Vai al contenuto

Differenze uomo/donna nella seduzione.


MaD.
 Condividi

Messaggi raccomandati

MaD.

Ultimamente grazie alla lettura del libro di Alberoni 'L'erotismo' sto facendo molte considerazioni sulle differenze tra uomo e donna nella seduzione. quindi chi l'avesse letto, beh, sarà arrivato a conclusioni simili alle mie.

tutto quello che sto per scrivere a molti potrà sembrare banale e già assimilato, ma personalmente mi ha aiutato molto a capire ciò che solitamente vuole una donna, e credo sia fondamentale per poter interagire al meglio averne almeno un'idea. per poi darglielo o meno :)

nelle occasioni che mi capitano (soprattuto nei days con le 4 HB che ultimamente sto cercando di chiudere) ho avuto la possibilità di confrontare le mie 'convinzioni' (non ho ancora capito quanto limitanti) con dei pareri femminili, ed ho avuto qualche conferma.

ovviamente come sempre quando si generalizza un po' non si deve prendere tutto alla lettera, ma qualche spunto credo sia utile.

l'uomo vede il sesso come punto di arrivo, come obiettivo. la donna, invece, come un mezzo per arrivare a costruire qualcosa. per questo ci fanno gli ST, ci valutano e ci giudicano prima concedersi. cercano la sicurezza che, chi hanno davanti, sia 'adatto' a qualcosa che possa proseguire oltre alla mera scopata.

la donna può darsi sessualmente non facendosi coinvolgere totalmente, al contrario l'uomo se non c'è il sesso non riesce a farsi coinvolgere.

essa apre se stessa piano piano, si concede lentamente, ed è per questo che nel Puing si impara -ad esempio- ad agire gradualmente col kino ed a calibrare a seconda dei feedback che riceviamo (sembra banale, ma a volte ci si dimentica che le donne non ragionano come noi), oppure a creare una minima base di rapport prima di poter anche lontanamente pensare di alzare la BT. l'uomo è diverso, si potrebbe quasi pensare che per la donna il processo di seduzione sia più sottile proprio perchè c'è più facilità nel risvegliare la sessualità maschile rispetto a quella femminile, che, dipende molto dalla componente psicologica.

sedurre per l'uomo medio significa appunto arrivare al suo obiettivo. al sesso. al contrario credo che per un PUA sia qualcosa di più, credo sia il riuscire a provocare in una donna un'emozione indimenticabile. pensiamoci un attimo. chi studia la seduzione, chi studia l'arte del Pick-Up, in primo luogo lo fa per un miglioramento personale, magari per riuscire, un giorno, a sapere di poter sedurre quasi qualsiasi donna. sì, potere, che non necessariamente significa volerlo fare veramente. questa credo sia la soddisfazione maggiore, migliorare se stessi per essere sicuri di ottenere quel che desideriamo (sarà banale ma è così). quindi per un PUA o aspirante tale oltre all'appagamento sessuale c'è di più, c'è il desiderio di lasciare un segno. e se ci pensiamo bene è un po' il desiderio naturale della donna, appunto il provocare un emozione indelebile nell'uomo.

la seduzione per la donna consiste nell'attirare l'attenzione dell'uomo, nel mostrarsi attraente per risvegliare la sessualità maschile, la donna in un certo senso sceglie l'uomo ancora prima che questo la noti. è in questo modo ovvio che se da parte maschile ci sono pregiudizi, false convinzioni, e tutta l'immondizia con cui il mondo ormai sta sommergendo l'uomo, beh, questo non farà la sua parte nel gioco della seduzione, non utilizzerà quello che Alberoni chiama 'il diritto di chiedere'. e l'AFC è questo, l'uomo che non gioca. e questo è il motivo per cui a volte la donna esce da quello che è il suo ruolo nella seduzione e si fa avanti, si potrebbe dire che giochi solo lei, oltre al suo 'diritto di scelta' si assume anche quello dell'uomo che, inevitabilmente resta passivo, entra 'dalla testa ai piedi' nel frame della donna, fa quel che la donna gli dice e, cosa ancor apeggiore, non ha iniziativa propria. ma questo credo sia ben chiaro a tutti quì.

riprendendo un vecchissimo 3D di aRaChNo che chiedeva di razionalizzare i comportamenti femminili che attraggono.

beh.

personalmente è ciò che prima di conoscere IS mi capitava spesso. con 2 ragazze con cui sono stato avevo subito la loro iniziativa, mi avevano aperto, avevano spinto nel conoscermi, avevano fatto loro tutti i passi decisivi, ed io ero lì, passivo. in questo modo mi calava l'attrazione, perchè non era il mio ruolo naturale, e finivo per disinteressarmi, anche se magari, prima di conoscerle mi ero perso in one-itis per loro.

in tutte le altre occasioni, invece, in cui prendevo io l'iniziativa, in cui mi esponevo con una donna, la mia attrazione nei suoi confronti saliva, sicuramente il Push-Pull che involontariamente usavano per me era come una pompa all'attrazione, e questo perchè -ovviamente- non mi spiegavo il loro comportamento, non mi spiegavo il motivo. alla fin della fiera la confusione è una calamita potentissima che anche l'uomo subisce.

adesso invece, ora che, oltre ad aver imparato i meccanismi ho capito anche il motivo per cui la donna utilizza in modo naturale questi meccanismi, beh, sento un sentimento opposto, invece di crescermi l'attrazione quando questo comportamento viene fatto nei miei confronti, mi fa incazzare.

è un po' questo il quesito che mi sono posto.

ho come l'impressione che imparando ad analizzare la seduzione si finisca con l'annebbiare i propri sentimenti, si impara cioè, a soffrire meno le pene della one-itis perchè se ne conoscono i rimedi.

Pareri?. :D

N3V.

EDIT: errori grammaticali.

Link al commento
Condividi su altri siti

un altro bel libricino per scoprire le differenze tra uomo e donna è:

"Perché le donne non sanno leggere le cartine e gli uomini non si fermano mai a chiedere? "

Autore Pease Allan; Pease Barbara

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 5 anni dopo...
Maximilian2

Un altro libro interessante sulle differenze fra uomo e donna (che non ho ancora letto, ma me ne hanno parlato favorevolmente) è "Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere".

Link al commento
Condividi su altri siti

tizzone

Straquoto. E' proprio così. Conoscere le tecniche di seduzione non solo ci salva dalle One-Itis impedendoci di cadere nel loro frame, ma, di converso, secondo me, fa anche calare l'interesse quando vediamo che il PNP o i vari Push&Pull sono spropositati. Se una HB8 se la tira così tanto deve dimostrarmi che vale qualcosa davvero...non sto a perderci tempo solo perchè ha una fica...mi deve dare qualcosa in cambio (e non parlo del sesso).

Il problema che riscontro in molte ragazze (specialmente quando hanno passato i 27) è che, dato che cercano l'uomo da sposare (e magari cercano proprio un Beta da infinocchiare, in alcuni casi) i loro test diventano così selvaggi quasi da sfiorare la maleducazione (proprio settimana scorsa ho avuto un flake assurdo da una HB8). Visto che mi pongo con una mentalità Alpha, se mi mancano di rispetto le mando a cagare. Poi magari si rifanno vive (mi è successo due volte) ma a questo punto io per una così ho perso tutto l'interesse. Secondo me applicare la regola dei 3-4 giorni per il F-Close è una cosa sacrosanta. Si chiude meno, magari, ma si evitano relazioni nevrotiche che sono destinate solo a farci soffrire.

Aggiungici che il tutto è complicato dalla società in cui viviamo. A proposito di questo, proprio ieri ho iniziato una discussione qui http://www.italianse...ost-femminista/ , dove, per vie diverse, arrivo alla tua stessa conclusione....conoscendo i trucchetti che usano ti scazzi e le mandi a cagare, perdendo rapidamente interesse...poi so che molti amici del forum non sono d'accordo, però, come hai detto tu, il fine del forum è migliorare la propria persona e stare bene con se stessi, non certo mettere tacche sulla canna del fucile...

adesso invece, ora che, oltre ad aver imparato i meccanismi ho capito anche il motivo per cui la donna utilizza in modo naturale questi meccanismi, beh, sento un sentimento opposto, invece di crescermi l'attrazione quando questo comportamento viene fatto nei miei confronti, mi fa incazzare.

è un po' questo il quesito che mi sono posto.

ho come l'impressione che imparando ad analizzare la seduzione si finisca con l'annebbiare i propri sentimenti, si impara cioè, a soffrire meno le pene della one-itis perchè se ne conoscono i rimedi.

Pareri?. :D

N3V.

EDIT: errori grammaticali.

Link al commento
Condividi su altri siti

tizzone

Discussione vecchissima....scusatemi ma non avevo letto la data...

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...