Jump to content

Vini


-eFFe-
 Share

Recommended Posts

-eFFe-

Raccogliendo l'invito di Taurus e il suggerimento di trinciatop, inizio un thread sull'argomento Vini.

Lungi da me fare l'esperto...dopotutto, pur avendo fatto il vino per tanti anni da ragazzetto, ho imparato ad apprezzarlo solo di recente.

Quindi lo spirito di questo thread è: butto lì quello che ho imparato o sentito dire sull'argomento e gli altri facciano altrettanto con i loro contributi.

Si potrebbe anche modificare il post man mano che evolve.

-VVia!-

[Perché il vino?]

Perché fa parte della nostra bella tradizione italica,

perché è una bevanda "adulta" (DHV),

perché richiede un minimo di spirito edonistico per essere apprezzato,

perché valorizza anche una cena modesta

perché ci inebria con i suoi profumi, colori e sapori...

perché mette allegria e scioglie i freni inibitori;)

Molte HB (forse la maggioranza) amano il vino, specialmente le HB un po' più grandi e mature apprezzeranno la vs esperienza in materia, e diventerà facile organizzare con successo i day2 in enoteca o localini "giusti", dove si possa degustare un qualche cibo tipico (anche sotto forma di assaggini, tipo dolcetto o piccola porzione di affettati e formaggi), sorseggiando il vino giusto:)

E' bene abbinare ogni vino alla giusta categoria di cibi, e viceversa (nel dubbio chiedete sempre consiglio al barista/cameriere, e poi scegliete voi).

Anche la temperatura a cui va servito fa la differenza.

[caratteristiche]

Ogni vino è caratterizzato da:

colore (bianco, rosso o rosato)

tipologia (frizzante o "fermo", passito, liquoroso)

gradazione alcoolica (leggero, "forte")

sapore (secco , abboccato, robusto, amabile, dolce)

profumo (fruttato o altro)

invecchiamento

E' proprio in base a questi elementi che si abbina ai cibi, secondo consuetudini abbastanza consolidate:

[abbinamento]

gli antipasti di solito si accompagnano a vini leggeri, prevalentemente secchi, spesso frizzanti; di solito sono vini bianchi, ma anche rosati o rossi leggeri e giovani. Si servono freschi.

I primi e secondi piatti invece stanno bene in compagnia di vini più forti dal gusto più o meno robusto (mai dolci) ma già più alcoolici, a seconda del tipo di piatto:

in genere le carni si accompagnano ai vini rossi, mentre il pesce ai vini bianchi (più o meno secchi), ma non è detto...esistono anche vini rossi più leggeri adatti al pesce.

Come regola bisognerebbe evitare di "coprire" il sapore di un piatto delicato con un vino troppo forte.

Idem per i formaggi: quelli freschi e delicati prediligono un vino leggero magari bianco, quelli più saporiti e stagionati si possono accompagnare con vini rossi più robusti.

Dolci e dessert vanno abbinati ovviamente con vini dolci, come spumanti, passiti (vin santo, Marsala ecc) o liquorosi (Porto).

Di solito i dessert al cucchiaio, le torte ecc si accompagnano con spumante, mentre la pasticceria secca va benissimo con i vini più liquorosi e passiti...

Lo spumante/champagne secco va bene per i brindisi e per i cibi come frutti di mare, caviale ecc.

[Temperatura]

Partendo dal presupposto che un vino sia stato conservato in condizioni ottimali (cantina o ambiente fresco al riparo dalla luce), è importante osservare le giuste condizioni di servizio e preparazione, in particolare la temperatura.

I vini frizzanti, gli spumanti e i bianchi secchi in genere vanno serviti freschi (frigo): in particolare quelli da dessert (spumanti) si possono servire molto freddi, mentre quelli da pasto andrebbero tolti dal frigo in anticipo (la temperatura di servizio è quasi sempre indicata sulle etichette).

I vini rossi o più alcoolici (anche i passiti e liquorosi) andrebbero serviti a temperatura ambiente o appena più freschi (se è estate): questo perché il freddo addormenta un po' le nostre papille e toglie ad un vino forte quello che è il suo maggior pregio, cioè appunto la robustezza del suo grado alcoolico.

[stappare]

Evitate gli orrendi vini in cartone, lattina, plastica o con tappo a vite...:eek:

Occupiamoci invece dei classici tappi in sughero, sempre più rari :rolleyez:

Si taglia il sigillo all'altezza del bordo della bottiglia (alcuni cavatappi hanno anche il coltellino serramanico incorporato, alcune bottiglie hanno la linguetta in alto per facilitarne la spellatura) fino a scoprire il sughero all'imboccatura del collo.

Pregate che sia -vero sughero- (ma spesso non lo è:zott: ), avvitate il cavatappi forando il tappo a fondo, ma senza perforarlo completamente!

Fate leva tenendo salda la bottiglia con l'altra mano e...POP! stappate:)

Se tutto è andato bene, il tappo è ancora intero e non si è sbriciolato;)

Un sapiente controllo al tappo: deve presentarsi intero, leggermente colorato (di rosso se il vino è rosso), di profumo gradevole con totale assenza di aroma aspro/acetico/muffoso (altrimenti, cambiate senz'altro bottiglia!).

Rapida passatina al bordo dell'imboccatura (per togliere eventuali briciole di sughero) e annusatina al vino, che non deve avere gli odori indesiderati di cui sopra.

Fate tutti questi gesti con sapiente e sicura lentezza, e la HB vi osserverà compiaciuta :cool:

Piccola differenza: per i vini spumanti ovviamente si procede in altra maniera... basta scartare la stagnola che ricopre il collo, allentare la gabbietta di metallo che assicura il tappo, afferrarne la testa circondandola stretta tra pollice ed indice, ruotare un pochino tirando fuori come a "svitare" il tappo fino a quasi metà altezza.

Poi sta a voi: se volete fare il botto, prendete la mira su qualcuno:D e spingete la testa del tappo con il pollice della mano che regge la bottiglia, altrimenti con l'altra mano continuate ad estrarlo lentamente tenendolo spinto quando la pressione lo farà uscire da solo: PIF!

Un controllo degno del miglior James Bond:socool:

Tenete ben pronti i bicchieri però: spesso la "doccia" è imprevedibile:)

Per evitare troppa spuma, basta inclinare un po' i bicchieri mentre versate.

[servire]

Se il vino (fermo) è buono, annuite compiaciuti e cominciate a versarlo nei bicchieri (prima le donne, ovviamente;)), o meglio in un decanter (se l'avete).

Il vino, specie se è rosso, forte ed invecchiato, ha bisogno di ossigenarsi un po' prima di essere consumato: per questo si versa facendolo gorgogliare un poco e lasciandolo riposare per qualche minuto.

Potete prendere il calice con il palmo della mano aperta (stelo tra medio e anulare) e ruotarlo con movimenti circolari facendo girare il vino attorno alle pareti: in questo modo il vino si ossigena meglio, si scalda un po', e lascia un velo sottile di liquido sulle pareti del bicchiere.

Osservate questo velo: aderisce e dopo un po' ricade verso il fondo sotto forma di goccioline che disegnano tanti piccoli archi:)

Si dice che più sono numerosi e stretti questi archi, e migliore è il vino;)

Non so se sia vero, ma ditelo alla HB...è un'ottima routine :cool:

[Consigli]

Ai fini del PUing, è sempre bene evitare di ubriacarsi o bere troppo:D

Meglio che sia lei a bere quel goccino in più...

Nel bere, più che in altri campi, vale la regola della moderazione: poco vino scalda, il giusto scioglie e mette allegria, troppo assopisce e "ammoscia";)

Regola generale: di solito quando si fa degustazione di più vini (o nei pranzi lunghi), si parte da vini più leggeri e via via si sale sempre di gradazione, per abituarsi e sentire meglio il gusto e la forza del vino.

Questo pare anche che limiti molto il rischio di sbronza con annessi malesseri e mal di testa...(ma prendete questo consiglio con le molle).

Per lo stesso motivo, si sconsiglia sempre di consumare vini bianchi e rossi nello stesso pasto...o comunque di non tornare indietro al primo tipo di vino, dopo che si è cambiato (es: evitare bianco, poi rosso, poi di nuovo bianco).

Anche su questo vorrei conferme/smentite :rolleyez:

Link to comment
Share on other sites

Compatto

un po' di enologia non fa mai male :D

fate bere alle HB un bel po' di Cannonau...credo che il loro BS diventerà alto come un nano sotto terra! :-P

Link to comment
Share on other sites

Guinness

confermo appieno quanto dici e ti ringrazio nuovamente, aggiungo 2 noticine:

"vini rossi più leggeri adatti al pesce" o pesci più consistenti adatti ai vini rossi...

controllare oltre al fatto che non sia rimasto sughero sul collo della bottiglia che lo stesso non presenti delle microsbeccature, rarissimo ma capita!

Se le manovre di stappamento le fa il cameriere poi vi versa il vino nel bicchiere si devono compiere le stesse cose che dice eFFe per la degustazione, solitamente poi si da l'ok al cameriere se il vino va bene, o sennò si dice che lo trovi non buono, tappo, marsalato ecc...

Per quanto riguarda l'aspetto più legarto all'ubriachezza, mai fare altalene alcoliche, sia di gradazione che di colore, mai mischiare vino e birra, se volete un superalcolico a fine pasto ok, ma poi non ci bevete dietro più nulla...

Link to comment
Share on other sites

prieras

non so se l'hai scritto effe, ma vado un pò di fretta e se magari ripeto qualcosa fammelo presento che edito.

circa l'apertura della bottiglia va detto che la bottiglia deve essere tenuta inclinata di circa 45°, questo per permettere subito all'aria di entrare-uscire nella bottiglia stessa.

circa le modalità con cui servire il vino, se lo lasciate nella bottiglia originale, evitate di prendere la bottiglia per il collo. la bottiglia, come i sommelier insegnano, va tenuta sempre per il fondo per evitare contaminazioni del bordo della bottiglia stessa o il riscaldamento del vino.

se il vino inoltre non è un novello e siete certi che la bottiglia non è stata conservata come dio comanda, appena aprite la boccia, versate nel lavandino con delicatezza la parte di vino presente nel collo. in questo modo attenuerete il possibile "sapore di tappo".

infine ricordate che il vino bianco va servito fresco (anche di frigorifero) e che il vino rosso, almeno che non vi troviate nel deserto del gobi, va servito a temperatura ambiente.

ps: fate pure voi come me! dite no al tavernello!

Link to comment
Share on other sites

sexyPit
Osservate questo velo: aderisce e dopo un po' ricade verso il fondo sotto forma di goccioline che disegnano tanti piccoli archi

Si dice che più sono numerosi e stretti questi archi, e migliore è il vino

Non so se sia vero, ma ditelo alla HB...è un'ottima routine

In più se non sbaglio, la velocità con cui le goccioline scendono verso il fondo del bicchiere è indice della gradazione alcolica del vino. Più lento è il movimento, più il vino è, appunto, di gradazione maggiore.

Comunque 3d meraviglioso -eFFe-, grazie. Cinque ***** per me ;).

Link to comment
Share on other sites

yyy

Effe, veramente un ottimo post. Se qualcuno volesse studiare in modo approfondito questa disciplina (molto utilile per il pick-up) puoi consigliare un manuale? Qualcosa che spieghi bene come questo post.

Link to comment
Share on other sites

Caribbean

Mi permetto di aggiungere che se fate degustare il vino all'hb ricordatele di prendere il bicchiere alla base dello stelo (evita che ai sentori che emana il vino si confonda l'odore dele mani anche se sembrano pulite)e se avete bicchieri del tipo balloon (quelli larghi e con lo stelo lungo per intenderci) comunque far ossigenare bene il vino rosso roteandoli.

Altra cosa molto importante che da un tocco di eleganza, mai riempire il bicchiere oltre la metà se si tratta di un bicchiere medio, mai superare il quarto di bicchiere per i balloon di ampia capienza e potete arrivre oltre i 3 quarti per i flute (bicchieri da spumante o prosecco)

In tutto questo va inteso che il vino va bevuto rigorosamente nei bicchieri in vetro e non in quelli in plastica.

Se intendete invitare l'hb ad una cenetta particolare mettete almeno due bicchieri da vino: uno per il bianco ed uno per il rosso...

Link to comment
Share on other sites

io consiglio un sito...nulla di che...ma ha il pregio di esprimere una valutazione (molto personale) e di dire i prezzi dei vini...

h**p://digilander.libero.it/felipegonzales/giudizio_vini/giudizio_vini.html

andando leggermente OT e tornando al post che ha fatto nascere questo (sulla cucina e cosa cucinare alle hb fb ltr... ho una serie di ricette...

prometto che questo w.end ve ne proporro alcune...abbiate fede..sono un po incasinato..

sono un casalingo...e il buon Taurus è ben invitato :D

enjoy

hell

Link to comment
Share on other sites

-eFFe-
Effe, veramente un ottimo post. Se qualcuno volesse studiare in modo approfondito questa disciplina (molto utilile per il pick-up) puoi consigliare un manuale? Qualcosa che spieghi bene come questo post.

Mi spiace, ho solo condiviso le mie esperienze che non provengono da alcuno studio.

Non saprei cosa indicarti, perciò passo la palla agli altri:)

Link to comment
Share on other sites

prieras

ci sono dei volumi che parlano di degustazione e di "servizio" dei vini

per iniziare però vi consiglio questo sito -> h**p://www.flyhigh.it/index-dispensa.htm

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...