Vai al contenuto

Profumo al feromone


Sunray
 Condividi

Messaggi raccomandati

Sunray

Allora, siccome quando mi impunto su argomenti che mi interessano divento una carogna assetato di conoscenza, ho sconquassato tutta la rete per capirci di più sui meccanismi ormonali/olfattivi che producono l'invito a interagire con l'altro sesso.

La cosa per adesso + interessante che ho letto è che i feromoni sono gli artefici del desiderio femminile nei nostri confronti.

Questa sostanza viene prodotta non a caso quando facciamo sesso e spiega il perchè poi l'HB di turno ha il desiderio di rimanere con noi.

Il Fermonone lavora a livello incoscio e questo è il bello in quanto gli scienziati asseriscono che il colpo di flumine non è altro che una "sniffata" di feromoni che in quel frangente il boy ha emesso. Non tutti però hanno questa istintiva capacità di secernere il feromone a comando, però ho letto un articolo interessante che potremmo testare tutti quanti per vedere se funziona.

Il trucco è che il feromone lo produciamo quando sudiamo. Procediamo così:

facciamoci una doccia, asciugiamoci all'aria, e dopo dieci minuti passiamoci

un fazzoletto pulito sotto le ascelle, poi mettiamolo

nella tasca della giacca, se lei ti abbraccerà o se tu l'abbraccierai sentirà l'odore

oppure teniamocelo da parte, passiamocelo più volte dopo ogni

doccia e poi passiamocelo sul collo a mò di profumo prima di uscire la sera.

Non costa nulla e magari invece fa effetto!

Sperimentiamo!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

d1d0

Minkia... rischia di ridurre il delta di tempo necessario a mettersi a puzzare... ma e' un esperimento talmente pazzo che mi sa che lo provero' alla prossima doccia (tra poco) :D :D :D

Link al commento
Condividi su altri siti

MSB

Basta usare l'Axe, è stato creato praticamente apposta. :D

Link al commento
Condividi su altri siti

clinx
Allora, siccome quando mi impunto su argomenti che mi interessano divento una carogna assetato di  conoscenza, ho sconquassato tutta la rete per capirci di più sui meccanismi ormonali/olfattivi che producono l'invito a interagire con l'altro sesso.

La cosa per adesso + interessante che ho letto è che i feromoni sono gli artefici del desiderio femminile nei nostri confronti.

Questa sostanza viene prodotta non a caso quando facciamo sesso e spiega il perchè poi l'HB di turno ha il desiderio di rimanere con noi.

Se nelle tue ricerche riesci a trovare la molecola (il disegnino della struttura) del feromone umano responsabile dell'attrazione donna>uomo mandamela che si può vedere se si riesce a sintetizzarla (è il mio lavoro :D ) e vediamo un po'. Occhio a beccare quella giusta: tanti feromoni studiati hanno a che fare con api e cose del genere...c'era un chimico dell'università di Pisa che studiava i feromoni delle api...ogni volta che andava in giro in pochissimi minuti si ritrovava circondato di apette lussuriose, quindi in campana :D

Link al commento
Condividi su altri siti

a te, eccoti servito, carissimo:

L'androstenolo:

tech_androstenon.gifandrostenol.gif

L'androstenone:

tech_androstenon.gifandrostenone.gif

L'androsterone:

tech_androsteron.gif31a.gif

Le "ricette" in vendita variano in base alla concentrazione (o alla presenza) di questi tre feromoni (il terzo sembra meno importante).

Un'esempio di combo efficace è:

1.500mg d'Androstenone

1.125mg d'Androstenolo

0.750mg d'Androsterone

---------

3.375mg (boccetta)

ecco un articolo che ho trovato online:

L’odore di “uomo” può suscitare reazione molto negative o molto positive: dipende dal momento del ciclo

Nella nostra società veniamo educati a provare una certa ripugnanza per tutti gli odori personali. Siamo così abituati a lavarci quasi quotidianamente, ad usare stick antiodoranti, bagnoschiuma, profumi e acque di colonia che ci siamo quasi dimenticati che effetto può fare il nostro odore su una persona dell’altro sesso o di questa su di noi. Se a questo aggiungiamo la progressiva atrofia del senso dell’olfatto cui va incontro la razza umana, possiamo capire quanta poca importanza attribuiamo al ruolo dell’odore nella stimolazione erotica.

Eppure, negli animali svolge un ruolo centrale nella scelta del partner. Recenti ricerche hanno dimostrato che questa percezione non è del tutto scomparsa nell’uomo e che ci sono zone del corpo che emettono quelli che sono definiti i “feromoni umani”: petto, ascelle e piante dei piedi producono gli stessi acidi grassi che secerne la zona genitale quando siamo eccitati. Studi recenti hanno portato a scoprire che questi “odori” non vengono, quasi percepiti coscientemente, e comunque hanno un recettore specifico, diverso dagli altri recettori delle essenze: l’organo vomeronasale, detto così perché posto alla base del naso. I suoi messaggi vengono convogliati direttamente all’ipotalamo, la regione del cervello preposta all’elaborazione delle percezioni e del comportamento sessuale. In un esperimento teso a verificare l’influenza dei feromoni sulla condotta sessuale, a circa quaranta uomini dai 26 ai 40 anni, è stato chiesto di usare come “dopobarba” un profumo a base di una versione sintetica del feromone maschile, l’androstenolo. A metà di loro era stato dato, a loro insaputa, un comune placebo, cioè una sostanza priva di qualsiasi effetto.

Dopo sei settimane è stato fatto un controllo della loro attività “romantica”. Rispetto al gruppo cui era stato dato il placebo (che pure mostrava un modesto miglioramento per effetto della suggestione), chi aveva realmente usato la “pozione magica” all’essenza di feromone, mostrava un netto aumento degli approcci con l’altro sesso, delle occasioni in cui veniva corteggiato o riceva l’interesse di elementi dell’altro sesso. Inoltre riportava un aumento delle effettive esperienze sessuali. L’androstenolo viene prodotto soprattutto nella regione delle ascelle ed è presente in quantità maggiore in quest’incavo nel sesso forte; si è valutato che le ascelle maschili producono infatti 5 volte di più androstenone di quelle femminili.

A determinare il tipico “olezzo” da macho contribuiscono anche i diversi ceppi di batteri che colonizzano l’ascella maschile e quella femminile; negli uomini predomina il Corynebacteria Mentre nelle donne il Micrococcaeae. Il profumo di questa sostanza viene giudicato di solito gradevole da parte delle donne; succede però che dopo circa 20 minuti si ossida e si trasforma in androstenone. Sembra che quest’ultimo non susciti invece molti entusiasmi

Sebbene l’androstenone si suppone provochi degli effetti anche al di fuori della consapevolezza, questo può essere percepito e gli individui possono anche venire sensibilizzati a sentirlo. Chi lo coglie in maniera marcata tende a giudicarlo sgradevole e con un olezzo simile all’urina; per contro chi ha una sensibilità media a questo composto lo avverte come muschiato e perfino dolce o con un sottofondo floreale. E’ stato stimato che circa il 30 % degli uomini e il 70% delle donne sono in grado di percepire l’odore dell’androstenolo, mentre quasi tutte le donne sono in grado di sentire l’androstenone; per contro, metà dei maschi non lo avverte

In ultimo, le donne nel periodo fertile lo colgono in maniera decisamente più netta e, in quel frangente, tendono a ritenerlo anche piacevole. Uno studio di Denise Chen e di Jeannette Haviland Jones ha sottoposto degli odori umani: al giudizio di un gruppo di 308 soggetti, tra uomini e donne. L’odore proveniva da delle pezze tenute sotto le ascelle di bambini, donne e uomini di età diversa (teenager e anche anziani). Gli esiti hanno dimostrato che l’odore dei bambini era vissuto come il più piacevole, il meno intenso, il più femminile e il più giovane. L’odore di donne anziane e di giovani uomini era invece percepito come il più sgradevole, intenso, mascolino e vecchio. Quello di giovani donne e di uomini anziani si trovava in un punto intermedio in questa classificazione.

Il fatto che gli odori di uomini giovani e donne anziane e di ragazze e di uomini in età fosse confuso, commentano le studiose, è verosimilmente dovuto ai cambiamenti ormonali che contrassegnano queste età. In definitiva, da questa ricerca è emerso che più l’odore è intenso e spiacevole, più lo si ritiene maschile e appartenente ad una persona anziana. L’impatto sull’umore misurato con dei test, rendeva evidente inoltre che l’odore che più deprimeva era quello di giovani maschi. L’effetto per altro era notevolmente rapido. Le ricercatrici sostengono che l’odore intensamente maschile piace perché viene associato ad un temperamento aggressivo.

----------------

un interessantissimo approfondimento in italiano è presente QUI mentre uno in inglese lo trovi.. HERE(1) and HERE(2) !!!

----------------

Link al commento
Condividi su altri siti

Sunray

Sfortunatamente nn ho conoscenze nel tuo campo!

Cmq nessuno lo dice ma pare che il profumo Gaultier Le Male abbia qualcosa di magico (si vocifera feromoni o Androsterone ma nn trovo riscontri essendo un prodotto commerciale serio),le donne sembrano attratte come apette impazzite... (andate a leggere nei loro forum cosa ne pensano) ci fai una ricerca se puoi?

Link al commento
Condividi su altri siti

Sunray
Le "ricette" in vendita variano in base alla concentrazione (o alla presenza) di questi tre feromoni (il terzo sembra meno importante).

Un'esempio di combo efficace è:

1.500mg  d'Androstenone

1.125mg  d'Androstenolo

0.750mg  d'Androsterone

---------

3.375mg   (boccetta)

Ma secondo te ste ricette funzionano?

A me sembra una leggenda metropolitana sullaquale qualcuno ha pensato bene di crearci un business.

Ovvio che non ho le conoscenze ne le basi per guidicare, esistono cmq correnti di pensiero per cui questi prodotti funzionano ma...a quanto è dovuto l'effetto placebo?

In generale, voi ci credete?

Link al commento
Condividi su altri siti

Dalle mie ricerche sul web emerge, come si poteva immaginare, che tutti i grandi profumi utilizzano ormai da tempo feromoni. E ammetto d'aver trovato numerose conferme della "potenza" del profumo da te citato (Le Male, di Gualtier) :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Sunray
Dalle mie ricerche sul web emerge, come si poteva immaginare, che tutti i grandi profumi utilizzano ormai da tempo feromoni. E ammetto d'aver trovato numerose conferme della "potenza" del profumo da te citato (Le Male, di Gualtier) :D

Bello! mm mmm me lo compro anch'io! (cit. Maldini padre) ;D

Posso sapere i link che parlano di feromoni presenti nei profumi? io non ne ho trovati!

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...