Vai al contenuto

Non fatelo.


maldiluna
 Condividi

Messaggi raccomandati

Bho, sarò strano ma non accetto mai cocktails dagli sconosciuti (maschi).

Più che per la paura che ci possano mettere dentro qualche sostanza strana, evito per il fatto che subito dopo potrebbero arrogarsi il diritto di stare in mezzo ai piedi, cercare di conoscerti (senza secondi fini omo) o semplicemente disturbarti mentre stai conversando con qualche HB. Che poi è quello che ti è successo.

Un'altra chiave di lettura del racconto potrebbe essere: Occhio ai wing improvvisati.

Molte volte sono acqua nel deserto, altre benzina sul fuoco.

Grazie per la condivisione, i tuoi post sono sempre fonte di ispirazione.

Modificato da Boulevard
  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Bluesy_Voice

Mi dispiace per te che hai trovato questo morto di fame.

Che senso ha avere amici con lo yach quando, come me, ne possiedi uno?

E poi quelle 12 bottiglie di vino...sicuramente roba dozzinale da supermercato! Non come le mie bottiglie d'annata che condivido con chiunque, potendo vantare una collezione sterminata che ben si combina al mio carattere generoso.

E che dire del fatto di guidare un'Audi con i valori di emissione di CO2 sicuramente alterati?

Ti ho già detto che sto scrivendo questo messaggio con uno dei miei tre iPhone 6S?

:lol2: :lol2: :lol2:

  • Mi piace! 6
Link al commento
Condividi su altri siti

TADsince1995

Aspetta maldiluna, non confondiamo il DHV con il fare lo spaccone e lo spocchioso in maniera grossolana come ha fatto il tipo. Il DHV va bene, ma bisogna saperlo fare.

  • Mi piace! 5
Link al commento
Condividi su altri siti

Hesediel

Nel leggere questa storia, ho bestemmiato io per te.

Dico la mia sul DHV: l' "alto valore", qualunque cosa significhi, lo devi sudare da ogni tuo poro della pelle, lasciando che la tua bocca si impegni a fare altro.

Mi spiego.
Mi sentirei ridicolo a spiattellare storielle per evidenziare il mio valore.
Davvero, non ho bisogno che la gente che mi ascolta applauda per le storielle che racconto, non me ne frega niente.
A meno che non fossi un barzellettiere.

Preferisco mille volte che il mio "valore" venga appena percepito, che ci siano indizi nel modo in cui parlo, nelle mie movenze, nel mio sguardo, che lascino nella HB e, perché no, in generale nelle persone, il dubbio che sotto quello che stanno vedendo e ascoltando, ci sia molto di più.

Qual è il problema di questo? Beh, il fatto che DEVE esserci qualcosa di più. Il DHV come storiella imparata e recitata nasce proprio dall'esigenza di colmare questo vuoto.
Io non voglio colmare un vuoto con le storielle, io voglio colmarlo con l'esperienza.

Altro esempio.
Una persona che nella vita, partendo da una base di vita "normale", è riuscito a raggiungere il successo lavorativo tramite le proprie capacità, non avrà alcun bisogno di ostentare il danaro guadagnato, ma ogni suo respiro, ogni parola, ogni muscolo mosso, lasceranno percepire quelle qualità che lo han portato in alto nel lavoro, senza però stare a fare lo sbrodolone a parole.

-Hese

  • Mi piace! 8
Link al commento
Condividi su altri siti

maldiluna

Bho, sarò strano ma non accetto mai cocktails dagli sconosciuti (maschi).

Più che per la paura che ci possano mettere dentro qualche sostanza strana, evito per il fatto che subito dopo potrebbero arrogarsi il diritto di stare in mezzo ai piedi, cercare di conoscerti (senza secondi fini omo) o semplicemente disturbarti mentre stai conversando con qualche HB. Che poi è quello che ti è successo.

Un'altra chiave di lettura del racconto potrebbe essere: Occhio ai wing improvvisati.

Molte volte sono acqua nel deserto, altre benzina sul fuoco.

Grazie per la condivisione, i tuoi post sono sempre fonte di ispirazione.

Chi fa da sé fa per tre e se c'ha culo fa anche i triangoli :)

Mi dispiace per te che hai trovato questo morto di fame.

Che senso ha avere amici con lo yach quando, come me, ne possiedi uno?

E poi quelle 12 bottiglie di vino...sicuramente roba dozzinale da supermercato! Non come le mie bottiglie d'annata che condivido con chiunque, potendo vantare una collezione sterminata che ben si combina al mio carattere generoso.

E che dire del fatto di guidare un'Audi con i valori di emissione di CO2 sicuramente alterati?

Ti ho già detto che sto scrivendo questo messaggio con uno dei miei tre iPhone 6S?

:lol2: :lol2: :lol2:

ahahaha mitico

Aspetta maldiluna, non confondiamo il DHV con il fare lo spaccone e lo spocchioso in maniera grossolana come ha fatto il tipo. Il DHV va bene, ma bisogna saperlo fare.

Eh, non so cosa intendi tu!

Per la definizione che ho io in testa di dhv, è sempre sbagliato farlo ed è molto meglio essere banali, disinteressati e superficiali per scopare.

Nel leggere questa storia, ho bestemmiato io per te.

Dico la mia sul DHV: l' "alto valore", qualunque cosa significhi, lo devi sudare da ogni tuo poro della pelle, lasciando che la tua bocca si impegni a fare altro.

Mi spiego.

Mi sentirei ridicolo a spiattellare storielle per evidenziare il mio valore.

Davvero, non ho bisogno che la gente che mi ascolta applauda per le storielle che racconto, non me ne frega niente.

A meno che non fossi un barzellettiere.

Preferisco mille volte che il mio "valore" venga appena percepito, che ci siano indizi nel modo in cui parlo, nelle mie movenze, nel mio sguardo, che lascino nella HB e, perché no, in generale nelle persone, il dubbio che sotto quello che stanno vedendo e ascoltando, ci sia molto di più.

Qual è il problema di questo? Beh, il fatto che DEVE esserci qualcosa di più. Il DHV come storiella imparata e recitata nasce proprio dall'esigenza di colmare questo vuoto.

Io non voglio colmare un vuoto con le storielle, io voglio colmarlo con l'esperienza.

Altro esempio.

Una persona che nella vita, partendo da una base di vita "normale", è riuscito a raggiungere il successo lavorativo tramite le proprie capacità, non avrà alcun bisogno di ostentare il danaro guadagnato, ma ogni suo respiro, ogni parola, ogni muscolo mosso, lasceranno percepire quelle qualità che lo han portato in alto nel lavoro, senza però stare a fare lo sbrodolone a parole.

-Hese

Concordo assolutamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

Bluesy_Voice
Preferisco mille volte che il mio "valore" venga appena percepito, che ci siano indizi nel modo in cui parlo, nelle mie movenze, nel mio sguardo, che lascino nella HB e, perché no, in generale nelle persone, il dubbio che sotto quello che stanno vedendo e ascoltando, ci sia molto di più.

Infatti interpreto il DHV come un qualcosa che si trasmette "a pelle" e non un insieme di racconti più o meno mandati a memoria (questa roba lasciamola ai seguaci di Mystery).

Se sei sicuro di te e sei a tuo agio prima con te stesso e poi con gli altri, non hai alcun bisogno di ostentare perché il tuo valore verrà fuori comunque.

Viceversa, è proprio l'insicurezza a spingere a dover mostrare quello che hai (ed anche quello che non hai! Ho sentito certe storie in proposito...).

L'ostentazione rende piuttosto ridicoli sia nei rapporti sociali ordinari che nelle varie fasi della seduzione...che senso ha elencare i titoli e le azioni che possiedi se a malapena conosco il tuo nome (e forse nemmeno quello)?

Non escludo che simili atteggiamenti possano essere quantomeno tollerati (o addirittura accettati ed incoraggiati) in determinati contesti sociali, ma, anche in quel caso, si tratta di un'arma a doppio taglio. Quando fai a gara a chi ce l'ha più grosso (il panfilo...cosa credevate? ;)), quello che ti sovrasta è sempre dietro l'angolo...e in quel caso sono cazzi amari (tanto per rimanere nei doppi sensi ;))!

Molto meglio essere diversi...essere unici...essere cioè il miglior se stesso, distinguendosi da quella massa belante che cerca supporto e conforto in elementi esterni.

Questo, a mio parere, è vero DHV.

  • Mi piace! 4
Link al commento
Condividi su altri siti

Clock

L'ostentazione rende piuttosto ridicoli sia nei rapporti sociali ordinari che nelle varie fasi della seduzione...che senso ha elencare i titoli e le azioni che possiedi se a malapena conosco il tuo nome (e forse nemmeno quello)?

Non escludo che simili atteggiamenti possano essere quantomeno tollerati (o addirittura accettati ed incoraggiati) in determinati contesti sociali, ma, anche in quel caso, si tratta di un'arma a doppio taglio. Quando fai a gara a

Se hai avuto la (s)fortuna di frequentare posti come il prive del Billionare o similiaria, che pullululano di personaggi come quelli del post avrai visto che l'ostentazione è la norma.

Per il linguaggio PUA sono dei AFC... in questo caso senza dubbio penso sia meritevoli chiamarli per ciò che sono "POLLI"

Link al commento
Condividi su altri siti

Nakama

Max aveva ragione, vantarsi è un evidente segno di insicurezza e bisogno d'approvazione.

Questo concetto di mostrare valore viene troppo facilmente mal interpretato.

Non c'è alcun bisogno di fare dimostrazioni, le donne si accorgono da sole se vali o meno.

Ma sappiamo tutti bene quanto è difficile crescere e diventare una persona di valore.

Non c'è da stupirsi se il mondo è pieno di cazzari che sperano di arrivare al risultato senza fatica

  • Mi piace! 3
Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...