Vai al contenuto

Ma il sesso mi interessa veramente?


Malp2000
 Condividi

Messaggi raccomandati

Malp2000

Salve ragazzi, ci ho pensato un po prima di aprire questo topic perché non è facile descrivere in maniera coincisa e il più breve possibile quello che sto vivendo.

Innanzitutto spero di non aver sbagliato forum dato quello che sto per dire.

Come da titolo, mi sto domandando in questi giorni quanto il sesso mi interessi veramente. Non riesco a capire se sono io che vorrei farlo ma ho paura di qualcosa, oppure se realmente non mi interessa più di tanto.

Il dubbio nasce da un recente fallimento con una ragazza, mi spiego meglio: conosco questa ragazza un tot. di tempo fa, ci frequentiamo per una settimana circa comportandoci come perfetti fidanzati, mano nella mano, baci, carezze e così via. Fin qui tutto bene, se non che all'atto fisico vero e proprio, ovvero il sesso, non ci siamo arrivati.

Una sera si presenta l'occasione "perfetta" Lei mi invita a salire a casa sua dopo averla accompagnata, io salgo, ci sono momenti di tenerezza, ci mettiamo sul divano abbracciati e non accade nulla. In quel momento mentalmente non sentivo ne lo stimolo di saltarle addosso ne altro, nonostante fisicamente fossi eccitato.

Il giorno dopo lei mi scrive "rimproverandomi" Di aver deluso le sue aspettative, che si sarebbe aspettata qualcosa ieri sera. Io rimango basito perché in quei momenti tutto avrei pensato men che avesse voglia di far sesso.

E voi potrete dire, vabè, lei è un po str.. e tu solo un po imbranato. E fino ad oggi la pensavo anche io così, ma parlando con questa ragazza, con la quale sono comunque rimasto amico, tutte le mie convinzioni di non riuscire con le donne perché sono "imbranato" sono crollate.

Secondo molte persone il sesso è una cosa normale, è un bisogno fisico come la fame. Io invece non me lo sento proprio come bisogno, anzi, mi sembra una cosa superflua, quasi una perdita di tempo, oltre al fatto che pensare al sesso mi mette quasi paura.

Mi ricordo la prima volta che feci sesso, tornando a casa mia pensai "bhè? tutto qui?? è molto più emozionante guidare una macchina sportiva per qualche km.." E pensai così anche la seconda, terza, quarta, quinta ecc.. è come se lo faccio perché è una cosa che fanno tutti, quindi va fatta, non perché mi sento realmente di farlo.

Il problema è che questa cosa mi fa star male, perché io soffro molto la solitudine e mi piacerebbe avere una relazione con una ragazza, ma mi rendo conto che al presentarsi di alcuni segnali inequivocabili da parte sua, in me scatta l'ansia e la paura e finisce che faccio una cavolata.

Parecchie mie uscite sono finite così, mi sembra tutto così forzato, doverla baciare dopo un tot di uscite, dovermi comportare in una certa maniera, non riesco a viverla in maniera naturale perché il sesso oggettivamente non mi suscita nessun interesse, o meglio non mi interessa più di quanto potrebbe interessarmi sedermi lato finestrino o corridoio in aereo :mellow:. Certo, se dovessero mettermi davanti una bella donna, nuda e vogliosa, non rimarrei impassibile.

Capitemi, io non è che odio il sesso, anzi, se dovessi uscire con una ragazza che mi piace e dovessere iniziare lei di certo non mi tirerei indietro, è che non mi viene da provarci a iniziare io.

Non saprei che altro aggiungere, non capisco se sono io sbagliato, oppure se qualche tipo di ansia o di paura mi blocca. Credetemi ho una tale confusione nel cervello che buttare giù queste quattro righe cercando di spiegare cosa provo è stato veramente difficile..

Modificato da Malp2000
  • Mi piace! 4
Link al commento
Condividi su altri siti

Malp2000

No non lo so, e ne sono sicuro al 100%

Link al commento
Condividi su altri siti

Dani89

Io non trascurerei motivi ormonali (di varia natura).

Una visitina dall'andrologo?

Link al commento
Condividi su altri siti

Apache

Escludendo che tu sia gay, può essere un problema psicologico oppure ormonale. Ti sei mai fatto prescrivere il dosaggio del testosterone?

Modificato da Apache
Link al commento
Condividi su altri siti

Malp2000

Salve ragazzi, vi ringrazio per le risposte prima di tutto. Visite mediche non ne ho mai fatte perché fino ad oggi ho sempre pensato fosse un problema di carattere. Io ho sempre peccato di autostima e sicurezza personale, fin da quando ero bambino. Cilecca.. Dipende da cosa intendi tef, mi ricordo solo con la ragazza con cui ho avuto una relazione più duratura, che dopo circa 15 min di atto sessuale iniziavo a distaccarmi, andavo avanti soltanto per il suo piacere personale e "dentro di me" quasi iniziavo a pensare ad altro.. Ancora non mi è mai capitato di non riuscire a mantenere l'erezione, però la testa in quei momenti era poco presa, troppo collegata ai pensieri che in quel momento non dovrebbero esserci. Questo mi è successo con diverse partner e purtroppo con una ci ho anche litigato perché mi è scappato di dirle che facevo fatica a mantenere l'erezione e lei se l'è presa malissimo e non ha voluto sentire ragioni.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mr.Superfly

Il giorno dopo lei mi scrive "rimproverandomi" Di aver deluso le sue aspettative, che si sarebbe aspettata qualcosa ieri sera. Io rimango basito perché in quei momenti tutto avrei pensato men che avesse voglia di far sesso.

Mi sa che soffri ancora del complesso della Santa/Puttana.

Comunque vai dall'andrologo e fatti dosare il testosterone.

Link al commento
Condividi su altri siti

Reef82

Da quello che si riesce a capire probabilmente non ti trovi a tuo agio nel "ruolo standard" dell'uomo che guida l'interazione dall'inizio alla fine facendo tutto quello che "normalmente" una donna si aspetta.

Percepisci il sesso come un "dovere" o meglio un "dover fare", ma non per per il tuo piacere bensì per gratificare soprattutto l'HB di turno.

Ammetti anche che non ti dispiacerebbe una donna capace di prendere l'iniziativa, di guidarti e magari di coinvolgerti mentalmente durante l'atto.

Forse c'è sia un problema di aspettative legate al sesso, inteso in maniera tradizionale, che ti inibisce, sia una scelta sbagliata sotto il profilo dell'affinità sessuale delle tue partner.

In ogni caso la sessualità può essere vissuta in tanti modi differenti e con molteplici sfumature, forse non hai ancora capito e trovato il tuo genere e il tuo ruolo.

Esistono feticisti di tutti i tipi, voyeur, slave, master, mistress, cuckold, bull, sweet, coguar, ecc. così come c'è chi preferisce determinate pratiche estreme o andare con i transessuali.

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

zerozero

Probabilmente sono le donne che frequenti che non ti stimolano/non ti piacciono/non ti fanno sentire a tuo agio.

Tu stesso scrivi che "Certo, se dovessero mettermi davanti una bella donna, nuda e vogliosa, non rimarrei impassibile".

Guardi i porno? Ti masturbi?

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...