTF????

Minchia! Sono state stronzissime. Magari ti sei posto in maniera aggressiva con il tono e il linguaggio del corpo?

Link al commento
Condividi su altri siti

Lubricure
A me non succede perchè in automatico penso che se una persona ti insulta senza che tu abbia detto poco o nulla, che valore può avere?

Infatti di solito scoppio a ridere, ma in fondo la cosa mi da fastidio perchè l'analisi della situazione che fa Andrea è decisamente corretta, la figura maschile non è rispettata.

Dopo le risate, se ho poco tempo, mando a fanculo di ritorno, e me ne vado. Se ho voglia di divertirmi un secondo, cerco di lavorare sui sensi di colpa, riprovazione sociale, insomma, ma di certo non accetto insulti così a gratis.

Il rispetto si da e si riceve, non è una cosa a senso unico.

C'è da dire che, ed anche su questo non ho dubbi, quando una donna attacca a priori, vuol dire che c'è qualcosa che non va IN LEI.

Concordo in pieno, ed a giudicare dalla quantità di reazioni esagerate che mi tocca vedere, mi pare che ci sia stata pure un'escalation negli anni.

Link al commento
Condividi su altri siti

Bad-boy

Il problema sta a monte caro Massimo12.

La reazione di tirarle uno schiaffo è più che normale e lecita.

Bugiardo chi ti dice che il vero uomo deve passare oltre bla bla... sono cazzate perbeniste.

Purtroppo nella nostra società, ricca di femminismo imperante, dove l'uomo è la causa di tutti i mali e la donna la povera vittima, ci troviamo ora nella condizione in cui praticamente dobbiamo sottostare a tutto ciò che dicono le donne.

Dobbiamo rispettare ma non possiamo pretendere alcun rispetto.

Dobbiamo subire ma non possiamo farci valere.

La figura del maschio è continuamente svilita.

Ditemi non è forse così?

Io sinceramente sono esasperato.

C'è da dire che, ed anche su questo non ho dubbi, quando una donna attacca a priori, vuol dire che c'è qualcosa che non va IN LEI.

Cosa ci può essere di male in te che sei andato lì con le migliori intenzioni?

Per cui ti direi di non preoccuparti troppo. Se gli insulti sono davvero pesanti reagisci verbalmente alla pari, altrimenti, come si suol dire... guarda e passa.

In caso di violenza fisica (ceffoni, pugni)... sarò contro corrente, ma io uno schiaffone da girarle la testa glie lo tiro.

Mi ricordo che qualche tempo fa in discoteca, stavo serenamente ballando sul cubo, dove c'era anche una ragazza, che ad un tratto, dal nulla, mi dice "ma sei gay?".

Io lì per lì mi sono sentito offeso, anche perchè come si permette?, e le ho detto di andarsene affanculo.

Mi ha spinto giù dal cubo col rischio di spezzarmi un osso della testa. E alle mie proteste verbali sono addirittura venuti una decina di ragazzi che misteriosamente senza sapere nemmeno cosa fosse successo, volevano picchiare me! Per fortuna ero in compagnia di un energumeno alto due metri :)))

Ti sembra possibile?

Andrea.

sul serio, in quale mondo vivete???

la realtà del maschio dove vivo io è ben diversa, per fortuna qui al sud ancora ci facciamo rispettare dalle nostre "mogli" !!!!

sinceramente viviamo in un mondo di maschilismo, altro che femminismo...

un uomo non subisce e si fa valere contro tutto e tutti, maschi e femmine.

non ditemi che la realtà è diversa.

sentire dire questo di gente che segue un forum di seduzione è deludente

con tutto rispetto andrea.

non vederla come un attacco personale,

la figura del maschio può essere svilita, quella dell'UOMO no

Link al commento
Condividi su altri siti

Bad-boy

Ti faccio due esempi: uno di approccio "diretto" e uno "indiretto".

Il primo. Stazione. Aspetto il treno e approccio una ragazza carina mentre sta fumando una sigaretta: "Ciao! Ti ho vista da lontano e mi sarei preso a sberle se non fossi venuto a conoscerti". Lei: "E tu chi cazzo sei?" e se ne va.

Il secondo. Davanti a una vetrina di abbigliamento. Set da 2. Apro la più carina con una cosa del tipo: "Ciao! Devo fare un regalo a una mia amica e mi piace un sacco la tua sciarpa: l'hai presa qui?". Lei: "Non sono cazzi tuoi!" e se ne vanno entrambe.

WTF????

questo succede perche sargiate non per divertirvi e ma per andare dalla hb di turno e ripetere quelle 4 cose che avete letto qui sul forum!!!

il sarge deve essere una cosa divertente,

se tu prendi la reazione/risposta di una ragazza in modo serio, allora suppongo che vivi anche il sarge in modo serio, e finche sarà cosi t continuerai sempre a stare male e sentirti mancato di rispetto ogni volta.

se invece tu vai li per divertirti, e appena lei ti risponderà in modo sgarbato, tu riderai di gusto...

e molto probabilmente ti verranno frasi simpatiche-pungenti da dirle, e forse lei potrebbe decidere di continuare a parlarti e dopo qualche altro test (altre frasi sgarbate) potrebbe abbassare il suo scudo!!!!

trattate queste ragazze come trattereste la vostra sorellina quando fa qualcosa,

non come un avversario da demolire e addirittura montarle un sberla!!! (e poi non viviamo in un mondo maschilista?)

a me era successo che un sera, 3 ragazze erano quasi arrivate al punto di strapparmi la camicia perchè avevo mandato a fanculo una di loro... alla loro reazione ridevo di gusto con le mani in testa, anche in presenza di 4 ragazzi/amog che esortavo di farsi sotto perchè io non tocco le ragazze

me ne fotto, io sono alfa e non mi tocca niente, sono sempre autocontrollato e calmo,

al massimo le avrei spinte

ragazzi, siamo uomini, non maschi .... ricordatevelo

  • Mi piace! 1
  • Grazie! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...