Jump to content

Arti Marziali e sviluppo personale


satira
 Share

Recommended Posts

satira

Non dico nulla di nuovo, lo racconta il buon Mystery. Un uomo dovrebbe conoscere due tipi di arti, quelle venusiane e quelle marziali. La prima serve per riprodursi la seconda per sopravvivere.

Ovviamente, spero sia lo stesso anche per voi, non vivo in un luogo dove uscendo di casa si rischia la vita e nemmeno un'aggressione. Ma lo stronzo di turno può sempre capitare ed è buona cosa sapere come difendersi.

E' altrettanto chiaro che nessuno pretende di diventare bruce lee e di buttare giù 10 uomini da solo. Ma sono altrettanto convinto che la consapevolezza di riuscire a difenderti da un'aggressione sia qualcosa che aiuti molto il proprio sviluppo personale, anche se poi questa necessità non si dovesse mai presentare

Detto questo, io a giorni inizierò un corso di Jeet kune do. Mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi pratica questa disciplina o altre. E come si è trovato dopo aver acquisito la capacità e la consapevolezza di sapersi difendere.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 23
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • FullSashimi

    1

  • SynergiA

    3

  • Frunk31

    3

  • bagnoale

    1

blackhat

Per quanto riguarda me, devo dire che dieci anni di arti marziali mi hanno veramente cambiato in meglio: dal punto di vista fisico e sopratutto dal punto di vista mentale, aiutandomi ad acquisire quella sicurezza di me che prima mi mancava completamente.

Io ho praticato Kung Fu, di cui il Jeet kune do è una versione moderna.

I risultati non sono immediati, sono pratiche che richiedono tempo e dedizione, ma senz'altro importanti.

Link to comment
Share on other sites

Frunk31
Detto questo, io a giorni inizierò un corso di Jeet kune do. Mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi pratica questa disciplina o altre. E come si è trovato dopo aver acquisito la capacità e la consapevolezza di sapersi difendere.

Ho praticato, ormai un po' di anni orsono, Jeet kune do e ti posso dire, che tra tutte le arti marziali che ho praticato, la reputo quella che più mi ha soddisfatto. Secondo il mio punto di vista, è una delle poche, che pur essendo moderna, mantiene invariato lo spirito marziale dei tempi andati, ovvero il fine ultimo dell'autodifesa (sopravvivenza) e non lo spirito agonistico di oggi fine a se stesso.

Mi sembra quindi una buona scelta, viste le tue premesse. Il Jeet kune do è un'arte moderna, evoluta, sofisticata e soprattutto efficace in combattimento reale senza protezioni.... Altro punto a favore, a differenza delle altre, si impara molto in fretta in quanto i dettami di Bruce Lee erano proprio quelli di avere tecniche semplici al massimo per rendere più facile l'applicazione nelle situazioni reali e ridurre al minimo le possibilità di sbagliare.

Ultima nota, in combattimento reale la tecnica non basta, quello che fa la differenza è la motivazione e l'aggressività.... e il Jeet kune do non trascura neanche questo aspetto....

Only my opinion, Sarge On

Link to comment
Share on other sites

Kiro

Il fatto è che si fa fatica a trovare palestre che sanno insegnarlo seriamente.

Link to comment
Share on other sites

Kant84

Anche io pratico il jeet kune do da tre mesi,

proprio ieri sera ho preso un bel calcio in faccia poiche in combattimento ho abbassato la guardia e l'avversario piu esperto di me mi ha punito. Sono caduto a terra, se mi avesse preso il naso di colpendomi di striscio oggi lo avrei rotto, invece ho soltanto un livido in fronte. Questo può insegnare qualcosa? Si.

Non cè da aggiungere altro. Le arti marziali servono a tante cose. L'ultima è quella di usarle in strada, poiche chi guarda i film di Van Damme crede di poter fare il fenomeno, chi invece le botte le prende davvero, sa cosa vuol dire, e sa che fare a botte sul serio vuol dire, in primis, farsi DAVVERO male, rischiando molto. (Con un pugno si può anche morire con un emorragia interna che è impossibile da curare e molte volte indiagnosticabile) Pensate che stia esagerando? E' perchè non lo avete mai provato.

Il jeet kune do, superato il livello principiante (quello dove sto io ora), è un'arte marziale completa ma soprattutto efficace e vera. La crescita personale a livello psicologico può essere enorme, la lotta è una metafora della vita, noi parliamo di superare le paure e di quanto questo aiuti, e quando sei davanti a un avversario forte che ti colpisce "davvero" senti la paura e reagisci con determinazione. Azione ---> reazione. Ok ce ne sono tante di situazioni nella vita di situazioni possibili dove ti alleni a saper rispondere, a saper reagire, io ho incontrato le arti marziali, il jeet kune do, e sento, vedo che è un'ottima palestra per questo, anche in virtu del fatto che il combattimento quando lo si fa, (dopo mesi di allenamento sulla tecnica ) è vero, reale, rischioso, non come nel karate dove per regola non ci si deve toccare, cioè proprio non cè contatto.

Ci vorrebbe tanto a spiegare tutto quello che cè dietro e quello che ti puo dare il jeet kune do. Per dirla in due parole: 

Vuoi essere un uomo con piu palle, autorità e determinazione? Prova le arti marziali, risvegliando l'istintuale aggressività (positiva, finalizzata alla realizzazione dell'obbiettivo) che ogni uomo ha dentro di se ma che si è spenta in una società opprimente e fatta di gente passiva

Link to comment
Share on other sites

Escalus

Io ho praticato una scuola di Kung fu tradizionale e confermo dicendo quanto questa pratica aumenti la fiducia di se e delle proprie capacità. Praticare un'arte marziale ti da quella sicurezza che non deriva solo dalla consapevolezza di avere una buona autodifesa, ma dalla convinzione che per raggiugere quel determinato stato ci si è allenati con costanza e determinazione. Sarebbe comunque da fare un discorso molto lungo.

Ultima nota, in combattimento reale la tecnica non basta, quello che fa la differenza è la motivazione e l'aggressività.... e il Jeet kune do non trascura neanche questo aspetto....

Un mio insegnante una volta mi disse che l'esito di un combattimento è deciso già prima che questo avvenga.

Link to comment
Share on other sites

FullSashimi
Detto questo, io a giorni inizierò un corso di Jeet kune do. Mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi pratica questa disciplina o altre. E come si è trovato dopo aver acquisito la capacità e la consapevolezza di sapersi difendere.

Imparare qualcosa è sempre un grosso arricchimento, specie quando si parla di arte ;)

In particolare, in un'arte marziale, se hai la pazienza e la costanza impari un sacco di cose, impari a conoscere il tuo corpo, ti sfoghi, insomma...non fa bene, fa benissimo.

Sinceramente, anche se poco paragonabili, meglio un'arte marziale che la palestra intesa come fitness come va di moda adesso.

C'e' però da dire una cosa sull'autodifesa, visto che mi pare che in questo thread ci sia qualche appassionato: ragazzi, occhio a pensare che imparare una qualunque disciplina del genere vi salvi sempre il culo in situazioni brutte.

Autodifesa è un termine comodo a chi vi vuole vendere il corso, e non è cosi' scontato che uno (faccio un esempio) dopo 3 o 10 anni di jeet kune do sappia uscire illeso da una rissa davanti ad un locale, tanto per dirne una.

In particolare vedo parecchio deviante la combinazione "atteggiamento alpha" + "conoscenza di arti marziali"...ci vuole niente a sopravvalutarsi, purtroppo.

Per cui la mia opinione è: fanno tanto bene come percorso di crescita, ma siccome è un mondo brutto brutto brutto e non sai mai chi hai di fronte, meglio usare le arti verbali per evitare qualsiasi tipo di scontro ;)

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

bagnoale
Anche io pratico il jeet kune do da tre mesi,

proprio ieri sera ho preso un bel calcio in faccia poiche in combattimento ho abbassato la guardia e l'avversario piu esperto di me mi ha punito. Sono caduto a terra, se mi avesse preso il naso di colpendomi di striscio oggi lo avrei rotto...

Ma fammi capire una cosa: tu solo dopo 3 mesi le prendi così, ma soprattutto sei capace di dare calci e pugni?

MAh... io mi sono iscritto ad una scuola di kung-fu nell'estate, e per ora, a parte i miglioramenti a livello fisico, non mi hanno insegnato neanche a schivare un pugno... SOlo forme!!!  :rolleyez:

Link to comment
Share on other sites

Frunk31
In particolare vedo parecchio deviante la combinazione "atteggiamento alpha" + "conoscenza di arti marziali"...ci vuole niente a sopravvalutarsi, purtroppo

Concordo al 100%, infatti è proprio per questo che ho smesso... E' proprio come nel sarge, per essere bravi nella rissa, ci vuole teoria, allenamento e tanta esperienza sul campo.... che non ero più disposto a fare.... (e non intendo solo quella in palestra). E' anche un atteggiamento mentale, se sviluppi una eccessiva aggressività che ti serve per salvarti in determinate situazioni di scontro fisico, il problema che avevo poi riscontrato era che poi non riuscivi a controllarla bene... rischiando reazioni spropositate e fuori luogo in situazioni che non necessitavano per forza di uno scontro fisico... e in cui potevi tranquillamente uscirne con le parole

Ma fammi capire una cosa: tu solo dopo 3 mesi le prendi così, ma soprattutto sei capace di dare calci e pugni?

MAh... io mi sono iscritto ad una scuola di kung-fu nell'estate, e per ora, a parte i miglioramenti a livello fisico, non mi hanno insegnato neanche a schivare un pugno... SOlo forme!!!  :rolleyez:

Il jeet kune do è totalmente diverso dal kung-fu tradizionale, ne è una derivazione, ma ha uno spirito totalmente diverso. Bruce Lee ha inventato questo stile di kung-fu quando si è reso conto, dopo anni di pratica, che l'efficacia dello stile tradizionale in combattimento era molto bassa. Addirittura una volta ha affermato che tutte le vittorie che aveva avuto in passato erano probabilmente dovute alle sue capacità sopra alla media e non ai metodi di combattimento utilizzati.

Comunque, se vi interessa un percorso di crescita e non l'autodifesa, molto meglio l'aikido... che ne fa l'obbiettivo primario

Sarge On

Link to comment
Share on other sites

Io pratico l'aikido da diversi anni. In effetti le risposte date finora mi sembrano così valide e complete che ho esitato un po' prima di agiungere la mia risposta.

Mi limito a concordare un po' con tutto. Le arti marziali sono senz'altro utili ma non ti trasformano di certo in un supereroe. Soprattutto nel caso di quelle più "artistiche" come l'aikido. Il Jkd, molto più orientato alla pratica, è probabilmente meglio per l'autodifesa.

Concordo moltissimo con chi ha sottolineato l'importanza dell'insegnante : è probabilmente la cosa più importante. Più ancora che l'arte in sè. Aggiungo due elementi : innanzitutto la sensazione che ti da l'ambiente della palestra nel suo complesso. Se ti sembra un posto sgradevole in cui non ti trovi bene sarà più difficile trovare la voglia di andare e tenderà a metterti di cattivo umore al solo pensarci. La seconda è lo stile.

Non so come sia organizzato il jkd, ma la maggior parte delle arti marziali è frammentata in miriadi di federazioni separate ognuna con il suo stile più o meno sottilmente diverso dagli altri . Se prevedi di girare molto per l'italia o all'estero per lavoro potrebbe essere il caso di tenerne conto.

Quanto alla domanda "come si è trovato dopo aver acquisito la capacità e la consapevolezza di sapersi difendere", beh. Ho un po' più di sicurezza perchè almeno ho un'idea di cosa posso fare. Non sono mai venuto alle mani con qualcuno da decenni, probabilmente me le prenderei se mi dovessi scontrare con qualcuno più abituato alla rissa, ma almeno ho una possibile linea di azione. Per intendersi, un po' come un afc che non abbia mai approcciato una hb ma che abbia memorizzato alla perfezione i canned.

A volte basta per avere quel tanto di sicurezza che serve a mantenere la calma.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...