Vai al contenuto

Rallentare il metabolismo


JasonSm
 Condividi

Messaggi raccomandati

JasonSm

C'è una categoria di persone che nonostante mangino come dei maiali, nonostante si allenino costantemente in palestra, fanno una fatica enorme a mettere su anche 1 kg.

Chi non fa parte di questa categoria difficilmente riesce a capire cosa vuol dire vivere una situazione simile, ma vi assicuro che non è così piacevole come potrebbe sembrare.

Io sono uno di quelli con il metabolismo veloce, che ha sempre fatto molta fatica a mettere kg: ad esempio tutte le volte che ho affrontato un programma di potenziamento in palestra,

mi sono bastati un paio di mesi fermo per perdere tutto, nonostante tentassi di controllare la mia dieta.

La domanda che voglio farvi è: secondo voi esiste un modo per rallentare il metabolismo?

Cercando su internet ho trovato scritto, con mia enorme sorpresa, e in contraddizione a tutto quello che avevo sempre letto su forum di BB, che per una persona con un metabolismo

elevato è consigliabile fare pochi pasti durante il giorno a dispetto dei 5-6 consigliati da tutti i bodybuilder; in tali pasti bisogna concentrare un numero di calorie elevato, uguale a quello di

una dieta divisa in 6 pasti. Il motivo di tutto ciò sarebbe che in questo modo il corpo, non ricevendo cibo per un periodo di tempo maggiore, rallenta il metabolismo e il dispendio energetico,

migliorando anche l'assimilazione dei pasti successivi. Al contrario mangiare tante volte nell'arco della giornata contribuisce a mantenere un metabolismo elevato, per questo motivo a chi deve

dimagrire è consigliato di mangiare spesso.

A supporto di questa tesi è riportato l'esempio della dieta dei lottatori di sumo che mangiano, pensate, solo due volte al giorno e addirittura la mattina si allenano da digiuni.

Mi rivolgo agli esperti in materia: che ne pensate? Una persona con un metabolismo elevato può effettivamente prendere peso più facilmente con una dieta che prevede pochi

pasti molto calorici?

Link al commento
Condividi su altri siti

Grimoaldo

La dieta con molti pasti ha il vantaggio di permettere ai produttori di integratori di vendere prodotti sostitutivi dei pasti, portarsi uno shaker di proteine al lavoro è più semplice che mettersi a aprire lattine di tonno o sbucciare uova sode nella pausa a metà mattina. Che porti effettivi benefici è un argomento controverso nella letteratura scientifica. In compenso sovraccarica l'apparato digerente.

Essere un hard-gainer è seccante. Non vedo proprio perché una persona con metabilismo elevatissimo dovrebbe cercare di aumentarlo utleriormente facendo molti pasti. L'unico motivo per i famosi cinque sei pasti in questo caso è la difficoltà oggettiva di schiaffarsi in corpo 3.300 o 3.600 Cal al giorno, ma se uno riesce a farlo in soli tre pasti tanto meglio.

Comunque vorrei che quantificassi quel "perdere tutto". se hai messo su dieci o quindici chili di muscoli (con un po' di grasso per forza di cose) non li perdi in due mesi a meno che tu non abbia dei veri disturbi metabolici o smetti di mangiare tout court. Se invece "tutto" sono tre o quattro o anche cinque chili, magari comprensivi di un chilo e mezzo di acqua per la ritenzione da creatina, allora il problema non è il metabolismo, è solo che i progressi erano troppo scarsi e poco consolidati.

Link al commento
Condividi su altri siti

alphabeta

La dieta con molti pasti ha il vantaggio di permettere ai produttori di integratori di vendere prodotti sostitutivi dei pasti, portarsi uno shaker di proteine al lavoro è più semplice che mettersi a aprire lattine di tonno o sbucciare uova sode nella pausa a metà mattina. Che porti effettivi benefici è un argomento controverso nella letteratura scientifica. In compenso sovraccarica l'apparato digerente.

Essere un hard-gainer è seccante. Non vedo proprio perché una persona con metabilismo elevatissimo dovrebbe cercare di aumentarlo utleriormente facendo molti pasti. L'unico motivo per i famosi cinque sei pasti in questo caso è la difficoltà oggettiva di schiaffarsi in corpo 3.300 o 3.600 Cal al giorno, ma se uno riesce a farlo in soli tre pasti tanto meglio.

Comunque vorrei che quantificassi quel "perdere tutto". se hai messo su dieci o quindici chili di muscoli (con un po' di grasso per forza di cose) non li perdi in due mesi a meno che tu non abbia dei veri disturbi metabolici o smetti di mangiare tout court. Se invece "tutto" sono tre o quattro o anche cinque chili, magari comprensivi di un chilo e mezzo di acqua per la ritenzione da creatina, allora il problema non è il metabolismo, è solo che i progressi erano troppo scarsi e poco consolidati.

mi sa che sbagli tutti gli esperti consigliano di mangiare molti pasti durante la giornata

sei anche dietologo ?

Link al commento
Condividi su altri siti

Grimoaldo

Ma no. Sono un bodybuilder che ha vissuto tanti dogmi e tanti miti. I mille pasti al giorno, le caseine prima di andare a dormire, la dieta low-carb, la dieta chetogenica, la Warrior Diet, la multifrequenza, lo Heavy Duty, il BIIO, il 5x5 di Starr, la ripartizione dei gruppi muscolari di King, la glutammina, la CEE, la CEO, lo ZMA, lo stack caffeina + ALC, il Westside, Poliquin, lo Tsatouline, il Bryce... e ho avuto modo di confrontarmi con tanti bodybuilder natural su diete e allenamenti. Al di là di mode e mitologie sostenute da ricerche controverse, l'impressione che abbiamo avuto negli anni è che ci sono alcune basi solide e tante estremizzazioni. Io consiglio: provali i tre pasti al giorno invece dei cinque o dei sei. io sono convinto che sarai soddisfatto dei risultati (che variano da individuo a individuo) e comunque se non sei soddisfatto - ovvero vedi peggioramenti sensibili - puoi tornare alla vecchia dieta quando vuoi. Ma sono sicuro che invece sarai soddisfatto perché quasi tutti ci siamo trovati bene così.

Link al commento
Condividi su altri siti

JasonSm

La dieta con molti pasti ha il vantaggio di permettere ai produttori di integratori di vendere prodotti sostitutivi dei pasti, portarsi uno shaker di proteine al lavoro è più semplice che mettersi a aprire lattine di tonno o sbucciare uova sode nella pausa a metà mattina. Che porti effettivi benefici è un argomento controverso nella letteratura scientifica. In compenso sovraccarica l'apparato digerente.

Essere un hard-gainer è seccante. Non vedo proprio perché una persona con metabilismo elevatissimo dovrebbe cercare di aumentarlo utleriormente facendo molti pasti. L'unico motivo per i famosi cinque sei pasti in questo caso è la difficoltà oggettiva di schiaffarsi in corpo 3.300 o 3.600 Cal al giorno, ma se uno riesce a farlo in soli tre pasti tanto meglio.

Comunque vorrei che quantificassi quel "perdere tutto". se hai messo su dieci o quindici chili di muscoli (con un po' di grasso per forza di cose) non li perdi in due mesi a meno che tu non abbia dei veri disturbi metabolici o smetti di mangiare tout court. Se invece "tutto" sono tre o quattro o anche cinque chili, magari comprensivi di un chilo e mezzo di acqua per la ritenzione da creatina, allora il problema non è il metabolismo, è solo che i progressi erano troppo scarsi e poco consolidati.

Sicuramente i progressi erano troppo scarsi e poco consolidati, parliamo di 4 5 kg, però il fatto di mettere massa con difficoltà mi ha fatto un po' perdere voglia di allenarmi... Conto comunque quanto prima di riprovare ad allenarmi seguendo una dieta opportuna. Il mio obiettivo non è diventare grosso, cosa che molto probabilmente non potrei neanche diventare, ma semplicemente mettere su qualche kg per sentirmi meglio con me stesso.

Detto questo, riguardo agli allenamenti indicativamente cosa consiglieresti a un hard gainer? Pochi allenamenti concentrati sui fondamentali?

Link al commento
Condividi su altri siti

Grimoaldo

Il primo anno ho fatto una tipica scheda base: un giorno torace e spalle e tricipiti (diciamo panca piana e lento avanti 4x8-10, croci, alzate frontali e laterali, un esercizio per tricipiti), un altro schiena e bicipiti (rematore, trazioni, un paio di tipi di curl e magari alzate posteriori) e uno per le gambe (stacco, pressa o stacco romeno, leg curl e addominali). Comunque ho messo su otto chili ma sempre con dieta da massa ai limiti umani, proteine e calorie e riso in bianco come se piovessero. Poi i risultati migliori negli anni successivi li ho avuti con una suddivisione spinta e trazione orizzontali (panca piana, rematore, panca inclinata manubri e pullover per esempio), spinta e trazione verticale (military press, alzate laterali, trazioni e curl) e gambe (soliti stacchi + pressa + leg curl). Ho anche provato con risultati decenti due allenamenti alla settimana cambiando la suddivisione, meno impegnativo ma anche meno efficace dei tre allenamenti. Gli esercizi che ho sempre, sempre usato come ossatura del workout sono stacchi, trazioni (anche appesantite) e panca piana. Lo squat è buono ma non fa davvero per me, dovendo sciegliere preferisco tutta la vita gli stacchi brutali. Mi spiace di non aver mai imparato il clean e lo snatch, molti preparatori dicono che possono dare un gran contributo. Io sono un hardgainer e comunque sono riuscito a arrivare all'agognato HP con ancora gli addominali superiori in vista e ahimé un po' di grassetto su quelli inferiori. Partendo da HP -15.

Quello che funziona per uno non funziona sempre per un altro. Magari puoi provare. io non ho mai fatto la dieta da massa "superpulita" perché in una settimana dietro l'altra a 3.500 Cal al giorno non ce la facevo, mangiavo pulito ma qualche pasto a base di panzerotti fritti e gelato o paninazzi con burro e miele te li fai sennò scleri. Lo svantaggio di essere hard gainer è anche il vantaggio di non sporcare mai troppo in massa. Comunque se fai lunghi periodi in massa semisporca finisci per avere dei piccoli accumuli di grasso nei punti sensibili che per mandarli via devi veramente impazzire. Una volta si diceva che il grasso vecchio fai fatica a smaltirlo, non so se abbia fondamento scientifico ma nel mio caso è vero. Un leggero accumulo di grasso sugli addominali inferiori ce l'ho ancora oggi che ho smesso il bodybuilding e le diete bulk però è pure vero che ho 37 anni e non più 23 :D

Link al commento
Condividi su altri siti

....................non sono un esperto ma da quel che ho capito....................avere il metabolismo lento è fonte di malattia............perciò magari adesso vorresti rallentarlo, ma documentati per bene perchè in futuro potresti rimpiangere di non averlo veloce come oggi.............................

Link al commento
Condividi su altri siti

maldiluna

Un mio carissimo amico, ipertiroideo, ha il tuo stesso problema. Anzi, forse ne risente in misura ancora maggiore. Ha fatto un esame diagnostico e i medici hanno scoperto che il suo metabolismo digerisce in mezz'ora quello che una persona normale digerirebbe in 2 (tempo di andare in sala a fare la TAC e lui in pratica aveva già finito la digestione del liquido di contrasto!).

Ha provato ogni tipo di dieta ingrassante, anche una schifosa con integrazione di beveroni di carboidrati. Ha provato, non su consiglio medico ovviamente, a sfondarsi di McDonald per 3 settimane. Niente.

Ora ne sta seguendo una che sta funzionando. E' talmente contento che si è pure iscritto in palestra (prima non faceva sport perché tanto era un chiodo e non metteva su massa neanche a morire).

Insomma, per farla breve, mangia quanto un drago solo 1 volta al giorno. Una.

E quando dico "quanto un drago" non scherzo, io non ho idea di come riesca ad ingurgitare tutta quella roba in un pasto solo.

Si chiama Warrior Diet, gliel'ha consigliata l'ennesimo dietologo, io non la farei mai, ma magari può fare al caso tuo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grimoaldo

Un dietologo che consiglia la Warrior Diet? Fa piacere vedere che ci sono dei professionisti che si tengono aggiornati con roba controtendenza. Mi sta venendo voglia di riprovarla prò poi non cosa farei durante la pausa pranzo :D

PS: potrei uscire a sargiare intorno all'ufficio!!

Modificato da Grimoaldo
  • Mi piace! 1
Link al commento
Condividi su altri siti

sexyjonny

Secondo me, se ti allenassi in maniera decente ( niente schede da palestrea classiche, ma in maniera totalmente diversa), mangiassi molto di più inserendo un 20% nella tua dieta di "junk food", secondo me, avresti risultati, indipendentemente dal numero dei pasti.

Ti consiglio il sito vivereinforma.it , leggiti i vari articoli e trova la risposta alla tua domanda. Di sicuro la troverai. E gli autori del sito sono persone davvero brillanti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...