Vai al contenuto

Ancora più confuso.


Pinkman
 Condividi

Messaggi raccomandati

Pinkman

Avevo aperto tempo fa un thread, sulla mia scelta universitaria che non mi convinceva e che mi occupava così tanto da non lasciarmi il tempo di fare nient'altro. Il destino vuole che sono stato chiamato per un lavoro a tempo determinato, 4 mesi, buona paga e buono per il curriculum. Accettare questo lavoro significherà rinunciare definitivamente a questo corso di laurea, ed è quello che farò. Però vorrei comunque continuare a studiare. In qualcosa che non mi richieda la frequenza per 11 mesi l'anno come sto facendo ora, e che mi consenta ANCHE di avere una vita normale come qualsiasi studente universitario, e magari anche di fare qualche lavoretto per mantenermi durante l'università, dato che ODIO chiedere i soldi ai miei.

Io semplicemente non accetto (e non riesco ad accettare) di finire dietro una scrivania a fare lo schiavo 9-17. Il lavoro non è tutto, ma è qualcosa che occuperà buona parte della mia vita e voglio che sia qualcosa che mi stimoli, qualcosa che mi interessi. Il mio sogno sarebbe avere un lavoro che mi lasci il tempo di viaggiare, o un lavoro dove il viaggio è parte integrante del lavoro stesso.
Il vero problema è che non lo so neanche io cosa voglio fare, e mi sembra di pretendere troppo a volte. Sono circondato da persone che non fanno altro che ripetermi che trovare un lavoro (qualsiasi) a tempo indeterminato sia la svolta della vita, a prescindere se questo sia un lavoro appagante o meno. Beh io non riesco proprio a capire questo ragionamento.
Ho quasi 21 anni e sono quindi già in ritardo, ma voglio ricominciare daccapo per costruirmi un futuro sereno.

Chiedo consiglio a voi, so' che sapete anche essere cattivelli ma non mi interessa, basta che siate sinceri. Stavo anche pensando di rivolgermi ad una figura che mi possa aiutare a mettere ordine nella mia testa, magari uno psicologo, non so'.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Immobilità pensosa

Siamo in situazioni praticamente identiche, e la penso esattamente come te sul lavoro. E' una situazione davvero infelice, siamo come pesci fuor d' acqua. Non so che dirti amico, t' appoggio telepaticamente. L' importante è non rimanere fermi a far nulla ma provare e provare (non so, provare a lavorare negli stand nei supermercati, cosa che ho fatto, per rendersi conto che senza una laurea e senza avere una mente brillante non si può far nulla di stimolante e che consenta di vivere decentemente), più vie.

Magari potresti darti alla preparazione di blue sky! Ahahah just kiddin', ti auguro di trovare la tua strada comunque.

Link al commento
Condividi su altri siti

ciub

non sei in ritardo, pensa se avessi completato un corso di laurea di cui non te ne frega nulla; allora si che avresti perso tempo!

consultare uno psicologo non è una cattiva idea, è un modo di parlare con una persona ( e con un professionista) e di avere un confronto scevro da condizionamenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 settimane dopo...
RayDonovan

Sullo stare dietro una scrivania 9-17 sono, di principio, d'accordo con te. Anche a me sembrava un incubo.

Tuttavia è vero anche che la maggior parte dei lavori 'migliori' (rapporto fatica/stipendio) presuppongono lo stare seduti davanti a un pc. Non so se hai mai provato per lunghi periodi a fare dei lavori manuali ma ti assicuro che lavorare col fisico per 40 anni ti distrugge.

Per questo, il modo che ho trovato io di farmi andar bene un lavoro sedentario, è quello di dare molto valore al tuo tempo libero.

Se grazie a quel lavoro hai abbastanza soldi, conoscenze, fiducia in te stesso per fare nel tempo libero ciò che ti piace e ti fa stare bene, cambierai anche la visione del tuo lavoro, perchè capirai che è grazie a quel lavoro se ti puoi permettere tutto questo e, di conseguenza, sarai portato a dare il meglio.

Quindi il mio consiglio è: approfitta del primo stipendio per toglierti delle voglie, organizza una festa, paga una cena agli amici, fai un viaggio, quello che vuoi. Nel momento in cui lo fai, però, realizza che è grazie al lavoro se ti sei potuto permettere quello che stai facendo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...