Vai al contenuto

Come sedurre nell'EST Europa


spotted
 Condividi

Messaggi raccomandati

spotted

Cari ragazzi,

sono qui ad aprire questo thread per expat come me che si trovano all'estero per lavoro. Addirittura tempo fa lessi un thread su un noto forum di expat che parlava della depressione che alle volte incombe sull'expat.

Speriamo che dopo questo thread nessuno sia più depresso (che poi la depressione è sempre fondamentalmente per due cose: mancanza di figa, mancanza di soldi). :D

Detto questo riassumo brevemente le puntate precedenti.

HB 7,5 di 28 anni, fidanzata con un over 40 da 1 mese e mezzo, probabilmente il collante del loro amore è la banconota.

Balliamo in discoteca senza il suo ragazzo, lei inizia a prendere l'iniziativa e a cercare il contatto in occasioni successive e contesti diversi, ma allo stesso tempo mi dà diverse buche di fila e alla fine la mando a quel paese.

Tralascio altri esempi che allungherebbero il brodo senza una reale necessità, tutte queste qui alla fine hanno una cosa in comune:

PROBLEMI IN FAMIGLIA: genitori divorziati o alcolizzati oppure, ancora, il padre ha commesso su di loro degli abusi sessuali o psicologici.

E' probabile che anche la 28enne cerchi l'uomo più grande per via del rapporto con il padre a parte la banconota (visto che anche in questo caso i suoi genitori sono divorizati).

Quale categorie di donne, con una certa probabilità, genera questo tipo di situazioni? Le psycho.

Anche parlando con le mie colleghe ne e' venuto fuori un quadro agghiacciante per cui praticamente, anche secondo loro, quasi tutte ricadono in quelle problematiche.

Quindi, il seduttore nell'Est Europa (parlo nello specifico in Romania) ha 3 possibiltà:

1) capire come attrarre una psycho e starci insieme senza farsi travolgere;

2) diventare alcolizzato, iniziare a picchiare le donne e a trattarle come degli esseri inferiori (come molte sono abituate, cosa che so da discorsi con le mie colleghe);

3) andare in campagna a recuperare una che non vede l'ora di andarsene da lì per andare a vivere in città.

Da premettere che storie del genere mi sono capitate anche in Olanda, dove una ragazza di circa 30 anni aveva la mamma che le aveva lasciato una cicatrice sulla pancia perché l'aveva bruciata non mi ricordo con cosa intenzionalmente. Questa a sua volta era diventata una mezza alcolizzata e cocainomane (in questo caso parliamo di una famiglia ricca)...

Spero che questo thread susciti l'interesse dei seduttori con esperienza, non trattandosi a questo punto di sfiga mia o solo di mia inesperienza, ma di un problema più esteso.

Saluti e buon weekend,

spotted

Modificato da spotted
Link al commento
Condividi su altri siti

spotted
Inviato (modificato)

Ho notato che con queste qui basta anche un messaggio del genere: "come va?", per scatenare reazioni negative... già si sentono messe sul piedistallo tipo...

Ieri mi ha aggiunto una strafiga su FB che ho conosciuto in disco 3 mesi fa (ha il fratello che sembra Big Gym e il ragazzo è un amico del fratello), le ho scritto "Come stai?" e magicamente dopo 2 ore mi ha cancellato e bloccato su FB. :D

La cosa bella è che in disco fu proprio lei ad avvicinarsi e a presentarsi (pensava fossi Spagnolo).

Quindi, questa cosa come va interpretata? Queste qui hanno anche il FB sotto sorveglianza dei loro ragazzi che le trattano tipo oggetti (in certi casi sono le donne a lavorare e gli uomini non fanno niente). Mi ha lanciato un amo per farmi sapere dove lavora?

Modificato da spotted
Link al commento
Condividi su altri siti

Paolo1986

c'è poco da intepretare, si tratta di due stronze piene di ego che si divertono a vedere gli uomini che si fanno avanti per pomparsi l'ego e sentirsi fantasmagoriche, per poi dare il palo per sentirsi superiori. Lascia stare queste tipe

Link al commento
Condividi su altri siti

bull72

c'è poco da intepretare, si tratta di due stronze piene di ego che si divertono a vedere gli uomini che si fanno avanti per pomparsi l'ego e sentirsi fantasmagoriche, per poi dare il palo per sentirsi superiori. Lascia stare queste tipe

quoto,,,

Comunque le donne dell'est le puoi conquistare in un solo modo...con il denaro.Sono materialiste in extremis.Ma c'è da stare anche molto attenti.Non hanno molti scrupoli

Link al commento
Condividi su altri siti

comeback

Non sarei cosi' categorico, evitiamo di fissare le etichette.

Una donna dell'Est (i Paesi sono tanti, anche con rapporti non proprio teneri) che ha fatto l'università, che conosce le lingue, che lavora o e proiettata a farlo, è da considerarsi come tutte le altre. La maggior parte di noi sono stati fregati da italiane, questo non lo dimentichiamo.

Io credo che l'approccio italiano-medio, sia condannabile e tiri fuori il peggio di loro. Ormai parecchi paesi dell'Est sono dentro l'UE quindi va verificato solo il loro status patrimoniale, o almeno valutati quegli aspetti (sono però discorsi che hanno a cuore anche molte italiane).

Io provo vergogna per quello che molti italiani, sono andate a fare nei loro paesi, facendo leva sui soldi per ottenere donne che non avrebbero beccato in Italia neanche vivendo 500 anni.

Modificato da comeback
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Massimo12

Quindi, il seduttore nell'Est Europa (parlo nello specifico in Romania) ha 3 possibiltà:

1) capire come attrarre una psycho e starci insieme senza farsi travolgere;

2) diventare alcolizzato, iniziare a picchiare le donne e a trattarle come degli esseri inferiori (come molte sono abituate, cosa che so da discorsi con le mie colleghe);

3) andare in campagna a recuperare una che non vede l'ora di andarsene da lì per andare a vivere in città.

Da premettere che storie del genere mi sono capitate anche in Olanda, dove una ragazza di circa 30 anni aveva la mamma che le aveva lasciato una cicatrice sulla pancia perché l'aveva bruciata non mi ricordo con cosa intenzionalmente. Questa a sua volta era diventata una mezza alcolizzata e cocainomane (in questo caso parliamo di una famiglia ricca)...

Mi trovo in un paese dell'Est Europeo da diversi mesi e secondo me gli italiani a queste latitudine sono vittime di errori nella percezione dei rapporti uomo-donna. Questo tipo di relazioni seguono infatti delle norme sociali diverse rispetto al nostro paese e quindi siamo tentati spesso di classificare molte delle ragazze come psycho, quando secondo me in realtà siamo noi che usiamo filtri interpretativi inadatti alla situazione sociale in cui ci troviamo.

Bisogna invece trovare un modello di interpretazione dei comportamenti e di azione personale conseguente che permetta di integrarci con successo nel nuovo ambiente. Ma per farlo dobbiamo abbandonare i vecchi schemi e mettere in dubbio le convinzioni che abbiamo.

Link al commento
Condividi su altri siti

spotted
Inviato (modificato)

Bah, dulcis in fundo, la tipa di 28 anni è tornata a farsi sentire... Vuole che ci vediamo lunedì, ha usato aggettivi per l'incontro del genere "sarà meraviglioso vederci"... io le ho risposto con due semplici "OK" e "CP" (che vuol dire "cu placere", cioé prego).

Bah, io a questo punto, siccome ogni lasciata e persa, sto pensando di andare all'incontro e dopo un po' di kino, vado di lingua in bocca diretto senza aspettare IOI, in ogni caso non ho nulla da perdere.

Ugualmente:

1) non avrei altre occasioni per rivederla;

2) non facendolo adesso starei poi a farmi pippe mentali del tipo: eh lo sapevo, a 'ste qua piace quello che prende l'iniziativa e io come un deficente non c'ho provato.

Se invece ci sta, me la tengo come trombamica e lascio che l'altro faccia il provider.

In questo momento tutto mi passa per la testa fuorché una la relazione seria con lei visto come si è comportata, ben conscio che al minimo complimento o manifestazione di gentilezza, tornerà a fare la stronza.

Modificato da spotted
Link al commento
Condividi su altri siti

spotted
Inviato (modificato)

Mi trovo in un paese dell'Est Europeo da diversi mesi e secondo me gli italiani a queste latitudine sono vittime di errori nella percezione dei rapporti uomo-donna. Questo tipo di relazioni seguono infatti delle norme sociali diverse rispetto al nostro paese e quindi siamo tentati spesso di classificare molte delle ragazze come psycho, quando secondo me in realtà siamo noi che usiamo filtri interpretativi inadatti alla situazione sociale in cui ci troviamo.

Bisogna invece trovare un modello di interpretazione dei comportamenti e di azione personale conseguente che permetta di integrarci con successo nel nuovo ambiente. Ma per farlo dobbiamo abbandonare i vecchi schemi e mettere in dubbio le convinzioni che abbiamo.

Perfetto, e quali sarebbero le norme sociali?

Qui in Romania gli uomini cucinano e le donne stanno a guardare... per me non è un problema perché già lo faccio per conto mio, ma queste qui sono proprio dei cavalli selvatici...

Anche gli uomini rumeni, tutti (dal tassista, allo studente universitario), ti dicono di lasciare perdere quelle nate in città, di andare in campagna, trovare una lì e portartela a casa.

Per quanto concerne la situazione sociale, quelle cose che ho detto sugli abusi e sul resto non sono frutto della mia fervida immaginazione, ma mi sono state riferite dalle dirette interessate.

Modificato da spotted
Link al commento
Condividi su altri siti

The President

Non sarei cosi' categorico, evitiamo di fissare le etichette.

Una donna dell'Est (i Paesi sono tanti, anche con rapporti non proprio teneri) che ha fatto l'università, che conosce le lingue, che lavora o e proiettata a farlo, è da considerarsi come tutte le altre. La maggior parte di noi sono stati fregati da italiane, questo non lo dimentichiamo.

Io credo che l'approccio italiano-medio, sia condannabile e tiri fuori il peggio di loro. Ormai parecchi paesi dell'Est sono dentro l'UE quindi va verificato solo il loro status patrimoniale, o almeno valutati quegli aspetti (sono però discorsi che hanno a cuore anche molte italiane).

Io provo vergogna per quello che molti italiani, sono andate a fare nei loro paesi, facendo leva sui soldi per ottenere donne che non avrebbero beccato in Italia neanche vivendo 500 anni.

E' da considerare migliore visto che mediamente ha una femminilità decisamente superiore ad una ragazza del nostro triste Paese, nei comportamenti ed anche esteticamente. Ad est valgono regole diverse nella seduzione che presentano specificità anche a seconda del Paese in cui si va (per dirne una, ragazze russe e polacche sono di media completamente diverse).

Spesso comprendo facilmente gli errori ed i fallimenti degli italiani quando vengono in vacanza e osservandoli nei loro approcci, si sono totalmente disabituati ad interazioni normali uomo-donna, vivendo in un Paese alla deriva sociale come l'Italia; e pertanto falliranno anche in terra estica (a differenza del Presidente che dopo vari anni di esperienza estica e non, sa ormai come muoversi :D), anche se praticamente immersi in un mare di belle ragazze.

Modificato da The President
  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

liberalanc

E' da considerare migliore visto che mediamente ha una femminilità decisamente superiore ad una ragazza del nostro triste Paese, nei comportamenti ed anche esteticamente.

Ad est valgono regole diverse nella seduzione che presentano specificità anche a seconda del Paese in cui si va.

Pienamente d'accordo.

L'elemento della femminilità è quello più appariscente, e forse anche il più sostanziale, in relazione alle donne 'italiche'.

(Quello della femminilità in generale è un tema molto ampio, vagamente deficitario nell'Italia attuale .... tiremm innanz..)

Veniamo al nostro .... Paese ( Nostro? ) Secondo noi è la stessa cosa approcciare una ragazza ad Avellino o Trapani o Nuoro rispetto a Rimini o Brescia o Gorizia? ???

Quindi anche le donne 'italiche' andrebbero meglio viste nelle loro specificità, da Trieste in giù.

Se nella realtà italica si presentano subito come appariscenti tante differenze specifiche, la stessa regola della differenziazione dovrebbe valere per le donne dell'Est Europa.

Qualche punto di chiarezza, per avere una base comune di discussione.

Si parla di una realtà che va da Trieste in là. si riferisce alla città di Vladivostok .

Semplificando, dall'Adriatico al Mar del Giappone si espande la grande nazione slava, delle cui donne stiamo adesso argomentando.

Fino alla fine degli anni ottanta questo mondo slavo era comunista e costituiva il blocco dell'Est (nel quale includo politicamente anche la non allineata Jugoslavia), come impero non sempre omogeneo; in generale slavo di lingua ed ortodosso di religione presentava delle eccezioni: la Germania est era tedesca e protestante, l'Ungheria magiara e cattolica, la Polonia slava e cattolica , il Kazakistan musulmano ecc ecc.

Attualmente tutta questa realtà etnica culturale conserva certamente aspetti che appaiono comuni, ma avendo perso l'omogeneità politica imperiale tutte le differenziazioni sono riemerse evidentissime, e nuove sono sopraggiunte.

Se nell'assetto dell'impero comunista parlare di ragazze dell'est aveva un qualche senso, e la medesima cosa aveva un qualche senso nel dissesto post imperiale, attualmente dal nostro punto di vista parlare alla grossa di ragazze dell'est non ha senso, se non

all'interno di differenti specificità qui ancora tutte da chiarire.

Una ragazza di Lviv e una una di Peter sono molto diverse, anche se più vicine di una di Enna da una di Pavia.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...