Vai al contenuto

Dei delitti e delle pene.


Honoré
 Condividi

Messaggi raccomandati

Honoré

Buongiorno ragazzi.

Colgo l'occasione di questo agognato spiraglio di tempo per raccogliere il vostro suggerimento ed aprire un diario. :p

Spero stiate bene.

Vi avevo lasciati un paio di fanciulli, un coglione e un eccellente sushi restaurant fa: Daichii. Insieme a Duae lo consiglio caldamente se passate da Torino.

Ero anche tutta dedita a cercar di estirpare la misandria che stava mettendo radici nella mia testolina - che peraltro è anche il motivo per il quale mi sono iscritta - ma volevo lasciarvi un po' di tempo per digerire gli altri post.

Non voglio diventare una di quelle donnine da poco che siccome hanno sofferto per amore si lasciano imbruttire dal qualunquismo e puntano il dito sui vizi dell'altro genere per camuffare la carenza delle loro virtù: questo lo lascio fare volentieri ad altre.

Riconosco comunque che dopo qualche batosta la tentazione di autocommiserarsi ha la forza attrattiva che manco un buco nero.

Ma l'autocommiserazione è troppo poco creativa, è lineare, è prevedibile, ha sempre lo stesso esito e io ho questo difetto di seguire House of Cards e venerare i capitoli sull'Inferno di Dante e Cesare Beccaria. La proporzionalità della pena.

In questi giorni è tornato a farsi vivo uno.

Uno che non mi ha portato rispetto e a cui ho detto di sparire, ma eccolo lì che riappare quando la fame morde troppo e la selvaggina scarseggia, che evidentemente non ne ha trovata un'altra all'altezza dei suoi gusti.

Mi contatta e abbozza due cazzate sul fatto che gli è spiaciuto non esserci chiariti face to face, mi chiede quindi di vederci per parlare.

Io sto al gioco.

Come se già non sapessi dove vuole arrivare mi propone di fare a casa sua...ovviamente se lo può scordare: ci vediamo sabato sera e viene lui da me, e mi aspetta sotto in macchina.

Quello che lui si pregusta è di avere davanti una ragazza che in forza di qualche dipendenza affettiva si scioglierà dopo due moine, due finte scuse per essere sparito, non avermi detto la verità su altre e bon, si tromba.

Quello che non sospetta è che io scenderò quelle scale col più raggiante dei sorrisi, entrerò in macchina, e con la più dolce delle vocine - rigorosamente dopo averlo fatto umiliare tra sguardi contriti ed improbabili scuse - gli lascerò sul cruscotto un centone con cui gli offro una puttana.

Che i vermi senza dignità che prima ti trattano male e al bisogno ritornano, anche grazie a lui ormai so che odore hanno, e siffatte bestie che antepongono il sollazzo dell'augello alla considerazione dei sentimenti altrui si schiacciano partendo dall'orgoglio.

E poi la testa.

E coltivando la propria integrità. Sempre.

Oggi son passata dalla Feltrinelli e mi son presa "Fiesta" di Hemingway. Con permesso, mi rintano in sua compagnia.

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

Anonimo.92

"Contrastate il male che vi viene fatto ma non odiate nessuno, non lasciatevi trascinare contro e non cercate di vendicarvi. E' questa la vera saggezza." -XIV Dalai Lama.

-Andrea.

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

Er Monnezza

figherrima.

usciresti anche con me?

cazzo un centone per andare a "donnine" mi farebbe comodo...

:spiteful:

ps. in fondo, sapendo scegliere, mi farei 2 trombate low cost, niente di che ma non ci spenderei troppo tempo. le ultime 2 hb con le quali sono uscito non sapevano neanche fare un pompino decente, la seconda voleva pure usare le mani(sacrilegio!!!!).

Modificato da Er Monnezza
Link al commento
Condividi su altri siti

Denn

"Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te." cit.

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

gelsomino

"Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te." cit.

niestsze al di la del bene e del male :spiteful:

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Honoré

Ow, ho già assodato che non c'è speranza io possa diventare un mostro e devo ancora capire se farei bene a rammaricarmene.

Vendetta? Rieducazione. D'altronde il titolo parla da sé.

Link al commento
Condividi su altri siti

Denn

Da quello che ho letto sei già il tuo mostro. Rieducazione è se gli vuoi sinceramente bene, ma traspare solo odio...

non che sia sbagliato, ma chiamiamo le cose per come sono.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Affascinante: seguo molto volentieri:)

Aggiornato: visto che ti piace leggere, se ti va, mi interessava la tua opinione su questo: http://www.italianseduction.club/forum/t-50987-che-tu-sia-per-me-la-morte/

Ciao!

Modificato da Kagan
Link al commento
Condividi su altri siti

BrianBoru

figherrima.

usciresti anche con me?

cazzo un centone per andare a "donnine" mi farebbe comodo...

Mi aggrego. Il centone mi farebbe comodo. Ma preferisco farmi una mangiata come si deve invece che andare a battone :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Honoré
Inviato (modificato)

Da quello che ho letto sei già il tuo mostro. Rieducazione è se gli vuoi sinceramente bene, ma traspare solo odio...

non che sia sbagliato, ma chiamiamo le cose per come sono.

Ora credo passerò metà della serata a fantasticare su che genere di mostro potrei essere.

Magari qualcosa tirato giù da Invisible Monsters di Palahniuk, mi rappresenterebbe bene, una Shannon McFarland come si vede nelle ultime pagine.

Perdonami, ma sarebbe come dire che ogni magistrato è sinceramente affezionato agli imputati e solo al verificarsi di questa conditio sine qua non il carcere potrebbe sortire un qualche effetto rieducativo.

"Ah, no, io questo non lo credo" (cit.)

Quando cominciai a studiare linguistica italiana ricordo chiaramente che nell'incipt di un testo troneggiava una meravigliosa frase sulla versatilità che deve far propria un buon comunicatore.

Efficiente ed efficace solo quando riesce a stare in chiesa coi santi e in taverna coi ghiottoni. O in macchina coi vermi per 5 minuti il sabato sera.

Io cerco solo di rendere il mio messaggio efficiente ed efficace, soprattutto comprensibile alle sue orecchie, pertanto utilizzerò il linguaggio che gli è più affine senza che questo implichi che sia anche il mio linguaggio elettivo o modo di fare/essere abituale. In fondo... è un po' come andare in scena.

Se sarò abbastanza brava e gli arriverà forte e chiaro c'è la speranza capisca.

Non la certezza, non una garanzia, ma una speranza data dallo stare per una volta dall'altra parte della barricata e vedere che si sta di merda. Che quelli come lui fanno stare gli altri di merda.

Ed è comunque abbastanza per provare.

Modificato da Honoré
  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...