Vai al contenuto

Distanza, paura e altre menate. AIUTO!


Dolan
 Condividi

Messaggi raccomandati

Buonasera, signori. Vi chiedo una mano per questa situazione (perdonate se mi dilungo).

[Premessa.
--) 31/7-2/8. Conosco una ragazza ad un festival di 3 giorni. Ci scambiamo FB, parliamo un po'. Lei 20 anni, io 28. Ci dividono circa 280 km (2 ore e mezza di treno).

--) 7/8-9/8. Altro festival insieme. Il pomeriggio del primo giorno mi prende da parte e mi dice: "questo volevo già farlo settimana scorsa" e mi limona duro.

Tre giorni passati insieme, tra baci e palpate. Le prime due sere solo preliminari (ciclo); la terza si consuma!

Ritornati alla vita civile, mi cerca lei già dal giorno successivo. Mi scrive (ci scriviamo) tutti i giorni.

Una gita con amici comuni, per poterci rivedere e fare un nuovo round, salta all'ultimo; ci rimaniamo entrambi molto male (lei incazzatissima), ma riusciamo a combinare un weekend solo per noi due. Nel mentre, continuiamo a sentirci: fb, chat, telefono. Aumenta la complicità].

--) 18/9-21/9: finalmente ci vediamo. Romanticismo e carnazza. Tubiamo come piccioncini. In giro mano nella mano, sempre avvinghiati, baci appassionati, sesso.

Buona intesa, nonostante in alcune cose lei sia inibita. Una sola ombra: domenica, viene fuori l'argomento "futuro".

Taglio corto: "ci penseremo quando sarà il momento, godiamoci l'attimo". Finiamo a letto. Il giorno dopo devo ripartire. Sempre abbracciati mentre mi accompagna in stazione; entrambi tristi per la separazione. Stavo iniziando a crederci. Era intrigante e interessante sentirsi ed era stato molto bello vedersi.
Nei due giorni successivi, però si allontana, finché giovedì avviene lo psicodramma. Decide di troncare:

1) [dati di realtà] "Siamo lontani, nessuno dei due lavora, non abbiamo un posto dove stare da soli e poi adesso che ho ripreso l'università non possiamo sentirci tanto e mi fa male, non può continuare".

La smonto (ok, insultatemi) dicendo che oggettivamente è tutto vero, ma sono ostacoli superabili se si è veramente interessati.

2) (dopo aver negato il suo "non sufficiente interesse"): "sono confusa e non so cosa voglio; mi trovo bene con te, ma magari scopro che voglio il tuo affetto solo come amico".
PALLA COLOSSALE. So al 100% che non c'è un altro e la confronto sull'amicizia. E risponde così: "Per me è tutto questo non è nato come amicizia, né lo è ora".

3) (argomenti che aveva appena accennato nelle due versioni precedenti): "Ho paura. Ho iniziato a pensare alla possibilità che potesse esserci una relazione tra noi. Ne ho già avuta una a distanza e non ha funzionato, so che sarà ancora così". Le chiedo se è stata la parola "relazione" che ha scatenato il tutto e cosa sarebbe successo se avessimo continuato a sentirci come avevamo fatto fino a quel momento.
Risponde: "Sarebbe solo rimandare la questione. Mi sono impanicata. In questo mese e mezzo mi sono trovata molto bene con te e quel che ho provato era vero, ma è stato uno sforzo duro e non me la sento. Il bilancio tra pro e contro non è positivo. Credevo di aver risolto i miei problemi, ma evidentemente non sono ancora pronta per impegnarmi".

A posteriori mi sono reso conto di aver fatto degli errori del cazzo, di essere stato poco lucido (difficile far funzionare bene il cervello in quei momenti) e di averle passato un messaggio di rassegnazione/chiusura (aveva detto "non mi sento di aver nessun tipo di relazione" o similia).

Mi saluta con la solita perculata. "Mi piacerebbe rimanere in buoni rapporti. Mi basta non odiarci. Questo mese e mezzo è stato breve ma intenso, conserverò sempre un bel ricordo di te e del tempo passato insieme. Se hai bisogno di me sono qui, ma capisco se non vorrai più parlarmi. Ti voglio bene". Almeno stavolta non sono stato così imbecille da chiudere la porta totalmente.

Da allora, freeze. La prima settimana è stata durissima, ma ora va meglio.

Ho deciso di fregarmene delle sue menate. Il problema sono i tempi: sono passate circa due settimane, lei non avrà "risolto i suoi problemi", ma non voglio far raffreddare ulteriormente la cosa. So che non ho molte possibilità, ma voglio giocarmela ancora; se non va, next. MA COME FARE?
Inizierei a riallacciare rapporti (si accettano suggerimenti sulle modalità) per poi dirle subito che il giorno X farò un giro dalle sue parti con dei miei amici e la invito a prendere qualcosa insieme (si accettano anche in questo caso suggerimenti sulla gestione dell'uscita eventuale). Problema: purtroppo prima di un mese è difficile (impossibile) realizzare questo giro.
Quindi: sparare subito la cartuccia? Se sì, come lo gestisco il mesetto di attesa? Oppure due chiacchiere ogni tanto e proporre solo quando la data è certa?
Oppure, avete suggerimenti di qualunque tipo?
Grazie, regas


Link al commento
Condividi su altri siti

Minchia, una bella rogna. Soprattutto, che sia già lì bisognosa di attenzioni.

Invece del freeze, che non fa altro che darle la conferma che cerca, prova semplicemente a tornare come nulla fosse.

"Ehi, come va?"

Nessuna spiegazione, non darle modo di lagnarsi, fai finta che sia sotto casa e puoi vederla quando vuoi. Ma trattala da amica, non da morosa. Intanto saggi il terreno, senti com'è la situazione.

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Intanto ti ringrazio per la risposta, poiuyto ;)

Sì, è un casino. Come dicevo, in certe cose è inibita e ha il suo bel carico di merda in testa. Però, in fin dei conti, ci sta.
Lei, dopotutto, ha 20 anni. Le possiamo concedere almeno le attenuanti dell'età, no? Diverso background e diverse prospettive.

Però ecco, il freeze è servito a me. Ci sono rimasto sotto di brutto, obiettivamente TROPPO.

Alla fine l'ho ricontattata. Scambiati un po' di messaggi in chat. Si era anche ipotizzato che venisse dalle mie parti questo fine settimana.
(Vengono nella mia città alcuni miei amici che lei conosce, per un evento). Non è stata evasiva o cambiato argomento, anzi...solo che deve vedere come è messa a soldi (ovviamente non promette nulla). Salutandomi, mi ha detto che le ha fatto piacere risentirmi...

Bona, ora vediamo che succede!

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Visto che mi hai aiutato, mi sembra giusto dirti come sia andata poi.

Ci siamo risentiti. Risponde, ma ovviamente è più fredda. Credo che per ora (chissà quanto), non ci sia trippa per gatti.
Con una battuta avevo accennato all'ipotesi di rivederci, senza fissare un date preciso.

Quando ho ripreso in mano il telefono ho trovato tre messaggi, a distanza di un quarto d'ora.
Il primo, una risata; il secondo "ma in amicizia" e il terzo "aspetta, prima esplicitami bene le tue intenzioni, giusto per essere chiari".

La cosa assurda è che mi ritrovo a pensare a quanto mi sia difficile tornare ad uno stile come quello pre-rottura (una volta era da amici e mi ha implorato di smettere di dirle certe cose perché si stava eccitando e non aveva modo di sfogarsi), mentre ora ho un blocco anche solo a mettere una emoticon in un messaggio, cazzo...
Idem col kino. Se penso a cosa ho fatto al festival con lei...

Vabeh, è il caso di ripigliarsi un po', ci sto troppo sotto

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...