Vai al contenuto

Riflessioni Notturne


Ciccio88
 Condividi

Messaggi raccomandati

Ciccio88

Ci sono dei momenti nella mia vita,nei quali mi sono trovato a fermarmi ad analizzare quanto mi stava accadendo,per esempio quando mi stavo iniziando a rendere conto di un mio cambiamento...riflettevo se il mio cambiamento stesse andando nella giusta direzione.Come sappiamo il cammino che stiamo intraprendendo è molto,molto pericoloso...se non stiamo attenti rischiamo di diventare macchine automatizzate,a me piace chiamarle "apri e chiudi",senza sapere che quelle che noi "apriamo e chiudiamo" sono esseri umani,e da tali dotati di sentimenti...possono essere felici di incontrarci,ma possono anche "scottarsi" se non ci rendiamo conto di quello che stiamo facendo...mi è capitato molte volte di chiudere delle ragazze negli ultimi mesi...molte di queste mi chiedevano di rivederci...ma non erano il mio tipo...fare il moralista non è il mio obiettivo,non voglio parlare per gli altri,ma voglio solo riportare cio che sono i miei pensieri,le mie paure...Dietro a quel "teniamoci in contatto","mi piacerebbe rivederti" ci potrebbero essere dei sentimenti...ma io giocavo appunto proprio perchè...per ME...è un gioco...ma quando per chi mi sta di fronte smette di essere un gioco e si trasforma in "qualcosa di più"?...

Come comportarsi?Sono stato ferito troppe volte in tempi passati,recentemente mi sono rafforzato molto di piu,per ferirmi ora ce ne vuole...ma quando a ferire sono io?...Quanto vale la pena giocare,se alla fine lo scopo è un bacio,una notte di sesso?

Ok...ci sono ragazze che si divertono che vogliono giocare esattamente quanto lo vogliamo noi...ma se nel nostro cammino una di loro non è cosi?Qual'è la linea tra divertimento e sentimento?So che molti di voi non stanno capendo...me ne rendo conto...ma vorrei arrivare ad un punto...

All'inizio del mio cammino vedevo certe ragazze come il top del top...a 2 anni di distanza,posso dire che ho avuto quello che per me prima era il top...e in questi giorni sto vivendo una storia con quella che 2 anni fa sarebbe stata la "donna ideale"...ma...mi sto rendendo conto,storia dopo storia,e questa ne è la conferma che forse gli obiettivi del passato...per l'appunto sono passati...ora nel presente non voglio quello che volevo nel passato,questo mi crea non pochi problemi,perchè per avere questa ragazza ho veramente toccato i suoi sentimenti,non avrebbe scelto di stare con me se fossi stato uno qualsiasi...ho usato il meglio di quello che avevo imparato...l'ho emozionata,ho creato aspettative...forse posso dire di averla proprio illusa...forse le ho fatto credere che per me lei era il top del top...e forse quando glie l'ho fatto capire,lo credevo...perchè ragionavo o forse perchè avevo una concezione di lei vecchia di 2 anni!

Quando non ci capivo veramente una mazza di donne,lei era quella stronza/sicura/senza problemi(ed era questo che mi attirava da morire)...ora che un pò riesco a capirle posso dire che lei è la persona piu insicura/problematica/fragile che conosco...i suoi problemi sono "costretto" a risolverli io...insomma non è quello che voglio...ma ho paura,ho una paura fottuta di farle passare anche un solo altro secondo di sofferenza...so cosa ha passato e cosa sta passando e sarebbe davvero terribile per lei essere ferita nuovamente...le voglio bene,ma per me,che sono un tipo spensierato,che odia i problemi,che ama vivere la vita come viene,lei non va bene...ogni tanto senza esagerare le dico che certi suoi atteggiamenti non mi vanno proprio...lei mi dice sempre che vorrebbe prendere la vita come la prendo io,le ho detto che avrebbe potuto imparare a farlo...ma quanto può essere giusto cambiare una persona solo per far si che ci piaccia?

Lo so ragazzi è un discorso molto "no sense" per molti di voi,forse anche per me...però avevo proprio bisogno di sfogarmi...e devo ringraziarvi...menomale che ci siete voi fratellini...senno non saprei davvero con chi sfogarmi...scusate di nuovo lo sfogo...ma ne avevo maledettamente bisogno...

Link al commento
Condividi su altri siti

AngelDevil

Partendo dal concetto che le persone cambiano solo se lo vogliono veramente, e se lo desiderano per loro stesse, comunque sia, non è giusto cambiare l altra persona, e non è giusto neanche che cambi tu se non vuoi cambiare, ognuno di noi deve essere se stesso, se lei così non si piace, e vuole cambiare lo deve fare per se stessa, non per piacere a te. In quanto a tutto il resto che hai scritto, non me la sento di mettere bocca, posso solo dire che io sono sempre stata sincera anche al costo di far star male, e un consiglio, se non è la persona che vuoi accanto, non portarla avanti per troppo tempo, soprattutto visto che è in un periodo di fragilità, rischi di farla attaccare ancora di più e di fargli più male ancora...

Link al commento
Condividi su altri siti

Sting
sono un tipo spensierato,che odia i problemi,che ama vivere la vita come viene,lei non va bene...ogni tanto senza esagerare le dico che certi suoi atteggiamenti non mi vanno proprio...lei mi dice sempre che vorrebbe prendere la vita come la prendo io,le ho detto che avrebbe potuto imparare a farlo...ma quanto può essere giusto cambiare una persona solo per far si che ci piaccia?

Ciccio ! :unsure:

Non mi e' chiara una cosa...

Lei ti piace sul serio o no ?

TU che sei un tipo spensierato, con LEI ci stai bene ?

Se la risposta e' NO, penso sia onesto da parte tua comportarti come hai fatto, ovvero massima chiarezza con lei : certi suoi atteggiamenti non ti vanno proprio.

Se la risposta e' SI, stalle accanto e se e' un tipo insicuro, chi meglio di te (che conosci l'inner game) puo' far crescere la sua autostima ?

In un rapporto sbilanciato in cui uno dei due e' fortemente insicuro e l'altro ha una forte personalita', non avviene uno scambio reciproco di energia e la relazione puo' essere fortemente compromessa poiche' la voglia di stare insieme viene coperta dal BISOGNO dell'elemento debole di stare con l'elemento FORTE.

In pratica la relazione diventa a senso unico.

E come ben sappiamo, chi piu' riceve, meno da' (o era il contrario?)

;)

mmm...ma che razza di frase ho scritto ? boh vabe' ;):blink:

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciccio88
Ciccio ! ;)

Non mi e' chiara una cosa...

Lei ti piace sul serio o no ?

TU che sei un tipo spensierato, con LEI ci stai bene ?

Bhe dipende...è a giornate...ieri non m'è piaciuto proprio come si è comportata,diamo la colpa al ciclo ma questo non giustifica il messaggio che m'ha mandato a prima mattina del tipo "oggi non mi pensare proprio che è meglio"...l'ho cazziata da morire,mi ha chiesto scusa e le ho detto che sti atteggiamenti con me se li può scordare o lei si scorda me...però ste cose mi danno parecchio fastidio...è qui che nasce la mia "insicurezza"...

Link al commento
Condividi su altri siti

SIRCIARLY

Ciccio ciccio ciccio, so cosa stai passando...L'ho passato, lo sto passando, lo passerò ancora e ancora...

Non tutte le ragazze che si incontrano vogliono solo sesso, anzi a volte proprio quelle che volgiono solo quello poi iniziano a pensare a qualcosa di serio...

Sai come faccio io per togliermi alcun dubbio? Non la vedo per 2/3 giorni, continuo a sentirla ma non assiduamente. Esco con altre hb svagandomi come sempre...

Questa è la prova che faccio, se sento qualcosa in quei tre giorni vuol dire che devo rivederla e che forse è quella giusta. Puoi anche vedere le sue reazioni ad un allontanamento direi normale (si tratta di pochi giorni)..

Questo è un consiglio, di solito quando si ha la persona davanti i sentimenti sono rafforzati sia in bene che in male...Comunque sta a te decidere coem comportarti, io mi trovo così...

Ciauuu

Link al commento
Condividi su altri siti

-eFFe-

Caro Ciccio,

nel tuo post ci sono diverse riflessioni tutte insieme, e tutte piuttosto profonde...

...

il cammino che stiamo intraprendendo è molto,molto pericoloso...se non stiamo attenti rischiamo di diventare macchine automatizzate,a me piace chiamarle "apri e chiudi",senza sapere che quelle che noi "apriamo e chiudiamo" sono esseri umani,e da tali dotati di sentimenti...possono essere felici di incontrarci,ma possono anche "scottarsi" se non ci rendiamo conto di quello che stiamo facendo...mi è capitato molte volte di chiudere delle ragazze negli ultimi mesi...molte di queste mi chiedevano di rivederci...ma non erano il mio tipo...fare il moralista non è il mio obiettivo,non voglio parlare per gli altri,ma voglio solo riportare cio che sono i miei pensieri,le mie paure...Dietro a quel "teniamoci in contatto","mi piacerebbe rivederti" ci potrebbero essere dei sentimenti...ma io giocavo appunto proprio perchè...per ME...è un gioco...ma quando per chi mi sta di fronte smette di essere un gioco e si trasforma in "qualcosa di più"?...

Come comportarsi?Sono stato ferito troppe volte in tempi passati,recentemente mi sono rafforzato molto di piu,per ferirmi ora ce ne vuole...ma quando a ferire sono io?...Quanto vale la pena giocare,se alla fine lo scopo è un bacio,una notte di sesso?

Ok...ci sono ragazze che si divertono che vogliono giocare esattamente quanto lo vogliamo noi...ma se nel nostro cammino una di loro non è cosi?Qual'è la linea tra divertimento e sentimento?

Tutto fa parte della crescita, del percorso, della vita...

Prima o poi ci si trova "dall'altra parte della barricata", nei panni del "cattivo" e la cosa spesso si rivela altrettanto scomoda del ruolo di vittima ferita, anche se indubbiamente piu' vantaggiosa ;)

E crescere, maturare significa saper accettare questa possibilita' e viverla serenamente con la coscienza che non si puo' piacere a tutti, non si puo' compiacere tutti e non sempre si puo' far qualcosa di piacevole. A volte bisogna essere onesti con se' stessi e saper prendere decisioni scomode, impopolari ma sane e coerenti...come ad esempio tagliare i ponti con una HB per non spingersi al di la' del puro divertimento se proprio non ne vale la pena.

E' una TUA scelta e come tale va presa, secondo le TUE ragioni; accettando la responsabilita' delle conseguenze nel bene e nel male.

Tu parli di rischi, di "macchine automatizzate apri e chiudi" ma questo non credo ti possa riguardare...non credo che le persone come te corrano questo rischio.

Se tu fossi stato sempre cinico e stronzo in passato, ti consiglierei di ammorbidirti un po', di prendere in considerazione i sentimenti, di vivere le relazioni piu' profondamente.

Se invece (come intuisco) sei stato ferito in passato e stronzo non lo sei mai stato veramente ma semmai da cio' hai ricevuto un limite alla tua azione, ai tuoi desideri, ai tuoi valori... be' allora ti consiglio l'esatto contrario: liberati di un po' di buonismo e curati meno del dispiacere o disapprovazione altrui, a patto che tu segua tuoi valori e sia sereno (onesto in qualche modo).

Per questo ritengo che molto difficilmente diventerai insensibile... i veri stronzi certe domande non se le pongono nemmeno.

in questi giorni sto vivendo una storia con quella che 2 anni fa sarebbe stata la "donna ideale"...ma...mi sto rendendo conto,storia dopo storia,e questa ne è la conferma che forse gli obiettivi del passato...per l'appunto sono passati...ora nel presente non voglio quello che volevo nel passato,questo mi crea non pochi problemi,perchè per avere questa ragazza ho veramente toccato i suoi sentimenti,non avrebbe scelto di stare con me se fossi stato uno qualsiasi...ho usato il meglio di quello che avevo imparato...l'ho emozionata,ho creato aspettative...forse posso dire di averla proprio illusa...forse le ho fatto credere che per me lei era il top del top...e forse quando glie l'ho fatto capire,lo credevo...perchè ragionavo o forse perchè avevo una concezione di lei vecchia di 2 anni!

le persone cambiano, i desideri cambiano, le aspettative i sogni... e spesso e' facile idealizzare persone o situazioni che non si possono vivere in prima persona; spesso poi le cose cambiano quando si passa dalla parte del protagonista.

Succede.

Ma ricorda che abbiamo tutto il diritto di provarci,

il diritto di vivere una storia davvero

il diritto di giudicarla

il diritto di avere delle aspettative

il diritto di cambiare idea

il diritto di cambiare le cose quando non ci stanno bene perche' non incontrano i nostri valori.

Tutto e' perfettamente lecito e fa parte del comportamento di ogni persona saggia e responsabile ;)

Quindi perche' sentirsi in colpa?

Sei stato onesto: le hai fatto credere di essere il top, perche' in quel momento ci credevi anche tu, ma poi hai capito che c'era dell'altro...

Non saresti onesto se lo tacessi ora.

Non puoi evitare il suo dispiacere, ne' puoi impedirle di illudersi...tanto alla fine le HB si illudono perche' vogliono farlo.

E' un loro diritto/colpa che ti riguarda solo fino ad un certo punto.

Quando non ci capivo veramente una mazza di donne,lei era quella stronza/sicura/senza problemi(ed era questo che mi attirava da morire)...ora che un pò riesco a capirle posso dire che lei è la persona piu insicura/problematica/fragile che conosco...i suoi problemi sono "costretto" a risolverli io...insomma non è quello che voglio...ma ho paura,ho una paura fottuta di farle passare anche un solo altro secondo di sofferenza...so cosa ha passato e cosa sta passando e sarebbe davvero terribile per lei essere ferita nuovamente...le voglio bene,ma per me,che sono un tipo spensierato,che odia i problemi,che ama vivere la vita come viene,lei non va bene...ogni tanto senza esagerare le dico che certi suoi atteggiamenti non mi vanno proprio...lei mi dice sempre che vorrebbe prendere la vita come la prendo io,le ho detto che avrebbe potuto imparare a farlo...ma quanto può essere giusto cambiare una persona solo per far si che ci piaccia?

no, non e' giusto cambiare una persona. Semmai darle l'opportunita' di cambiare...ma la decisione spetta a lei (se lo vuole).

E ti deve piacere per come realmente e', non per cio' che credevi che fosse, o per come potrebbe diventare se cambiasse...

Ciccio, hai davvero fatto un'analisi lucida e matura: ci sono tutti i motivi per prendere una decisione senza farsi bloccare dai sensi di colpa.

Auguri di cuore :unsure:

Link al commento
Condividi su altri siti

Caro Ciccio,

nel tuo post ci sono diverse riflessioni tutte insieme, e tutte piuttosto profonde...

Tutto fa parte della crescita, del percorso, della vita...

Prima o poi ci si trova "dall'altra parte della barricata", nei panni del "cattivo" e la cosa spesso si rivela altrettanto scomoda del ruolo di vittima ferita, anche se indubbiamente piu' vantaggiosa ;)

E crescere, maturare significa saper accettare questa possibilita' e viverla serenamente con la coscienza che non si puo' piacere a tutti, non si puo' compiacere tutti e non sempre si puo' far qualcosa di piacevole. A volte bisogna essere onesti con se' stessi e saper prendere decisioni scomode, impopolari ma sane e coerenti...come ad esempio tagliare i ponti con una HB per non spingersi al di la' del puro divertimento se proprio non ne vale la pena.

E' una TUA scelta e come tale va presa, secondo le TUE ragioni; accettando la responsabilita' delle conseguenze nel bene e nel male.

Tu parli di rischi, di "macchine automatizzate apri e chiudi" ma questo non credo ti possa riguardare...non credo che le persone come te corrano questo rischio.

Se tu fossi stato sempre cinico e stronzo in passato, ti consiglierei di ammorbidirti un po', di prendere in considerazione i sentimenti, di vivere le relazioni piu' profondamente.

Se invece (come intuisco) sei stato ferito in passato e stronzo non lo sei mai stato veramente ma semmai da cio' hai ricevuto un limite alla tua azione, ai tuoi desideri, ai tuoi valori... be' allora ti consiglio l'esatto contrario: liberati di un po' di buonismo e curati meno del dispiacere o disapprovazione altrui, a patto che tu segua tuoi valori e sia sereno (onesto in qualche modo).

Per questo ritengo che molto difficilmente diventerai insensibile... i veri stronzi certe domande non se le pongono nemmeno.

le persone cambiano, i desideri cambiano, le aspettative i sogni... e spesso e' facile idealizzare persone o situazioni che non si possono vivere in prima persona; spesso poi le cose cambiano quando si passa dalla parte del protagonista.

Succede.

Ma ricorda che abbiamo tutto il diritto di provarci,

il diritto di vivere una storia davvero

il diritto di giudicarla

il diritto di avere delle aspettative

il diritto di cambiare idea

il diritto di cambiare le cose quando non ci stanno bene perche' non incontrano i nostri valori.

Tutto e' perfettamente lecito e fa parte del comportamento di ogni persona saggia e responsabile ;)

Quindi perche' sentirsi in colpa?

Sei stato onesto: le hai fatto credere di essere il top, perche' in quel momento ci credevi anche tu, ma poi hai capito che c'era dell'altro...

Non saresti onesto se lo tacessi ora.

Non puoi evitare il suo dispiacere, ne' puoi impedirle di illudersi...tanto alla fine le HB si illudono perche' vogliono farlo.

E' un loro diritto/colpa che ti riguarda solo fino ad un certo punto.

no, non e' giusto cambiare una persona. Semmai darle l'opportunita' di cambiare...ma la decisione spetta a lei (se lo vuole).

E ti deve piacere per come realmente e', non per cio' che credevi che fosse, o per come potrebbe diventare se cambiasse...

Ciccio, hai davvero fatto un'analisi lucida e matura: ci sono tutti i motivi per prendere una decisione senza farsi bloccare dai sensi di colpa.

Auguri di cuore :unsure:

Ciao, secondo me, una persona che ti dice che vorrebbe prendere la vita come fai tu, ma poi non lo fa, vuol dire che ha un suo vantaggio a rimanere dove si trova, maggiore di quello che avrebbe se cambiasse.

Probabilmente questo vantaggio lo conosce solo lei e per lei ha perfettamente senso.

E nessuna decisione, se non la sua, può muoverla da lì.

Quello che puoi fare tu è essere coerente con i tuoi valori: sia quelli che ti allontanano da lei, sia quelli che ti avvicinano a lei.

E magari la risposta che cerchi potrebbe derivare da un bilancio tra questi due gruppi di valori.

Smartboy

Link al commento
Condividi su altri siti

kyros

Da quello che risulta a me, quando abbasso la guardia con le hb mi arriva un bel diretto in faccia.

Sentimenti? si sono d'accordo ma dal punto di vista morale secondo quello che ho passato io dobbiamo essere anche un pò " cuore di pietra".

Non mi sembra che quando mi hanno scaricato, si siano create tanti problemi o tanti pensieri, se soffrivo o no!

Oltretutto è una cosa che capita o è capitato a tutto (o quasi) di soffrire per amore!

Sono cmq momenti che passano! Poi si và avanti.

Capisco anche quello che vuoi dire alla fine del discorso, ma non credo che sia quello che pensi tu!

Io credo che invece è normale che i primi periodi ti batta il cuore, perchè quella ragazza non sai se ci stà, ti piacerebbe conquistarla ecc, poi alla fine tu la conquisti, ti piace i primi periodi, i primi mesi, e poi?

Poi inizi a vedere i difetti, inizi a conoscerla meglio, inizi a testare il suo cervello, e ti rendi conto che non era poi così speciale!

Io penso che in fondo tu sai la risposta di quello che vuoi fare e sai anche quello che farai, solo che ci pensi, ma IMHO tu sai benissimo come andrà a finire, hai già deciso inconsciamente!

Ti sottolineo anche quello che ha scritto -eFFe-:

"Se tu fossi stato sempre cinico e stronzo in passato, ti consiglierei di ammorbidirti un po', di prendere in considerazione i sentimenti, di vivere le relazioni piu' profondamente.

Se invece (come intuisco) sei stato ferito in passato e stronzo non lo sei mai stato veramente ma semmai da cio' hai ricevuto un limite alla tua azione, ai tuoi desideri, ai tuoi valori... be' allora ti consiglio l'esatto contrario: liberati di un po' di buonismo"

Ad ogni modo buona riflessione!

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...