Vai al contenuto

Ricerca della Felicità : quanto contano le Donne?


Marcus93
 Condividi

Messaggi raccomandati

Marcus93

Secondo voi, un uomo può essere felice senza una donna...? Ma soprattutto...una donna....può da sola portare la felicità nella vita di un uomo? Io non sono felice e come sempre mia madre mi ha detto - se trovassi la morosa lo saresti -...come se la fidanzata fosse una sorta di elisir. Mi ha fatto ridere mia madre..io non la penso così, secondo me..le donne sono una parte...importante ma..non garantiscono la felicità...e sono dell' idea che per attirare le donne giuste...bisogna emanare sensazioni positive...detto ciò a voi la parola

Link al commento
Condividi su altri siti

Erlenmeyer

Stai tranquillo che la felicità non la trovi in una donna. Non ho mai visto nessuno dei miei amici sentirsi più felici SOLO perché avevano trovato una ragazza

  • Mi piace! 4
Link al commento
Condividi su altri siti

Excelsior

La felicità è un abbaglio, un'illusione umana.

O meglio, in realtà esiste, ma raggiungerla è difficilissimo, perché siamo stati condizionati a cercarla dove non la si trova.

Eh sì.. è il solito banale discorso che la felicità è all'interno e tutte ste menate pseudo-orientaliste; c'è un unico problema: è vero.

La cosa paradossale è che la maggior parte delle persone non solo non trova la felicità (questo è ovvio e sotto l'occhio di tutti), ma anche muore senza avere idea di come fare ad ottenerla. Una piccolissima minoranza di persone invece capisce come trovarla ma non la realizza, mentre chi la realizza nella propria vita è una minoranza nella minoranza.

In altre parole, statisticamente parlando siamo destinati all'infelicità perpetua, spezzata da sporadiche e vaghe esperienze di finta felicità. Si può uscire da questa maledizione? Sì, e in teoria sarebbe estremamente facile, ma in pratica è quasi impossibile.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Marcus93

La felicità è un abbaglio, un'illusione umana.

O meglio, in realtà esiste, ma raggiungerla è difficilissimo, perché siamo stati condizionati a cercarla dove non la si trova.

Eh sì.. è il solito banale discorso che la felicità è all'interno e tutte ste menate pseudo-orientaliste; c'è un unico problema: è vero.

La cosa paradossale è che la maggior parte delle persone non solo non trova la felicità (questo è ovvio e sotto l'occhio di tutti), ma anche muore senza avere idea di come fare ad ottenerla. Una piccolissima minoranza di persone invece capisce come trovarla ma non la realizza, mentre chi la realizza nella propria vita è una minoranza nella minoranza.

In altre parole, statisticamente parlando siamo destinati all'infelicità perpetua, spezzata da sporadiche e vaghe esperienze di finta felicità. Si può uscire da questa maledizione? Sì, e in teoria sarebbe estremamente facile, ma in pratica è quasi impossibile.

...parlando invece di " stare bene " al posto di felicità...secondo te...lo stare insieme ad una ragazza può farti stare bene anche se hai altri problemi? Secondo me no...secondo mia madre si..
Link al commento
Condividi su altri siti

Excelsior

...parlando invece di " stare bene " al posto di felicità...secondo te...lo stare insieme ad una ragazza può farti stare bene anche se hai altri problemi? Secondo me no...secondo mia madre si..

Fondamentalmente no, ma può comunque aiutare moltissimo, questo sì.

E' come dire: avere un buon (vero) amico può renderti felice? No, ma sicuramente ti rende la vita meno di merda :)

Senza ombra di dubbio le donne allietano la vita di un uomo, ma non lo rendono felice.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Friulano80

6 giovane hai ancora molto tempo. Comunque la felicità la trovi anche altrove non solo nelle donne ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

AngelOfObsession

Secondo Kahneman la felicità intesa come stato di benessere percepito e soddisfazione può nascere dall'interno, infatti dipende dal focus mentale cioè dai pensieri che facciamo.

Ha fatto delle ricerche con i disabili riscontrando che non sono così disgraziati come si crede: se un uomo è in sedia a rotelle ma si tiene impegnato con il lavoro e varie attività non si sente meno felice di un uomo medio sano. Quelli che si sentono meno felici sono quelli che passano le giornate a deprimersi pensando "non posso camminare", e anche lì non sono meno felici di un banale uomo sano che passa le giornate a pensare "sono povero", "sono brutto" o "non ho la ragazza". Quindi lo stato di benessere dipende da su quali pensieri ci concentriamo (dal saggio "Pensieri lenti e veloci").

Cito un altro esperimento tratto dal libro su questo argomento: per indagare la correlazione tra situazione sentimentale e felicità sono stati fatti due sondaggi tra gli studenti di varie università, nel primo si ponevano due domande in questo ordine "quanto ti senti felice?", "come è la tua situazione sentimentale?"; nel secondo sondaggio invece si ponevano le stesse domande in ordine invertito.

Dal primo sondaggio è emerso che non c'è nessuna correlazione tra il sentirsi felici e essere soddisfatti delle proprie relazioni sentimentali, dal secondo invece è emerso che c'è una fortissima correlazione positiva.

Questo perché nel primo sondaggio difronte alla domanda "sei felice?" la gente non pensava necessariamente come prima cosa alla sfera sentimentale della propria vita mentre nel secondo dato l'ordine delle domande erano costretti per forza a pensarci prima della domanda. Lo studente sotto stress che sta fallendo tutte le sessioni d'esame al primo sondaggio avrebbe risposto che non si sente felice anche se ha successo con le donne. Nel secondo sondaggio si sarebbe ricordato di un appuntamento romantico andato bene prima di rispondere alla seconda domanda, dichiarando a quel punto di buon umore che tutto sommato si sente felice.

Lo studente brillante e pieno di amici nel primo sondaggio avrebbe risposto che si sente felice, nel secondo invece costretto a pensare di essere un po' sfigato perché magari non ha la ragazza avrebbe risposto di non essere felice.

Ciò che emerge anche da questo studio è che la felicità dipende dai pensieri che si fanno.

/OT La seconda cosa che emerge è che un questionario può avere esiti drammaticamente differenti modificando anche solo l'ordine delle domande /OT

Modificato da AngelOfObsession
  • Mi piace! 4
Link al commento
Condividi su altri siti

AngelOfObsession

t6ax5y.jpg

Quindi con questa definizione la felicità è la derivata dello stato rispetto al tempo, potevano rappresentarle nel grafico per essere più chiari :rofl::rofl:

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...