Vai al contenuto

Problemi col focus


Red Eyes
 Condividi

Messaggi raccomandati

Premessa: ho tutte le carte in regola, sono un bel ragazzo, belle macchine, vita figa da universitari, bel fisico fissato per lo sport.

Da questo punto di vista mi vedo come ragazzo perfetto, me lo dicono in tanti/tante.

Il problema è che mi sento limitato.

Io esco in un posto dove ci sono veramente tante ragazze carine, ma mi sento limitato nella mia testa.

Mi sento bisognoso e quindi fallisco. Ora non posso provarci con tutte perchè passerei per morto di figa.

Di flop, pochi me ne sono presi, ora vorrei cambiare.

Ad esempio settimana scorsa ho conosciuto una e mi dava tanti IDI... le ho scritto è inizialmente sembrava già presa. Poi nella mia ca**o di testa non so cosa sia successo ma me la sono persa.

Ora c'è un altra che mi piace, ho tutte le carte in regola per farmela e ne sono sicuro. Solo che parto già con la mentalità che non sono pronto.

Non ho paura di approcciare nessuna ragazza, nemmeno ansia(non più di tanto) il problema è il dopo. sembra non sappia andare avanti.

Ora sto leggendo l'attraction code, ho letto il MM ma non mi è piaciuto tanto, anche se hanno molto in comune.

Link al commento
Condividi su altri siti

emi

Belle macchine? hai più di una macchina? scusa ma qual' è il problema se sei anche un bel ragazzo.. alle femmine queste cose piacciono tu parti avvantaggiato, se io in una gara parto avvantaggiato non ho paura di perdere ma anzi vado al massimo proprio perchè so che posso vincere tu dovresti fare lo stesso!

Link al commento
Condividi su altri siti

Frank_alpha

Già stai leggendo vin carlo,continua a leggerlo,scoprirai tante cose.

Io avevo anche più o meno il tuo stesso problema,ho letto prima franco e poi the attraction code che mi hanno aiutato molto sul focus quest'ultimo.

Link al commento
Condividi su altri siti

ho notato in questi due giorni che se sono più sociale e divertente mi relaziono meglio.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho ragionato su quale è il mio problema e sono arrivato ad una conclusione.

Io prendo le cose troppo seriamente.

Sono legato al risultato.

Il palo lo prendo troppo male.

Oggi ad esempio una mia amica mi fa: perche scrivi alla mia amica?

E io mi sono giustificato dicendo che le scrivo perchè è simpatica ma non mi interessa e non ci vogliono provare. E lei mi fa: non ti devi giustificare! E aveva ragione!!!

Come si fa a liberarsi dal risultato?

Link al commento
Condividi su altri siti

Diventando centrato ed abbastanza a prescindere dagli outcome.

...

Sei insicuro nonostante tutta questa roba che dici di avere,

Sei vittima di questa cultura consumistica, e soprattutto sei vittima della morale comune, hai paura del giudizio tuo, e degli altri

Tuo : Hai paura che mettendoti in gioco, rischi di scoprire che nonostante tutto quello che hai\sei, non è abbastanza, o comunque di non essere nella pratica ciò che credi di essere.

Altri : Temi l'opinione che gli altri si potrebbero fare di te agendo in un certo modo (es. cominciando ad aprire, non so, la possibilità di passare per "jerk"). Hai dei pregiudizi, "prevalori", su determinati comportamenti... chiediti perché, chiediti cosa ci sia di male nell'andare da una ragazza che ti attrae anche sessualmente, e farle capire quello che vuoi da lei, specialmente se hai voglia di sesso perché magari non chiudi da un po'.

Cosa c'é di male ? Perché ?

...

Il mio consiglio : affronta le tue insicurezze, le tue paure, è l'unico modo per superare la cosa.

A livello pratico ti consiglierei cose estreme... più fattibile per iniziare forse, andare in giro con look completamente trasandato per un'intera giornata, barba alla random, vestiti che non stanno insieme, insomma... trascurato.

Poi di aprirle queste ragazze su su.

...

In questo momento sei eccessivamente perfezionista, ed in più dai troppo potere su di te alle donne, la società, gli altri.... lasci che loro giudichino che tipo di persona sei, una cosa che dovresti sapere tu e solo tu, indipendentemente dall'esterno.

Accettati anche nelle tue debolezze, avere il coraggio di guardarsi allo specchio per quello che davvero si è, brutture comprese, è l'unico modo per migliorare davvero,

Finché ti rinchiudi in bolle di sapone, non avrai mai la sicurezza su di te, perché, guess what, non ti sei davvero messo in gioco nella pratica, concretizzando davvero l'idea di persona che hai di te stesso. E' come negli esperimenti scientifici, senza un riscontro empirico, un teoria è semplicemente un blah blah come gli altri.

...

...

Per farti capire, analizzando il tuo post di apertura (che ultimamente mi diverte fare questa cosa XD) :

Premessa: ho tutte le carte in regola, sono un bel ragazzo, belle macchine, vita figa da universitari, bel fisico fissato per lo sport.

Da questo punto di vista mi vedo come ragazzo perfetto, me lo dicono in tanti/tante.

Il problema è che mi sento limitato.

Io esco in un posto dove ci sono veramente tante ragazze carine, ma mi sento limitato nella mia testa.

Mi sento bisognoso e quindi fallisco. Ora non posso provarci con tutte perchè passerei per morto di figa.

Di flop, pochi me ne sono presi, ora vorrei cambiare.

Ad esempio settimana scorsa ho conosciuto una e mi dava tanti IDI... le ho scritto è inizialmente sembrava già presa. Poi nella mia ca**o di testa non so cosa sia successo ma me la sono persa.

Ora c'è un altra che mi piace, ho tutte le carte in regola per farmela e ne sono sicuro. Solo che parto già con la mentalità che non sono pronto.

Non ho paura di approcciare nessuna ragazza, nemmeno ansia(non più di tanto) il problema è il dopo. sembra non sappia andare avanti.

Ora sto leggendo l'attraction code, ho letto il MM ma non mi è piaciuto tanto, anche se hanno molto in comune.

"Premessa: ho tutte le carte in regola, sono un bel ragazzo, belle macchine, vita figa da universitari, bel fisico fissato per lo sport.!"

Carte in regola secondo quale gioco ?

"Da questo punto di vista mi vedo come ragazzo perfetto, me lo dicono in tanti/tante."

Ti vedi o lo sei ?

"Perfetto" secondo quale canone ?

Che cosa importa se te lo dicono in tanti, tante, o nessuno ? Cambia ciò che sei il fatto che lo dicano o meno altri ?

"Il problema è che mi sento limitato."

Perché se due righe sopra dici di avere tutto in regola, "ti senti limitato" ?

Non è forse che qualcosa di te ha intuito che... quelle regole più su, sono in fondo, michiate ? Che proprio quelle regole più su, sono i tuoi stessi limiti ?

"Mi sento bisognoso e quindi fallisco. Ora non posso provarci con tutte perchè passerei per morto di figa."

Ti senti bisognoso perché sei bisognoso in quel momento.

La vera domanda è : perché per te il sentirsi bisognoso è qualcosa di cui vergognarti ?

Se avessi fame, bisognoso di cibo, per te sarebbe una vergogna cercare di saziarti per sopravvivere ? Per stare meglio ?

"Di flop, pochi me ne sono presi, ora vorrei cambiare."

Qui non ho capito se sei ironico o meno... io spero per te che te ne sei prese tanti... tante cicatrici, tanto onore (e soprattutto in questi campi impari davvero dai pali, non dalle riuscite o i salti mortali con rete sotto... ti rompi le ossa, così impari qua)

"Ad esempio settimana scorsa ho conosciuto una e mi dava tanti IDI... le ho scritto è inizialmente sembrava già presa. Poi nella mia ca**o di testa non so cosa sia successo ma me la sono persa."

Sei probabilmente anche un po' maniaco del controllo,

Easy, a volte le ragazze scompaiono di loro iniziativa, per cause indipendenti da te... a volte può anche semplicemente essere che qualcuno le ha fatte incavolare un momento prima di leggere quello che le hai scritto, e boom, si scaricano su di te... e se tu valuti la cosa come "me (colpa mia) la sono persa", ovvero confermi la sua versione da lei guidata da emozioni proveniente da tutt'altra fonte... bhé, le hai dato ragione, e ragione di perderti.... "Te la sei persa"

"Ora c'è un altra che mi piace, ho tutte le carte in regola per farmela e ne sono sicuro. Solo che parto già con la mentalità che non sono pronto."

Posso farti una domanda personale, tu se ti va non rispondere... vergine ?

Non c'é niente di male, anche se come qualcuno su forum scriveva : " non esiste l'uomo vergine, non hai un cazzo di imene, al massimo esiste l'uomo inesperto"

Comunque ti stai autosabotando da solo con le tue seghe mentali ;D

E' come se ti tagliassi una gamba prima di correre una maratona.

"Non ho paura di approcciare nessuna ragazza, nemmeno ansia(non più di tanto) il problema è il dopo. sembra non sappia andare avanti."

La paura la devi sentire eccome, l'ansia, e la devi anche superare.

Sull'andare avanti... forse semplicemente... adesso non sai davvero come farlo.

Easy, siamo tutti su questa terra per imparare e migliorare.

"Ora sto leggendo l'attraction code, ho letto il MM ma non mi è piaciuto tanto, anche se hanno molto in comune."

Studiare fa bene in queste cose, but trust me,il tuo ora come ora è tanto un problema di inner secondo me... credi di essere centrato, credi di sapere chi sei, ma non lo sai, e lasci che siano valori esterni a te a qualificarti, invece di darti un tuo sistema di valori, un tuo codice, e di giudicarti secondo esso.

Potrei volendo passarti materiale sul "dopo" (uno di questi te lo hanno già suggerito), ma secondo me, ora come ora, il vero e problema principale, non è lì.

INNER INNER INNER

"There's no reason why you are not enough", come diceva qualcuno :

Modificato da Lilian
Link al commento
Condividi su altri siti

Lilian inanzitutto grazie della risposta. Ora me la rileggo 10 volte!!

Comunque no non sono vergine.

Ne ho avute 3 e poi mi sono fidanzato 2 anni. Sono in crisi da quando mi sono lasciato e faccio fatica a rimettermi in carreggiata

  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Lilian inanzitutto grazie della risposta. Ora me la rileggo 10 volte!!

Comunque no non sono vergine.

Ne ho avute 3 e poi mi sono fidanzato 2 anni. Sono in crisi da quando mi sono lasciato e faccio fatica a rimettermi in carreggiata

Ok ok, tranquillo comunque,ci siamo passati tutti da questa fase (XD)

Un po' siamo abituati a lasciarci "giudicare dalle donne" ([...]Voi siete lusingati dall'amore di una donna, perché credete che esso implichi il valore dell'oggetto amato. Le fate troppo onore : diciamo piuttosto che avete un'opinione un po' troppo alta di voi stess[...] => una seduttrice del XVII secolo, se interessato qui trovi tre lettere di lei che ho tradotto : http://www.italianseduction.club/forum/t-48139-ninon-de-lenclos-tre-lettere/) e con questo pensiero le diamo troppo potere su di noi (un potere che in realtà non hanno)...

Un po' è questa società che davvero ci fotte il cervello con tutti i messaggi del cavolo che manda (tipo che i soldi sono l'unica cosa a fare la felicità, e l'unico uomo di valore è quello con soldi e lavoro fisso [e questo è un po' un problema visto ad esempio il livello di disoccupazione e precariato giovanile di oggi, che non dipende da noi ma da un sistema economico che andrebbe ripensato]. Il punto è che fa comodo ad una società capitalistica far passare il messaggio che non siamo di base al livello di poter corteggiare donne, salvo se siamo in grado di spendere soldi, e li spendiamo (per abiti, profumi, regali or whatever)... in quanto se ci accorgessimo che in realtà tutte quelle cavolate non ci servono, visto che un pene lo abbiamo tutti a prescindere, sappiamo come usarlo, ed il nostro corredo genetico è sopravvissuta a tutte le grandi guerre e catastrofi da prima degli egiziani a qui... bhé loro non venderebbero più quasi un cavolo.

Lo fa con donne e uomini, infatti oggi molti di noi non hanno un grande autostima... alle donne propinano modelli di bellezza pseudoirragiungibili ( anche solo visti tutti gli effeti grafici che ci mettono\fanno nelle foto.... e bassa autostima = Più cosmetici\vestiti\altro comprati da loro), ed a noi propinano lo sfigato che però segue le regole e quindi può chiudere (insomma, lavora come mulo anche se ti sfruttano, tanto alla fine avrai il tuo lieto fine anche se sei un beta caratterialmente... le donne ti apprezzeranno per il tuo metterti a 90 e seguire le nostre regole perché sarai inserito nella società = FALSO, è l'uomo che si è creato la propria realtà ad attrarre, non quello che si è adattato a quella di un altro, specialmente se è quella condivisa dalle masse)

...

Digressioni a parte, sul rimetterti in carreggiata, Take it easy, fatti meno problemi e sii più naturale, più te, accettati anche nelle tue debolezze (unico modo per migliorare\risolvere qualcosa, è prima accettarlo\vederlo)... e soprattutto buttati nella mischia, è tutta crescita personale !

E' come quando inizi uno sport, all'inizio è un po' un casino e si è un po' imbranati, magari ci scappa qualche livido\infortunio, ma pratica dopo pratica si diventa campioni !

Tempo al tempo ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

prodigy

Ok ok, tranquillo comunque,ci siamo passati tutti da questa fase (XD)

Un po' siamo abituati a lasciarci "giudicare dalle donne" ([...]Voi siete lusingati dall'amore di una donna, perché credete che esso implichi il valore dell'oggetto amato. Le fate troppo onore : diciamo piuttosto che avete un'opinione un po' troppo alta di voi stess[...] => una seduttrice del XVII secolo, se interessato qui trovi tre lettere di lei che ho tradotto : http://www.italianseduction.club/forum/t-48139-ninon-de-lenclos-tre-lettere/) e con questo pensiero le diamo troppo potere su di noi (un potere che in realtà non hanno)...

Un po' è questa società che davvero ci fotte il cervello con tutti i messaggi del cavolo che manda (tipo che i soldi sono l'unica cosa a fare la felicità, e l'unico uomo di valore è quello con soldi e lavoro fisso [e questo è un po' un problema visto ad esempio il livello di disoccupazione e precariato giovanile di oggi, che non dipende da noi ma da un sistema economico che andrebbe ripensato]. Il punto è che fa comodo ad una società capitalistica far passare il messaggio che non siamo di base al livello di poter corteggiare donne, salvo se siamo in grado di spendere soldi, e li spendiamo (per abiti, profumi, regali or whatever)... in quanto se ci accorgessimo che in realtà tutte quelle cavolate non ci servono, visto che un pene lo abbiamo tutti a prescindere, sappiamo come usarlo, ed il nostro corredo genetico è sopravvissuta a tutte le grandi guerre e catastrofi da prima degli egiziani a qui... bhé loro non venderebbero più quasi un cavolo.

Lo fa con donne e uomini, infatti oggi molti di noi non hanno un grande autostima... alle donne propinano modelli di bellezza pseudoirragiungibili ( anche solo visti tutti gli effeti grafici che ci mettono\fanno nelle foto.... e bassa autostima = Più cosmetici\vestiti\altro comprati da loro), ed a noi propinano lo sfigato che però segue le regole e quindi può chiudere (insomma, lavora come mulo anche se ti sfruttano, tanto alla fine avrai il tuo lieto fine anche se sei un beta caratterialmente... le donne ti apprezzeranno per il tuo metterti a 90 e seguire le nostre regole perché sarai inserito nella società = FALSO, è l'uomo che si è creato la propria realtà ad attrarre, non quello che si è adattato a quella di un altro, specialmente se è quella condivisa dalle masse)

...

Digressioni a parte, sul rimetterti in carreggiata, Take it easy, fatti meno problemi e sii più naturale, più te, accettati anche nelle tue debolezze (unico modo per migliorare\risolvere qualcosa, è prima accettarlo\vederlo)... e soprattutto buttati nella mischia, è tutta crescita personale !

E' come quando inizi uno sport, all'inizio è un po' un casino e si è un po' imbranati, magari ci scappa qualche livido\infortunio, ma pratica dopo pratica si diventa campioni !

Tempo al tempo ;)

Ciao lilian, scusa l'intromissione ma il tuo messaggio mi ha colpito molto.

In parte ho anche il gli stessi problemi, e leggendo la parte sul "buttarsi nella mischia" mi è venuto da pensare.

A me spesso capita, quando magari sono con altri gruppi e/o con gente appena conosciuta, di starmene sulle mie. Di limitarmi ad osservare gli altri. E quando lo faccio sento che muoio dentro. Mi sento inadatto, penso solo ai miei difetti e quasi mi nascondo per non mostrarli.

Quando riesco a integrarmi in un gruppo, ad avere la validazione degli altri, a sedurre una ragazza, mi sento felice ed apposto con me stesso. A volte penso addirittura di aver "sconfitto" le mie paure, e penso che le cose andranno a migliorare. Ma poi basta un giorno no, una giornata dove magari contatto una ragazza che mi piace e lei mi snobba del tutto, una giornata dove un amico magari per scherzare evidenzia un mio difetto, e mi crolla di nuovo il mondo addosso...

Ti chiedo scusa per l'intromissione ma volevo sapere cosa ne pensavi...

buon natale e buone feste!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao lilian, scusa l'intromissione ma il tuo messaggio mi ha colpito molto.

In parte ho anche il gli stessi problemi, e leggendo la parte sul "buttarsi nella mischia" mi è venuto da pensare.

A me spesso capita, quando magari sono con altri gruppi e/o con gente appena conosciuta, di starmene sulle mie. Di limitarmi ad osservare gli altri. E quando lo faccio sento che muoio dentro. Mi sento inadatto, penso solo ai miei difetti e quasi mi nascondo per non mostrarli.

Quando riesco a integrarmi in un gruppo, ad avere la validazione degli altri, a sedurre una ragazza, mi sento felice ed apposto con me stesso. A volte penso addirittura di aver "sconfitto" le mie paure, e penso che le cose andranno a migliorare. Ma poi basta un giorno no, una giornata dove magari contatto una ragazza che mi piace e lei mi snobba del tutto, una giornata dove un amico magari per scherzare evidenzia un mio difetto, e mi crolla di nuovo il mondo addosso...

Ti chiedo scusa per l'intromissione ma volevo sapere cosa ne pensavi...

buon natale e buone feste!

Figurati (XD)

A me spesso capita, quando magari sono con altri gruppi e/o con gente appena conosciuta, di starmene sulle mie. Di limitarmi ad osservare gli altri. E quando lo faccio sento che muoio dentro."

Perché ti fai troppe seghe mentali (XD), ed hai paura che agendo in modo diverso da come pensi (TU ) che gli altri si aspettano che tu agisca, tu venga escluso dal gruppo.

Tu Tu Tu

Il problema è in te. Non puoi sapere in anticipo come gli altri reagiranno al tuo agire, il tuo cervello cerca di farsi due calcoli in base alle sue esperienze, ma se eviti di fare esperienze, il tuo cervello calcolerà sempre in maniera approssimativa, o per sentito dire, le reazioni della gente prima che avvengano, sbagliando più spesso che no.

Mio consiglio, stacca il cervello e fai quello che senti di voler fare.

Esempio Concreto : Se non ti fossi "intromesso" qui, non avresti avuto un mio parere a proposito (XD)

Prossima volta ? Allunga una mano e fai : “Ciao, sono..........”

E quando vuoi dire qualcosa, semplicemente dilla.

Siamo animali sociali, ci piace confrontarci, conoscerci tra noi, allargare il nostro gruppo di amicizie, le nostre idee sulle cose e sul mondo, a tutti.

...

“Mi sento inadatto, penso solo ai miei difetti e quasi mi nascondo per non mostrarli. “

Che terribili difetti avresti ?

Hai due gambe come tutti, sì ? Due braccia\mani ? Testa ? Pene, là sotto è tutto ok, sì ? (XD)

Allora sei ok !

Seghe mentali come scritto sopra, fattelo dire da uno che ha fatto incidente stradale capodanno scorso, con tanto di rimanere a letto due mesi. Allora capisci il valore della persona che sei, quando rischi di perdere tutto.

Come scritto sopra, molti problemi nascono dal pensare di essere inadatti, “non abbastanza” :

“You are enough”

Questa è la frase che ti devi scolpire in testa.

Se hai paure di un qualsiasi tipo, l'unico modo per superarle è affrontarle, nella pratica, nel reale.

Quando l'hai affrontata la paura non ha più potere su di te, tu sei libero.

“Quando riesco a integrarmi in un gruppo, ad avere la validazione degli altri, a sedurre una ragazza, mi sento felice ed apposto con me stesso. A volte penso addirittura di aver "sconfitto" le mie paure, e penso che le cose andranno a migliorare. Ma poi basta un giorno no, una giornata dove magari contatto una ragazza che mi piace e lei mi snobba del tutto, una giornata dove un amico magari per scherzare evidenzia un mio difetto, e mi crolla di nuovo il mondo addosso...”

Problema di Inner, e dai troppo peso all'outer (sia quando determinate cose ti rendono “triste”, sia quando ti rendono “felice”, è troppo peso all'outer in entrambi i casi)

Non riesci a vedere un valore nella tua persona partendo da te, quindi lasci che siano gli altri a dartelo

SBAGLIATO

Cosa ti piace fare ? Quali sono le cose in cui riesci meglio o meglio degli altri ? Cosa ti piacerebbe fare ? Quali interessi segui ? Hobbies ?

Definisci la tua personalità soddisfando e seguendo i tuoi interessi, vedrai che ti sentirai già meglio in questo modo, avrai qualcosa di te che ti distingue dagli altri a cui tornare quando il "Feedback" non arriverà dall'esterno.

Ti giudichi troppo severamente secondo me !

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...