Vai al contenuto

Il potere della Mente per vincere nello Sport!


TheItalianBull
 Condividi

Messaggi raccomandati

TheItalianBull

Non so quanti di voi praticano uno sport a livello agonistico...chi lo fa saprà sicuramente quanto è importante avere la mentalità giusta per ottenere dei grandi risultati, di qualsiasi attività sportiva si tratti...

Molte squadre professionistiche degli sport più variegati hanno nel loro staff quelli che potremmo definire dei "Mental Coach", i primi esempi che mi vengono in mente sono la Roma (squadra di calcio), L'Armani Jeans Milano (squadra di Basket) e la Federazione Italiana di Pallavolo. E questi sono solo alcuni esempi. Per non parlare degli sport non di squadra ma singoli in cui la tenuta mentale è praticamente fondamentale. Il giocatore di uno sport deve essere il coach di se stesso durante e prima degli incontri.

Questo non vale solo per chi pratica sport a livello agonistico, ma anche per chi vuole vincere il torneo di ping pong del villaggio vacanze, la partita di tennis contro il collega di lavoro oppure per chi vuole fare bella figura durante la partita a calcetto tra amici quando la ragazza dei suoi sogni è lì a vedere.

Regola n°1: Anche se sei più scarso del tuo avversario puoi vincere!

Questo non significa che non devi allenarti per arrivare preparato ad un incontro, non significa che non devi darti da fare per migliorare la tua tenuta fisica e la tecnica. Significa solo che ad un minuto dall'incontro questi fattori sono lì, così come sono, non possono variare in così poco tempo! ...è lì che deve subentrare la mente! ...e fidati, se non c'è un divario incolmabile tra te e il tuo avversario (chiaro che se è la prima volta che gioco a basket non posso battere 1vs1 Kobe Bryant) puoi comunque batterlo!

- Pensare positivo! Stai perdendo, ok, non fa nulla...dice Rocky: ...è finita si dice alla fine ed è verissimo! Non pensare alla sconfitta! Giocatela fino in fondo! Non dipende dal tuo avversario! Ma solo da te! Non è lui che è troppo forte ma sei tu che non fai abbastanza! Questo è un vantaggio, è tutto sotto il tuo controllo, sotto la tua responsabilità!

- Preparare una strategia! Ciò presuppone una grande capacità di osservazione! "Il mio avversario ha questi punti forti e questi punti deboli, come posso batterlo?". Sopratutto essere capaci di cambiare strategia in corso d'opera, se qualcosa non sta andando bene bisogna essere in grado di cambiare tattica, stile, insomma di cambiare metodologia! Adattabilità!

- Mai considerarsi inferiori all'avversario! Mai farsi influenzare da fattori esterni (persone che dicono che non ai speranze di vittoria etc.). La sfida non si gioca fuori, quella è solo una trasfigurazione. La vera sfida è dentro di te!

- Saper reagire alle sconfitte! A volte si perde...ma bisogna saper perdere, l'importante è dare il massimo sempre!

Sono poche e forse un pò banali le cose che ho scritto, ma quello che è certo è che lo sport è una scuola di vita, ti permette di fare esperienza e di affrontare sfide continue, ci permette di sconfiggere noi stessi (intesi negativamente) e di vincere grazie a noi stessi (intesi positivamente). Ci permette di crescere!

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

Denn

Io dico sempre che il detto "L'importante non è vincere ma partecipare" è sbagliatissimo. Nello sport o giochi per vincere o non giochi, poi se ti va male amen, ci hai provato e hai dato il massimo. E' la mentalità vincente che fa la differenza, se vuoi vincere forse vincerai, se non vuoi vincere non vincerai mai. Neanche dico che se sei scarso ci devi sperare perchè ogni cosa che vuoi nello sport (come nella vita d'altronde) te la devi andare a prendere (citando qualche film immagino) "con le unghie e con i denti", e non sperare nel caso, per cui se hai vinto è merito tuo, se hai perso è colpa tua,e non è colpa dell'arbitro che ha fischiato male, il vento che ha spostato la palla, il pubblico che ti contestava o altre scuse che inventi (magari hai anche ragione, ma non sono comunque una scusa).

ps: con questo ovviamente non dico che devi entrare fumentato in campo, devi essere sempre freddo, perchè è vero che che magari fisicamente andrai meglio, ma le scelte che farai saranno offuscate

Modificato da Denn
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

LorenzoVonMatterhorn

Se l'importante non è vincere, ma partecipare, perchè alla fine tengono i punti?

(Vince Lombardi)

  • Mi piace! 2
Link al commento
Condividi su altri siti

TheItalianBull
Inviato (modificato)

per curiosità , che sport fai?

Tennis

...poi pratico anche Fitness/palestra, ma quello è un altro discorso...

Modificato da TheItalianBull
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Ste898

Non sono d'accordo.

Vedi la questione a livello agonistico è ben diversa.

Adoro il calcio, a livello agonistico e non, e posso farti degli esempi che demoliscono ogni tua teoria.

Parliamo della squadra più forte del mondo, sicuramente una delle più forti della storia del calcio: il Barcellona.

Uno può allenarsi quando vuole, ma quando davanti hai dei geni calcistici come Messi, Iniesta o Xavi, ogni tattica per arginarli o fermarli va a farsi benedire.

Le tattiche con certi campioni non servono a nulla.... è inutile dire: "col sacrificio si può diventare il migliore".... o altre cazzate.

Sono abilità innate che questi campioni hanno nel corpo e nella mente. E non tutti, anzi in pochissimi hanno.

Ecco perchè Messi o CR7 segnano 50 gol in 30 partite, mentre Calaiò ( esempio casuale ) ne segna 10 in 40. Pensi forse si allenino di più di Calaiò? No, ma loro hanno delle abilità innate, Calaiò no.

Preparare strategie? Inutile.... si possono cercare di prendere meno gol possibili, ma quelli che giocano contro il Barcellona sanno già che perderanno la partita.

Non sentirsi inferiori? Scusa se giochi contro Messi che ha vinto 3 palloni d'oro di fila, contro Xavi, Iniesta, Pique, Puyol ecc ecc campioni di TUTTO come puoi non sentirti inferiore? E' solo fingere alla realtà....

L'unica cosa è cercare, anzi bisogna reagire alle sconfitte, MA con la consapevolezza che ci sono persone che saranno sempre più bravi di te, per quanto tu possa impegnarti in qualcosa.

Ma per il resto come detto non sono assolutamente d'accordo: c'è poco da ronzare intorno alla questione: negli sport, sopratutto a livello agonistico, primeggia chi ha delle abilità innate, chi è più forte in OGNI circostanza. E i calciatori del Barcellona in questo momento non hanno assolutamente rivali.

Ho fatto l'esempio col Barcellona perchè sono un malato di Calcio, ma vale anche per altri sport. Federer ha delle abilità innate che gli permettono ( prima ancora di più ) di demolire gli avversari con dei 6-0 netti... o Kobe Bryant nei Lakers, o ancora quando Schumacher correva in F1 sulla Ferrari ( dove l'auto conta, ma conta il sangue freddo, l'istinto e i riflessi )... ecc ecc.

Prendiamo anche i cavalli: perchè Secretariat è stato il miglior cavallo della storia? Perchè si impegnava? NO! E' stato il migliore della storia del ippica perchè aveva delle abilità innate, dei muscoli e un cervello migliore degli altri cavalli....

Son tutte cavolate, altrimenti come spieghi che un calciatore come Messi ( unico al mondo ) guadagni 3 MILIONI di euro al mese, mentre un operaio che sgobba 8 ore al giorno 5 giorni su 7 ne guadagna 1000 di euro al mese? Semplice perchè quello che fa Messi non lo sa fare NESSUNO, quello che fa un operaio lo saprebbero fare tutti..... ecco, queste sono abilità innate.

Ultima cosa: lo stesso discorso vale anche per la nostra intelligenza. Chi ha delle abilità innate primeggia in certi campi scientifici e diventa ricercatore, scienziato, astronauta ecc... chi non ha una mente particolarmente brillamente non potrà MAI puntare ad un lavoro simile, non perchè non vuole, ma semplicemente perchè non può.

Ste898 ;)

Modificato da Ste898
Link al commento
Condividi su altri siti

TheItalianBull

Le abilità innate contano eccome! Ma credi che il Barcellona sia lì dov'è solo perchè abbia preso calciatori nati tali? Io non credo...il Barca ha la mentalità giusta e poi credi che la volontà di Messi sia uguale a quella di Calaiò?! La risposta a questa domanda non potremmo mai averla ma non so....

Inoltre voglio dirti una cosa, secondo te Calaiò non è un campione?! Sai quante persone giocano a calcio dal mattino alla sera e sognano di arrivare in serie A e non ci riescono. Nel calcio vengono esaltati solo i più forti, come se stare in serie A sia roba da nulla...

Parlando di tennis, che è il mio sport, ti faccio un esempio lampante! Tu hai ragione, Federer ha un talento innato, Nadal...no! Ma è per questo che io tifo per il secondo! Nadal è un uomo che con la volontà, il sudore, la mentalità, il suo essere gladiatore e il non arrendersi mai, è riuscito a diventare uno dei più forti tennisti della storia e a battere Federer tantissime volte!

Link al commento
Condividi su altri siti

Kaihō-sha

Vincere aiuta a vincere, come si suol dire...il Barcellona ha si una rosa di campioni, nonchè un vivaio di tutto rispetto (se pensiamo che hanno inserito come se niente fosse un giovane al ritorno dei quarti con il Milan che non ha minimamente sfigurato) e che non tutti diventano Leo Messi nella loro carriera..ma lì il successo non dipende solo dai nomi: il Barca fa un calcio collettivo, gioca a memoria, corrono come dei dannati nelle fasi di non possesso e ti pressano in maniera asfissiante, tutto questo dipende da schemi, allenamento e mentalità vincente, rafforzata poi dai successi che creano un circolo virtuoso mica male...

Inoltre anche i campioni possono soffrire: Messi con la nazionale argentina non ha particolarmente brillato sino ad ora..

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Aion

Nessuno nasce campione e sfruttando le proprie doti innate tutti possono diventarlo nel loro settore di interesse. Il problema sorge quando nasci Chiellini e ti intestardisci a voler fare il Messi. L'abilità innata del ricercatore è la prima volta che la sento, sto ancora ridendo, solo chi non sa di cosa parla può sparare una cavolata del genere.

Link al commento
Condividi su altri siti

TheItalianBull

Sai che Messi fu scartato ad un provino dal Como? Una persona con una volontà minore forse si sarebbe arresa...

Un talento innato se non viene allenato nel settore specifico e non viene supportato dalla mente (con le sue motivazioni etc.) non è nulla!

Sono sicuro che ci sono persone che avrebbero fisicamente un talento per uno sport e potrebbero arrivare ad ottenere grandi risultati, perchè non ci arrivano? Perchè sono deboli, dove? nella testa..

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...