Jump to content
Out

Che prezzo ha la vostra passione?

Recommended Posts

Out

Quando non riesco a esprimere a parole ciò che ho dentro la mia testa, lascio che questo pensiero o concetto scorra fino ad arrivare sotto forma di inchiostro sulla carta, oppure lo incido col pirografo su legno. 

I momenti di noia sono i più belli, sono quelli in cui la mia creatività da i migliori frutti. In solitudine scopro e apprezzo davvero chi sono, grazie al disegno non mi sento mai sola. Ogni disegno che faccio, seppur astratto, ha un significato che comprendo ma non riesco a spiegare e proprio per questo per me è prezioso. Alcuni di questi disegni non li ho mai mostrati a nessuno, perché dove gli altri vedono forme astratte e geometriche io vedo la mia anima che danza o che si contorce, che magari vorrebbe essere compresa ma non sa come altro parlare. 

Disegno pur non ritenendomi bravissima, pur non avendo mai studiato. Tutto quello che so fare l'ho imparato con la sola pratica. Trovo più bello il legame che ho coi miei disegni, che i disegni in se.  Nonostante questa mia considerazione, tutti quelli che li vedono dicono che è un peccato non sfruttare questa potenzialità. Dicono che potrei venderli, anche sotto forma di stampe su cuscini,su tela,su ceramiche, mattonelle o cose simili. Non vi nego che mi piacerebbe, ma ho un forte conflitto interiore che fino ad ora me lo ha impedito: ci sono troppo affezionata. Per me non hanno prezzo, 5€ o 500€ non fa differenza. Hanno un valore emotivo inestimabile che mi prende nell'anima più di qualsiasi altra cosa al mondo e so che nessuno riuscirà mai ad afferrare questo loro vero valore. Per ora, credo che li terrò per me.

Voi che valore date alle vostre passioni? Che prezzo hanno? C'è qualcuno che come me ha un rapporto simile con ciò che ama fare? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tisana

io faccio ritratti da 8 anni circa. Ho fatto una scuola di disegno di 2 anni e ho capito di essere mediocre, i disegni iperrealistici mi riescono bene solo perché ho appreso la tecnica. 

Mi volevo iscrivere a chirurgia, alla fine ho scelto altro, mi considero un esteta in senso spregiativo, ho ossessioni. Faccio solo ritratti delle persone che vedo in giro. Miglioro poco o nulla dei volti, a rivederli, sono poco modificati rispetto all'aspetto reale. Mi piace la mandibola, lo sguardo, il naso e la simmetria del volto. 

Non mi frega un cazzo di esporre. Non vendo, ho sempre rifiutato di fare ritratti su commissione. Non mi va nemmeno di farli vedere ad altri. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

BrianBoru
6 ore fa, Out ha scritto:

Quando non riesco a esprimere a parole ciò che ho dentro la mia testa, lascio che questo pensiero o concetto scorra fino ad arrivare sotto forma di inchiostro sulla carta, oppure lo incido col pirografo su legno. 

I momenti di noia sono i più belli, sono quelli in cui la mia creatività da i migliori frutti. In solitudine scopro e apprezzo davvero chi sono, grazie al disegno non mi sento mai sola. Ogni disegno che faccio, seppur astratto, ha un significato che comprendo ma non riesco a spiegare e proprio per questo per me è prezioso. Alcuni di questi disegni non li ho mai mostrati a nessuno, perché dove gli altri vedono forme astratte e geometriche io vedo la mia anima che danza o che si contorce, che magari vorrebbe essere compresa ma non sa come altro parlare. 

Disegno pur non ritenendomi bravissima, pur non avendo mai studiato. Tutto quello che so fare l'ho imparato con la sola pratica. Trovo più bello il legame che ho coi miei disegni, che i disegni in se.  Nonostante questa mia considerazione, tutti quelli che li vedono dicono che è un peccato non sfruttare questa potenzialità. Dicono che potrei venderli, anche sotto forma di stampe su cuscini,su tela,su ceramiche, mattonelle o cose simili. Non vi nego che mi piacerebbe, ma ho un forte conflitto interiore che fino ad ora me lo ha impedito: ci sono troppo affezionata. Per me non hanno prezzo, 5€ o 500€ non fa differenza. Hanno un valore emotivo inestimabile che mi prende nell'anima più di qualsiasi altra cosa al mondo e so che nessuno riuscirà mai ad afferrare questo loro vero valore. Per ora, credo che li terrò per me.

Voi che valore date alle vostre passioni? Che prezzo hanno? C'è qualcuno che come me ha un rapporto simile con ciò che ama fare? 

 

I tuoi disegni sono te, di conseguenza non è possibile dar loro un valore.

Quando vedi un tratto, una curva e prrcepisci come ti descrive, la sensazione di pienezza che ti pervade lungo la spina dorsale, il sorriso di compiacimento che ne scaturisce non hanno prezzo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites


LIZ
10 ore fa, Out ha scritto:

Quando non riesco a esprimere a parole ciò che ho dentro la mia testa, lascio che questo pensiero o concetto scorra fino ad arrivare sotto forma di inchiostro sulla carta, oppure lo incido col pirografo su legno. 

I momenti di noia sono i più belli, sono quelli in cui la mia creatività da i migliori frutti. In solitudine scopro e apprezzo davvero chi sono, grazie al disegno non mi sento mai sola. Ogni disegno che faccio, seppur astratto, ha un significato che comprendo ma non riesco a spiegare e proprio per questo per me è prezioso. Alcuni di questi disegni non li ho mai mostrati a nessuno, perché dove gli altri vedono forme astratte e geometriche io vedo la mia anima che danza o che si contorce, che magari vorrebbe essere compresa ma non sa come altro parlare. 

Disegno pur non ritenendomi bravissima, pur non avendo mai studiato. Tutto quello che so fare l'ho imparato con la sola pratica. Trovo più bello il legame che ho coi miei disegni, che i disegni in se.  Nonostante questa mia considerazione, tutti quelli che li vedono dicono che è un peccato non sfruttare questa potenzialità. Dicono che potrei venderli, anche sotto forma di stampe su cuscini,su tela,su ceramiche, mattonelle o cose simili. Non vi nego che mi piacerebbe, ma ho un forte conflitto interiore che fino ad ora me lo ha impedito: ci sono troppo affezionata. Per me non hanno prezzo, 5€ o 500€ non fa differenza. Hanno un valore emotivo inestimabile che mi prende nell'anima più di qualsiasi altra cosa al mondo e so che nessuno riuscirà mai ad afferrare questo loro vero valore. Per ora, credo che li terrò per me.

Voi che valore date alle vostre passioni? Che prezzo hanno? C'è qualcuno che come me ha un rapporto simile con ciò che ama fare?

L'arte è una forma di espressione profonda e intimistica. Non c'è un valore economico che tu possa attribuirle; però c'è chi fa dell'arte la propria vita, quindi il venderla o meno dipende soltanto dal percorso professionale che hai scelto. Io ho scelto una professione creativa e alterno il "lavoro" a progetti personali. Quest'ultimi non hanno un valore commerciale, ma sento il bisogno di realizzarli per lo stesso motivo che illustri tu: mancanza, impossibilità o incapacità di espressione di pensieri/pulsioni/passioni/emozioni.

La noia è la spinta della tua energia creativa? Questo mi incuriosisce. :11_blush:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Out
3 ore fa, BrianBoru ha scritto:

I tuoi disegni sono te, di conseguenza non è possibile dar loro un valore.

Quando vedi un tratto, una curva e prrcepisci come ti descrive, la sensazione di pienezza che ti pervade lungo la spina dorsale, il sorriso di compiacimento che ne scaturisce non hanno prezzo.

 

Esatto. Certe volte, per lo più quando sono un po giù di corda e non ho voglia di parlarne, sfoglio  i disegni come se fossero una sorta di diario o promemoria e dopo sto meglio. È come se conservassi  da qualche parte un emozione o un concetto per usarli al momento del bisogno. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Out
10 ore fa, Tisana ha scritto:

io faccio ritratti da 8 anni circa. Ho fatto una scuola di disegno di 2 anni e ho capito di essere mediocre, i disegni iperrealistici mi riescono bene solo perché ho appreso la tecnica. 

Mi volevo iscrivere a chirurgia, alla fine ho scelto altro, mi considero un esteta in senso spregiativo, ho ossessioni. Faccio solo ritratti delle persone che vedo in giro. Miglioro poco o nulla dei volti, a rivederli, sono poco modificati rispetto all'aspetto reale. Mi piace la mandibola, lo sguardo, il naso e la simmetria del volto. 

Non mi frega un cazzo di esporre. Non vendo, ho sempre rifiutato di fare ritratti su commissione. Non mi va nemmeno di farli vedere ad altri. 

Anche io ho una sorta di ossessione per le simmetrie,alcuni dei disegni che faccio si avvicinano molto ai mandala, su un disegno ci sto anche 10 ore o più (non consecutive) finché ogni parricolare non è minuziosamente curato. Il pensiero di vendere non mi piace, ma purtroppo ci penso spesso perché ho 22 anni, non lavoro e malgrado tutto l'impegno non riesco ad entrare all'Università. Sto cercando delle alternative all'Università, come dei corsi di formazione ma sono cose che farei senza passione.. 

Comunque anche a me piace disegnare volti, ovviamente non sono affatto realistici ma riesco a dare abbastanza espressività allo sguardo e alle labbra. Anche se non ho visto nessun tuo disegno, da come li descrivi sento di farti i complimenti. In otto anni si fa tanta strada ;)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Out
59 minuti fa, LIZ ha scritto:

L'arte è una forma di espressione profonda e intimistica. Non c'è un valore economico che tu possa attribuirle; però c'è chi fa dell'arte la propria vita, quindi il venderla o meno dipende soltanto dal percorso professionale che hai scelto. Io ho scelto una professione creativa e alterno il "lavoro" a progetti personali. Quest'ultimi non hanno un valore commerciale, ma sento il bisogno di realizzarli per lo stesso motivo che illustri tu: mancanza, impossibilità o incapacità di espressione di pensieri/pulsioni/passioni/emozioni.

La noia è la spinta della tua energia creativa? Questo mi incuriosisce. :11_blush:

Ti consiglio di fare degli approfondimenti se ti incuriosisce. Degli studi dimostrano quanto i momenti di noia siano necessari alla nostra creatività. Non a caso, i bambini di oggi spesso sono frustrati o aggressivi per assenza di noia (ed anche altri fattori): la scuola, i compiti, i corsi, la palestra ed infine il tablet, la PlayStation. Non hanno il tempo di annoiarsi e creare. Sono molto sintetica, prima avevo scritto una cosa più approfondita ma mi si è scaricato il telefono e si è cancellato il commento. Rispondendo alla tua domanda, la noia non è la mia sola fonte ma mi annoio spesso XS  oltre alla noia, trovo ispirazione nelle piccole cose che nessuno nota. Una sfumatura, una crepa sull'asfalto, il fumo di una sigaretta colpito dalla luce, una nuvola con dei lineamenti particolari. Amo le linee, sono le protagoniste dei miei disegni.per cui ho allenato il mio occhio a guardare i più piccoli dettagli invisibili a molti e farli miei. Per farti capire, una volta passeggiando mi sono fermata a guardare un tombino: sopra vi era incisa fantasia geometrica molto bella (almeno per essere su un tombino) che mista ai segni dell'usura era ancora più interessante. Quando rielaboro, il più delle volte viene fuori una cosa completamente diversa da ciò che mi ha ispirato, ma è pur sempre qualcosa di nuovo...Come una nuova parola al mio vocabolario fatto di disegni. 

Quasi dimenticavo: di recente ho trovato su YouTube un canale chiamato "Peter draws", ha uno stile simile al mio e anche il modo in cui vive questa passione è molto simile. Ho scoperto tramite i suoi video un aspetto che mi era sfuggito: il divertimento, la creatività nella creatività. Non si limita a prendere una penna e disegnare, sperimenta nuove tecniche utilizzando anche materiali assurdi (tipo una banana o una fetta di prosciutto) o stupendi (come le penne di vetro  ecc ) con lo scopo di mostrare che si può creare in qualsiasi momento e con qualsiasi cosa. Se ti va dai un'occhiata ai suoi video o ai suoi disegni, io li adoro.

Edited by Out

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tisana
1 ora fa, Out ha scritto:

Anche io ho una sorta di ossessione per le simmetrie,alcuni dei disegni che faccio si avvicinano molto ai mandala, su un disegno ci sto anche 10 ore o più (non consecutive) finché ogni parricolare non è minuziosamente curato. Il pensiero di vendere non mi piace, ma purtroppo ci penso spesso perché ho 22 anni, non lavoro e malgrado tutto l'impegno non riesco ad entrare all'Università. Sto cercando delle alternative all'Università, come dei corsi di formazione ma sono cose che farei senza passione.. 

Comunque anche a me piace disegnare volti, ovviamente non sono affatto realistici ma riesco a dare abbastanza espressività allo sguardo e alle labbra. Anche se non ho visto nessun tuo disegno, da come li descrivi sento di farti i complimenti. In otto anni si fa tanta strada ;)

8 anni servono a capire il tuo livello, io ho capito di essere mediocre solo dopo aver fatto una scuola specifica. 

Se cerchi alternative all'uni, pensa agli ITS, corsi della regione, formazione professionale, scuole private. Se ti va puoi pagare qualche barbone dell'accademia per darti ripetizioni private. Io per imparate a preparare le tele, a 17 anni ho frequentato un signore che aveva un negozio di tele e insegnava le basi per dipingere. Mi ha spiegato la preparazione "a gesso". Son stato li a fare dei lavoretti, intanto ho imparato qualcosa di utile. 

Ps. La noia è fondamentale, persino nella creatività scientifica. 

Se non fossi annoiato, nemmeno penserei alle donne. 

Edited by Tisana

Share this post


Link to post
Share on other sites
BrianBoru
1 ora fa, Out ha scritto:

Esatto. Certe volte, per lo più quando sono un po giù di corda e non ho voglia di parlarne, sfoglio  i disegni come se fossero una sorta di diario o promemoria e dopo sto meglio. È come se conservassi  da qualche parte un emozione o un concetto per usarli al momento del bisogno. 

Infatti la passione è proprio quello: riscoprirsi attraverso una attività.

Ciò non toglie che la tua arte vada a finire su qualche cuscino che per i più non significherà quello che significa per te.

Ma sono problemi loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo i cookie 🍪 per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.