Jump to content

Ci terrei a conoscere la vostra opinione


Andreino
 Share

Recommended Posts

Andreino

Ciao.

E' vero che le donne hanno fame di cibo psicologico? Io credo solo dopo che le hai trobate :*close: , ma come si fa ad offrire cibo di questa natura? se desidero raccontare a un HB un sacco di cose su di me, quali storie contengono un buon cibo psicologico che la invogli ad ascoltarmi?

Sento molti che dicono di aprire il set in questo modo: «Ciao Livia, ci terrei a conoscere la tua opinione su un fatto singolare che mi è successo ieri....» Ok, ma poi come l'arricchisco di contenuti da fare in modo che alla mia mensa tutte (speriamo) le HB hanno sempre trovato del buon cibo psicologico??

Andri

Link to comment
Share on other sites

Yowriter

C'è una sezione specifica che si occupa di questo, e si chiama story-telling.

Tutti i vari guru che hanno scritto manuali, dedicano una sezione a questo.

Ora sono di passaggio in un internet-café ma 'stanotte o domani ti faccio un post più completo.

(sicuramente è gia stato postato qualcosa, prova a fare una piccola ricerca)

YO.

Link to comment
Share on other sites

Andreino

Grazie Yowriter. In rete ho trovato "story-telling". Praticamente il metodo storytelling non usa questionari con domande precostituite. Fa parlare le persone (scelte in modo anonimo a campione) e ne interpreta le immagini, i racconti, le rappresentazioni. Non solo dal punto di vista dei contenuti, ma anche delle strutture e delle logiche narrative, secondo le metodologie della semiotica. Solo che non ho capito ancora come e cosa raccontare. Aspetto la tua opinione per capirci qualcosa di più.

Andri

Link to comment
Share on other sites

Pifferaio magico
Ciao.

E' vero che le donne hanno fame di cibo psicologico? Io credo solo dopo che le hai trobate  :*close: , ma come si fa ad offrire cibo di questa natura? se desidero raccontare a un HB un sacco di cose su di me, quali storie contengono un buon cibo psicologico che la invogli ad ascoltarmi?

Sento molti che dicono di aprire il set in questo modo: «Ciao Livia, ci terrei a conoscere la tua opinione su un fatto singolare che mi è successo ieri....» Ok, ma poi come l'arricchisco di contenuti da fare in modo che alla mia mensa tutte (speriamo) le HB hanno sempre trovato del buon cibo psicologico??

Andri

:look:

A volte si parla delle donne come se fossero prima dei marziani e poi delle persone.

A volte troppi utenti in altri contesti molto intelligenti, quando si tratta di donne sembrano mettere da parte il comune buonsenso.

Tu non hai fame di cibo psicologico? ma poi che roba è sto cibo piscologico?

se si tratta di contenuti e non solo di fuffa, perchè pensi che le donne lo vogliano dopo il sesso?.

per quanto riguarda il resto, evita la trappola di cercare argomenti interessanti per intrattenere un set.

Ciao :)

Link to comment
Share on other sites

Yowriter

Digita "story telling" nel motorino di ricerca di questo forum.

Tanta roba!!!

YO.

Link to comment
Share on other sites

kevn
:look:

A volte si parla delle donne come se fossero prima dei marziani e poi delle persone.  

A volte troppi utenti in altri contesti molto intelligenti, quando si tratta di donne sembrano mettere da parte il comune buonsenso.  

accade all'inizio, quando si vedono le donne solo come materiale di studio per un futuro PUA, appena si vede un set:" ok non mi interessa cio' che otterro', non mi interessa se la hb e' da 6 o da 9 mi interssa solo provare quanto valgo a ME STESSO e fare esperienza" ,forse pero' tutti gli aspiranti PUA dopo un po' impareranno che le donne non sono marziani ma sono ognuna per se stessa particolare ed unica ed impareranno ad amare ognuna con questa particolarità e da qui credo che venga naturale in seguito raccontarsi e raccontare (dopo l'esperienza aquisita in campo) facendo appunto dello "story-telling.

Link to comment
Share on other sites

E' vero che le donne hanno fame di cibo psicologico?

è vero che le persone sono interessate ad argomenti interessanti (esposti in maniera interessante) :)

Puoi parlare di psicologia ed annoiare o parlare di tavole del water ed interessare morbosamente al tuo discorso.

A parte questo, sottoscrivo Yowriter sulla necessità di skillarsi nello story-telling e ti "consiglio" dei giochi pseudo-psicologici (cubo, chiromanzia, etc).

Non hanno nulla di psicologico, ma possono offrirti una buona base per fare discorsi percepibili tali.

Se poi mi stai chiedendo come puoi parlare di psicologia con le HB ...la risposta è facile :) studia psicologia e parla con le HB :D

se desidero raccontare a un HB un sacco di cose su di me, quali storie contengono un buon cibo psicologico che la invogli ad ascoltarmi?

:look:

dunque.. tu desideri raccontare un sacco di cose su di te.. oook.

..e vuoi farlo con delle storie contenenti un "buon cibo psicologico" ...e invogliarla ad ascoltarti :D beh, digli che hai 6 criteri su 9 del disturbo borderline ..vorrà sicuramente saperne di più :D

A parte gli scherzi, non trovo funzionale fare un simile lavoro "fine a se stesso". Penso dovresti mettere a fuoco cosa vuoi tirar fuori da questi discorsi e, soprattutto, come puoi coinvolgerla e dove vuoi portarla.

Potresti documentarti su uno dei 10.000.000 di aneddoti della psicologia (che ha il vantaggio di trovare riscontri nell'esperienza di ognuno di noi, fintanto che ognuno di noi ha una mente) e stimolarla a parlare delle sue esperienze.

Puoi anche riderci su (e farci ridere lei), renderà sicuramente tutti questi discorsi più piacevoli.

Sento molti che dicono di aprire il set in questo modo: «Ciao Livia, ci terrei a conoscere la tua opinione su un fatto singolare che mi è successo ieri....» Ok, ma poi come l'arricchisco di contenuti da fare in modo che alla mia mensa tutte (speriamo) le HB hanno sempre trovato del buon cibo psicologico??

Ti consiglio i libri di Oliver Sacks, neuropsicologo di una certa fama.

Nel libro "L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello" espone molti casi con differenti disturbi (tutti comunque riconducibili a delle lesioni cerebrali), che espone con una certa ironia (il che rende spesso la lettura piacevole).

Esistono disturbi molto "divertenti" per chi li osserva, ciò nonostante eviterei di superare il confine dell'ironia che porta alla vera "presa in giro".

Si tratta di persone meno fortunate, non per questo peggiori di chiunque altro considerato "normale".

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...