Vai al contenuto

Il salto evolutivo nella crescita personale


Anciaki
 Condividi

Messaggi raccomandati

Scrivo questo post in conseguenza di un eureka che ho provato proprio ieri, dopo un bel pomeriggio passato a riposarmi cazzeggiando su youtube e faccio un ringraziamento ad Amog_Cattivo che nel rispondere ad un mio topic mi ha fatto riflettere su questo argomento.

A volte le cose più importanti arrivano quando meno te lo aspetti, e possono farlo anche dal profondo di te, come nel mio caso recente.

Da prima ancora che mi appassionassi così profondamente al mondo della seduzione lo ero già di PNL e di comunizazione efficacie, cose che ormai non prendo più sul serio come prima ma che sono comunque figlie di un pensiero psicologico molto evoluto, come quello del grande Erickson.

Hai mai sentito parlare dei livelli logici di Robert Dilts?

Sono i 7 livelli secondo i quali la nostra personalità dovrebbe essere strutturata e dovrebbero essere in ordine gerarchico, proprio così:

livelli-logici1.jpeg

Io personalmente non penso che siano in ordine gerarchico in senso stretto perchè trovo che possano benissimo influenzarsi reciprocamente, con livelli che però possano essere più influenti proprio secondo l'ordine imposto da Dilts.

Sicuramente l'ambiente ha dei riscontri nelle nostre credenze, ma di contro le nostre credenze possono avere un impatto devastante sull'ambiente nel quale siamo immersi, per esempio:

immagina di essere venuto in discoteca ma stasera c'è un rapporto pene-figa di 30:1, potresti pensare benissimo che tutte le ragazze intorno a te (che si possono contare sulle dita delle due mani, se non in una sola) abbiano tutte le difese antizoccola al massimo livello, ma di contro potresti anche essere convinto nel profondo e con una certezza assoluta (ad un'intensità molto superiore a quella degli altri maschi) di essere fantastico ed irresistibile ed ecco che le donne verranno a te. Addirittura verrano, senza nemmeno essere tu ad approcciarle.

Questa precisa situazione mi si è verificata Sabato 5, poco più di una settimana fà.

Che l'inner game sia il 90% dell'interazione è assolutamente VERO ragazzo, svegliati.

Forse non saprai come mai e te lo chiedi, ma che importa saperlo? Tu vuoi attrarre le donne che interessano a te, mica vuoi fare lo psicologo sociale.

Infine già ragionandoci qualche minuto potresti intuirlo da solo facilmente, ma dirtelo te lo farà sapere subito, senza spenderci ulteriore tempo:

i 3 livelli inferiori sono tutti esterni, gli altri 4 superiori sono tutti interni.

Ancora una volta l'inner trionfa sull'outer.

Il ragionamento quindi è questo: io sto facendo un percorso di crescita personale (autoguidato nel mio caso, che credo, tra l'altro essere la vera crescita personale perchè nel caso contrario la chiamerei educazione, che fanno i bambini, non gli uomini), voglio farlo bene e soprattutto voglio che sia efficace.

Questo è quello che accomuna me, te e quasi tutti i membri di IS.

Hai fatto esperienza che se cambi solo ambiente, giro di amici o ti iscrivi su IS, qualcosa cambia, ma poi le abitudini e tutto quello che sta sopra ambiente nella piramide qui sopra fanno tornare tutto come prima.

Hai fatto esperienza che se cambi comportamenti o azioni, provi ad aprire, chiedi i numeri ecc... cambi ancora di più, ma in fondo non è cambiato niente.

Hai fatto esperienza che anche se sviluppi nuove abilità e diventi bravo a n-chiudere sei ancora lontano dal traguardo.

(forse) Hai fatto esperienza però che già se inizi a lavorare sulle tue credenze e poi sui tuoi valori le cose iniziano a cambiare, e pure tanto, ma manca ancora qualcosa... c'è quel senso di irrisolto dentro di te che ti assale e mentre mi leggi probabilmente ti stai grattando con una mano il collo, che è proprio il punto di unione tra corpo (sensazioni) e mente (pensieri) o da qualche altra parte come per scansare la frustrazione che non vuoi avere, non la vuoi più.

Ti chiedi come mai, nonostante fossi cambiato così tanto, avessi fatto qualche ONS, che pensassi così diversamente ancora ti mancasse di fare qualcosa... il passo decisivo... il salto evolutivo:

IDENTITA'

Questa sensazione che provi si chiama Dissonanza Cognitiva, ed è quello che succede quando due pensieri contrastanti coesistono nella stessa persona.
Ti hanno detto che sei un seduttore, ti hanno detto che sei totalmente diverso dalla massa di maschi a cui erano abituate, ti sei detto di essere il maschio alpha e ti sei comportato come se tu lo fossi davvero, ma la verità è che tu, così, non ti ci sentivi.

Quel passo finale che ti mancava era propio lavorare sulla tua Identità, che messo a confronto con tutti gli altri step è il più profondo, ma anche il più difficile e scomodo.

Più scomodo perchè questo comporta una responsabilità, la più grande che tu ti sia mai assunto:

sei sempre stato quello che gli altri, i media, i preti, i professori delle scuole ti hanno detto di essere o che i tuoi genitori o chi per loro ti hanno portato ad essere con l'educazione che ti hanno impartito e che tu non potevi scegliere.

E la storia si è ripetuta per ogni anno, mese e giorno della tua vita fino ad oggi.

Ora basta, questa cosa deve finire.

E' arrivato il momento di smettere di fare e di dire cose che non ti appartengono perchè ti identifichi con qualcuno che non sei, qualcuno che sei "diventato" per compiacerli ma la verità è che quella parte non potrai mai davvero recitarla perchè non ti appartiene.

Se lo fai sei un falso.

Sei ancora più falso di quando menti spudoratamente, perchè in questo caso menti anche a te stesso.

I "bravi ragazzi" non esistono, sono tutti dei falsi stronzi che non sanno di essere stronzi.

Ora tocca a te decidere chi sei e sentirtici di conseguenza.

Sei adulto, sei grande, sei cresciuto ormai, gli altri non hanno più nulla a che vedere con quello che sei tu.

Fai quello che fai coerentemente con quello che sei e prenditi la responsabilità di farlo, ma soprattutto di esserlo.

Scopri chi ti sei davvero e diventalo, capisci chi vuoi diventare e diventalo, ora.

JUST DO IT!

Passa i tuoi giorni ad osservare quello che fai in relazione a quello che gli altri vorrebbero che tu facessi e nota se la sensazione che hai mentre lo fai è di dissonanza o consonanza.

Le sensazioni negative, come quelle positive, sono tutte spie e non vanno ne evitate ne ripudiate: accettale perchè vogliono il tuo bene.

Ricordi quella famosa coerenza che i manuali ti invitano ad avere per essere terribilmente sexy ed attraente? Ecco, è proprio questa.

In conclusione dico che io sono soltanto un appassionato in materia e quello che so l'ho letto sui libri da autodidatta, se qualche psicologo dovesse notare delle sviste vi invito a farmelo sapere, cosi da correggermi.

Ah, per ultimo: quello che scoprirai tienitelo per te.

  • Mi piace! 5
Link al commento
Condividi su altri siti

Uberpowah

Mi stavo veramente grattando il collo XD

Grazie anche qui per il post, mi sono reso conto che anche io sto lavorando sul livello "identità", pur probabilmente non sapendolo razionalmente...

Quello che è certo è che, anche nella mia esperienza, i cambiamenti sono iniziati nel momento in cui ho iniziato ad accettare le mie sensazioni, cercando di capire che messaggio positivo cercano di mandare. Capire poi che la responsabilità dei miei stati d'animo è mia e legata sempre a cose che ho fatto/procrastinato ha cambiato sensibilmente la mia percezione dell'ambiente ed il modo in cui interagisco con esso.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...