Vai al contenuto

La sto perdendo.


Jonathan_F
 Condividi

Messaggi raccomandati

Jonathan_F

Salve a tutti ragazzi. Conosco questo forum da circa due anni e grazie a voi ho superato tante situazioni difficili (l'ultimo post due anni fa). Da quando sono uscito da una vecchia one-itis, ho conosciuto una ragazza col quale sto insieme da quasi due anni. Entrambi 26 anni. Abitiamo a circa 100km di distanza, ma ciò non è stato mai un problema visto e considerato che ci vediamo ogni weekend, o io vado da lei o lei da me. Diverse volte si passa anche qualche settimana assieme in casa dell'altro (viviamo coi genitori ma abbiamo case grandi).

La storia è capitata un po' per caso e non pensavo arrivasse a durare così a lungo. Inizialmente lei non mi piaceva, ero abbastanza disinteressato, e facevamo sesso spendidamente tante volte, sia a casa sua che fuori. Era ciò che mi serviva in quel periodo. Viaggiamo, ci divertiamo, insomma ci sto bene assieme a lei. Lei sempre affettuosa, mi cerca, mi vuole, mi porta dei pensierini affettuosi. Mi dice ti amo (non le rispondo), e vuole sempre star con me. Io rimango sempre freddo e distaccato poiché non provo nessun sentimento se non quello di affetto. Le voglio bene ma non la amo. Riesco a controllarla, a gestirla, e la relazione funziona splendidamente perché lei mi da sicurezza, affetto, dolcezza. Tutte cose che cercavo in una ragazza e che mi han permesso di finire quasi l'università (sono fuori corso di un anno). Più volte penso non sia quella giusta, penso di mollarla. Dopo un anno e l'ultimo viaggio ero quasi consapevole di questa decisione, decisione che poi rinvierò di qualche mese perché alla fine mi piace stare con lei, mi piacciono le sue attenzioni, e perché dopotutto mi dà quella sicurezza che mi serve.

Al ché, lascio andare ad inerzia la relazione per mesi: abitudine, poco sesso (da parte mia, lei ha sempre voglia), svogliatezza. Fino a quando arriva la nostra prima crisi un mese fa. Io alle prese con un esame, salto due weekend da lei. Al ridosso di Natale (via sms) mi dice che vuole prendere la classica pausa di riflessione, che si è rotto qualcosa, che vuole stare con me ma deve riparare i pezzi. Mi rinfaccia situazioni assurde: il non essere stato presente nei momenti difficili quando è morto un suo amico, rinfacciandomi che mentre lei era al funerale io ero a pensare ai giocattoli per uomini viziati, il non aver portato dei cioccolatini a suo madre nel giorno del suo compleanno dopo avermelo ricordato più volte, a non farle mai i complimenti o apprezzare quello che fa (ed in effetti sono cose che ho fatto, ma mi sento in colpa solo nel caso del funerale). Io la prendo malissimo, le dico che allora la storia finisce qui. Non ci sentiamo per due giorni, non la cerco, sto malissimo, e magicamente ritorna scrivendomi che le manco, che vuole continuare con me. Io le dico no, che non ho voglia di star con lei, che si è comportata male ma lascio intravedere ancora uno spazio. Lei dice ci pensarci, col cuore in mano perché vuole stare con me. Non mi faccio sentire per qualche giorno, flirto con altre, faccio il disinteressato. Dopo qualche giorno la cerco dicendole che le devo parlare, che la devo vedere. Fissiamo un appuntamento il giorno stesso a casa sua. Dopo di che incomincio, stupidamente, con i messaggi sdolcinati: mi sei mancata, dobbiamo chiarire etc.. Lo stesso pomeriggio ci vediamo. Quella che cambia è leI. Io ammetto i miei errori, ma le dico anche che ho capito di voler star con lei, che mi piace etc. Lei tentenna, deve riflettere, sembra ritornare su suoi passi. Ci vuole ripensare dopo un viaggio imminente. Io non mi perdo d'animo e le dico che voglio dormire a casa sua. Saliamo, e noto comunque un certo distacco, anche se ogni tanto ci diamo dei baci. Ma sono sempre io a darglieli, non lei (che se ne stà per i fatti suoi). Arrivano i genitori e li vedo anch'essi distaccati. Cerco di imbastire discorsi, parliamo di cazzate, ma parliamo. Poi torniamo a letto (nel senso di riposare) mentre lei prepara la valigia. AL ché io rimango per cavoli miei, fissando il cielo dalla finestra. Lei se ne sta per cavoli suoi. Ad un certo punto le dico che ha ragione, che non ha senso continuare. Faccio il gesto di prendere lo zaino per andarmene. Lei mi afferra la mano e mi abbraccia, mi rassicura, e per una decina di minuti rimaniamo abbracciati assieme alle lacrime di entrambi, in cui io apro il mio cuore confessandole quello che non le avevo mai detto. Lei cambia, ridiventa affettuosa come prima. Ci vediamo un film assieme abbracciati e torniamo a dormire. Purtroppo aveva il ciclo e non l'abbiamo potuto fare. Al mattino lei parte per una città europea, io ritorno a casa. Si ritorna a comporta affettuosamente come prima, baciandomi. Via sms, all'aeroporto mi scrive che è contenta di aver chiarito, che è brutto come si è comportata, che le sono mancato etc..

Mentre sta in questa città, i primi due giorni sembrano ritornare normali. Due giorni fa e ieri ri-noto un certo distacco. Lei che mi scrive la radiocronaca di quel che fa, io che le rispondo che mi mancava (errore!). Lei non risponde al messaggio ma cambia discorso con una cazzata che non centrava nulla. Io faccio per prendermela. Idem ieri quando le chiedo di vederci il giorno successivo in cui ritorna. Non risponde e continua egocentricamente a farmi la radiocronaca di quel che fa in questa città. Io le rispondo con ok distaccati, come se non me ne fregasse nulla. Vado a dormire scrivendole un freddo Notte e lei mi risponde affettuosamente. La notte non dormo, ci sto male perché non mi ha dato le attenzioni che volevo ricevere, come sempre me le ha date. Voglio mandarla a cagare dicendole che è una fottuta egocentrica che pensa solo al suo fottuto viaggio. Continuo a girarmi nel letto leggendo qualche post di questo forum. Capisco che se il giorno dopo le scrivo incazzato non risolverei nulla. Rifletto. Mi calmo. Possibile che son passato dal menefreghista di un anno prima, al bisognoso di oggi? Arriviamo ad oggi. La saluto come niente fosse, le chiedo quando torna e le dico che domani vado su da lei perché così porto dei pensieri che avevo per i suoi. Che mi deve dare risposta poiché in settimana ho degli impegni all'università. Lei inizialmente dice che ci possiamo vedere settimana prossima visto che ho degli impegni ma io insisto e le dico che vengo due giorni. Lei non obietta.

Ora non so come mi dovrò comportare. Non mi sono masturbato per due settimane ed ora ho il fuoco negli occhi per quanto abbia voglia di farmi una scopata. Non lo facciamo da fine Novembre. Un'eternità. Non ho voglia di sorbirmi le sue cazzate di viaggio, voglio solo vederla e scoparmela.

Cosa devo fare ragazzi? So che lei, anche se non me l'ha detto, mi sta rimettendo alla prova.Non voglio fare cazzate.

Riassumendo:

- Passo da disinteressato a bisognoso nel momento in cui lei vuole la pausa di riflessione. Prima la volevo mollare poi riscopro che ho bisogno di lei. Dal disinteressarsi ai suoi sms, al controllare perché non mi risponde subito o perché non mi scrive più carinerie, come ha sempre fatto.

- Negli ultimi mesi mi sono impigrito e non avevo voglia di fare sesso, rifiutandola diverse volte o facendolo svogliatamente.

- Ammetto le mie colpe a lei. Alcune volte in effetti quando aveva bisogno di me in momenti delicati, io le sbattevo in faccia le mie superficialità da uomo viziato.

- Ora ho bisogno di tranquillità, almeno per i prossimi 3-4 mesi, fino a quando non mi laureo. Questa instabilità e ricerca di sicurezza in lei mi fa stare solo male.

Grazie a chi mi aiuterà.

Modificato da Jonathan_F
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

nader28

mi è piaciuto il tuo racconto anche se sembri molto triste ed un po giù di morale, tanto per incominciare direi che non hai una forza mentale e psicologica

sufficiente a controllare le tue emozioni e quindi di controllare le emozioni della tua donna.

se passi da disinteressato a bisognoso significa che lei ha fatto un grande gioco ed riuscita a cambiare le carte in tavola con il classico tira e molla che loro

lo sanno usare eccome...non ti devi mai sentire in colpa per le cavolate che ti ha raccontato anche se erano vere hai fatto una scelta bene allora te la porti fino in

fondo questo per me è stato un errore colossale, questo era un suo desiderio si è vero ma ricordati che le donne non si innamorino degli uomini che esaudiscono

i loro desideri, inutili dirti quanto i tuoi atteggiamenti dolci e teneri fuori luogo ti abbiano potere nella coppia e di conseguenza attrazione ai suoi occhi.

il mio consiglio è non avere paura di perderla, non continuare ad assecondare i suoi capricci, riprenditi lucidità e coraggio e se deve continuare a giocarci la mandi

a quel paese una volta per tutte e vaffanculo la scopata te la farai con qualcun altra ma non abbassare la testa per lei, questa soddisfazione non le devi dare mai

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Jonathan_F
Inviato (modificato)

Hai ragione. Non mi ha mai detto ti lascio o cosa, ma mi ha fatto capire di essermi impigrito, di aver perso la mascolinità che avevo. Ed in effetti è così, negli ultimi mesi non avevo quasi mai voglia e spesso l'ho rifiutata. Ma ero sempre sicuro che lei fosse là, al suo posto ad aspettarmi.

Ora vorrei capire un po' come comportarmi con lei. Cosa fare nel caso non volesse farlo, cosa fare nel caso la vedessi fredda. So che sono test, e non li vorrei sbagliare.

Non ero interessato quando mi scriveva che aveva appena preso il treno o fosse arrivata. Oggi che non mi ha scritto di aver preso l'aereo di ritorno mi ha fatto un male cane. Mi fa pensare che non sono più tra i suoi primi pensieri, come lo sono sempre stato.

Modificato da Jonathan_F
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

nader28

se lei avessi fatto una cosa del genere all'inizio della relazione quando tu avevi il totale controllo come minimo le avresti mandato un msg anche scritto

con un tono scherzoso "ma ti sei dimenticato di avvisare il tuo principe a che ora partiva l'aereo?" (anche se dubito che lei avessi avuto solo il coraggio di fare

una cosa del genere) beh ovviamente adesso tu non sei nella situazione di "poter permettere un msg cosi" e questo un segnale d'allarme per farti capire come

ti sei ridotto con lei. adesso lei si sente superiore a te e questo il grande problema semplicemente perchè il fatto che lei abbia potere le fa sentire a disagio con te

e se la vuoi tutta non la porta a desiderarti.

devi tornare quel leone feroce con lo sguardo sprezzante che le faceva emozionare...quindi come hai scritto tu la stai veramente perdendo ma la puoi recuperare

se riprendi lucidità se riesci a stare tranquillo e a controllare le tue emozioni, fregatene delle cavolate che racconta fregatene pure del fatto se sia fredda o affettuosa con te in poche parole non le deve

far percepire l'idea che il tuo umore dipende dalle sue stronzate, tu stai bene comunque a precindere, ci siamo capiti insomma no? non è facile lo so ma non

mostrarti turbato e l'unico modo per iniziare a recuperare il potere perso, perchè lei continuerà con il suo gioco finchè non ti mette ko e dopo la ritroverai tra le braccia di un altro se non riprendi lucidità e coraggio

dipende da te

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Jonathan_F
Inviato (modificato)

Ecco. Sono distrutto. Appena ritornata ha inventato una stupida scusa per non vedersi, dicendo che aveva una cena cui si era dimenticata.

Mi ha sempre portato a cena con lei, indipendentemente se le persone le conoscevo. Era palese la scusa. Non mi è restato altro che mollarla, inutile stare con una persona che preferisce una stupida cena a te.

Modificato da Jonathan_F
Link al commento
Condividi su altri siti

nader28

non te la prendere con lei piusttosto chiediti perchè lei è arrivata al punto di preferire una stupida cena a te...

ci sei cascato amico mio nella sua trappola che la chiama franco (non so se hai avuto modo di leggere il suo manuale) processo di betaising

se la molli ti sentirai molto male semplicemente perchè stai prendendo una decisione contro il tuo desiderio è un po' come rinchiudersi in una camera

ed ingoiare le chiave

Link al commento
Condividi su altri siti

nader28

non so tutti i dettagli della vostra storia anche perchè difficile portare qua punto a punto tutte le vostre giornate ma una cosa mi è saltata all'occhio perchè ci sono

passato anch'io e perchè e un classico delle donne quando iniziano ad avvisare i primi segni di debolezze, lanciano l'attacco feroce ovvero i sensi di colpa

quelle storia del funerale, dei cioccolatini alla mamma ed altre cose sono il punto cruciale dove tu hai iniziato a perdere il controllo, lei ti ha accusato e tu un po' per

paura un po' per conquistare la sua approvazione hai ammesso il tuo errore e hai cercato di correre ai ripari e di porre un rimedio all'errore commesso e di

conseguenza ti ha messo nella condizione di recuperare al tuo errore, non se mi segui ma questo tuo cercare di recupero al tuo errore diventando piu dolce

e tenere ti ha fatto perdere molto potere e di conseguenza si è sentita molto meno attratta da te...

invece quello che dovevi fare e farla passare l'idea che sono scelte tue e sei libero di fare quello che vuoi certo entro certi limiti ma io ti posso assicurare che

ho saltato anche il compleanno della mia ragazza e sai quale era il suo msg "grazie amore del tuo regalo ma ti avrei voluto con me"

penso tu io salto il suo compleanno per una scusa più o meno credibile e lei non se la prende...se controlli la sua testa tu la puoi anche ferire ma lei rimarra

attratta e un processo contorto lo so ma la nostra mente funziona cosi...

adesso tu devi cercare di essere tranquillo, sereno non per niente turbato delle sue cavolate non cercare spiegazioni da lei e non cercare di forzare le cose

ci devi riuscire se la vuoi recuperare

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Jonathan_F

Ora come ora l'ho mollata. Per cui il massimo che posso fare è freeze e sparire. Se mi vuole tornerà, altrimenti non ero così importante.

Link al commento
Condividi su altri siti

Jonathan_F

Tra l'altro dopo che le ho scritto che la storia per me era finita, non ha nemmeno risposto. Nulla. Zero. Dopo due anni nemmeno una c**** di risposta.

Eppure fino a pochi giorni fa, prima che partisse, le cose sembravano essere ritornate sulla retta via. E' vero che inizialmente ha tentennato, dicendo che doveva riflette, pensare, ma poi si è sciolta e ha pianto con me baciandomi.

Chi le capisce.

Modificato da Jonathan_F
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...