Vai al contenuto

qualcosa che ho imparato dall'ultima ltr...


obif
 Condividi

Messaggi raccomandati

obif

Stasera, prima di rincasare, mi son ritrovato a fare qualche sana e sincera chiacchiera con pochi ma buoni amici, quelli di sempre insomma! Gira e rigira, si è finito a parlar di donne e su come gestirle nell'ltr, ovviamente ho dato il mio contributo, essendone uscito da alcuni mesi e ve lo riporto, un pò come sfogo un pò perchè penso un giorno, qualcuno leggendo, potrà trarne beneficio.

All'inizio, dopo la rottura, ero talmente convinto delle mie ragioni, sugli argomenti di discussione tra me e lei negli ultimi mesi nell'ltr, che ero sicuro di non aver tratto nessun insegnamento da quella storia, per me lei si era rivelata alla fine per quello che era, un immatura, e che avevo solo da guadagnarci a non starci più insieme ( questa rimane cosa vera probabilmente, in quanto pensiero largamente e convintamente diffuso tra tutti quelli che ci conoscono bene e sono in tanti, avendola portata nel mio cerchio di amicizie, qualcuna delle quali per sua fortuna è rimasta).

Pur avendo ragione,oggettivamente, sulla quasi totalità degli argomenti di discussione, non mi rendevo conto di quanti sbagli stavo facendo negli ultimi tempi, da UOMO.

Il primo fra tutti, a mio modo di vedere, era letteralmente il mio AMMOSCIAMENTO.. si, mi ero ammosciato, iniziaii ad annoiarmi, e questo è stata la causa di tutto.

Il mio frame era questo "so che voglio lei, ho scelto lei, so che posso avere un futuro, una famiglia dei fili etc con lei, porterò sempre avanti questa mia scelta".. vengo da genitori separati, la cosa non mi ha mai destabilizzato, anzi forse reso più forte, ma voglio per i miei figli il meglio, o quantomeno una famiglia migliore di quella che ho avuto io.

Questo frame, purtroppo, mi ha rovinato.. perchè mi sono adagiato troppo su questa convinzione, con la consapevolezza che anche lei sarebbe rimasta a vita in questo stesso frame, ma così non è stato. E questo l'ho capito tardi, troppo tardi, quando ormai non c'èra più niente da fare.

Sono tanti davvero i campanelli d'allarme che non ho saputo riconoscere, la fine si avvicinava ma io non me ne accorgevo..tanto ormai ero catapultato nel futuro, e non davo la giusta attenzione al presente; ve ne elencherò qualcuno.

Circa 6 mesi prima della fine, salta fuori la sua prima crisi interiore, probabilmente la stessa durata fino alla fine, anche se espressa in modo differente, in cui prova a lasciarmi ( 2 giorni dura la cosa, niente di più ) in cui lei mi inizia a parlare di mancanze di attenzioni , d'affetto, da parte mia.. che non ero più come prima.. si sentiva trascurata... beh ragazzi, era vero, questo è forse l'unica cosa su cui, ancora oggi, non mi sento di darle torto.. io mi ero adagiato, annoiato, non la coltivavo più come prima, mi limitavo ad accontentarla, insomma facevo il minimo..tanto si scopava lo stesso (scusate il maschilismo e la superficialità, ma è così) e il sesso, almeno questo, è sempre stato fantastico per entrambi.

In quest'occasione, vista anche la sua esperienza indiretta di parenti separati/divorziati e soprattutto infelici, la paura di fare la stessa fine..questione sulla quale ho sempre cercato di rassicurarla, ero il primo a non voler fare quella fine, il messaggio che indirettamente facevo passare era: tranquilla, non ti lascerò mai, ho fatto la mia scelta e quella scelta sei tu".

Così ho cercato di darle quelle attenzioni in più che mi chiedeva, ma in realtà stava accadendo un altra cosa.. iniziavo a inzerbinarmi, senza rendermene conto. Da me in generale ha sempre avuto tanto, tantissimo.. pochi altri avrebbero fatto quello che ho fatto io per lei, ma lei ad un certo punto ha iniziato a volere di più.

Ha iniziato a pretendere, nel tempo, che cambiassi... che modificassi alcuni miei atteggiamenti, ed anche se fondamentalmente non c'è mai riuscita perchè di fondo io sono alpha, e non cambio specie se mi sento forzato... l'effetto risultante è stato comunque quello di portare potere contrattuale nelle sue mani, perchè ho cercato di assecondarla, per quanto possibile in questa sua cosa... al posto di impormi in stile "bella, io questo sono, prendere o lasciare".

Nel tempo in vari atteggiamenti ( ed ora li riconosco in quelli che per me oggi sono chiari shit test ) ha iniziato a pretendere l'impossibile o quasi, ed in parte qualcosa ha avuto ma - qui altro mio grande errore - lasciavo correre.. non davo le giuste "punizioni" quando sbagliava... aveva di fronte me, una persona stufa, senza più forze per combattere quotidianamente in discussioni futili risolvibili in 2 minuti, portate avanti per 2 ore.. così nel tempo iniziaii a diventare passivo di fronte a certi atteggiamenti.. sbagliatissimo, ma solo ora me ne rendo conto!

Anche alcune mancanze di rispetto iniziaii a tollerare, come - cosa che odio in generale - permetterle di alzare troppo la voce in discussioni... lei mi diceva "è carattere, lo sai benissimo che nella mia famiglia abbiamo questo tono di voce, è naturale".. ed ecco quindi che cose di questo genere iniziavo a permettergliele.. e sapete perchè?

Ero in un altro frame sbagliato... sbagliatissimo... "lei è fatta cosi', se ho scelto lei, devo abituarmi anche ai suoi difetti" ma cosi' facendo... pensando "è fatta cosi', chi me lo fa fare di incazzarmi" perdevo sempre più potere contrattuale e lei si permetteva agi che prima del mio "impigrimento" non gli avrei mai permesso.

Questo è vero.. ne rimango convinto, bisogna accettare i difetti della persona che vuoi accanto se vuoi starci insieme per la vita.. ma io ho permesso a quei difetti, a quelle sue teorie, quelle sue incazzature, quelle sue mancanze di rispetto di rovinare il nostro rapporto...e la colpa è mia, soltanto mia!

OK, magari con un pizzico di maturità in più da parte sua ( anche gli amici/amiche son convinti di questo, difatti tutti hanno ammesso sinceramente che io avevo solo da guadagnarci e lei solo da perdere, dalla fine di questa storia... e scusate se scrivo anche questo tipo di pensieri, ma son quelle cose che - in quei momenti - ti aiutano tanto, specie quando riconosci esser dette con sincerità ) tutto sarebbe potuto andare diversamente, ma nulla toglie ... e mai nulla toglierà il mio sbagliare da uomo, nel senso di non essere stato abbastanza alpha per tutto il tempo, mi sono pian piano lasciato inzerbinare, fallendo tutti quegli strani e nuovi shit test che mi si presentavano nell'ultimo periodo.

Tutto mi stava scivolando tra le mani ma non me ne stavo rendendo conto.

Ricordo bene che in quel periodo scoprii che non era stata del tutto sincera con me su una questione affrontanta più volte, negò più volte la verità finche non glie la sbattetti in faccia.Fu davvero brutto per me. Avevo creato un rapporto, fin da subito basato su sincerità, fiducia, rispetto. E' stata la prima, spero l'unica, bugia che mi disse, sebbene riconobbi fu detta a fin di bene, non la mandai proprio giù. Anche in quest'occasione fui troppo tenero. Ora direi, con termini da IS, che il freeze spontaneoo di 1 giorno fu troppo poco, considerando quanto ci ero rimasto deluso. Per me era un errore grave, gravissimo il suo, sapeva che avrei potuto anche lasciarla per aver scoperto la sua non totale sincerità.. ma dopo un giorno riuscii a metterci, apparentemente, una pietra sopra e perdonarla.. sebbene qualcosa dentro di me cambio', rimasi molto deluso da quell'accadimento, e forse in parte lo sono ancora.

Sempre negli ultimi mesi, provò a lasciarmi altre due volte in seguito.. distacchi di un paio di giorni sempre, niente di più.. una volta tornò lei ( grazie anche ad amiche comune che hanno sempre dato le ragioni a me sulle varie discussioni e che la spinsero a ragionare sul fatto che magari fosse lei a sbagliare.. ) un altra io, per dimostrarle che non importa chi chiama per primo.. "siamo una coppia, ogni cosa è risolvibile se affrontata in due"... questo è sempre stato il mio frame, che ho sempre cercato di trasmetterle.. e a volte, negli anni, nelle discussioni finite male, ho richiamato io mostrando quest'atteggiamento di maturità, ma mi rendo conto che è stato uno sbaglio averlo fatto magari più volte del necessario.

All'ultima discussione del ca**o, lei pur avendo torto, ma torto marcio ( e l'ha riconosciuto poi, pensante un po, anche parlandone agli amici ) sbrocca e dice di lasciarmi... ed una brevissima telefonata il giorno dopo fa capire anche a me stesso.. che io non ho più voglia di star appresso ad una così.. non ne avevo davvero più voglia, non ne valeva più la pena..tagliando corto, nessuno dei due, nei mesi a seguire è mai tornato su i suoi passi, per la serie è stato bello finchè è durato.

Io,grazie al cielo, ne sono da un mesetto o due completamente uscito, ergo.. me ne frego di chi a volte viene da me e mi dice che probabilmente lei ci sta ancora sotto.

A dover di cronaca: lei bravissima ragazza con poca esperienza alle spalle, io il suo primo fidanzamento serio, sesso per la prima volta con me, il suo primo grande amore va, diciamola pure tranquillamente cosi. Se qualcuno ha pensato ci fosse un terzo in comodo in tutta questa storia, beh vi posso garantire 100% che non c'è mai stato nessun altro..nessun cojoclone spuntanto dal nulla e anche ora a distanza di più di 5 mesi, lei non si vede o sente con nessuno, ne è un ulteriore prova.

Perchè ho voluto condividere un pizzico della mia esperienza qui? Perchè serva da lezione a me.. che rimanga impresso nella mia mente a fin di bene, per il mio futuro.. e magari d'aiuto ad altri che leggeranno.

Io ho raggiunto questa conclusione...per mia fortuna, dopo mesi...

...sono stato un fidanzato quasi impeccabile, a modo mio ho sempre cercato di farla felice e di non farle mancare nulla... in poche parole ho sinceramente e spassionatamente amato quella donna.. ma nel tempo, verso la fine, giorno dopo giorno, la perdevo senza rendermene conto... perchè mi ero talmente adagiato sulle mie convinzioni, sulle mie sicurezze, su i miei sogni, che avevo dimenticato la cosa più importante... che quella persona li al mio fianco era pur sempre una donna, e come tale andava trattata, nel bene o nel male.

Mi ero illuso che saremmo rimasti insieme, nel bene o nel male...

...grazie a Dio, oggi sono capace di parlarne con serenità d'animo e riuscire a trarne degli insegnamenti: è stata un esperienza che mi ha reso migliore, lo sento e ne son felice... ed in questo preciso istante che scrivo mi verrebbe quasi quasi di andare a dire grazie anche a lei ma.... se non fosse andata cosi', ora probabilmente non conoscerei IS e non sarei qui a scrivere..e conseguentemente ora non riuscirei neanche a vedere quel mega, gigante, stratosferico N E X T - che gli ho allegramente tatuato in faccia - ogni volta che la vedo, ed ecco allora perchè il mio grazie ve lo beccate voi !!!

Con affetto,

obif

Modificato da obif
Link al commento
Condividi su altri siti

Marcord

Uno sfogo, più che un racconto ... e anche un po' confuso ...

Link al commento
Condividi su altri siti

obif

Uno sfogo, più che un racconto ... e anche un po' confuso ...

beh, l'ho buttato giu che era un ora tarda, vedrò di sistemarlo appena posso.. sembra anche uno sfogo perchè ho cercato di trasmettere emozioni, in modo da rendere il racconto piu avvincente :p

Link al commento
Condividi su altri siti

Marcord

Sì, solo che ci sono molte tue impressioni/riflessioni, ma pochi fatti ...

Per cui noi dei vari contrasti/discussioni/problemi capiamo poco ...

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...