Jump to content

Effetto Asch


Misanthropic
 Share

Recommended Posts

Misanthropic

Un esperimento svolto dallo psicologo sociale Solomon Asch nel 1946 ci mostra come il desiderio e la voglia di essere accettati in un gruppo ci porti ad annullare le proprie opinioni, credenze, valori e convinzioni è il test sul conformismo. Lasciate che vi spieghi.

L'esperimento veniva svolto su gruppi di 8 studenti universitari, ai quali venivano mostrate due tavole con delle linee disegnate sopra.  Ai volontari venne presentato come un semplice esperimento sulla percezione visiva. Si trattava di individuare sulla seconda tavola (dove erano disegnate tre linee di diversa lunghezza) la linea identica a quella disegnata sulla prima.

In realtà i ricercatori si erano precedentemente accordati con sette degli otto studenti affinché dessero risposte sbagliate. Il risultato fu piuttosto sconcertante, il 36,8% dei soggetti era pronto ad andare contro l'evidenza dei suoi sensi pur di sottomettersi alla visione palesemente errata del gruppo.

Watzlawick (psichiatra) scrive:

"Come Asch rivela, il fattore più spaventoso della resa cieca dei suoi soggetti è il desiderio profondo e radicato di essere in accordo con il gruppo [...] La premura di cederla propria indipendenza, di rinunciare all'evidenza dei propri sensi per poter avere la soddisfazione tranquillizzante nonostante la deformazione della realtà, di sentirsi in armonia con il gruppo, questa è la sostanza che alimenta demagoghi e dittatori" (Id., Ibid., p. 85)

L'effetto Asch non è nient'altro che la somma di due altri fattori che noi conosciamo bene, si tratta della Pressione Sociale (la pressione che deriva dall'andare contro l'opinione discordante dei peer) e del Social Proof (pensare che gli altri abbiano più conoscenze di noi in modo da imitare/accettare il loro comportamento).

Ora, noi conosciamo bene i modi per utilizzare la pressione sociale ed il social proof a nostro favore, che dire per quanto riguarda l'effetto Asch? Per quanto ne so Jazz stava preparando un post sul suo blog riguardo la differenza dell'effetto Asch col social proof in chiave venusiana, che però non ha portato a termine. Che ne diciamo di darci una mossa ed elevare questo forum ai vecchi livelli di serietà? ;)

Ho lanciato la palla, sta a voi coglierla.

Misanthropic

Link to comment
Share on other sites

kirk
L'effetto Asch non è nient'altro che la somma di due altri fattori che noi conosciamo bene, si tratta della Pressione Sociale (la pressione che deriva dall'andare contro l'opinione discordante dei peer) e del Social Proof (pensare che gli altri abbiano più conoscenze di noi in modo da imitare/accettare il loro comportamento).

Misanthropic

Non ho bene capito le due definizioni. Comunque ci provo lo stesso.

Secondo me la pressione sociale è il fattore che determina l'effetto Asch, cioè è quella forza che spinge ad uniformizzare le opinioni e le decisioni, contro la quale uno deve spingersi per realizzare la propria autonomia di pensiero.

Il social proof invece imho è una specie di indicatore della tua "posizione" nella società, la quale dipende dalla considerazione della quale godi in un certo ambito sociale (per vari motivi).

Se questo è giusto, succede allora una cosa strana, che se tu ti muovi contro l'effetto Asch, e vinci la pressione sociale, capita spesso che sulle prime perdi social proof per acquisirne solo più tardi una dose doppia.

Basta pensare ai grandi scienziati che hanno avuto il coraggio di andare controcorrente, alla merda che gli hanno buttato addosso inizialmente e alla venerazione della quale hanno goduto più tardi.

Darwin per esempio. Ma anche molti altri.

Oppure coloro che si sono opposti alle leggi naziste.

Si ottiene social proof anche senza opporsi all'effetto Asch, anche più velocemente, certo al prezzo di pestare sulle proprie convinzioni.

Ho scritto cazzate?  :look:

Link to comment
Share on other sites

Misanthropic
Il social proof invece imho è una specie di indicatore della tua "posizione" nella società, la quale dipende dalla considerazione della quale godi in un certo ambito sociale (per vari motivi).

Il Social Proof visto in chiave PUistica dà l'effetto che hai appena descritto. La causa che scaturisce quest'effetto è che in una situazione ambigua (entri in un locale e sei un perfetto sconosciuto) la gente tende a guardare il comportamento dei pari per farsi un'idea di te ed eventualmente come interagire con te (il fatto che saluti il titolare e/o i barman=higher status oppure entri con due ragazze appolipate a te=preselezione)

Se questo è giusto, succede allora una cosa strana, che se tu ti muovi contro l'effetto Asch, e vinci la pressione sociale, capita spesso che sulle prime perdi social proof per acquisirne solo più tardi una dose doppia.

Basta pensare ai grandi scienziati che hanno avuto il coraggio di andare controcorrente, alla merda che gli hanno buttato addosso inizialmente e alla venerazione della quale hanno goduto più tardi.

Darwin per esempio. Ma anche molti altri.

Oppure coloro che si sono opposti alle leggi naziste.

Sì e no, se ti muovi contro il conformismo vincendo la pressione sociale che ne deriva perdi effettivamente l'effetto dell'accettazione sociale e quando verrà dimostrato il contrario acquisirai maggiore valore sociale.

Si ottiene social proof anche senza opporsi all'effetto Asch, anche più velocemente, certo al prezzo di pestare sulle proprie convinzioni.

E qui effettivamente, contesto permettendo, si perde abbastanza valore passando per beta.

Misanthropic

Link to comment
Share on other sites

satira

Ottimo post. Ne avevamo già parlato in chat :)

Vediamo di approfondire.

La differenza tra il SP (social proof) e EA (effetto asch) non è il punto di arrivo, ma quello di partenza.

Entrambi infatti mutano un comportamento. Ma il SP lo muta partendo da una situazione neutra. L'EA lo muta partendo da valori preesistenti.

Esempio: tu entri in un locale, le persone che sono in quel locale non ti conoscono, vedono che tu sei amico del titolare, del dj e che ti siedi al privè con le cubiste. Acquisti subito alto valore. Ma partendo da una situazione neutra. Questo è SP

Espempio di EA: questo è fatto invece con le persone che già hanno delle idee su di te e punta a modificarle. Per esempio dei conoscenti che ti considerano uno "qualunque" e invece vedono che tu sei amico del titolare, del dj e che ti siedi al privè con le cubiste.In tal caso il loro giudizio su di te si modificherà immediatamente.

Un esempio più pratico dell' EA è quando si consiglia agli AFC in Oneitis di sparire, per un po' e poi tornare in scena con una nuova ragazza. Questo modifica il comportamento verso di loro della ragazza che gli ha sempre considerati dei perdenti.

Spero di aver dato il mio contributo alla discussione :)

Link to comment
Share on other sites

mercuzio

Bueno! Visto che io, con sti argomenti, ci vado a nozze... ho deciso di "stuadiare" un po' l'argomento e poi dire la mia.

Ma nonostante abbia intenzione di sviscerare e, quindi, rispondere per bene a Misanthropic... voglio intanto fare l'avvocato del diavolo.

Ma se il SP non fosse altro che un boomerang dell'effetto Asch?! Mi spiego meglio: se il PUA entra nel locale, nessuno lo guarderà o ci farà troppo caso (come chiunque entri prima e dopo)... ma se egli entra e inizia a fare casino, rendersi al centro dell'attenzione... Ancora meglio: se una persona entrasse in un locale affollato... ma diaciamo che egli è più che peackocato: ammettiamo che egli sia vestito che ne so... da donna. Entrerà e la gente lo guarderà divertita, ma lo prenderà in giro. Se però, dopo essere entrato e squadrato da tutti, dimostra di essere ben più che ben accetto e non ,come tutti interpretavano precedentemente, un alienato e dimostrando un SP da paura... allora chiunque, nella discoteca o ovunque sia, lo prenderà sul serio e finirà per crederlo un figo da paura!

Il Sp quindi gli deriva dalla condizione e dal suo status... l'effetto Arch cambierà l'opinione delle persone lì vicine!

Chiamiamolo "effetto rock star"...!

Link to comment
Share on other sites

YeaH88
Ancora meglio: se una persona entrasse in un locale affollato... ma diaciamo che egli è più che peackocato: ammettiamo che egli sia vestito che ne so... da donna.

Chiamiamolo "effetto rock star"...!

Ehm...ti riferivi a me vero???  :ehm: :ehm: :ehm: satira sa di cosa parlo  :look: :look:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...