Vai al contenuto

Torno all'estero, per vedere il castello di carte crollare. Come affrontare il ritorno?


 Condividi

Messaggi raccomandati

Ciao a tutti.

Io 25 anni, la mia ex 31. Prima relazione seria in assoluto per me, prima convivenza per lei.

Dopo mezzo anno di conoscenza, abbiamo deciso di convivere, dato che non vivevamo con i nostri genitori.

Lei usciva da un lungo periodo post-crisi relazionale precedente, io invece da un anno stupendo passato all'estero. Ero pieno di energie, la sapevo stupire, e col passare del tempo ho capito di amarla.

Dopo qualche mese, inizia un freeze sessuale completo da parte sua, secondo me dato in parte da esperienze traumatiche pregresse sue, oltre che da un leggero calo di energia da parte mia.

Lei perde il lavoro, pero' comunque si da' da fare per tenere viva la relazione. Io, invece, stufato dal lavoro, inizio lentamente a lasciarmi andare.

Ci sono stati momenti in cui lei ha provato a risolvere i problemi (sessuali, principalmente), altri in cui io ho cercato di essere piu' determinato nella vita...

finche' negli ultimi mesi, complice un breakdown psico-fisico mio (insoddisfazione lavorativa profonda, problemi di vista che stanno diventando ormai seri e a cui non c'e' rimedio ecc.), inizio ad allontanarmi da lei.

Ad esempio, risultando apatico in ogni conversazione con lei, volendo sempre rimanere a casa, tranne quando ad es. i miei amici mi sono venuti a trovare...quei giorni era 100% vita notturna, e lei a casa a cucinare, ecc.

Quest'anno sono tornato in Italia per i miei problemi di salute. C'e' stato un progressivo distacco, e io ho pensato spesso di dover finire la relazione.

Torno lunedi', litigio per futili motivi. Martedi' sera usciamo, e mi dice che vuole terminare la relazione. Io dico che e' la decisione piu' saggia...ma in cuor mio ero rimasto spiazzato dalle sue parole. Non pensavo mi anticipasse sui tempi.

Ieri sera ci riparlo, e dico che ho capito i miei errori, e che credo possiamo trovare una soluzione.

Lei mi dice che non puo' garantire niente, che e' una cosa che richiede molto tempo, e che non vuole che ci siano risentimenti nel caso in cui il tentativo fallisca.

Comunque l'ho vista piu' fredda, distaccata, dopo quelle parole...

Diverse persone mi hanno fatto notare che se fossimo stati diversi, ci saremmo mandati a quel paese tempo fa, senza tutta questa pazienza. Ma tra di noi non c'e'mai stata, e nemmeno ora c'e' cattiveria o manipolazione.

Ora io sono nella casa in cui convivevamo, avevamo in progetto un viaggio in Italia insieme ad ottobre.

Come mi consigliate di agire, per tornare in Italia nel modo piu' indolore possibile? Ovvero, alla fine, penso di rimanere qui fino a meta' ottobre (quella era la programmazione, e non posso anticipare...al massimo posso fare un ulteriore viaggio nel frattempo).

Come mi comporto questi giorni? In questa citta' sono da solo, e comunque tra di noi non e' mai mancato il rispetto e l'umanita'...pero' e' difficile non rimanere amareggiati, vedendo il tuo sogno svanire davanti ai propri occhi.

Modificato da Austro
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

JackofBlade

I progetti non vanno mai a buon fine...se non vi è una strategia per applicarli...fidati vedo progetti da circa 3 anni..."oltre quelli lavorativi..tavole su tavole..usb su usb..occhi scoppiati su AutoCad" ma oltre questa battuta..fidati ti comprendo e ti capisco.."quel famoso viaggio che dovevate fare per X...e invece nulla...ti ritrovi con un pugno di mosche i mano...o un altra cosa..visto che si tratta ti pugni ;) "

1) La situazione lavorativa è rilevante in parte..se un uomo perde il lavoro e non può soddisfare le esigenze e la SICUREZZA della donna..li è sciacallaggio .e ti lascia è un conto..ma è relativo se abbia un lavoro o no...

2) Freeze Sessuale...di solito quando una ragazza non vuole farlo...è perchè non si sente a suo agio..vuole quel uomo che la "penetri" anche con lo sguardo

3)E li che hai sbagliato dovevi farti vedere uomo..dimostrando polso..lei era fredda e distaccata...fidati prova a ribattere con il cinismo..vedi come crolla..per il resto devi migliorare il frame.. provi qualcosa..allora cerca di reagire..trova del tempo per te..cerca di cambiare..ho fatto una specie di guida..se vuoi ti posto il link..sono delle osservazioni dacci una lettura,infondo ognuno ha passato questo momento..ma ricorda ci vuole del tempo per il sollevamento

* Ho sottolineato la parola sicurezza..perchè la donna vive con principi emotivi..e vuole la sicurezza ;)http://www.italianseduction.club/forum/t-53245-una-guida-sulla-one-itis/

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

I progetti non vanno mai a buon fine...se non vi è una strategia per applicarli...fidati vedo progetti da circa 3 anni..."oltre quelli lavorativi..tavole su tavole..usb su usb..occhi scoppiati su AutoCad" ma oltre questa battuta..fidati ti comprendo e ti capisco.."quel famoso viaggio che dovevate fare per X...e invece nulla...ti ritrovi con un pugno di mosche i mano...o un altra cosa..visto che si tratta ti pugni ;) "

1) La situazione lavorativa è rilevante in parte..se un uomo perde il lavoro e non può soddisfare le esigenze e la SICUREZZA della donna..li è sciacallaggio .e ti lascia è un conto..ma è relativo se abbia un lavoro o no...

Sono stato io a lasciare il lavoro. E quando lei cercava di capire che cosa volessi fare con la mia vita, sono partite spesso monologhi isterici su quanto odiassi l'idea di passare la mia vita in un ufficio, e di lavorare.

Qual e' il mio progetto di vita ora? Mi sono iscritto all'universita' in Italia, e spero entro i 30 anni di avviare qualche attivita' in proprio/con amici fidatissimi.

Pero' quando qualcuno mi chiede che cosa io faccia nella vita, mi sento un po' in imbarazzo a dire che ho lasciato lavoro e carriera per ripartire da zero. Non ho piu' 19 anni, nonostante le apparenze molto giovanili.

Non capisco da che cosa derivi questo "imbarazzo".

2) Freeze Sessuale...di solito quando una ragazza non vuole farlo...è perchè non si sente a suo agio..vuole quel uomo che la "penetri" anche con lo sguardo

Con lei ho avuto le prime vere esperienze sessuali. E inconsciamente ho riversato le mie insicurezze su di lei.

3)E li che hai sbagliato dovevi farti vedere uomo..dimostrando polso..lei era fredda e distaccata...fidati prova a ribattere con il cinismo..vedi come crolla..per il resto devi migliorare il frame.. provi qualcosa..allora cerca di reagire..trova del tempo per te..cerca di cambiare..ho fatto una specie di guida..se vuoi ti posto il link..sono delle osservazioni dacci una lettura,infondo ognuno ha passato questo momento..ma ricorda ci vuole del tempo per il sollevamento

* Ho sottolineato la parola sicurezza..perchè la donna vive con principi emotivi..e vuole la sicurezza ;)http://www.italianseduction.club/forum/t-53245-una-guida-sulla-one-itis/

Grazie per la guida. Mi piace perche' e' sincera e "sana".

Da diversi anni leggo roba PUA, ecc. ma sto capendo che il 90% mi fa solamente male, e crea disturbi nella mia personalita'.

Ad esempio, in estate ho fatto un viaggio da solo in cui ho conosciuto tante ragazze poco piu' che maggiorenni (di solito frequento gente piu' grande di me).

Per la prima volta nella vita, ho capito che posso risultare interessante per le ragazze.

Alcune si sono avvicinate a me, dopo aver capito alcuni lati alpha della mia personalita'. Una ci stava provando chiaramente con me.

In tutta risposta la/le ho allontanate con quell'atteggiamento: "ma che me ne frega a me di voi".

Ragionandoci su, vedo le ragazze come esseri che minacciano la propria felicita' e serenita', di cui bisogna avere un timore ancestrale.

Da che cosa puo' derivare questa misoginia estrema? Qualcun altro ha affrontato questo problema?

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

JackofBlade

Sono stato io a lasciare il lavoro. E quando lei cercava di capire che cosa volessi fare con la mia vita, sono partite spesso monologhi isterici su quanto odiassi l'idea di passare la mia vita in un ufficio, e di lavorare.

Qual e' il mio progetto di vita ora? Mi sono iscritto all'universita' in Italia, e spero entro i 30 anni di avviare qualche attivita' in proprio/con amici fidatissimi.

Pero' quando qualcuno mi chiede che cosa io faccia nella vita, mi sento un po' in imbarazzo a dire che ho lasciato lavoro e carriera per ripartire da zero. Non ho piu' 19 anni, nonostante le apparenze molto giovanili.

Non capisco da che cosa derivi questo "imbarazzo".

Con lei ho avuto le prime vere esperienze sessuali. E inconsciamente ho riversato le mie insicurezze su di lei.

Grazie per la guida. Mi piace perche' e' sincera e "sana".

Da diversi anni leggo roba PUA, ecc. ma sto capendo che il 90% mi fa solamente male, e crea disturbi nella mia personalita'.

Ad esempio, in estate ho fatto un viaggio da solo in cui ho conosciuto tante ragazze poco piu' che maggiorenni (di solito frequento gente piu' grande di me).

Per la prima volta nella vita, ho capito che posso risultare interessante per le ragazze.

Alcune si sono avvicinate a me, dopo aver capito alcuni lati alpha della mia personalita'. Una ci stava provando chiaramente con me.

In tutta risposta la/le ho allontanate con quell'atteggiamento: "ma che me ne frega a me di voi".

Ragionandoci su, vedo le ragazze come esseri che minacciano la propria felicita' e serenita', di cui bisogna avere un timore ancestrale.

Da che cosa puo' derivare questa misoginia estrema? Qualcun altro ha affrontato questo problema?

Io per natura sono un misantropo...sono cresciuto con tre donne..sarebbe un paradosso,ti assicuro per un periodo mi sono sentito...esiliato,tutti impegnati io no..ecc.,poi si cresce si migliora e di ragazze ne conosci...e altre ne conoscerai,feste,festini ecc. Ti dico che una cosa mi fa andare in bestia..quando una persona non usa la propria testa..e fa ciò che va contro me stesso o usa la sua intelligenza per "far del male o ridere alle spalle" una specie di inadempienza...ho cacciato delle ragazze per questo..fidati è come un profilo Facebook..talvolta devi fare delle pulizie...è una questione di ordine,la misoginia..è una variabile una condizione imposta,perchè non hai trovato quella donna..che devi dimostrare un alpha...suvvia,di ragazzine ne possiamo avere..ma quella donna fatta a donna...li è la sfida,li è il gioco,fidati è facile farla crollare...una donna cerca un uomo..ma ogni parola deve essere mirata e ponderata..li è il bello ..trasmettere emozioni, e talvolta farle capire chi sta sopra..lei cerca di baciarti e tu ti fai desiderare..poi una sera te ne vai in disparte e piano piano la chiudi..senza che se ne accorge...come se fosse la serata più bella della sua vita..ecco la causa della tua misoginia semplice...ti stanno sulle scatole le donne/persone che non soddisfano te..ma in fondo c'e qualche donna..che la soddisferà..questo è un uomo alpha..sapere che c'e ma non farsi illusioni..perchè potrebbe essere anche quella ragazza che conoscerai sta sera al bar..l'abborderai e poi..troverai la donna..è irrazionale lo so..ma i sentimenti sono cosi..l'unica cosa razionale e dimostrare a te stesso che sei un uomo " un uomo non è misogino" MAI.... perchè non odia..non porta rancore e soprattutto quando trova un ostacolo lo abbatte..ma devi prima dimostrarlo no con atteggiamenti..ma con l'essere l'uomo alpha..no apparire

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Questi giorni sto metabolizzando il tutto. Devo dire che sta andando piuttosto serenamente, anche perche' ormai non ci sono piu' illusioni o mezze speranze.

Adesso continuo a vivere nella casa dove vivevamo, dato che per ottobre/novembre mi serve avere una base in questa nazione per ulteriori viaggi, e nel frattempo che lei si trovi un posto piu' economico dove abitare da sola.

L'atmosfera che si respira in casa e' da amici di lunga data. Mi sto facendo inconsciamente del male?

Io le dissi anni fa, che non l'avrei voluta mai come amica, dopo un litigio in cui ero sul punto di lasciarla. Ma ora che ci siamo lasciati veramente, dopo che lei mi ha detto: "preferisco essere chiara con te, e non voglio trascinare avanti una storia in cui giustamente reclami anche un'intesa sessuale. Non vorrei dunque perderti come amico, e odiarti come persona", io mi sono reso conto che in realta' c'e' forte intesa da amici, e che sarebbe stato artificiale allontanarla dalla mia vita a priori.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ieri ho fatto un viaggio da solo in un'altra citta', per farmi una passeggiata.

Pero' sto lentamente perdendo il frame, mi sto lasciando trascinare dall'angoscia dei pensieri.

Veramente, a volte non so perche' mi vengono questi sentimenti negativi. Da anni leggo materiale su seduzione, red pill e affini. Capisco la dinamica, e la sperimentai sulla mia pelle in una settimana in cui iniziai per conquistare, e finii per farmi calpestare da una psycho.

Ma in questo caso, la mia ex non e' una psycho, e non ci stiamo facendo male a vicenda.

Eppure profondamente non voglio accettare che queste siano le dinamiche dell'amore. Io stesso che un mese fa non ho chiuso una ragazza soffiata sotto il naso del ragazzo, solo perche' amareggiato da queste dinamiche.

Sono il solo a pensare queste cose? E' come se in me convivessero elementi alpha e beta. Vivevo con meno stress prima di interfacciarmi al mondo femminile (quando ero under 19)...e ora che il dado e' tratto, e' una strada verso l'autodistruzione.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...