Vai al contenuto

Aiuto su una LTR ONE ITIS con figlio


 Condividi

Messaggi raccomandati

Azazello1051

Salve ragazzi,

cercherò di essere stringato e di riassumere in poche, necessarie, righe, 8 anni di LTR.

Io e la mia lei ci conosciamo casualmente a casa di un'amica comune. Amore a prima vista. Io uscente da una storia in fin di vita, lei impegnata in una storia a distanza (il suo ex le serviva da testa di ponte per un futuro trasferimento in terra straniera). Per farla breve, in poco più di un mese mi trasferisco da lei. Dopo un pò lei mi comunica di non voler più partire per la Costa Rica (sogno di una vita) ma di voler vivere con me. Momenti di pura felicità ed esaltazione.

Viviamo due anni di amore totale, di attrazione, di sesso totale, di affinità totale, di vita totale.

Decidiamo di comprare casa. Io compro casa e mentre ristrutturo ci trasferiamo momentaneamente in un altro appartamento. Lì succede il primo fattaccio.

Lei scopre che ho intrattenuto rapporti virtuali con una ragazza di bologna (cosa iniziata molti anni prima di conoscerla ed andata avanti per il puro gusto di farsi seghe in compagnia) anche mentre ero con lei (ci tengo a precisare, per completare il quadro, che non ho mai voluto incontrare la bolognese e che al momento dello sgamo la cosa era già scemata drasticamente). Tragedia.

PIanti, sofferenza, sensi di colpa e tutto quello che si addice ad un tradimento (sia pure virtuale).

Nel frattempo i lavori di ristrutturazione finiscono e ci trasferiamo a casa nuova con uno spirito non proprio allegrissimo. Ci riproviamo. Io la amo anche se lei è visibilmente bloccata ed anche un pò incazzata.

Poi la magia...è incinta. Dico magia perchè a causa di una malattia e delle medicine che prendo, sarebbe stata veramente dura concepire, a meno di interrompere l'assunzione dei farmaci per un pò. So che state già malignando :-D Il figlio è senza dubbio mio. E come potete immaginare, è la cosa più bella della vita di entrambi.

Passiamo nove mesi bellissimi, dinuovo affiatati, i problemi sembrano superati...sembrano.

Nasce mio figlio, un mese prima del tempo...aveva fretta di uscire. Sta bene. Sono già passati 4 anni ma sembrano 10 giorni.

Il problema è che io non so fare il padre..non sono proprio capace. Sono immobilizzato dalla visione di quell'esserino così piccolo. Preso dai sensi di colpa, non esco più. Rimango a casa, incapace di fare nulla, ma cercando di trovare il modo di interagire col piccolo...e con la mia lei che, complice anche la mancanza di sonno durata circa due anni, è sempre più indolente.

Ad un certo punto capisco dove sbaglio e dopo numerosi tentativi rimetto a posto le cose con mio figlio (ora abbiamo un rapporto splendido)...mi rendo conto però che ho rovinato le cose con lei.

Insomma, per farla breve, sono due anni che viviamo tra incertezze, ripensamenti, tradimenti (suoi), ritorni di grande amore, nuovi ripensamenti.

Oggi, a 40 anni, lei 38 tra pochi giorni, sono arrivato al fatidico bivio.

Io credo che la mia famiglia sia la cosa più importante (anche perchè sono vissuto in una casa dove il concetto di famiglia era molto vago) e so per certo che mio figlio (molto intelligente e sensibile) abbia già compreso che le cose non vadano bene.

Per questo ho provato e riprovato a far funzionare le cose...evidentemente ottenendo solo lo scopo di perdere valore ai suoi occhi.

Ho letto il libro di Alexander su come riconquistare la propria ex in 30 gg, l'ho trovato, sulle prime, interessante. Poi mi sono soffermato sul fatto che, al netto di tutti i consigli sul miglioramento dell'io, la tecnica s basa solo sul non farsi sentire per 21 gg. Dò per scontato infatti che se una persona, anche se donna, quindi con innate capacità di capire le più piccole sfumature emotive, non possa capire un bel niente se non ti vede e non ti sente.

Davvero lo sparire ha un effetto così potente ??

Ok. mettiamo in pratica i suggerimenti di Alexander e spariamo...la domanda è: Come faccio a sparire dato che abbiamo un figlio ?

Aspetto illuminati consigli da chi magari ci è già passato e da chiunque voglia aiutare un uomo che ha paura di rendere suo figlio infelice. Pagherebbe per scelte non sue e non è giusto.

Grazie a tutti

Link al commento
Condividi su altri siti

PaoloB

Non credo che questa tecnica (che non conosco) possa fare al caso tuo.

Metti e mettete vostro figlio al centro delle priorità, anche se per prima cosa devi pensare che tu e lei siete due persone ed avete il diritto di essere felici, o perlomeno di provarci ad esserlo.

Premesso questo, racconti di errori superficiali tuoi legati ad una conoscenza virtuale, poi di inadeguatezza iniziale al ruolo di padre... Da parte sua, i primi anni di vostro figlio difficili per mancanza di sonno e vita di coppia assente, per cui i tradimenti.

Il dialogo potrebbe essere la via migliore. Cercare di capire se c'è la voglia di ricostruire prima il vostro rapporto, in modo franco e schietto.

In caso positivo mettetecela tutta, impegnatevi. Questo non vuole dire che ce la farete, ma almeno potrete dire di averci provato.

Se non c'è la volontà, direi che c'è poco da fare. Separate le vostre strade mantenendo tutto l'affetto e le attenzioni per vostro figlio.

Cosa vuoi insegnare a tuo figlio? Questo me lo sono chiesto anche io... a suo tempo.

Vuoi insegare che quella che state vivendo è una famiglia, oppure se proprio non c'è rimedio, che un padre può essere tale anche se non dorme nella stanza accanto?

Link al commento
Condividi su altri siti

lime09

Lascia perdere quella tecnica nel modo più assoluto, il libro come hai detto anche tu parla di come riconquistare la tua ex in 30giorni, cosa che non centra assolutamente niente con la tua situazione: state insieme, vivete insieme e avete un figlio.

Ti do una brutta notizia, purtroppo non esiste libro, formula magica o tecnica che può aiutarti. Solo la tua e la sua volontà di ricostruire la vostra relazione può essere la soluzione.

Ne avete mai parlato? lei cosa ha fatto nel bene e nel male per questa relazione?

Modificato da lime09
Link al commento
Condividi su altri siti

Azazello1051

Ciao Ragazzi,

grazie per le risposte.

@PaoloB l'ultima frase mi ha molto colpito. Io vorrei insegnargli cos'è una famiglia. Vorrei insegnargli che una famiglia è unita e supera le difficoltà, appunto, come una famiglia. Ma per fare questo credo ci sia bisogno di essere in due. Altrimenti uno dei due, inevitabilmente, soccombe...e purtroppo quello, al momento sono io.

Poi è chiaro che un padre, o una madre, non si valuta dalla sua ubicazione spaziale. Io sarò sempre il padre anche se vado in Groenlandia...ma noi tre non saremo più una famiglia.

Il dilemma è proprio questo. Sacrificarsi per la famiglia o cedere alle tentazioni di egoismo ? Certo che scegliere sarebbe più facile se mio figlio non volesse mettersi a letto con tutti e due per abbracciarci insieme.

@lime09 siamo in una situazione di stallo, nel senso che lei, vuoi anche per motivi lavorativi (si è appena dimessa per iniziare un'attività in proprio), è assolutamente poco incline a parlare della ns situazione, salvo poi confidarsi con amiche comuni e dire che si, mi adora, ma non prova più il sentimento di prima. Le ho proposto una serie più o meno vasta di soluzioni, compresa l'analisi di coppia, alle quali mi sono sempre sentito rispondere con un no. Come se non avesse voglia di affrontare la cosa. Come se, è brutto dirlo ma credo sia così, le facesse comodo questa condizione di interregno.

Alla domanda cosa ha fatto per questa relazione...beh...quando è scoppiato il bubbone del tradimento, devo dire, si è molto impegnata in noi. Era proattiva, si ritagliava del tempo per stare insieme, anzi, lo cercava. L'unica cosa è che pretendeva che io fcessi finta che non fosse mai successo nulla, cosa impossibile (ovviamente, l'accaduto aveva minato la mia sicurezza).

Questo accadeva a giugno. Siamo poi andati in vacanza ad agosto, ma lei ha avuto la testa immersa in questa suo nuova avventura e da lì, la fine.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...